HBO GO, Internet TV non per tutti

La TV via cavo statunitense annuncia un accordo con Verizon e la nascita di un servizio di IPTV. Che sarà fruibile solo dagli abbonati di entrambe le società, al netto della neutralità delle rete

Roma – Net neutrality ? Separazione delle funzioni di fornitori di connettività e provider di contenuti? Negli USA sono già storia e i grandi media continuano a tessere network di mutuo interesse economico con gli ISP a suon di esclusive e player web personalizzati. Ultima di queste esclusive è quella dell’ accordo siglato tra il provider Verizon e la TV via cavo HBO , in cui si prevede la nascita della IPTV HBO GO con ricca programmazione e ferrei paletti di accesso filtrati a livelli di IP.

Come Hulu, Netflix e iTunes, HBO GO svolge la funzione di carosello multimediale straripante (almeno in teoria) di serie televisive, film e show variamente assortiti. Al contrario di Hulu e compagnia, però, per accedere alla nuova IPTV occorrerà necessariamente possedere un abbonamento alla TV via cavo di HBO assieme alla sottoscrizione di una connessione Comcast o FiOS, più il relativo servizio FiOS TV forniti da Verizon.

Nei piani del broadcaster, HBO GO permetterà agli utenti paganti di accedere a oltre 600 ore di contenuti audiovisivi (quattro volte la quantità accessibile dal servizio HBO On Demand via cavo), incluse le serie TV originali, le pellicole cinematografiche, lo sport e i documentari appartenenti alla ricca programmazione di HBO.

Al di là delle battagliere dichiarazioni d’intenti e del “valore aggiunto” che i clienti FiOS TV guadagnerebbero con la partnership, al momento i piani di HBO GO presentano qualche buco proprio nella succitata programmazione e obbligano, come sempre in questi casi, ad affrontare la necessità di cambiare il provider di connettività (laddove possibile) per l’accesso al servizio.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Antony scrive:
    Si ma...
    ...vogliono usare questo nuovo BUS per far comunicare una lumaca con una formica?Gli HD sono lenti, qualsiasi SSD non raggiunge nemmeno una piccola percentuale per poter anche solo lontanamente sfruttare l'intera banda disponibile...per cui sarà un BUS utilizzato o "tanto per utilizzarlo da qualche parte pur di non buttarlo nel dimenticatoio visto i soldi spesi per svilupparlo" oppure solo per qualache tipo di connessione di nicchia che ora non mi viene in mente.E' come inventare l'ADSL da 300GB (non MB!!) quando nessuna linea in rame presente e futura, può/potrà usarla...
    • Nedanfor non loggato scrive:
      Re: Si ma...
      Mettiamo che io produca hard disk e che il bus migliore disponibile sul mercato sia di 2Gbps. Perché mai dovrei fare un hard disk che riesce a trasferire dati a 4Gbps se il bus migliore non reggerà mai questa frequenza dati?Mettiamo che gli hard disk prodotti fino ad oggi erano tutti col limite di questi 2Gbps. Poi arriva il SATA 6Gbps. Piano piano nuovi hard disk sempre più veloci si diffonderanno... A patto che i bus necessari siano diffusi. Quindi non è che non serve a nulla, serve eccome.
  • LuNa scrive:
    se non sbaglio
    ditemi se sXXXXX:questo sistema = 16 gigabit/secfirewire 800 = 768 gigabit/seceh sono le 6.37 e non ho dormito.se ho toppato, mi nascondo giuro !nel caso non avessi toppato, a che razzo serve sta tecnologia ?
  • Paco scrive:
    speriamo
    ... che il futuro sia dell'interfaccia con i minori costi e problematichesono tecnologie ottime entrambe sia LTE che lightpeak anche se penso che lightpeak avrà maggiori costi per "l'utente", per quanto riguarda i costi dei cavi e relative connessioni fisiche...a questo punto visto che sono praticamente pronte ste tecnologie avrebbero fatto una cosa decente saltando a piè pari l'usb 3.0
  • Pippo Topolino scrive:
    Tutto qua' ?
    Che notizia scarna senza nulla ... sembra un tweet ! Sei pagato da nec per vendere la nuova connessione ?Si sa benissimo che vince sempre chi ha royality 0 o tendenti a 0 o cmq che i componenti da integrare connetttori e cavi non superino un certo tot, ormai scendiamo dal pero che si usa sempre il meglio di tutto !si usa sempre il minimo comun denominatore !
    • Rompino scrive:
      Re: Tutto qua' ?
      - Scritto da: Pippo Topolino
      Che notizia scarna senza nulla ... sembra un
      XXXXX devi vedere il tuo commento!Bello, bello veramente...
Chiudi i commenti