Guai grossi per il Deceptive Duo

Anche il secondo componente della crew penetrata nei computer della Difesa e in altri sistemi governativi americani viene formalmente accusato. Rischia moltissimo


Washington (USA) – “L’ufficio del Procuratore generale del Distretto settentrionale della California ha annunciato che Robert Lyttle, 20 anni di Pleasant Hill in California, è stato formalmente accusato da un grand jury federale di essere penetrato in computer governativi e aver defacciato siti web governativi inserendo materiali ottenuti illegalmente attraverso le proprie intrusioni illecite”.

Recita così la secca nota del Dipartimento di giustizia americano con cui si annuncia lo sviluppo processuale per uno dei due componenti della crew Deceptive Duo , salita agli onori delle cronache per le proprie incursioni informatiche in sistemi istituzionali, sebbene ciò sia avvenuto perlopiù per effettuare operazioni di defacement , ovvero di sostituzione dei contenuti ospitati da un sito, senza ulteriori danni.

A Lyttle viene attribuita l’incursione, tra le altre cose, in sistemi della NASA e della Difesa nonché in altri computer del governo federale e di diverse amministrazioni locali. Si ritiene che i danni da lui causati siano superiori ai 70mila dollari.

La massima pena prevista per quanto contestato a Lyttle è 10 anni di reclusione e 250mila dollari di multa con, in più, l’eventuale restituzione dei danni. Se riconosciuto colpevole, ad ogni modo, Lyttle difficilmente si troverà dinanzi a sentenze così pesanti, senza contare i possibili sconti di pena nel caso decida di patteggiare.

Lo scorso maggio, come si ricorderà, era stata la volta di Benjamin Stark , l’altro componente della crew, il cui arresto aveva fatto andare su tutte le furie quelli di Sm0ked Crew che hanno minacciato di tornare in azione qualora il Duo finisca in prigione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Antuan scrive:
    Re: Ehi, c'è nessuno in casa?
    Il punto è che la porta non era blindata, o perlomeno aveva una blindatura di ricotta visto che qualcuno ha dimostrato la sua debolezza. O no? Certo, nessuno ha il diritto-dovere di mostrarmi che la mia porta fa schifo, tanto più se con questa giustificazione mi viene a guardare nei cassetti, ma c'è una proporzione in tutte le cose. Hanno sparato alla mosca con un cannone...una tirata di orecchie (seguita da un grosso e segreto GRAZIE), sarebbe stata probabilmente la cosa giusta. Ma tant'è...la puritana america, piena di contraddizioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    - Scritto da: Bombardiere
    non crederci.... praticamente permetteva di
    MODIFICARE password, e usare nickname
    esistenti.... ad esempio la password di
    Pietro e del fratello era bignardi..... Complimenti ! la divulgazione di queste info e' un reato bello e buono !PS : A parte che una passord cosi' chiunque l'avrebbe indovinata in meno di 10 tentativi :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ehi, c'è nessuno in casa?
    - Scritto da: Anonimo
    Ehi, c'è nessuno in casa? Volevo solo
    dirvi che la porta è aperta, forse
    sarebbe meglio chiuderla!
    Ed è così che fu condannato
    per violazione di proprietà privata
    con aggravante del furto con scasso.
    Ma come, non ha preso niente, allora
    è pure un fesso...Forse nella tua testa non c'è nessuno....un ladro che riesce a scassinare la tua porta blindata, ti spia per mesi mentre sei in cesso e poi rilascia una intervista di cosa ha fatto... questo è l'esempio giusto, non il tuo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste

    Facendo uan ricerca con google mi é
    capitato di beccare l'installazione non
    protetta di un phpmyadmin, di un sito che
    offriva hosting....
    Bhe sono rimasto indeciso per 2 giorni, poi
    ho mandato una mail al responsabile che mi
    ha ringraziato, mi ha fatto piacere, pero
    sapere che mi avrebbe anche potuto
    denunciare mi fa un po pensare.
    Non so cosa faro se mi ricapitasse...
    sinceramente non ne ho idea.Hai cercato con google, non hai usato strumenti d'attacco, scanning e via dicendo, è ben diverso.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    - Scritto da: Anonimo
    Mi è capitata una cosa simile al
    webb.it di PD qualche mese fa.
    Eravamo tutti in LAN con decine di PC
    collegati, girando ne vedo uno che la
    cartella doc condivisa... La
    curiosità ha avuto il sopravvento -_-
    Fisto qualche foto della nipotina, qualche
    .doc e poi ho visto dei fogli xls con
    preventivi e costi della "presumo" sua
    ditta.
    Atto di clemenza, a piè di pagina
    c'era il suo num di cellulare, l'ho chiamato
    e gli ho detto: "Ciap Paolo... togli la
    condivisione, almeno dalla cartella
    preventivi(!)"
    Mi ha ringraziato INFINITAMENTE ma NON mi ha
    denunciato!!!
    Baci Nicola.Ok ma non credo che il New York Times avesse una condivisione visibile al mondo, credo che l'amico Lamo si sia sforzato un pò per entrarci.
  • Anonimo scrive:
    Il braccialetto elettronico??
    Glielo stanno dando per testare l'efficacia... hehe magari lo buca e gli fa credere di essere dove non è...chi lo può sapere?E' buono avere qualcuno che è disposto a lavorare per te, senza saperlo (dunque senza fare troppe storie) e soprattutto gratis !!Se ci aggiungi che deve anche sborsare oltre 60000 dollari... poveretto ...
  • Bombardiere scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    - Scritto da: aenigma

    - Scritto da: Anonimo

    Mi domando se qualcuno di voi scoprisse

    qualche falla di sicurezza in qualche

    infrastruttra importate cosa farebbe?



    Io personalmente mi proporrei con
    insistenza

    come consulente, se proprio ho uno
    slancio

    di altruismo "per dare un impulso alla

    sicurezza informatica" posso farlo

    gratuitamente. Dichiarare ad una
    rivista che

    l'ho fatto mi sembra invece l'ultima
    delle

    fesserie.

    E se proprio non ricevo risposta
    venderei le

    mie informazioni a qualcuno che le
    sappia

    sfruttare per bene.



    Disonesto si ma con onore.

    Facendo uan ricerca con google mi é
    capitato di beccare l'installazione non
    protetta di un phpmyadmin, di un sito che
    offriva hosting....
    Bhe sono rimasto indeciso per 2 giorni, poi
    ho mandato una mail al responsabile che mi
    ha ringraziato, mi ha fatto piacere, pero
    sapere che mi avrebbe anche potuto
    denunciare mi fa un po pensare.
    Non so cosa faro se mi ricapitasse...
    sinceramente non ne ho idea.La cosa importante, è NON sfruttare la falla..... ma limitarsi ad esplorarla. A me è capitato una volta un gravissimo bug sul sito di PIETRO TARICONE..... avete capito bene, e siete anche liberissimi di non crederci.... praticamente permetteva di MODIFICARE password, e usare nickname esistenti.... ad esempio la password di Pietro e del fratello era bignardi..... Io credo che le autorità non sono completamente ottuse.... e che se prendono qualche provvedimento, un motivo ci deve essere..... poi si sa che siamo tutti bravi a lamentarci.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    - Scritto da: Anonimo
    Mi domando se qualcuno di voi scoprisse
    qualche falla di sicurezza in qualche
    infrastruttra importate cosa farebbe?

    Io personalmente mi proporrei con insistenza
    come consulente, se proprio ho uno slancio
    di altruismo "per dare un impulso alla
    sicurezza informatica" posso farlo
    gratuitamente.Io mi farei i caxxi miei.
  • Anonimo scrive:
    Ehi, c'è nessuno in casa?
    Ehi, c'è nessuno in casa? Volevo solo dirvi che la porta è aperta, forse sarebbe meglio chiuderla!Ed è così che fu condannato per violazione di proprietà privata con aggravante del furto con scasso. Ma come, non ha preso niente, allora è pure un fesso...
  • aenigma scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    - Scritto da: Anonimo
    Mi domando se qualcuno di voi scoprisse
    qualche falla di sicurezza in qualche
    infrastruttra importate cosa farebbe?

    Io personalmente mi proporrei con insistenza
    come consulente, se proprio ho uno slancio
    di altruismo "per dare un impulso alla
    sicurezza informatica" posso farlo
    gratuitamente. Dichiarare ad una rivista che
    l'ho fatto mi sembra invece l'ultima delle
    fesserie.
    E se proprio non ricevo risposta venderei le
    mie informazioni a qualcuno che le sappia
    sfruttare per bene.

    Disonesto si ma con onore.Facendo uan ricerca con google mi é capitato di beccare l'installazione non protetta di un phpmyadmin, di un sito che offriva hosting.... Bhe sono rimasto indeciso per 2 giorni, poi ho mandato una mail al responsabile che mi ha ringraziato, mi ha fatto piacere, pero sapere che mi avrebbe anche potuto denunciare mi fa un po pensare.Non so cosa faro se mi ricapitasse... sinceramente non ne ho idea.
  • Anonimo scrive:
    Re: Lamo: sono colpevole di cracking
    - Scritto da: Anonimo
    punto-informatico.it/p.asp?i=46483

    a questo punto ..........Sapeva benissimo che se non patteggiava finiva dietro le sbarre per anni. E per patteggiare devi dichiararti colpevole.
  • Giambo scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    - Scritto da: Anonimo
    Mi domando se qualcuno di voi scoprisse
    qualche falla di sicurezza in qualche
    infrastruttra importate cosa farebbe?Starei in silenzio. In caso contrario rischierei di venir deportato a Guantanamo ...
    E se proprio non ricevo risposta venderei le
    mie informazioni a qualcuno che le sappia
    sfruttare per bene.

    Disonesto si ma con onore.A questa possibilita' non avevo pensato :-) ... Ora so' cosa fare con tutti quei dump delle tabelle MySQL che ho raccolto ...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma voi cosa fareste
    Mi è capitata una cosa simile al webb.it di PD qualche mese fa.Eravamo tutti in LAN con decine di PC collegati, girando ne vedo uno che la cartella doc condivisa... La curiosità ha avuto il sopravvento -_-Fisto qualche foto della nipotina, qualche .doc e poi ho visto dei fogli xls con preventivi e costi della "presumo" sua ditta.Atto di clemenza, a piè di pagina c'era il suo num di cellulare, l'ho chiamato e gli ho detto: "Ciap Paolo... togli la condivisione, almeno dalla cartella preventivi(!)"Mi ha ringraziato INFINITAMENTE ma NON mi ha denunciato!!!Baci Nicola.
  • Anonimo scrive:
    Ma voi cosa fareste
    Mi domando se qualcuno di voi scoprisse qualche falla di sicurezza in qualche infrastruttra importate cosa farebbe?Io personalmente mi proporrei con insistenza come consulente, se proprio ho uno slancio di altruismo "per dare un impulso alla sicurezza informatica" posso farlo gratuitamente. Dichiarare ad una rivista che l'ho fatto mi sembra invece l'ultima delle fesserie.E se proprio non ricevo risposta venderei le mie informazioni a qualcuno che le sappia sfruttare per bene.Disonesto si ma con onore.
  • Anonimo scrive:
    Re: gli usa sono...
    insomma la nazione giusta per te.
  • Anonimo scrive:
    gli usa sono...
  • Anonimo scrive:
    Lamo: sono colpevole di cracking
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=46483a questo punto ..........
  • Anonimo scrive:
    Ingrati!
    Mi domando se le facoltà intellettive delle autorità che lo hanno condannato -sicuramente inferiori alle sue- siano tanto basse da sfiorare lo zero. A giudicare da come lo hanno "ringraziato" per l'impulso che ha dato allo sviluppo della sicurezza informatica, rivelando grosse falle prima che qualche VERO malintenzionato le scoprisse e le sfruttasse a modo suo, pare proprio di sì.I cracker (esatto: quelli che entrano e distruggono) cominciano ad essermi simpatici. Forse, se il nostro eroe avesse colpito -aveva tutte le carte in regola per riuscirci- le autorità non lo avrebbero nemmeno condannato, perchè un attacco di tutto rispetto avrebbe fatto abbassare loro la cresta. VIGLIACCHI!:@:@:@:@:@:@:@:@:@
Chiudi i commenti