Google, il trimestre supera quasi tutte le aspettative

Uscita dalla congiuntura economica negativa, Mountain View continua a sfornare risultati da capogiro. Eppure Wall Street, abituata ai botti, frena il titolo di BigG

Roma – Trimestrale di Google senza particolare sbalzi, “solida” e “in linea con le attese” secondo i commenti di Mountain View.

Le cifre, in effetti, confermano le previsioni: Google ha registrato un reddito netto di 5,06 miliardi di dollari rispetto ai 4,93 attesi , circa il 23 per cento in più rispetto al periodo corrispondente dell’anno precedente che subiva gli effetti della crisi mondiale, con un profitto netto di 1,96 miliardi di dollari , più 37 per cento rispetto al periodo corrispondente del 2008.

Tuttavia gli investitori si aspettavano di più da Mountain View , tanto che le azioni hanno registrato un meno 4,51 per cento. Gli agenti di Wall Street erano infatti abituati ad essere regolarmente sorpresi (positivamente) dalle straordinarie performance finanziarie dell’azienda, che ora sembra iniziarsi a stabilizzare.

Nonostante ciò il flusso di cassa resta sempre impressionante: 2,35 miliardi di dollari nell’ultimo quarto fiscale, per circa 10 miliardi di dollari nell’intero anno. Ad oggi Google ha in totale 27 miliardi di dollari in contanti chiusi in cassaforte sotto il materasso.

La maggiore notizia positiva per l’azienda è che gli introiti derivanti dalla pubblicità, dopo aver subito una flessione a causa della crisi, sembrano recuperare (per esempio i click a pagamento sono aumentati del 15 per cento e i guadagni di AdSense cresciuti del 24). L’unica preoccupazione deriva dalla maturità del settore search che conta per il 66 per cento del reddito aziendale: pur ammettendo lo sviluppo di nuovi servizi, il suo avvicinamento ad un livello di saturazione non permette di prevedere ulteriori crescite rilevanti. Per non vedere i propri margini di crescita contrarsi, Mountain View dovrebbe trovare un secondo punto di forza su cui lavorare.

“Intendiamo continuare ad investire pesantemente nell’innovazione, sia per garantire la crescita dei nostri business, sia per aiutare a costruire il futuro dell’open Web”, ha dichiarato il Chief Financial Officer Patrick Pichette.

Il mobile potrebbe essere deputato a diventare il nuovo core business di Google e ne rimane in ogni caso un focus: Chrome, Android e i servizi di localizzazione sono tre tipi di prodotto su cui Mountain View ha investito e intende continuare ad investire in maniera rilevante.

Si attendono peraltro altri acquisti, sulla linea delle startup inglobate nel corso del 2009, e assunzioni (solo nell’ultimo quarto BigG è cresciuta di 786 impiegati). A proposito dell’ acquisto di AdMob su cui si sono concentrate le indagini della FTC, Mountain View ha in questa occasione espresso ottimismo su una positiva conclusione della vicenda.

A proposito dell’altro argomento di attualità legato a Mountain View, la questione cinese e il trasferimento ad Hong Kong, il CFO Pichette ha dichiarato che i profitti derivanti dalla Cina sarebbero stati “immateriali” , ma nessun altra specificazione è stata data sull’argomento.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ingnoli scrive:
    Software per Fastweb a consumo
    Ho realizzato un software freeeware che permette di gestire i minuti di connessioni per fastweb, senza nessun fastidio gestisce tutto in automatico: la connessione e la disconnessione. Inoltre è provvisto di uno strumento utilissimo di statistiche che permette di vedere anche offline quando ci siamo connessi e per ogni giorno quanto sono durate le sessioni di connessione. (per ora solo per reti fastweb e per sistemi operativi windows, al più presto per sistemi operativi *nix)P.s. Inoltre presto potrà gestire ogni tipo di rete, in modo da poter dare una mano ai genitori che vogliono controllare la connessione ad internet dei figli, controllare la connessione internet dei dipendenti etc etc etchttp://ingnoli.xoom.it/vai in portfolio lavorisuNETCTRLtasto destro e salva con nome.Cordialità.
  • Matt scrive:
    Itaglia
    Lasciamo perdere i fanboy di varie parti ed arriviamo al concreto: la rete in Italia è uno schifo perciò non credo che sia molto d'interesse all'utenza comune chi ha mangiato di più, quello che conta sono i risultati, RISULTATI CHE NON CI SONO.Meglio che i finanziamenti li diano a chi veramente combatte contro il DD, che di sicuro non sono nè Telecom nè Fastweb nè Vodafone ecc ecc, ma sono tutti quei piccoli operatori locali che rendono un servizio che i BIG non vogliono dare.Che serve la fibra nelle grando città quando nelel provincie a fatica arriva l'adsl (se così la si vuole chiamare)?
    • andrea c. scrive:
      Re: Itaglia
      - Scritto da: Matt
      Lasciamo perdere i fanboy di varie parti ed
      arriviamo al concreto: la rete in Italia è uno
      schifo perciò non credo che sia molto d'interesse
      all'utenza comune chi ha mangiato di più, quello
      che conta sono i risultati, RISULTATI CHE NON CI
      SONO.

      Meglio che i finanziamenti li diano a chi
      veramente combatte contro il DD, che di sicuro
      non sono nè Telecom nè Fastweb nè Vodafone ecc
      ecc, ma sono tutti quei piccoli operatori locali
      che rendono un servizio che i BIG non vogliono
      dare.

      Che serve la fibra nelle grando città quando
      nelel provincie a fatica arriva l'adsl (se così
      la si vuole
      chiamare)?QUOTO... Nel 2010 con una 640k (ed è già tanto... rispetto alla 56k..) a 25 km dalla Capitale.. MAH..
  • Andrea scrive:
    Strano ma vero
    Chissa' come mai tutte le volte che un operatore inizia a dare fastidio a Telecom Italia viene immediatamente colpito da un'indagine giudiziaria e dalle piu' grandi infamie e dall piu' pesanti misure restrittive, generalmente riservate a ben piu' gravi reati.La mia azienda, relativamente piccola, 10 anni fa ha osato "sfidare" Telecom Italia. Da quel maledetto giorno abbiamo in 6 mesi subito ben 5 ispezioni tra Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate (mai visitati prima in 10 anni di attivita').Visto che non sono riusciti a trovare neppure un illecito e non hanno risolto nulla, hanno pensato di intentarci causa presso il Tribunale di Roma, Tribunale dove misteriosamente Telecom Italia non ha mai perso una causa a memoria d'uomo e dove un pool di giudici segue praticamente solo le cause che hanno protagonista Telecom Italia.Faccio notare che il contratto oggetto della causa era stato firmato a Bologna, con Telecom Italia con sede legale a Torino e la nostra a Genova, forse non esiste la competenza territoriale ?Ci veniva contestato di aver pagato a prezzi di mercato i servizi che Telecom Italia si era rifiutata di offrirci come operatore concorrente senza mai motivare il rifiuto.Presso l'Authority per la Garanzia della Concorrenza Telecom veniva multata per lo stesso atteggiamento avuto nei nostri confronti a pagare una multa da 80 milioni di Euro, mentre il Giudice decideva che noi eravamo nel torto per la medesima fattispecie e ci condannava a pagare quasi mezzo milione di Euro. Risultato : il fallimento, l'infamia e un concorrente in meno per Telecom con qualche lavoratore a casa.Meditate gente, meditate.....
    • Paolo scrive:
      Re: Strano ma vero
      Per quanto possa servire a poco ti sono vicino spiritualmente; questa è l'ennesima prova che le lobby, il monopolio ed il potere sono in mano agli stessi
  • Paolo Nocco scrive:
    ...eppure c'è chi ha il FTTH...
    ...è proprio inutile, le grandi città come Milano son proprio tutto un altro mondo riguardo alle infrastrutture tecnologiche...che poi non si sappia perchè la fibra venga frenata a 10 Mb simmetrici/utente è un altro discorso...
  • emmeesse scrive:
    Ma di fibra ce ne e' tanta
    Basterebbe usarlaPrendete i kilometri di fibra messi -per esempio- da Retelitche ha pure licenza wi-maxle strutture ci sono ma sono spenteInutile duplicare
  • marco scrive:
    Meno male
    Li hanno fermati in tempo , altrimenti si mangiavano questi altri 800 Milioni.Invece di dare soldi ai soliti noti ,perche' non si danno ai piccoli operatori locali ?
    • marco scrive:
      Re: Meno male
      Credo che ti sei perso parecchie news. Forse da te FW ha portato la fibra , da altre parti la ha presa a costo zero da telecom , pagata da noi contribuenti.Piccoli carrier non intendo eutelia ( che piccolo non e' ) , ma tutti quelli impegnati a risolvere il DD nelle varie parti d'Italia , e sono tanti.Inoltre per Scaglia e per il suo altro degno compare , farebbero bene a buttare la chiave. Negli scorsi anni nel settore TLC si sono fatte XXXXXte che non immagini , vedrai che piano piano uscira' tutto. Consiglio , tieni d'occhio Wind-Infostrada .... ricordi la sua acquisizione ?
      • Valeren scrive:
        Re: Meno male
        Presa dove? Il progetto Socrate?E' ben noto che ha rilevato solo i passaggi, spesso ostruiti, perchè senza alcuna manutenzione erano diventati tane ( e cibo ) per topi.Inoltre da quanto sto leggendo - Sole24Ore tanto per indicare una fonte - l'accusa verso Scaglia e Parisi è per il ruolo aziendale, non per l'atto puro di riciclaggio.L'accusa è che "non potevano non sapere", non "hanno evaso".Leggo anche che si tratta di 35 milioni, cifra che FW sarebbe tranquillamente in grado di sostenere *se* colpevole basandosi solo sui propri introiti.Discorso a parte TI, che non avrebbe difficoltà a reggere il colpo ma che sono alla fin fine soldi nostri.Staccati da Studio Aperto che fa male.
        • lol scrive:
          Re: Meno male

          Presa dove? Il progetto Socrate?
          E' ben noto che ha rilevato solo i passaggi,
          spesso ostruiti, perchè senza alcuna manutenzione
          erano diventati tane ( e cibo ) per
          topi.costa meno la fibra o lo scavo secondo te?ti do anche la risposta: la fibra.comunque fastweb all'inizio ha smosso un po il mercato ma ora è come tutte le altre.confronta le offerte con quelle estere e vedrai la differenza, da una situazione di monopolio si è passati a una di oligopolio
Chiudi i commenti