Gli USA stringono la morsa della privacy

Entro breve il Congresso dovrebbe stabilire nuove normative sulla gestione dei dati personali. Nel mirino i dati bancari e gli scambi tra le aziende


Washington (USA) – È probabile che gli Stati Uniti si adeguino nelle prossime settimane all’idea lanciata da Gray Davis, governatore della California, che ha reso possibile per gli utenti far sì che le aziende non condividano i dati personali con i propri partner o affiliati .

L’introduzione del concetto di privacy per i dati personali ha provocato un cambiamento radicale e globale sul modo di fare business e spesso gli utenti si ritrovano contattati da aziende che non conoscono ma che hanno avuto legittimamente i dati di una serie di utenti.

È dunque attesa nelle prossime settimane una nuova e più rigida normativa per lo scambio di dati personali il cui scopo primario è quello di tutelare il cittadino ma senza creare delle barriere tali che possano trasformarsi in un maggiore onere per gli utenti.

Ad esempio, si pensi ai dati conservati dalle banche alle quali le compagnie di assicurazione e le finanziarie possono fare riferimento per conoscere la solvibilità di un cliente.

La nuova normativa che il Congresso degli Stati Uniti dovrebbe adottare punta in primo luogo a rendere più sicuri i dati sul credito bancario dei cittadini.

Da un’indagine compiuta da Associated Press infatti, è emerso che procurarsi il numero della Social Security, il codice fiscale americano e inglese, oppure conoscere il saldo bancario di una persona è relativamente poco oneroso, dai 26 ai 300 dollari, e può avvenire tutto via Internet. In questo modo è possibile avere dati di persone così importanti che possono far parte dello staff del presidente Bush.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Pensate i vantaggi collaterali...
    Si potra' scongelare il pollo semplicemente avvicinando il cellulare :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: Pensate i vantaggi collaterali...
      - Scritto da: Anonimo
      Si potra' scongelare il pollo semplicemente
      avvicinando il cellulare :-DPurtroppo non si potra' piu' fare con le antenne ogni 500m e la potenza piu' che dimezzata. Al giorno d'oggi e' cosi' divertente farsi cucinare il cervello ... :-P
  • Anonimo scrive:
    Pensate all'Utms per ora!
    Grazie,interessante capire che nel 2010 si viaggerà cosi "veloci"!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pensate all'Utms per ora!
      - Scritto da: Anonimo
      Grazie,interessante capire che nel 2010 si
      viaggerà cosi "veloci"!e questo è niente, nel 2017 si viaggerà a 1Gbpsva da se che nel 2024 si sfonderà il muro del Terabpsma che nel 2031 nessuno potrà farsi mancare bla bla bla blaoh è proprio estate...
      • Anonimo scrive:
        Re: Pensate all'Utms per ora!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Grazie,interessante capire che nel 2010 si

        viaggerà cosi "veloci"!

        e questo è niente, nel 2017 si viaggerà a
        1Gbps
        va da se che nel 2024 si sfonderà il muro
        del Terabps
        ma che nel 2031 nessuno potrà farsi mancare
        bla bla bla bla

        oh è proprio estate...Infatti, l'attuale umts non permette di arrivare ai 2 megabit, ma a meno della metà... :(Figurati se nel 2010 avrò bisogno di una connessione a 100mbps... a 2 euro al kb magari!!!Tanto non decolleranno materialmente prima del 2025 almeno...VOGLIO LA FLAT WIRELESS!!!! gprs aruba no grazie.
        • Anonimo scrive:
          Re: Pensate all'Utms per ora!
          Sulla flat GPRS concordo in pieno e SOTTOSCRIVO. Anzi, proprio in Giappone dove l'I-MODE ha fatto registrare oltre 30 milioni di utenti in due anni il segreto di tale successo e' proprio in questo meccanismo FLAT: dove non si paga la quantita' di bytes tantomeno il tempo di connessione, ma piu' semplicemente un canone mensile base ed,eventualmente, alcuni servizi particolari forniti da societa' fornitrici assoceate a NTT DOCOMO.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pensate all'Utms per ora!
            in giappone SI PAGA per i byte che trasferisci o ricevi (si chiamano packet). lo dico perche' ci sto e purtroppo pago ogni mese un bel po' di yen. la FLAT non esiste da queste parti per i cellulari. pero' l'ADSL (Yahoo Japan) va a 12 megabit (recentemente a 24 megabit) per circa 60.000 lire al mese, che non e' niente malesegreto di tale successo e'
            proprio in questo meccanismo FLAT: dove non
            si paga la quantita' di bytes tantomeno il
            tempo di connessione, ma piu' semplicemente
            un canone mensile base ed,eventualmente,
            alcuni servizi particolari forniti da
            societa' fornitrici assoceate a NTT DOCOMO.
    • Anonimo scrive:
      Re: in jappolandia c'han già pensato
      - Scritto da: Anonimo
      Due euro a che? A mega, a canzone , o al
      minuto?

      Lo dico, perche' i prezzi esposti da 3 per
      quanto riguarda la connessione al portale
      non mi sembrano certo un campione di
      trasparenza! a canzone. ma non pensare che sia la canzone intera... e' un piccolo pezzo che puoi usare come suoneria, in genere il ritornello
      • Anonimo scrive:
        Re: in jappolandia c'han già pensato
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Due euro a che? A mega, a canzone , o al

        minuto?



        Lo dico, perche' i prezzi esposti da 3 per

        quanto riguarda la connessione al portale

        non mi sembrano certo un campione di

        trasparenza!


        a canzone. ma non pensare che sia la canzone
        intera... e' un piccolo pezzo che puoi usare
        come suoneria, in genere il ritornelloCioè 4000 lire circa per acquistare un po' di byte realizzati in alcuni secondi a mano su un cellulare(perchè questo è il tempo che ci si mette per fare un jingle di mazinga o della canzone unz unz solita). Di peggio c'è solo il telefonare ad uno dei maghi pubblicizzati in tv.
        • Anonimo scrive:
          Re: in jappolandia c'han già pensato


          Cioè 4000 lire circa per acquistare un po'
          di byte realizzati in alcuni secondi a mano
          su un cellulare(perchè questo è il tempo che
          ci si mette per fare un jingle di mazinga o
          della canzone unz unz solita). Di peggio c'è
          solo il telefonare ad uno dei maghi
          pubblicizzati in tv.Grande.... ROTFL!
Chiudi i commenti