Google vince il Super Bowl

Successo per lo spot commissionato da Mountain View durante l'evento sportivo più atteso degli Stati Uniti. Realizzato mostrando solo il suo box di ricerca. Mentre Motorola ci prova con Megan Fox

Roma – Era stato annunciato con un tweet del CEO di Google Eric Schmidt ed è arrivato nel terzo quarto dello show del Super Bowl: la prima grande pubblicità di Google, che raramente propone spot televisivi e che per la sua prima appare sui maxischermi dell’evento sportivo dell’anno.

Lo spot , intitolato “Amore Parigino”, utilizza solo schermate di Google e varie ricerche effettuate con il suo aiuto per raccontare una storia. Quella di un navigatore che va a Parigi per imparare il francese e finisce per innamorarsi e mettere su famiglia in Francia: il tutto con tale diretta semplicità che ha fatto parlare gli osservatori di spot di successo, e che l’ha reso popolare tra i netizen.

Lo spot per la verità girava già per la Rete, e proprio il successo che aveva già riscontrato ha spinto Google, racconta Schmidt, a condividerlo con un pubblico più ampio.

Quello del Super Bowl, d’altronde, è un momento mediatico fondamentale negli Stati Uniti: nella stessa occasione quest’anno anche Motorola ha presentato uno spot da mozzare il fiato, protagonista l’attrice Megan Fox , per presentare il Motorola Devour con Motoblur.

Il successo già raccolto il Rete con il piccolo spot è stato quindi amplificato dalla visibilità della platea sportiva, tanto da rendere imbarazzante, secondo alcuni osservatori , il confronto con una recedete pubblicità adottata da Microsoft per la promozione di Bing: troppo tecnico l’approccio di BigM, più umano quello di BigG.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Come sempre i pirati non hanno noie
    Chi compra da questi servizi ha solo rogne, e se le merita :p
  • Wolf01 scrive:
    Chiedere scusa via twitter
    L'indecenza non ha limiti, come le condoglianze via facebook
  • Undertaker scrive:
    Skazzaa
    Se ne sono accorti anche alla Symantec !!Una volta ho provato ad installarlo ed ho fatto il pienone di spyware !MAI VISTA una cosa del genere, non so chi usi una schifezza simile ma devono essere i soliti utonti/niubbi
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Skazzaa
      Questo era vero fin dalla metà del 2009: KaZaA per guadagnare traeva profitto dagli spyware e adaware installati e di tutte le schifezze che possono immondare una macchina windows. Adesso però KaZaA è legale e sicuro, perchè funziona grazie alla sottoscrizione di un pagamento mensile di 20.
Chiudi i commenti