Google cerca anche fra le app non installate

Mountain View permetterà di ricercare da mobile contenuti presenti solo sulle app e di accedere in streaming a quelle non installate sul proprio dispositivo. Anche Bing ha novità in materia per l'app iOS

Roma – Google ha annunciato che la sua funzione di ricerca mobile indicizzerà anche contenuti presenti esclusivamente nelle app e che permetterà in alcuni casi l’accesso ad essi anche senza che l’utente abbia provveduto ad installare l’app corrispondente.

Streaming app

Si tratta di un’evoluzione della possibilità introdotta ormai due anni fa e che permetteva già a Google di indicizzare oltre 100 miliardi di link interni alle applicazioni, con un corrispettivo sul web: ora tale possibilità di ricerca sarà estesa anche ai contenuti pubblicati solo sulle app , anche se per il momento solo quelle di nove partner, tra cui Hotel Tonight, My Horoscope, New York Subway, Visual Anatomy Free, Useful Knots e Weather , ma con la prospettiva di una prossima estensione in attesa di coinvolgere anche altri sviluppatori.

Google, insomma, sta puntando a migliorare ancora le sue propaggini mobile estendendo i contenuti raggiungibili con la ricerca: sulla stessa linea , per esempio, nei giorni scorsi aveva annunciato un accordo sottoscritto con Facebook che permetterà di indicizzare i contenuti caricati come pubblici su Facebook.

Nella stessa direzione, peraltro, si sta muovendo Bing che con l’ultimo aggiornamento per iOS promette di individuare ed indicare nella ricerca le app potenzialmente utili, come l’app di Yelp se si è cercato un ristorante in zona o quella di Uber quando si cercano determinate indicazioni stradali, offrendo l’opzione di aprirla direttamente cliccando nei risultati della ricerca.

La nuova funzione ora annunciata da Google punta a rispondere , dunque, alla diversa natura della distribuzione delle informazioni tra web e mobile: mentre nel primo sono tutte indicizzate dal motore di ricerca, nel secondo caso sono inscatolate in app, che potrebbero rendere irraggiungibile al motore di ricerca la migliore risposta possibile.
Nelle novità del suo search mobile, per l’appunto, Google ha annunciato la possibilità di accedere ai contenuti di alcune app che non si hanno installate sul proprio dispositivo : l’opzione è attivabile tramite il tasto “stream” che comparirà accanto al nome della app restituita nei risultati della ricerca e conduce ad una versione stream via cloud della app che sembra poter garantire in maniera semplice e veloce le medesime possibilità offerte dalla relativa applicazione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    tette&culi in salsa telenovela coatta
    ospite di un mio conoscente, sono stato praticamente costretto a vedere la prima puntata. ora lo frequento meno.
  • puntina scrive:
    The Lady
    decisamente poco classificabile.si gira spesso a torso nudo, recitazione improbabile, dialoghi da telenovelas, colpi di scena ovvii e iper-prevedibili, "regia" a livello delle scenette comiche di drive-in.Un prodotto così scontato da essere innovativo: può essere "seguito" anche chattando su più social.Insomma: sempre meglio che Ballarò o Porta a porta o il Fratello.
Chiudi i commenti