Google studia Wolfram Alpha?

Non sarà un concorrente diretto, ma di certo sembra essere un nuovo settore da esplorare e forse colonizzare. E per non essere da meno della concorrenza, BigG presenta già nuovi strumenti che integrano la sua ricerca testuale interpretando i dati presenti sul web

Roma – Forse sì, Google guarda con molta attenzione a Wolfram Alpha : il primo engine di conoscenza computazionale , nato dagli algoritmi di Mathematica e dai concetti illustrati nel libro A New Kind of Science , è in procinto di svelare le proprie capacità al grande pubblico a partire dalle prossime settimane. E proprio nello stesso giorno della dimostrazione pubblica di Alpha, Mountain View si premunisce con un nuovo servizio di analisi grafica comparata delle informazioni pubblicamente disponibili in rete.

Il talk pubblico di Stephen Wolfram ad Harvard ha spiegato da dove parte Alpha e dove vuole arrivare: l’obiettivo principale del nuovo engine è quello di “trovare un modo per rendere computabile la conoscenza sistematica che abbiamo sin qui accumulato”, dice Wolfram, interpretando richieste (e non già semplici “ricerche web”) esposte nel linguaggio corrente, anzi “comprendendole” per poi filtrare questa comprensione attraverso un enorme database di informazioni selezionate , in parte assemblate in maniera automatica e in parte revisionate da esperti di settore.

Detta in termini meno astratti, su Wolfram Alpha sarà possibile cercare cose come il peso molecolare della caffeina, la posizione di un gene nel DNA umano, il prodotto interno lordo francese, quello italiano o una comparazione tra i due, l’andamento in borsa del titolo Microsoft e parecchio altro. Wolfram spiega Alpha tratteggiandone i quattro principali componenti: in primis la supervisione dei dati (“data curation”) raccolti da fonti pubbliche e private e poi filtrate da processi automatici e curatori umani assieme.

In seguito ci sono gli algoritmi che si fanno carico del giusto processo computazionale attraverso cui far passare la richiesta dell’utente, composti da “cinque-sei milioni di linee di codice di Mathematica” rivela Wolfram. Per comprendere le suddette richieste dell’utente è naturalmente necessario applicare un’analisi linguistica dei termini , un problema che secondo il matematico “si è rivelato essere molto meno complicato di quanto ci aspettassimo”.

Infine il pezzo mancante all’architettura di Alpha e la presentazione delle risposte, con il sistema che si deve far carico di scegliere le modalità più appropriate, tra le “decine di migliaia” di possibili grafici, per restituire un quadro quanto più vicino ai desideri dell’utente. Tutto questo sarà a disposizione di chiunque grazie al supporto degli sponsor, mentre sarà resa disponibile una modalità sottoscrizione per chi vorrà dare in pasto al sistema i suoi stessi dati.

Wolfram Apha sarà pure qualcosa di diverso da un motore di ricerca a-là Google, ma viste la mossa preventiva di quest’ultima ci deve essere abbastanza carne al fuoco da suscitare l’interesse del management di Mountain View . Nelle stesse ore in cui Stephen Wolfram presentava Alpha, infatti, Google annunciava sul blog aziendale un nuovo servizio per cercare e comparare dati pubblici, nella fattispecie appartenenti agli archivi statunitensi del Bureau of Labor Statistics e del Census Bureaùs Population Division .

Basata sulla tecnologia di Trendalyzer , la nuova funzionalità di ricerca presenta graficamente i risultati delle ricerche, permettendo ad esempio il confronto delle statistiche sulle emissioni di CO2 nel corso degli anni e la frequenza di patologie asmatiche, i salari, gli incendi e tutto quanto è raccolto e archiviato negli archivi dell’ente statistico a stelle e strisce. I dati attualmente in mano a Google sono poi solo una minima parte di quelli che la corporation ha intenzione di “trendalizzare” per gli utenti, nella a questo punto probabile speranza di cavalcare la tendenza del “web computazionale” prima che Wolfram ci metta definitivamente il suo sigillo strappando un pezzo di audience, non ancora quantificabile, al business naturale di Mountain View.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • daniele scrive:
    pacchetto telecom
    ITALIANI RICORDIAMOCI CHE IL 6-7 GIUGNOCI SONO LE ELEZIONI EUROPEE RICORDIAMOCIDI COSA STANNO FACENDO I CARI EURODEPUTATI CONTRO LA RETEQUINDI OCCHI APERTIE NON FACCIAMOGLI FARE ULTERIORI PASSI AVANTI FERMIAMOLI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDIBUONA GIORNATA TUTTI
  • Rocco Vittorio scrive:
    Ottimo, MA ..minaccia SENZA PRECEDENTI:
    http://www.scambioetico.eu/index.php?topic=697.msg4026#msg4026 Il voto del parlamento avverrà il 5 maggio, inviamo l'email adesso prima del ponte del 1° maggio, non ci costa nulla!
    • Mario A. scrive:
      Re: Ottimo, MA ..minaccia SENZA PRECEDENTI:
      Puoi, per favore, fornire anche qualche link ai siti istituzionali (comunità europea) dove poter visionare l'intera norma in discussione?GrazieMario A.
      • Vittorio Rocco scrive:
        Re: Ottimo, MA ..minaccia SENZA PRECEDENTI:
        Ciao,ti riferisci alla versione delle Direttive o ai Citizens' Rights Amendments?In entrambi i casi ecco il link ad un'analisi indipendente: http://www.iptegrity.com/index.php?option=com_content&task=view&id=329&Itemid=9 Nello stesso sito si trovano altri link ai documenti ufficiali del Parlamento.In particolare, per la Direttiva Servizi Universali, rapporto Harbour, in cui ci sono grossi problemi e che andrà dritta al voto: http://www.europarl.europa.eu/activities/committees/publicationsCom.do?language=EN&body=IMCO Per le Direttive Quadro, Autorizzazione e AcXXXXX ho il PDF ufficiale dal Parlamento Europeo, ma essendo stato pubblicato il 29 aprile dubito che sia già disponibile sul sito. In ogni caso è disponibile in attach a chiunque mi faccia una richiesta ufficiale motivata. Infine ti fornisco il link del sito del candidato al Parlamento Europeo Erik Josefsson:http://erikjosefsson.eu e il link al sito de La Quadrature du Net, che conferma la nostra analisi:http://www.laquadrature.net e infine il link ad Assoprovider (200 ISP italiani) che ha sottoscritto e ripubblicato la nostra lettera aperta:http://www.assoprovider.it NOTA BENE che il MEP Malcolm Harbour (sarebbe il D'Alia EUROPEO ma piu' pericoloso perchè sa quello che fa') ha già attaccato i "nostri" emendamenti, in particolare l'ex-166 (Citizens' Rights Amendments, Emendamento 2, Parte I). Questa è un'ulteriore conferma di quanto diano fastidio. E' molto importante portare gli scettici dalla nostra parte e non da quella di Malcolm Harbour. Dite loro di contattare Paolo Brini, coordinatore italiano della coalizione OpenNet a questo indirizzo e-mail portavoce (chiocciola) scambioetico.eu oppure di telefonare ai seguenti MEP che ti potranno confermare quanto OpenNet sta dicendo:Eva-Britt SvenssonChristofer FjellnerJens Holm (va benissimo parlare con l'assistente di Holm e candidato al Parlamento Europeo Erik Josefsson)e più in generale a qualsiai MEP di GUE o di InDEM.Ricordate a TUTTI che dal 4-5 maggio i MEPs sono a Strasburgo e NON a Brussels.Per ulteriori informazioni: Paolo BriniPortavoce Associazione Scambio EticoAssociazione Scambio EticoVia Gianolio 2912042 Bra (CN)Tel./Fax (+39) 0172 425951http://www.scambioetico.eu
        • sul PDF che cercavi scrive:
          Re: Ottimo, MA ..minaccia SENZA PRECEDENTI:


          Per le Direttive Quadro, Autorizzazione e AcXXXXX
          ho il PDF ufficiale dal Parlamento Europeo, ma
          essendo stato pubblicato il 29 aprile dubito che
          sia già disponibile sul sito.Mi correggo, il documento PDF che ti citavo può essere liberamente distribuito.Attualmente il modo più veloce è scaricarlo da qui:http://www.iptegrity.com/pdf/trautmann.29.April.2009.pdf Buon lavoro!
  • Mario A. scrive:
    Alla redazione di PI
    CiaoChiederei la cortesia alla redazione di PI di inserire nei propri articoli (e possibilmente spiegare) i link dei siti istituzionali di Camera e Senato alle leggi, decreti, emendamenti ecc... di cui gli articoli stessi parlano.Esempio (non so se è il link giusto al DDL del post ma è nell'intorno) http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Emend&leg=16&id=391198&idoggetto=413875Anche perché così si riuscirebbe a seguire meglio l'iter parlamentare di tali norme.Grazie milleMario A.
  • soulista scrive:
    Commento di Berlusconi
    "non sapevo niente di questo emendamento"
    • Ricky scrive:
      Re: Commento di Berlusconi
      No...non sei stato attento... ha detto "MI CONSENTA" poi "non sapevo nulla di questo emendamento" e poi "CRIBBIO" e poi "CRIMINOSO" e poi "sono stati circuiti dalla sinistra COMUNISTA" ed in fine "MI SMENTISCO".
      • Skyeez scrive:
        Re: Commento di Berlusconi
        - Scritto da: Ricky
        No...non sei stato attento... ha detto "MI
        CONSENTA" poi "non sapevo nulla di questo
        emendamento" e poi "CRIBBIO" e poi "CRIMINOSO" e
        poi "sono stati circuiti dalla sinistra
        COMUNISTA" ed in fine "MI
        SMENTISCO".ahahahahahah
  • Ricky scrive:
    Non sono convinto...
    Resto scettico, ogni giorno si vedono prese di posizioni e scelte politiche che stridono parecchio se consideriamo il bene primo del cittadino.Quanto accaduto e' solo una delle tante mosse possibili nella scacchiera.La rete non e' ancora salva, la rete e' ancora un "problema" per alcuni e una fonte di "controllo possibile distribuito" per altri.E' comunque inutile parlare di liberta' e di politica 2.0 quando qualsiasi cosa si dica QUI non ha grande riflesso sulle decisioni politiche in questo paese, salvo alcune LIMITE che possono essere SACRIFICATE sull'altare del nostro presidente del consiglio.Ci concedono le briciole mentre fanno passare i CARICHI.Guardate l'accorpamento...ci hanno di fatto impedito di accorpare, risparmiare e sperare in una affluenza alle urne tale da cambiare le regole i vigore.Le stesse regole PORCELLUM incostituzionali che hanno permesso all'attuale governo di esistere...incostituzionale pure lui,quindi.Li abbiamo perso...e non e' forse una cosa importantissima?Ce ne sono molte altre in coda, come la privatizzazione dell'aqua,le centrali atomiche, i termocancrenizzatori e via dicendo...e noi esultiamo per una singola piccola vittoria.Sono contento per la liberta' che ANCORA ci concedono ma se continuiamo su questa strada, tra poco arrivera' un ALTRO DL su misura a vanificare anche questa piccola vittoria.
  • ilmassi scrive:
    TELEFONO ARCOBALENO
    perchè non riportate la notizia di ieri sul fatto che telefono arcobaleno ha fatto arrestare 90 pedofili (stavolta molti sono autori delle violenze e non solo detentori di materiale) in tutta italia? Sembra che riportiate solo le segnalazioni più dubbie, quasi per screditarlo. O forse per compiacere qualche statistica che vede molti pedofili tra i lettori di PI, come si vede spesso dai commenti.
    • trullo scrive:
      Re: TELEFONO ARCOBALENO
      quello che fai si chiama XXXXXXre fuori dalla tazza, qui si parla d'altro e di altro parliamo. se vuoi segnalare una notizia scrivi alla redazione no ?
    • marco fi scrive:
      Re: TELEFONO ARCOBALENO
      - Scritto da: ilmassi
      perchè non riportate la notizia di ieri sul fatto
      che telefono arcobaleno ha fatto arrestare 90
      pedofili A parte il fatto che siamo OT, anch'io mi aspettavo di trovare questa notizia riportata qui oggi, corredata dal solito grande numero di commenti come tutte le notizie che trattano l'argomento.
      (stavolta molti sono autori delle
      violenze e non solo detentori di materiale) A dire il vero, sia in tv al TG, che sulle varie testate online, si dice chiaramente il contrario: "Degli stupratori - tra loro cè anche una donna - si vedono i volti ma, almeno per il momento, non sembrano appartenere agli indagati né, altresì, agli arrestati". E comunque a me questo Telefono Arcobaleno non convince molto, cerca sempre la ribalta delle TV invece di rivolgersi direttamente ai propri interlocutori politici o FFOO.
      • henryg scrive:
        Re: TELEFONO ARCOBALENO
        Duole dirlo, ma il 99.99% di tutti gli indagati di queste "retate" sono solo dei maledetti "XXXXXroli" che lo fanno con foto e video di bambini.Per carità, per me potrebbe essere messi a far concime per i ceci, ma in quanto a pericolosità è molto dubbia, non pagando per i video e le foto (sono di solito su P2P), non "sovvenzionano" nemmeno quel tipo di produzioni, e non fanno male fisicamente a nessuno, se non a se stessi.Sia ben chiaro, non difendo nessuno, l'ho scritto prima cosa nè farei... però forse bisognerebbe fare di più per fermare chi produce certe cose, chi fisicamente abusa, il turismo sessuale in primis ! Tornando alle retate, su PI n'è stato parlato molte volte, solo una piccolissima parte degli indagati poi viene effettivamente condannata, molte posizioni vengono stralciate con un "non luogo a procedere".Gente che magari ha scaricato un filmino dal Mulo pensando fosse altro...magari del XXXXX "regolare" etc. gente che per un errore "veniale" si trova dentro un incubo, accusata di un reato infamante, che fa perdere la tranquillità e spesso anche altre cose (affetti, lavoro etc..).Forse bisognerebbe fare più attenzione e sbandierare meno numeri all'aria...Forse..
        • Albert scrive:
          Re: TELEFONO ARCOBALENO
          - Scritto da: henryg

          Sia ben chiaro, non difendo nessuno, l'ho scritto
          prima cosa nè farei... però forse bisognerebbe
          fare di più per fermare chi produce certe cose,
          chi fisicamente abusa, il turismo sessuale in
          primis !Ecco, allora cominciamo a non confondere turismo sessuale con pedofilia. Il turismo sessuale lo pratica anche chi cerca sesso con una diciottenne o ventenne.
        • soulista scrive:
          Re: TELEFONO ARCOBALENO
          - Scritto da: henryg
          Per carità, per me potrebbe essere messi a far
          concime per i ceci, ma in quanto a pericolosità è
          molto dubbia, non pagando per i video e le foto
          (sono di solito su P2P), non "sovvenzionano"
          nemmeno quel tipo di produzioni, e non fanno male
          fisicamente a nessuno, se non a se
          stessi.Non ho ancora trovato qualcuno che mi spieghi in base a quale logica internet e il p2p ammazzano il mercato della musica, mentre rendono fiorente quello della pedoXXXXXgrafia.
        • ilmassi scrive:
          Re: TELEFONO ARCOBALENO
          sono perfettamente d'accordo, spesso hanno fatto reati più grandi gli accusatori dei colpevoli. A differenza delle prime indagini però, qui si indaga chi condivide grandi quantità o come in questo caso se "Tutto il materiale sarebbe stato scaricato da internet attraverso siti web a pagamento." 'corriere'.E' brutto vedere che spesso per difendere la libertà della rete ad ogni costo si perda il senso più basso della moralità e si faccia regredire la rete invece che farne un esempio di civiltà.
  • Er Puntaro scrive:
    E questo è solo l'inizio!
    A dirla meglio la realtà è che quella che si è appena consumata sotto i nostri occhi è la prova che Internet è ormai divenuto uno strumento maturo di democrazia elettronica da utilizzarsi in una politica partecipata, ampia e condivisa, caratterizzata da un dialogo aperto, rapido e schietto tra eletti ed elettori, dialogo nell'ambito del quale i numeri e la cassa di risonanza rappresentata dalla dimensione globale del fenomeno possono indurre i primi a ritornare sui propri passi ascoltando l'opinione dei secondi, noi, gli elettori. E questo è solo l'inizio! La rete crescerà, evolverà! Un cervello globale al quale sarà tutto collegato! Un pianeta completamente automatizzato dove saremo liberi dalla schiavitù del lavoro, dove trollare su PI non sarà più un godimento strappato coi denti alle incombenze quotidiane, nooo, sarà l'occupazione principale dell'umanità!!Un futuro radioso ci aspetta![img]http://ourspiritwillliveon.files.wordpress.com/2009/02/utopia.jpg[/img]Verso l'infinito e oltre!!http://www.youtube.com/watch?v=UTH8YGSgaGQ(Oh, il lucchetto, il lucchetto! Mettetemi il lucchetto prima che arrivi qualcuno a darmi delle rispostacce!)
    • Supposte a pagamento scrive:
      Re: E questo è solo l'inizio!
      In Italia la fantascienza è già qui ed ora. Quella di Orwell però...
  • Wil Nonleggerl o scrive:
    Ottimo, ma ...
    ... ma occhi sempre aperti.Grazie a Punto Informatico e a tutti quelli che si sono battuti per questo risultato. Wil - nonleggerlo.blogspot.com
  • amon scrive:
    e dopo le elezioni europee?
    Sono curioso di vedere quali nuovi pallettoni di M...a usciranno dopo queste europee...Per ora stanno buoni buoni, anzi si fanno pure un leggero lifting come sanno meglio fare, cosi le pecorelle dalla memoria corta corta sono contente......così hanno pure il tempo di studiarsi il lubrificante migliore...
  • Guido La Vespa scrive:
    Ora resta la parte più difficile..
    Abrogare D'Alia, la Carlucci, Barbareschi...
    • Supposte a pagamento scrive:
      Re: Ora resta la parte più difficile..
      CI sono anche le veline mandate in Europa che, quando torneranno in Italia per occupare una poltrona in parlamento, faranno ancora più danni. Già me le immagino a pontificare di parità di diritti, libertà di parola, internet, ecc...
  • W la Libera Informazio ne scrive:
    Gianpiero D'Alia
    Gianpiero D'AliaSenatorePresidente del gruppo UDC-SVP-Authttp://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Attsen/00017685.htmDa ricordare bene quando saremo chiamati a votare alle prossime elezioni
  • 3my78 scrive:
    D'alia
    neanche sapeva accendere un computer!!!http://3my78.blogspot.com/
  • 5Lire scrive:
    Timore e paura dei pezzi da 90..
    Ormai non ci sono più sotterfugi, non ci sono più angoli bui in cui potersi nascondere....è solo pura paura del dilagarsi dell'informazione libera e senza peli sulla lingua, non più controllata come prima...internet e la rete (gli utenti tutti) ormai possono giudicare, pensare liberamente, interagire dove è possibile...questo spaventa i pezzi grossi della politica, della società che ora non possono più nascondersi dietro il potere del controllo dell'informazione. I media tradizionali come noi li conosciamo stanno scomparendo per far posto alla nuova interattività nata e nutrita dalla rete. E' scomodo per loro dar di conto a noi (se sono dove si trovano lo devono solo grazie a noi), che adesso in un modo o nell'altro riusciamo a sapere qualsivoglia informazione. Non hanno più la vita facile, eh sì internet è una bella rogna per loro...riuscire a reperire facilmente i loro stipendi, fa male eh? Sapere da voci di corridoio che hanno fatto qualcosa che li tenga con la coscienza sXXXXX, fa male eh?La rete è il futuro amico con cui collaborare e non il nemico da combattere!
  • Arturo scrive:
    ...resisti Rete..
    Solo gli ignoranti hanno bisogno della sicurezza che deriva dal controllo. E leggendo i giornali... Mamma mia! speriamo solo di poter resistere!!
  • Gaius Baltar scrive:
    Si prepara un'altra infornata...
    ...di donne dai facili costumi.Occhio alle europee, che il democratico e civile parlamento europeo rischia di essere invaso da veline e dame di compagnia del nano...Senza dimenticare le future promesse della politica, figlie della fedifragia di un vecchio 70-enne con manie di grandezza: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/politica/2009/28-aprile-2009/ecco-noemi-diciottenne-che-chiama-berlusconi-papi-1501304940417.shtml
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Un nome da ricordare
    Ora e sempre prima di votare ricordiamo il nome D'Alia, boicottare lui e qualsiasi PARTITO che accolga questo triste figuro.
  • fisico scrive:
    apologia di reato ed emendamento D'alia
    Leggendo l'articolo e anche un po' di commenti ho visto come sia passata solo l'immagine negativa dell'emendamento.Sono d'accordo che "chiudere facebook" o altre piattaforme simili sia troppo MA...Ascoltando l'intervista che hanno fatto a D'alia non riesco a dire che ha tutti i torti ( http://www.youtube.com/watch?v=DspArIPgTYo ) e non riesco nemmeno a dire che sia "stupido" o "addormentato", magari non condivisibile.Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano alla violenza o al reato? Cosa si fa se il gestore non prende provvedimenti? Come dice giustamente D'alia, questi sono reati.Di chi é allora la responsabilità e come si deve agire nei vari casi? E nel caso in cui non ci fosse collaborazione da parte del gestore?Mi rendo poi conto che un emendamento simile potrebbe poi essere strumentalizzato dalle forze di governo eppure un qualche tipo di regolamentazione ci vuole.Internet deve essere libera ma secondo me i suoi utenti devono anche essere responsabili.
    • Gino scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      Non ho capito bene cosa sotieni."...Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano alla violenza o al reato? Cosa si fa se il gestore non prende provvedimenti? Come dice giustamente D'alia, questi sono reati..."Non è che sia proprio sucuro, ma sospetto che, appunto, questi siano reati... e che quindi il problema non è una ennesima legge in più, ma far rispettare la legge esistente.E' tipico della retorica politica confondere volutamente concetti spostandosi verso argomenti più demagogici come la sicurezza...
    • vuoto scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia

      Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano
      alla violenza o al reato? Cosa si fa se il
      gestore non prende provvedimenti?Se ci sono reati reali si fanno denunce reali.Se i server sono all'estero si chiede agli ISP di filtrarli. Se l'ISP si rifiuta ed il rifiuto si configura come favoreggiamento, lo si denuncia.Il gestore dell'autostrada e' tenuto a prendere provvedimenti riguardo ai criminali e i mafiosi che commettono crimini e traffici su di essa? non mi pare proprio. Eppure non vedo politici a stracciarsi le vesti su questo. La regolamentazione di internet e' una scusa per smussarne le potenzialità e ridurla a una tv interattiva.
      • Lex Logic scrive:
        Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
        O un altro canale commerciale spremibile per fare denaro
      • Lex Logic scrive:
        Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
        Tipo Mediaset RiVideo, che ti permette di vedere i tuoi episodi preferiti/persi via internet pagando.Notare che negli Usa, alcune serie tv hanno gli episodi fruibili online dopo che l'episodio è stato trasmesso.Perciò non potete dirmi che hanno preso ispirazione ;)
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
        - Scritto da: vuoto

        Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano

        alla violenza o al reato? Cosa si fa se il

        gestore non prende provvedimenti?

        Se ci sono reati reali si fanno denunce reali.

        Se i server sono all'estero si chiede agli ISP di
        filtrarli.E' proprio questo che si contesta. I cittadini hanno anzi DEVONO AVERE IL SACROSANTO DIRITTO di accedere ai siti che vogliono senza alcun tipo di censura calata dall'alto. E se esiste la censura, ben vengano i sistemi tipo TOR che la bypassano. Stiamo tanto a criticare i cinesi che censurano i siti "scomodi" e contrari alle (loro) leggi ma non mi sembra che noi stiamo facendo diversamente.E' uno schifo anche solo il pensare che quello che non sta bene a TE non debba vederlo neanche IO. Se a TE non sta bene, non andarci. La rete è grande.Se su un canale danno un programma che non ti piace che fai, cambi canale o denunci l'emittente?
        • Eretico scrive:
          Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: vuoto


          Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano


          alla violenza o al reato? Cosa si fa se il


          gestore non prende provvedimenti?



          Se ci sono reati reali si fanno denunce reali.



          Se i server sono all'estero si chiede agli ISP
          di

          filtrarli.

          E' proprio questo che si contesta. I cittadini
          hanno anzi DEVONO AVERE IL SACROSANTO DIRITTO di
          accedere ai siti che vogliono senza alcun tipo di
          censura calata dall'alto. E se esiste la censura,
          ben vengano i sistemi tipo TOR che la bypassano.
          Stiamo tanto a criticare i cinesi che censurano i
          siti "scomodi" e contrari alle (loro) leggi ma
          non mi sembra che noi stiamo facendo
          diversamente.
          E' uno schifo anche solo il pensare che quello
          che non sta bene a TE non debba vederlo neanche
          IO. Se a TE non sta bene, non andarci. La rete è
          grande.
          Se su un canale danno un programma che non ti
          piace che fai, cambi canale o denunci
          l'emittente?Quoto alla grande !
          • uuhhaa scrive:
            Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
            - Scritto da: Eretico
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: vuoto



            Cosa si fa quando ci sono gruppi che
            istigano



            alla violenza o al reato? Cosa si fa se il



            gestore non prende provvedimenti?





            Se ci sono reati reali si fanno denunce reali.





            Se i server sono all'estero si chiede agli ISP

            di


            filtrarli.



            E' proprio questo che si contesta. I cittadini

            hanno anzi DEVONO AVERE IL SACROSANTO DIRITTO di

            accedere ai siti che vogliono senza alcun tipo
            di

            censura calata dall'alto. E se esiste la
            censura,

            ben vengano i sistemi tipo TOR che la bypassano.

            Stiamo tanto a criticare i cinesi che censurano
            i

            siti "scomodi" e contrari alle (loro) leggi ma

            non mi sembra che noi stiamo facendo

            diversamente.

            E' uno schifo anche solo il pensare che quello

            che non sta bene a TE non debba vederlo neanche

            IO. Se a TE non sta bene, non andarci. La rete è

            grande.

            Se su un canale danno un programma che non ti

            piace che fai, cambi canale o denunci

            l'emittente?

            Quoto alla grande !STRAQUOTO
        • Albert scrive:
          Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: vuoto


          Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano


          alla violenza o al reato? Cosa si fa se il


          gestore non prende provvedimenti?



          Se ci sono reati reali si fanno denunce reali.



          Se i server sono all'estero si chiede agli ISP
          di

          filtrarli.

          E' proprio questo che si contesta. I cittadini
          hanno anzi DEVONO AVERE IL SACROSANTO DIRITTO di
          accedere ai siti che vogliono senza alcun tipo di
          censura calata dall'alto. E se esiste la censura,
          ben vengano i sistemi tipo TOR che la bypassano.
          Stiamo tanto a criticare i cinesi che censurano i
          siti "scomodi" e contrari alle (loro) leggi ma
          non mi sembra che noi stiamo facendo
          diversamente.
          E' uno schifo anche solo il pensare che quello
          che non sta bene a TE non debba vederlo neanche
          IO. Se a TE non sta bene, non andarci. La rete è
          grande.
          Se su un canale danno un programma che non ti
          piace che fai, cambi canale o denunci
          l'emittente?GIUSTO, io devo avere il diritto di andare dove mi pare , è inaccettabile che qualcuno decida cosa posso o non posso vedere.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      - Scritto da: fisico
      Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano
      alla violenza o al reato? Cosa si fa se il
      gestore non prende provvedimenti? Come dice
      giustamente D'alia, questi sono reati.Reato è qualcosa che crea oggettivamente un danno a qualcuno (furto, omicidio, eccetera).PARLARE di furto, omicidio, eccetera, non può e soprattutto NON DEVE essere reato, a prescindere da come se ne parli. A meno che tu non dovessi dimostrare che PARLARE positivamente di omicidio toglie la vita a qualcuno.Se c'è chi parla bene dell'omicidio, tu fai un altro sito in cui ne parli male, e sono tutti contenti.Se viceversa si tappa la bocca a chi parla bene dell'omicidio, dimostri solo di non aver argomenti a tuo favore. E di fatto agendo in questo modo passi tu nel torto e GLI DAI RAGIONE.
      • fisico scrive:
        Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
        Onestamente non sono d'accordo con te.Esiste ad esempio il reato di minaccia. Di per se la minaccia non crea danno (come dici tu: furto, omicido ecc),resta il fatto che é un reato.C'é anche il reato di ingiuria se non sbaglio.Non so, a volte credo che a certa gente vada tappata la bocca come ad esempio i gruppi di sostenitori dei mafiosi su FB.Credo che si abbia libertà di parlare se quello che dici rispetta il prossimo (sul termine rispetta ci sarebbe da aprire un dibattito...) e non sostiene gente che fa del male.E comunque sono contrario ad ascurare un intera piattaforma per far questo.
        • gerry scrive:
          Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
          - Scritto da: fisico
          Non so, a volte credo che a certa gente vada
          tappata la bocca come ad esempio i gruppi di
          sostenitori dei mafiosi su
          FB.Si, ma forse non dovrebbe deciderlo il ministro degli interni.Ed è questionabile anche inserire per legge che i provider debbano far parte del proXXXXX in qualcosa che sia oltre la collaborazione con l'autorità.Il paragone delle autostrade è giusto, un conto è permettere alle auto della polizia di entrare e fermare i clienti, un conto è doversi adoperare in prima persona perchè la legge sia rispettata.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
            - Scritto da: gerry
            Ed è questionabile anche inserire per legge che i
            provider debbano far parte del proXXXXX in
            qualcosa che sia oltre la collaborazione con
            l'autorità.I provider sì ma le piattaforme non sono tenute a collaborare soprattutto se sono all'estero. Vedi il caso tedesco: in Germania né i provider né i gestori delle piattaforme sono obbligati per legge a tenere i log. Non dimenticare che tenere log è anche oneroso per i gestori, soprattutto se gli utenti sono tanti.
            Il paragone delle autostrade è giusto, un conto è
            permettere alle auto della polizia di entrare e
            fermare i clienti, un conto è doversi adoperare
            in prima persona perchè la legge sia
            rispettata.Gli unici che si DEVONO adoperare perché la legge sia rispettata sono le forze dell'ordine. Gli altri sono obbligati a farlo solo in casi particolarissimi (attentato al capo dello stato e simili) e comunque non è che uno se non si adopera vuol dire che è colpevole di favoreggiamento. Il favoreggiamento c'è se aiuta attivamente il reo a compiere il reato. Praticamente nel caso delle autostrade, è come se i gestori dell'autostrada spianassero la strada al reo indicandogli scorciatoie per superare i posti di blocco e cose simili. Non se si limitano a fargli usare l'autostrada, e questo neanche se fossero a conoscenza del fatto che abbia compiuto (o voglia compiere) un reato, sempre che tale reato non comporti danno o problemi all'autostrada stessa.Per capirci, se uno rapina una banca e poi fugge in autostrada il gestore dell'autostrada non è obbligato (a meno che non gli venga chiesto esplicitamente) a fermare l'auto del rapinatore al casello all'uscita, né ad avvisare le FFOO a meno che non gli venga chiesto di farlo. E' obbligato invece a farlo se il tizio invece di rapinare la banca rapina il casellante dell'autostrada, perché ne deriva un danno diretto all'autostrada stessa.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
          - Scritto da: fisico
          Onestamente non sono d'accordo con te.
          Esiste ad esempio il reato di minaccia. Di per se
          la minaccia non crea danno (come dici tu: furto,
          omicido ecc), resta il fatto che é un reato.Minaccia tramite rete? Minaccia è se ti mando un proiettile a casa, minaccia è se ti metto un coltello alla gola. Non se scrivo su internet. Sono parole, non fatti. Qui sembra invece che tu e D'Alia facciate confusione tra parole (che non fanno male a nessuno) e fatti (che potrebbero far male a qualcuno).
          C'é anche il reato di ingiuria se non sbaglio.Se io ti dò del ladro dimostra che non lo sei e la gente crederà a te e non a me senza bisogno che mi tappi la bocca. Ma se io porto dalla mia una quantità di fatti documentati, allora io ho tutto il diritto di dire che sei un ladro (o un mafioso, o un assassino, o un terrorista ecc.). E' esattamente quello che succede con certe persone scomode, tipo Marco Travaglio che si prende querele su querele vincendo sempre... IMHO l'iter giudiziario non dovrebbe neanche partire visto che lui a differenza di chi lo contraddice riporta sempre fatti documentati...
          Non so, a volte credo che a certa gente vada
          tappata la bocca come ad esempio i gruppi di
          sostenitori dei mafiosi su FB.Hanno pari diritti e pari dignità di tutti i gruppi antimafiosi. Perché gli antimafiosi sì e i mafiosi (o i terroristi, o i pedofili) no? Se credi che dicano stupidaggini dai la tua visione dei fatti punto su punto. Se gli tappi la bocca dimostri solo di non aver argomenti validi per controbattere le loro parole, e in quel momento la parte censurata passa AUTOMATICAMENTE dalla parte della ragione, indipendentemente da cosa diceva e dal fatto che sia più o meno condivisibile.
          Credo che si abbia libertà di parlare se quello
          che dici rispetta il prossimo (sul termine
          rispetta ci sarebbe da aprire un dibattito...) e
          non sostiene gente che fa del male.Per me i poliziotti e i magistrati fanno del male, perché agiscono con troppa leggerezza nei confronti degli indagati.S'era parlato dei gruppi pro mafiosi, a parte che a me la mafia fa vomitare esattamente quanto la magistratura (non di meno ma neanche di più) se un gruppo è a favore di persone non ancora condannate in via definitiva? La Costituzione sancisce l'innocenza fino a condanna definitiva. E comunque, come si riaprono i casi dopo anni, così la gente ha diritto di dire che Tizio era innocente. Per farti un esempio, per me Annamaria Franzoni è innocente, l'ho sempre pensato dal primo momento e ho sempre continuato a pensarlo anche dopo le condanne. Questo non mi permetterebbe di fare un gruppo a favore della Franzoni?
          E comunque sono contrario ad ascurare un intera
          piattaforma per far questo.Questo era scontato ma era esattamente ciò che diceva di fare D'Alia se le piattaforme non avessero collaborato. Ma mi chiedo come sia possibile che le piattaforme DEVONO collaborare se si trovano all'estero.Per fare un esempio banale, un gruppo neonazista forse (non so se è così, credo che la legge italiana parla solo di fascismo e non di nazismo) è illegale in Italia ma non lo è in Germania (patria del nazismo), se un gruppo nazista sta su un server tedesco è giusto oscurarlo? E se sì, perché? Non si violano i trattati internazionali?
    • ZioTano. scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      beh beh beh.... io sono parzialmente d'accordo con te...Secondo me ciò che sbaglia d'Alia è il fatto di oscurare.Youtube e Facebook sono delle realtà enormi, non ci si può fermare all'aspetto negativo. Io credo che basti semplicemente che i blog, i forum, e i social network, (come già spesso avvieme) abbiano i dati ( e per dati intendo IP e orario) che consentano di rintracciare in caso di abuso, l'autore dello stesso, per poterlo perseguire. Ma che io sappia questo già avviene. Poi oscurando non si risolve nulla. I social network rispecchiano la realtà. Cancellare lo schifo da lì non servirà a cancellarlo nella realtà. Anzi a volte servono a monitorarlo, lo schifo.Con questo non tolgo che i presupposti e le premesse con cui parlava D'alia erano piuttosto condivisibili.Ma se una persona ha una gamba malata, non si ammazza la persona, (ne si nasconde la ferita). Si taglia la gamba malata.
    • Guybrush scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      - Scritto da: fisico
      Leggendo l'articolo e anche un po' di commenti ho
      visto come sia passata solo l'immagine negativa
      dell'emendamento.
      Sono d'accordo che "chiudere facebook" o altre
      piattaforme simili sia troppo
      MA...Ma?
      Ascoltando l'intervista che hanno fatto a D'alia
      non riesco a dire che ha tutti i torti (
      http://www.youtube.com/watch?v=DspArIPgTYo ) e
      non riesco nemmeno a dire che sia "stupido" o
      "addormentato", magari non
      condivisibile.Grazie per il link.
      Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano
      alla violenza o al reato? Prendi nota e sporgi denuncia, o almeno fai un esposto.
      Cosa si fa se il
      gestore non prende provvedimenti?Insomma hai presente quella cosetta chiamata "legge"? Non e' che siccome sta su Internet c'e' una legislatura a parte eh? Un reato e' un reato, punto.
      Come dice
      giustamente D'alia, questi sono
      reati.Se e' un reato e' perche' c'e' una legge che dice che un certo comportamento, una certa azione e' sanzionabile e condannabile, ma se c'e' gia' la legge allora e' inutile scriverne un'altra. Tutt'al piu'se quelle attuali non vanno bene si ampliano o si cambiano la' dove serve.
      Di chi é allora la responsabilità e come si deve
      agire nei vari casi?E qui, dove stai ripetendo, a modo tuo, le parole di quel simpaticone di Dalia che sta il busillis: la legge e' molto precisa sotto tanti aspetti, ma richiede che venga letta e compresa.
      E nel caso in cui non ci
      fosse collaborazione da parte del
      gestore?Favoreggiamento? Chiaro che e' tutto da dimostrare, ma come ti hanno fatto osservare: se derubo una vecchietta su un treno, dai la colpa a Trenitalia?
      Mi rendo poi conto che un emendamento simile
      potrebbe poi essere strumentalizzato dalle forze
      di governo eppure un qualche tipo di
      regolamentazione ci
      vuole.Potrebbe? Pare fatto apposta!
      Internet deve essere libera ma secondo me i suoi
      utenti devono anche essere
      responsabili.Trovi dispositivi di telecomunicazione ovunque, persino nelle etichette degli oggetti in vendita. Internet e' solo il prototipo della rete che connettera' questo pianeta nel prossimo futuro, se le leggi saranno scritte per impedire alla gente di comunicare o comunque di metterle in una situazione "orwelliana" di controllo totale... signori: la gente non ragiona come i prolet e i membri del partito descritti da Orwell, quello che si ingegnera' per trasformare le reti domestiche in anelli di una rete distribuita, magari ad insaputa degli utenti... be', non e' un mistero che le nuove vittime dei virus informatici non siano solo i pc con windows, quanto i router domestici.Morale della favola: se pure l'emendamento D'Alia fosse passato sarebbe stato disatteso.
    • anonymous scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      Alla luce dei fatti sarebbe ora di espellere dal "diritto" italiano l'abominio del reato di opinione e del suo retaggio fascista.
    • soulista scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      - Scritto da: fisico
      Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano
      alla violenza o al reato? Cosa si fa se il
      gestore non prende provvedimenti? Come dice
      giustamente D'alia, questi sono
      reati.
      Di chi é allora la responsabilità e come si deve
      agire nei vari casi? E nel caso in cui non ci
      fosse collaborazione da parte del
      gestore?Come disse un grande "censurare é distruggere uno specchio perchè non ci piace l'immagine che riflette".Non vedi l'ipocrisia di fondo.Pensi davvero che impedire a qualche squilibrato di incitare al reato, possa impedire il reato?Se sì, é davvero colpa della "eccessiva" libertà di espressione? oppure é colpa di una società che ci spinge a vivere in modo alienato, in cui le persone non ragionano con la propria testa ma seguono il pastore che grida più forte?Se io incitassi la gente ad ammazzarsi a vicenda e la gente lo facesse sul serio... seriamente, sarebbe colpa mia?
      Mi rendo poi conto che un emendamento simile
      potrebbe poi essere strumentalizzato dalle forze
      di governoin fisica (scuola di vita) si dice che se una cosa può accadere, accadrà di sicuro.
      Internet deve essere libera ma secondo me i suoi
      utenti devono anche essere
      responsabili.sacro+santoma non si può instillare la responsabilità nelle persone "per legge". Non dico che sia ingiusto o immorale, dico che non si può. Sappiamo benissimo che se non allacciamo le cinture potremmo morire anche a 20 all'ora, eppure c'é ancora chi se le mette solo quando si immette sulle strade principali.Il senso di responsabilità in una persona si forma quando questa percepisce chiaramente la propria posizione sociale e quella degli altri... non parlo di gerarchie, ma proprio di saper stare tra la gente. E non mi pare si stia andando nella direzione giusta.
    • Luce Maggiore scrive:
      Re: apologia di reato ed emendamento D'alia
      - Scritto da: fisico
      Cosa si fa quando ci sono gruppi che istigano
      alla violenza o al reato? Cosa si fa se il
      gestore non prende provvedimenti? Si fa quel che già prevede la legge: denuncia per apologia di delitto (art 414 codice penale http://www.previdenza-professionisti.it/idarticolo=708) e quando un giudice avrà emesso una sentenza condanna, magari confermata dall'appello, si elimina la pagina web.Per usare parole semplici: reato è quando giudice sentenzia, non prima.E' questo il principio su cui si basa la civiltà occidentale. Il mondo è grande, chi vuole abbracciare altri principi può trovare senza problemi un paese che già li applica.
  • Garlini Valter scrive:
    Ma a cosa siamo arrivati...
    A lottare perché NON si facciano delle leggi liberticide !!! I politici che ci rappresentano, ma che NON abbiamo scelto in alcun modo, sono orami un "ciarpame senza pudure" che meriterebbe di essere spazzato via da un uragano di m.... !
    • Supposte a pagamento scrive:
      Re: Ma a cosa siamo arrivati...
      - Scritto da: Garlini Valter
      A lottare perché NON si facciano delle leggi
      liberticide !!!

      I politici che ci rappresentano, ma che NON
      abbiamo scelto in alcun modo, sono orami un
      "ciarpame senza pudure" che meriterebbe di essere
      spazzato via da un uragano di m....
      !Quoto!
  • Pino scrive:
    Quanta intelligenza nei suoi occhi
    [img]http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/files/2009/02/d300239.jpg[/img]Quest'uomo ha capito tutto della rete :p
  • Roland21 scrive:
    Il potere della rete...
    I (love) the Internet!
  • paolo del bene scrive:
    D'Alia e compagni di merende
    vi chiedo gentilmente di leggervi il blog:http://bavaglio-ad-internet.blogspot.comsaluti paolo
  • paolo del bene scrive:
    decreto D'Alia verrà cancellato
    state apprendendo le notizie in modo frammentato, il decreto D'Alia verrà cancellato e comunque come hacker a sostegno del software libero, difendo la mia libertà nel seguente modo:http://unaleggeperlarete.wordpress.com/2009/04/25/appuntamento-a-milano-per-la-presentazione-del-ddl/#comment-75
    • GregHouse scrive:
      Re: decreto D'Alia verrà cancellato
      Sai proprio tutto tu... peccato che chi ha scritto l'articolo su PI sia Guido Scorza, che ha attivamente collaborato alla stesura dell'emendamento Cassinelli che ha portato all'abrogazione dell'emendamento D'Alia.Deframmentati tu, va'...
  • Lex Logic scrive:
    la cara Carlucci?
    http://www.youtube.com/watch?v=Xv5bh4fbDkU&feature=player_embeddedScusate è la seconda volta che posto il link, ma vale veramente la pena di essere visto da più persone possibili. Però è attinente molto attinente. Io non sono della parte opposta, anzi ma mi fa di uno schifo vedere gente incompetente legiferare su cose di cui ignorano funzionamento e possibilità.Ci scommetto quel che volete, che in tutti i laureati li dentro non ci sta nemmeno il 10% che abbia seguito un corso di informatica base, potrei anche azzardarmi a dire che vedono da lontano anche l'ECDL (patente europea per così dire informatica)Votano perchè il doppio petto del senatore è bello, lui ha votato per il tuo emendamento quando c'è stato bisogno, e chissà che criteri adottano.Per favore, le veline alle europee no.
    • hubert scrive:
      Re: la cara Carlucci?
      Non postare quel video, XXXXX.Mi hai rovinato la giornata.La carlucci.......mamma mia, mamma mia che disperazione
      • Lex Logic scrive:
        Re: la cara Carlucci?
        Oh scusa, non volevo, io esultavo a non veder più certa gente in tv e poi me la riscopro in parlamento..
    • Shu scrive:
      Re: la cara Carlucci?
      - Scritto da: Lex Logic
      Per favore, le veline alle europee no.Al di là della manipolazione politica che ne potrà essere fatta, siamo sicuri che le "veline" (non specificatamente quelle di cui si parla in questi giorni, ma in generale) non possano portare idee nuove, e magari una maggiore consapevolezza soprattutto in materia di progresso tecnologico, nelle sedi politiche?E` un caso che questa legge sia passata in Senato (in cui per essere eletti occorre avere compiuto i 40 anni, e si può essere votati solo da elettori
      25 anni) e sia stata bloccata in Camera dei Deuptati (età minima 25 anni, eletti da
      18 anni)?Non è ora di dare una svecchiata ai nostri politici, magari rendendo veramente perfetto il bicameralismo (18 anni per entrambi, sia per i candidati che per i votanti)?Siamo proprio sicuri che i giovani, per quanto appaiano in TV solo come immagine (per colpa della TV, non dei giovani, IMHO), non abbiano idee magari migliori di chi sta lì da 20-50 anni solo per lo stipendio faraonico a fine mese?Bye.
      • Lex Logic scrive:
        Re: la cara Carlucci?
        Non hai capito, il problema non è l'essere giovane o meno in politica secondo me, basta avere competenza e testa e puoi fare cose buone a qualsiasi età.Il problema secondo me è inondare a solo scopo mediatico (è un bel risparmio proporre un candidato già arcinoto) ed è un giochino politico che ha riconosciuto anche la moglie stessa di chi tira i fili. http://www.asca.it/copertina-EUROPEE__LISTE_PDL__BARUFFA_SULLE_VELINE_IN_CASA_BERLUSCONI-1277.htmlNon guardate il colore delle fonti che posto, non lo so nemmeno, non mi interessa se non per attendibilità generale.Che figura ci facciamo in Europa?
      • Giambo scrive:
        Re: la cara Carlucci?
        - Scritto da: Shu
        E` un caso che questa legge sia passata in Senato
        (in cui per essere eletti occorre avere compiuto
        i 40 anni, e si può essere votati solo da
        elettori
        25 anni) e sia stata bloccata in Camera
        dei Deuptati (età minima 25 anni, eletti da
        18
        anni)?Eh :o ?!? Avete veramente una legge simile in Italia ?In quali altri paesi europei ?
    • Asbesto scrive:
      Re: la cara Carlucci?
      Ragazzi, ma ci rendiamo conto di chi stiamo parlando? Forse qualcuno ha la memoria corta (o è troppo giovane) ma parliamo della Carlucci... La "famosa" showgirl (?!) e presentatrice; quella peggiore (?) delle tre sorelle Carlucci. E ora "deputata" nel nostro "onorevole" Parlamento. Nani & ballerile... e tutto il resto è noia!
    • australopit eco scrive:
      Re: la cara Carlucci?
      carlucci, sei veramente il minimo
  • gnulinux86 scrive:
    Libertà rulez......
    Come da oggetto......
  • daniele scrive:
    elezioni europee
    forse questi signori non sanno che il 6-7 giugno ci sono le elezioni europee quindi italiani apriamo gli occhie cerchiamo di fare il possibile che questi signori non vadino a strasburgo altrimenti sono problemi seri di noi utenti di internet se vogliamo che la rete resti libera buona giornata
  • yuda scrive:
    Lunga vita a Cassinelli
    510016
  • silvio scrive:
    Mah!?
    A parte che si esulta quando si vince la guerra e non la battaglia, mi domando ma una notizia così è commentata solo da 2 persone!?!?State perdendo colpi PI!!!!!
    • outkid scrive:
      Re: Mah!?
      capita quando Repubblica da le notizie piu' in fretta di PI con lo stesso grado di approssimazione...
    • bubba scrive:
      Re: Mah!?
      - Scritto da: silvio
      A parte che si esulta quando si vince la guerra e
      non la battaglia, mi domando ma una notizia così
      è commentata solo da 2
      persone!?!?forse perché, se la qualità dell'emendamento Cassinelli, è quella proposta nell'articolo citato anche da P.I. che dice "Cassinelli vorrebbe rivolgersi direttamente a colui che si ritiene autore delle sortite che potrebbero rappresentare "delitti di istigazione a delinquere o a disobbedire alle leggi" o "delitti di apologia di reato". Non verrebbe più chiamato in causa il Ministro dell'Interno, ma dovrebbe essere la stessa autorità giudiziaria ad ordinare l'"immediata rimozione a titolo preventivo e cautelare" del contenuto. Il netizen dovrebbe avere 24 ore di tempo per ottemperare: sul suo capo, in caso di inadempienza, pende una sanzione che, a seconda del ritardo, oscilla tra i 1.000 e i 70.000 euro" c'e' assai poco da stare allegri...E' la situazione paripari a quella che commentavo in un altro post : governo propone $cacata_pazzesca in parlamento, la cosidetta opposizione si oppone [qua e' tecnicamente il contrario, ma cambia molto poco] e il provvedimento viene ridotto a $cacata_semplice. Tutti i politici sono felici di aver vinto la loro battaglia. Il risultato per i cittadini è che entra in vigore $cacata_semplice .
      • Guido Scorza scrive:
        Re: Mah!?
        Solo un chiarimento: il nuovo emendamento Cassinelli, approvato questa notte, si limita a stabilire l'abrogazione dell'emendamento d'alia senza sostituirlo con nessun altra previsione...Lo stato dell'arte, quindi, è quello che c'era prima che D'Alia scendesse in campo ovvero agli illeciti a mezzo internet si applicano le stesse regola applicabili agli illeciti commessi "offline".A questo punto...tutto dipende da cosa si intende per "guerra" e "battaglia" ma, forse, possiamo permetterci di dire, restando con i piedi per terra, che questa "guerra" è vinta...poi, ovviamente, ne seguiranno delle altre. Buona giornata.
        • Peppe scrive:
          Re: Mah!?
          Io non ho capito, la Cassinelli dovrebbe essere l'ammazza-blog con il vestito buono (una Prodi-Levi con il makeup) ma sta schifezza e' passata?Oppure l'articolo dice che solo la D'Alia e' sparita e la Cassinelli + Carlucci devono ancora essere discusse?PS Cara redazione di PI, i nostri letamari al governo han partorito tante di quelle depravazioni su internet che mi sono un po' perso.Potreste per cortesia fare uno schemino cronologico del loro letame? Es, prima la Urbani (la robin hood dei ricchi sfondati), poi la Levi-Prodi (leggi "ammazza-blog") poi Cassinelli (la "ammazza-blog" col faccino pulito) ecc.Cioe' uno schema cronologico in cui ci sta anno e governo + nome legge + breve descrizione + nome e partito del promotore. Non dico di partire da Urbani, ma almeno l'ultima tornata di guano, magari...
        • bubba scrive:
          Re: Mah!?
          - Scritto da: Guido Scorza
          Solo un chiarimento: il nuovo emendamento
          Cassinelli, approvato questa notte, si limita a
          stabilire l'abrogazione dell'emendamento d'alia
          senza sostituirlo con nessun altra
          previsione...
          Lo stato dell'arte, quindi, è quello che c'era
          prima che D'Alia scendesse in campo ovvero agli
          illeciti a mezzo internet si applicano le stesse
          regola applicabili agli illeciti commessi
          "offline".
          A questo punto...tutto dipende da cosa si intende
          per "guerra" e "battaglia" ma, forse, possiamo
          permetterci di dire, restando con i piedi per
          terra, che questa "guerra" è vinta...poi,
          ovviamente, ne seguiranno delle altre. Buona
          giornata.mhh.. ammetto la mia "colpa". Essendoci almeno 2-3 versioni dell'emendamento Cassinelli, avevo immaginato la peggiore delle ipotesi. Quella approvata invece è di 1 riga = abrogato l'articolo D'elia... quindi si, diciamo che questa piccola ma importante battaglia (la guerra è beeen lungi dall'essere vinta) è vinta.Con cio mi permetto di rimanere estremamente critico con l'intero impianto dei giochi (cassinelli assieme ad altri ha dato vita all'intergruppo http://camere2punto0.wordpress.com/ , tra i cui membri c'e' per es la Lorenzin nota per i suoi deliri sui siti che parlano di anoressia). C'e' il rischio concreto che un po di parlamentari capiscano meglio cos'e' internet e producano leggi più insidiose e quindi dannose, di quelle sovente deliranti proposte sinora :)
    • kotaro scrive:
      Re: Mah!?
      - Scritto da: silvio
      A parte che si esulta quando si vince la guerra e
      non la battaglia, mi domando ma una notizia così
      è commentata solo da 2
      persone!?!?
      State perdendo colpi PI!!!!!La gente lavora...
  • ouy scrive:
    D'Alia dimettiti
    A questo punto il D'Alia dovrebbe andar via, o no?
  • ogekury scrive:
    Finalmente
    Una buona notizia
Chiudi i commenti