Google e Microsoft insieme per la ricerca

I due giganti insieme a Sun investiranno milioni di dollari nel nuovo laboratorio della University of California; l'obiettivo è quello di automatizzare la gestione dei data center


San Francisco (USA) – Divisi dalla competizione, ma uniti nella ricerca: questo potrebbe essere il claim della nuovo progetto che vede coinvolte Google e Microsoft . Insieme a Sun Microsystems hanno finanziato un laboratorio di ricerca della University of California (Berkeley) che ha aperto i battenti la scorsa settimana. Si chiama Adaptive and Distributed Systems lab (RAD), e grazie ad un investimento di circa 7,5 milioni di dollari porterà avanti progetti di sviluppo correlati alle applicazioni web-based.

Inizialmente sarà gestito da sei membri della facoltà di UC Berkeley e da dieci neo-laureati specializzati in informatica applicata. L’obiettivo primario è quello di individuare una soluzione di automatizzazione che possa migliorare la qualità di gestione dei data center. “Sappiamo come scalare l’hardware, ma non come gestirlo al meglio. Questo è senza dubbio un limite”, ha dichiarato il professor Randy Katz. “Infatti, aziende come Google e Microsoft dispongono di grandissime reti di server e un numero ristretto di tecnici che costantemente si occupano del loro mantenimento. Entrambe hanno bisogno di strumenti più avanzati”.

Secondo Katz bisognerà sviluppare un’architettura software in grado di operare autonomamente . L’ambiente sarà open source per favorirne la distribuzione e l’implementazione personalizzata, in base alle esigenze. Il tutto, inoltre, sempre secondo il professore della UC, permetterà anche un conseguente taglio dei costi.

I finanziamenti sosterranno l’impresa per i prossimi cinque anni. Ogni azienda donerà annualmente 500 mila dollari . In questo modo sarà raggiunto l’80% del budget: il resto sarà erogato dalla National Science Foundation , grazie ai programmi UC Discovery e Microelectronics Innovation and Computer Research Opportunities . “La diminuzione dei finanziamenti provenienti dalle istituzioni federali ha reso fondamentale l’apporto del settore privato. Grazie al coinvolgimento di tre importanti aziende saremo in grado di soddisfare ogni aspettativa”, ha aggiunto Katz.

Sebbene almeno due delle tre società coinvolte siano in accesa competizione, si sono evidenziate esigenze comuni . “Vogliamo ottenere due cose: soluzioni per i sistemi software di domani e forza lavoro specializzata”, ha dichiarato James Larus, ricercatore presso Microsoft. “Ovviamente crediamo che sia possibile ottenere grandi risultati da queste ricerche, ma forse la nostra maggiore attenzione è nei confronti degli studenti. Sono certamente quelli che fanno la differenza una volta sbarcati nelle aziende”.

Il team di sviluppo si concentrerà anche nel sostegno delle imprese esterne – non finanziatrici. Insomma, una buona idea potrà essere testata e sviluppata nel laboratorio per poi diventare, magari, un prodotto di massa.

“Possiamo certamente affermare che il primo ostacolo è già alle nostre spalle. Avevo timore che Google e Microsoft non riuscissero a trovare un accordo, ma alla fine hanno prevalso professionalità e maturità”, ha aggiunto David Patterson, direttore del laboratorio.

“La nostra partecipazione al progetto RAD non dovrebbe essere vista come una tregua (…) Ci siamo semplicemente trovati nello stesso luogo, allo stesso momento e con obiettivi simili”, ha dichiarato Larus.

UC Berkeley sembra essere diventata una terra di confine fra gli interessi particolari . All’inizio dell’anno, infatti, ha siglato un accordo di collaborazione con Yahoo per lo sviluppo di nuove soluzioni per la ricerca online .

“Abbiamo capito che se la ricerca non viene compiuta nei laboratori universitari anche il privato ne sconta gli effetti negativi collaterali. Le idee e i laureati tendono a perdere di vitalità”, ha concluso Larus.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti