Hitachi chiede spazio all'Italia

Il colosso nipponico sceglie il servizio della nostrana Memopal. Per integrare il backup online negli hard disk esterni della linea LifeStudio

Roma – Il disco esterno LifeStudio proposto da Hitachi è il primo sistema storage ad includere backup locale e backup online in un’unica interfaccia, senza la necessità di installare due software separati. In determinate configurazioni, l’innovativa soluzione unisce anche basetta per hard-disk da 3.5″ e docking per chiavetta USB in un blocco unico. La memoria satellite con funzione di sincronizzazione consente di portare con sé solo le cartelle prescelte.

Il navigatore preinstallato permette invece di visualizzare e gestire i contenuti salvati nello spazio dei dischi Hitachi o accedere ai siti social come Facebook, Picasa o Flickr. Acquistando uno dei dischi USB 2.0 LifeStudio si hanno poi a disposizione 3GB di spazio online gratuito, dedicato al backup into the cloud . Al costo di 49 Euro l’anno è possibile espandere questo spazio a 250 gigabyte.

La notizia, nel senso patriottico della parola, è che il colosso giapponese ha scelto la nostrana Memopal per il servizio di storage remoto degli hard-disk LifeStudio. La startup romana, specializzata nell’archiviazione di file su server remoto, è anche l’unico partner dell’ambizioso progetto Hitachi.

I dischi esterni in questione (compatibili con PC Windows e Mac) sono già disponibili nei negozi in tagli da 250GB, 320GB, 500GB, 1TB e 2TB. Differenziati in versioni mobile e versioni desktop, Plus e Normal. I prezzi di listino variano da 64,90 euro per la versione meno capiente, fino a 199 euro per il modello da 2 terabyte (che include una penna USB da 4 giga).

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuseppe Rossi scrive:
    Grande Gene
    Grande grande sempre grande, e non contradditelo se non volete trovarvi il fondoschiena in fiamme !Ma avendo tutti gli album e avendo già pagato i diritti non mi può negare la copia in Mp3 che uso per me stesso, di giradischi se ne fanno pochi ormai.
  • sia in tema e contribuis ca scrive:
    Mah!
    Tutte le volte che vedo Gene Simmons mi si forma nella mente l'immagine della sua lingua che mi molesta fra le chiappe! La cosa mi procura sia eccitazione che disgusto. Cosa vorrà dire? Sono gay e non ho il coraggio di ammetterlo a me stesso?(newbie)
  • Funz scrive:
    Operazione simpatia
    Nuovo grande sucXXXXX di marketing: definire "sbarbatelli e lentigginosi teenager da trascinare in tribunale" i propri clienti paganti (potenziali, visto che da ora si guarderanno bene di comprare):p :linguaccia da mezzo metro :p
  • Hint02 scrive:
    ...è un bravo ragazzo
    Li "Capisco". Loro vorrebbero che la gente pagasse quei pochi pezzi conosciuti scaricandoli dai canali autorizzati......deve essere dura dover ammettere che erano un gruppo (principalmente))di "moda" e che dei Kiss, oggi, ci si ricorda per l'abbigliamento e il trucco + che del repertorio.Credo che nessuno ( o molto pochi) da tempo compri un loro CD.....a parte 2 o 3 brani max. non si salva niente. PS. credo che, visto il ridotto numero di pezzi interessanti anche se tutti pagassero, Simmons non ci farebbe una pila di $....è probabile che debba saldare il debito che ha con il giornalaio
  • Bacio scrive:
    Tutti insieme!
    I was made for sharing you babyYou were made for sharing meAnd I can't get enough from you babyCan you get enough from me?
  • panda rossa scrive:
    Spese e ricavi...
    Soffermiamoci su questo dato: Simmons ricorda che la Recording Industry Association of America (RIAA) ha sborsato più di 16 milioni di dollari per stipendiare i suoi avvocati, recuperandone appena 391mila dalle compensazioni per violazione del diritto d'autore. Persino un povero idiota come Ballmerd (noto fan dei Kiss, come si puo' vedere dalla foto)[img]http://cdn.mikeabundo.com/wp-content/uploads/2008/11/ballmer-tongue.jpg[/img]di fronte a queste cifre deciderebbe di abbandonare il progetto delle persecuzioni del P2P, che e' piu' fallimentare di vista.Non e' il P2P a far perdere soldi alle major, ma sono le cause intentate contro di esso! p)
    • Troolu Togang scrive:
      Re: Spese e ricavi...
      Oddio metti un avvertimento quando posti certe foto! Ho dovuto spegnere il monitor dal ribrezzo!
  • edoardo scrive:
    Peccato
    Io ho 15 anni e ho conosciuto la musica dei Kiss attraverso il p2p.Certo acquistare un CD originale solo per una canzone sentita di striscio non vale la pena ma man mano che scaricavo canzoni di questo gruppo le trovavo sempre più belle.Ho comprato anche la raccolta "Kiss Gold" originale in quanto la musica che mi piace davvero preferisco ascoltarla alla massima qualità possibile.Se non ci fosse stato il p2p di sicuro non avrei conosciuto questo stupendo gruppo così come molti altri artisti e canzoni introvabili
    • anonimo scrive:
      Re: Peccato
      - Scritto da: edoardo
      Io ho 15 anni e ho conosciuto la musica dei Kiss
      attraverso il p2p.Certo acquistare un CD
      originale solo per una canzone sentita di
      striscio non vale la pena ma man mano che
      scaricavo canzoni di questo gruppo le trovavo
      sempre più belle.Ho comprato anche la raccolta
      "Kiss Gold" originale in quanto la musica che mi
      piace davvero preferisco ascoltarla alla massima
      qualità possibile.Se non ci fosse stato il p2p di
      sicuro non avrei conosciuto questo stupendo
      gruppo così come molti altri artisti e canzoni
      introvabiliCome li hai conosciuti col p2p? Hai scritto Kiss sul mulo perché cercavi una canzone che parlava di baci e hai scaricato per caso il loro album.Chissà perché io e milioni di altre persone abbiamo scoperto i Kiss senza p2p.
      • krane scrive:
        Re: Peccato
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: edoardo

        Io ho 15 anni e ho conosciuto la musica dei

        Kiss attraverso il p2p.Certo acquistare un

        CD originale solo per una canzone sentita

        striscio non vale la pena ma man mano che

        scaricavo canzoni di questo gruppo le

        trovavo sempre più belle.Ho comprato anche

        la raccolta "Kiss Gold" originale in

        quanto la musica che mi piace davvero

        preferisco ascoltarla alla massima qualità

        possibile.Se non ci fosse stato il p2p di

        sicuro non avrei conosciuto questo stupendo

        gruppo così come molti altri artisti e

        canzoni introvabili
        Come li hai conosciuti col p2p? Hai scritto Kiss
        sul mulo perché cercavi una canzone che parlava
        di baci e hai scaricato per caso il loro album.
        Chissà perché io e milioni di altre persone
        abbiamo scoperto i Kiss senza p2p.E come ? Comprando dischi a caso nei negozi mentre cercavate canzoni che parlassero di baci ?
        • Guybrush Fuorisede scrive:
          Re: Peccato
          - Scritto da: krane
          - Scritto da: anonimo

          - Scritto da: edoardo[...]

          Chissà perché io e milioni di altre persone

          abbiamo scoperto i Kiss senza p2p.

          E come ? Comprando dischi a caso nei negozi
          mentre cercavate canzoni che parlassero di baci
          ?Per voi (e me) galeotto fu il passaggio in radio, per loro la ricerca di "kiss" su you tube nel tentativo di scovare qualche filmatino animato da mettere in share con la tipa o il tipo.GTFS
  • Caccomen Spring scrive:
    Ma, ma ... Gene!
    [yt]adLqah7tvjw&NR[/yt]Sei tu che ci hai educato alla trasgressione! Rompiamo le regole scaricando i tuoi dischi mentre agitiamo mezzo metro di lingua davanti al monitor (alla tua maniera) e ora ci tratti in questo modo?:'(Padre padrone ingrato! Perchè ti rivolti contro di noi?
  • vuoto scrive:
    prossimamente, chi vuol esser milionario
    Quale famoso personaggio della scena musicale ha asserito pubblicamente che "la musica e' un business"?A) Justin Bieber B) Courtney LoveC) XXXXXXX D) Gene Simmons
    • Anonymous scrive:
      Re: prossimamente, chi vuol esser milionario
      - Scritto da: vuoto
      Quale famoso personaggio della scena musicale ha
      asserito pubblicamente che "la musica e' un
      business"?

      A) Justin Bieber B) Courtney Love
      C) XXXXXXX D) Gene SimmonsA) Justing BieberAhauuhahuahuahuahuahauNo. D) Però avrei voluto fosse la A) tanto per dare una sonora testata a tutte le teenager rincitrullite che sbavano appresso al bimbetto con i capelli a scodella.
    • r1348 scrive:
      Re: prossimamente, chi vuol esser milionario
      A vedere i nomi... tutti?
    • anonimo scrive:
      Re: prossimamente, chi vuol esser milionario
      - Scritto da: vuoto
      Quale famoso personaggio della scena musicale ha
      asserito pubblicamente che "la musica e' un
      business"?

      A) Justin Bieber B) Courtney Love
      C) XXXXXXX D) Gene SimmonsXXXXXXX non si definisce una cantante o un'artista musicale, ma una performer artist
  • iupiter scrive:
    globalizzazione e condivisione
    globalizzazione e condivisione, le due piu' grandi kazzate dell universo...ora campa bene la cina e per cio' ke riguarda la condivi...mezzo mondo e' fallito...come quelli che scaricano a bafo ke falliti restano...e anche disonesti...ma si sa i valori morali c erano negli anni 70...ora al massimo i valori bollati dal tabaccaio(ma e' difficile pure trovare quelli)la terza e non ultima piaga le banche e il mondo della borsa...ora per gli utili si fottono intere generazioni.
    • fuuuuu scrive:
      Re: globalizzazione e condivisione
      la globalizzazione non esiste. Esiste l'assenza di barriere per certi beni. Ma i diritti dei lavoratori NON sono globali, le regole su sicurezza e inquinamento NON sono globali, il diritto di leggere un DVD regolarmente acquistato, di vendere un cd, di fottersene di brevetti su idee idiote non sono globali.Vorrei vederla sta globalizzazione, cosi' per curiosita'.A parte che protezionismo, mancato rispetto di brevetti e di proprieta' intellettuale, etc. hanno permesso nel corso della storia a nuove realta' di imporsi (come e' uscita fuori la Cina, pagando licenze di office?).
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: globalizzazione e condivisione
      - Scritto da: iupiter
      globalizzazione e condivisione, le due piu'
      grandi kazzate dell universo...ora campa bene la
      cina e per cio' ke riguarda la condivi...mezzo
      mondo e' fallito...Chi sarebbe fallito?
      come quelli che scaricano a
      bafo ke falliti restano...e anche disonesti...ma
      si sa i valori morali c erano negli anni 70...A che valori ti riferisci? A sesso-droga-rock-and-roll?
      • krane scrive:
        Re: globalizzazione e condivisione
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: iupiter

        come quelli che scaricano a

        bafo ke falliti restano...e anche disonesti...ma

        si sa i valori morali c erano negli anni 70...
        A che valori ti riferisci? A
        sesso-droga-rock-and-roll?Yea ! Guarda come sono venuti su bene gli attuali generali che hanno mandato i soldati usa a conquistare i paesi petroliferi.
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: globalizzazione e condivisione
      - Scritto da: iupiter
      globalizzazione e condivisione, le due piu'
      grandi kazzate dell universo...ora campa bene la
      cina e per cio' ke riguarda la condivi...mezzo
      mondo e' fallito...come quelli che scaricano a
      bafo ke falliti restano...e anche disonesti...ma
      si sa i valori morali c erano negli anni 70...ora
      al massimo i valori bollati dal tabaccaio(ma e'
      difficile pure trovare
      quelli)

      la terza e non ultima piaga le banche e il mondo
      della borsa...ora per gli utili si fottono intere
      generazioni.hai ragione... e poi non esistono più le mezze stagioni
    • Steve Blow Jobs scrive:
      Re: globalizzazione e condivisione
      - Scritto da: iupiter
      globalizzazione e condivisione, le due piu'
      grandi kazzate dell universo...ora campa bene la
      cina e per cio' ke riguarda la condivi...mezzo
      mondo e' fallito...come quelli che scaricano a
      bafo ke falliti restano...e anche disonesti...ma
      si sa i valori morali c erano negli anni 70...ora
      al massimo i valori bollati dal tabaccaio(ma e'
      difficile pure trovare
      quelli)

      la terza e non ultima piaga le banche e il mondo
      della borsa...ora per gli utili si fottono intere
      generazioni.Pure tu mi sembri un po' globalizzato: non sai nemmeno piùscrivere in italiano!
  • ullala scrive:
    kissenefrega
    dei kiss!credo sia l'unico gruppo di quell'epoca di cui non ho mai ascoltato neppure un pezzo ne legalmente ne illegalmente!
    • krane scrive:
      Re: kissenefrega
      - Scritto da: ullala
      dei kiss!
      credo sia l'unico gruppo di quell'epoca di cui
      non ho mai ascoltato neppure un pezzo ne
      legalmente ne illegalmente!Io ascoltavo i 33 giri a 45, per dargli un po' di ritmo, tanto la voce da topo aveva il cantante e da topo rimaneva piu' veloce :D
    • Aleph72 scrive:
      Re: kissenefrega
      - Scritto da: ullala
      dei kiss!
      credo sia l'unico gruppo di quell'epoca di cui
      non ho mai ascoltato neppure un pezzo ne
      legalmente ne
      illegalmente!+1
  • ephestione scrive:
    Gene dovrebbe pensare di più a Nick
    C'entra nulla con la musica, ma c'entra eccome con la "pirateria".O meglio, i pirati copiano contenuti di valore commerciale per usufruirne senza pagarli, ma non ci guadagnano sopra.Invece il puerpero Nick Simmons, figlio di Gene, ha copiato dal manga Bleach per rilasciare il suo Incarnate. Per carità, la storia è interessante, e la grafica e l'azione decisamente piacevoli, ma mentre lo leggevo provavo un forte senso di familiarità....Poi ho indagato, ed ho visto cose del genere http://community.livejournal.com/bleachness/446299.html ed ho capito cos'è che mi ricordava :DLui insomma, ha copiato, e per guadagnarci sopra, che dici papà Simmons? :P-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 ottobre 2010 21.35-----------------------------------------------------------
    • Lord Kap scrive:
      Re: Gene dovrebbe pensare di più a Nick
      - Scritto da: ephestione
      Invece il puerpero Nick Simmons, figlio di Gene,
      ha copiato dal manga Bleach per rilasciare il suo
      Incarnate. Per carità, la storia è interessante,
      e la grafica e l'azione decisamente piacevoli, ma
      mentre lo leggevo provavo un forte senso di
      familiarità....
      Poi ho indagato, ed ho visto cose del genere
      http://community.livejournal.com/bleachness/446299Direi un plagio vero e proprio.Non è che si è ispirato alle cose che ha visto (cosa che tutti fanno, in quanto è l'essenza della creatività rielaborare le proprie esperienze), le ha proprio copiate tipo quando si facevano i disegni con la carta carbone o mettendo i due fogli sovrapposti sul vetro della finestra.-- Saluti, Kap
    • Valeren scrive:
      Re: Gene dovrebbe pensare di più a Nick
      Qui siamo ben oltre il plagio: ancora un po' e RICALCAVA.
  • gino alessi scrive:
    kiss dal kas
    ora e sempre "kiss dal kas"Incisione su banco di scuolaCorreggio, Ragioneria 1979 circa.
    • Caccomen Spring scrive:
      Re: kiss dal kas
      Uuuuuuhh, come sei vecchio!Ma poi, oltre ai poster dei Kiss, c'era o no la droga nelle sale giochi?[img]http://static.blogo.it/gamesblog/thumb_imgp6701.jpg[/img]
  • uno qualsiasi scrive:
    Perdite di lavoro
    Alle solite... sono posti di lavoro obsoleti. A nessuno interessa che tali lavori (produzione e vendita dei cd) vengano fatti, visto che non ci interessa poi comprare i cd (preferiamo i file mp3, che non richiedono tutto quel lavoro e quel personale).Quindi, chi dovrebbe pagare quelli che fanno un lavoro inutile? O lo fanno gratis, se ci tengono proprio.... o non lo fanno (e nessuno lo rimpiange)
    • iupiter scrive:
      Re: Perdite di lavoro
      sara0 obsoleto il tuo cervello...i negozi di dischi erano posti bellissimi si incontrava gente e si sceglievano i vinili...altre atmosfere che per fortuna mia e sfortuna vostra non conoscete e mai conoscerete come tante altre cose.. non e' questione di nostaglie...e' che uno ha visto il prima e il dopo...e prima le cose funzionavano meglio..e non alla " il primo che ruba e' furbo". sara' un caso ma cose come i pink floyd eric clapton santana e tanti altri dove stanno ora? per non parlare dei film che ti propongono ora che sono solenni XXXXXte...e di chi e' la colpa? anche di internet dove non c e' piu' profitto non c e' piu neanche gente che si affatica a creare cose interessanti...e beccatevi la monnezza...sia musicale che cinematografica per non parlare della tv...se mezza italia si vede le fiction la sera vuol dire che le menti piu' in la di tanto non vanno...guardatevi il film di villaggio il bel paese..profetico
      • Oppure scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        Guarda che è da molto prima dell'avvento di Internet che nei negozi di dischi non ci trovi più il vinile, e non c'entrano nulla né la rete né i pirati... Non è una questione di "il primo che ruba e' furbo", ma di tecnologia che rende obsoleti gli LP (nonchè chi li vende e chi li produce) grazie prima ai CD, poi agli mp3. Sarebbe così anche senza pirateria, come è sucXXXXX per i maniscalchi, i vetturini... Paradossalmente secondo me si va verso la qualità: l'artista E' DAVVERO tale? Allora guadagnerà con i suoi concerti, la musica sarà solo il suo richiamo per le allodole. L'artista è costruito a tavolino per far guadagnare i burattinai (com'è stato finora)? Sorry, i burattinai sono destinati a scomparire, insieme al burattino.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: iupiter
        sara0 obsoleto il tuo cervello...i negozi di
        dischi erano posti bellissimi si incontrava gente
        e si sceglievano i vinili...Se erano così belli perchè la gente li ha disertati appena ne ha avuto la possibilità?
        altre atmosfere che
        per fortuna mia e sfortuna vostra non conoscete e
        mai conoscerete come tante altre cose..Poco male. Non conosco nemmeno venditori di ghiaccio, e non ne sento il bisogno.
        non e'
        questione di nostaglie...e' che uno ha visto il
        prima e il dopo...E come lo chiami, se non nostalgia?
        e prima le cose funzionavano
        meglio..In che modo? Potevi avere la musica gratis? Direttamente a casa? All'istante?No?E cosa potevi avere, che oggi non hai?
        e non alla " il primo che ruba e' furbo".
        sara' un caso ma cose come i pink floyd eric
        clapton santana e tanti altri dove stanno ora?Su youtube, e sul P2P, ovvio.http://www.google.com/search?q=pink+floyd&hl=it&safe=off&prmd=vnifd&source=lnms&tbs=vid:1Ti basta?Possiamo ancora avere la loro musica, e molto più facilmente di un tempo
        per non parlare dei film che ti propongono ora
        che sono solenni XXXXXte...Se i film di qualche anno fa ti piacevano di più, puoi cliccare su quelli e vedere quelli. Puoi scegliere.
        e di chi e' la colpa?Colpa di cosa?
        anche di internet dove non c e' piu' profittoCerte cose non devono essere fatte solo per profitto, altrimenti escono solo delle XXXXXte.
        non
        c e' piu neanche gente che si affatica a creare
        cose interessanti...Di certo non c'è gente che si affatica a reinventare la ruota, ed è meglio così: sarebbe solo una perdita di tempo.Quanti film erano praticamente identici a film precedenti, ed erano fatti solo per sfruttarne il sucXXXXX? Se chi lavora così si trova a non guadagnare più nulla, è solo un bene.
        e beccatevi la monnezza...sia
        musicale che cinematografica per non parlare
        della tv...se mezza italia si vede le fiction la
        sera vuol dire che le menti piu' in la di tanto
        non vanno...E questo cosa c'entra con internet? I programmi spazzatura sono sempre esistiti. C'erano anche in passato, ma nessuno li ricorda perchè abbiamo rimosso.
      • fuuuuu scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        Perche' avere nostalgia del vinile piuttosto che dello spartito o della gente che picchia sui tam tam intorno al fuoco? sei arbitrario.Fino a qualche secolo fa il modello era: il musico era tale perche' sapeva suonare e cantare, e cantava e suonava quel che voleva rielaborandolo come voleva (opzionalmente perdendo la testa se rompeva i maroni a qualche potente)Chi avesse provato a parlare di diritto d'autore avrebbe suscitato l'ilarita' generale e risposte tipo: si' ma codesta tua canzone originale che accordi usa? oh, e chi li ha inventati, tu? no? e allora perche' dovremmo pagare per quello che tu hai rubacchiato in giro, oh grullo?D'altra parte non capisco chi riduce il tutto a: si puo' tecnicamente copiare quindi e' giusto farlo. Riterrei piu' giusto 1) rispettare il creatore che puo' mettere la licenza che vuole alla sua creazione e 2) rispettare il fruitore evitandogli trappole, la maggiore delle quali e' la tecnica di marketing denominata "la prima dose e' gratuita".Quindi se vuoi che una musica o un film siano a pagamento non puoi farla sentire per radio metterla nelle pubblicita' e mostrare il trailer e poi andare a rompere i maroni con imputazioni da codice penale a chi si scarica l'mp3. O la cosa e'sempre blindata o e' sempre libera.Ecchecacchio.
      • r1348 scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        Io su last.fm discuto di musica con gente di tutto il mondo, che mi permette di conoscere band che solo grazie ad internet possono farsi conoscere, visto la poca "commerciabilità" della loro musica. Gente che la musica la fa solo per passione e impeto artistico, non calcoli commerciali.Quindi mi faccia piacere il signor Simmons e pure tu: i tempi cambiano e bisogna adeguarsi, altrimenti si finisce come i dinosauri. E non è detto che il cambiamento debba essere per il peggio. Per quanto riguarda la musica, internet è un mezzo miracolo, se sai dove cercare.
        • leonardo scrive:
          Re: Perdite di lavoro
          Quoto tutto, e credo di avere la stessa età (più o meno)di jupiter, io sono ogni giorno sempre più affascinato dalla tecnologia, e oggi a 40 anni vedo realizzate cose che a 20 sognavo e speravo che si realizzassero, internet è una meraviglia anzi è la meraviglia del nostro tempo, un po come deve essere stato a suo tempo l'invenzione dei libri che permetteva alle storie di viaggiare e di essere raccontate, e tanto per ritornare meglio in tema http://www.virgildonati.com/ questo è un ragazzo di origini italiane, forse uno dei più bravi batteristi di tutti i tempi, famosissimo in Australia e negli USA, in Germania, Svezia ma non in Italia, per fortuna c'è internet e youtube...
          • ... scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            stai parlando di virgil donati come se fosse un batterista amatoriale...ma hai idea di chi è almeno o hai cercato il primo nome che "non hai mai sentito" in italia?? non è il fenomeno da baraccone di youtube eh...ha suonato con i migliori al mondo (un paio di nomi: Billy Sheehan, Tony McAlpine, Steve Vai...) ed è conosciuto anche in italia, dove spesso fa clinic e date dal vivo (che di solito non mi perdo mai), se te non lo conoscevi direi che in questo caso è colpa tua...
      • harvey scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: iupiter
        sara0 obsoleto il tuo cervello...i negozi di
        dischi erano posti bellissimi si incontrava gentePrima non c'era internet...
        prima e il dopo...e prima le cose funzionavano
        meglio..e non alla " il primo che ruba e' furbo".Si stava meglio quando si stava peggio
        per non parlare dei film che ti propongono ora
        che sono solenni XXXXXte...e di chi e' la colpa?E chi e' colpa di chi scarica?Gli incassi che fanno adesso col cavolo che li facevano 30 anni fa, e' pieno di multisala !Il problema al limite e' che la qualità è diminuita, e non certamente per colpa del pubblico
        anche di internet dove non c e' piu' profitto non
        c e' piu neanche gente che si affatica a creare
        cose interessanti...e beccatevi la monnezza...sia
        musicale che cinematografica per non parlare
        della tv...se mezza italia si vede le fiction la
        sera vuol dire che le menti piu' in la di tanto
        non vanno...guardatevi il film di villaggio il
        bel
        paese..profeticoQueste sono sempre le solite storie delle major, che sono veritiere come berlusconi che afferma che non c'e' crisi!La qualità e' scesa perche' per fare più profitto propongono più artisti, e generalmente mediocri (costano meno) ma di bell'aspetto (ora lo spettacolo e' visuale). E per i film non credo che ne escono all'anno quanti 30 anni fa, oramai le idee originali sono finite, il 90% sono sempre la solita zolfa
        • pippuz scrive:
          Re: Perdite di lavoro

          Gli incassi che fanno adesso col cavolo che li
          facevano 30 anni fa, e' pieno di multisala!Ecco, appunto. Ora i cinema riescono a fare quattro soldini solo se possono permettersi di avere molte sale per poter attirare molte tipologie di clienti, inclusi quelli che si guardano cinepanettoni e grosse produzioni hollywoodiane, che sono fra i pochi film ad avere incassi decenti.I cinema nei centri storici stanno morendo, se non sono già (in molte città) morti. I cinema d'essay (che sono quasi gli unici che fanno una programmazione decente) fanno fatica a sopravvivere, gli unici che ancora vanno sono appunto quelle operazioni commerciali chiamate multisala, che proiettano quasi esclusivamente film "commerciali" (pochissime piccole produzioni o film "indipendenti").Sia chiaro, non che questo sia colpa di internet (già dieci anni fa i piccoli cinema avevano la flebo attaccata al braccio), ma dire che i cinema fanno un sacco di incassi perché è pieno di multisala è come dire che i negozi fanno un sacco di soldi perché è pieno di centri commerciali. La realtà è un po' più complicata.
          • italiano scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: pippuz

            Gli incassi che fanno adesso col cavolo che li

            facevano 30 anni fa, e' pieno di multisala!

            Ecco, appunto. Ora i cinema riescono a fare
            quattro soldini solo se possono permettersi di
            avere molte sale per poter attirare molte
            tipologie di clienti, inclusi quelli che si
            guardano cinepanettoni e grosse produzioni
            hollywoodiane, che sono fra i pochi film ad avere
            incassi
            decenti.

            I cinema nei centri storici stanno morendo, se
            non sono già (in molte città) morti.Verissimo, voui mettere la comodità di andare in un multisala, dove non devi diventare cretino per parcheggiare opppure dover partire di casa 2 ore prima utilizzando i mezzi pubblici. In un multisala inoltre puoi permetterti di scegliere il film sul momento cosa che nei cinemini di una volta in centro non potevi fare. Senza andare a valutare: comodità dei posti a sedere, qualità audio e video.La realtà è che i vecchi cinemini centrali sono destinati a morire per loro stessa mano! Non è colpa di chi scarica o della qualià dei film, sono loro che non sono riusciti a tenersi al passo con i tempi. I cinema
            d'essay (che sono quasi gli unici che fanno una
            programmazione decente) fanno fatica a
            sopravvivere, Come facevano fatica a sopravvivere in passato, sono sempre stati solo ed esclusimamente ad appannaggio una ristretta cerchia di persone.gli unici che ancora vanno sono
            appunto quelle operazioni commerciali chiamate
            multisala, che proiettano quasi esclusivamente
            film "commerciali" (pochissime piccole produzioni
            o film
            "indipendenti").Non per voler far polemica, ma il 99% delle produzioni indipendenti sono delle immani schifezze...

            Sia chiaro, non che questo sia colpa di internet
            (già dieci anni fa i piccoli cinema avevano la
            flebo attaccata al braccio), ma dire che i cinema
            fanno un sacco di incassi perché è pieno di
            multisala è come dire che i negozi fanno un sacco
            di soldi perché è pieno di centri commerciali. La
            realtà è un po' più
            complicata.
          • pippuz scrive:
            Re: Perdite di lavoro

            Verissimo, voui mettere la comodità di andare in
            un multisala, dove non devi diventare cretino per
            parcheggiare opppure dover partire di casa 2 ore
            prima utilizzando i mezzi pubblici.Se il cinema è nel centro della città, ti basta mezz'ora di autobus o di bici se vivi fuori dal centro in una città di medie dimensioni. Per il multisala, tipicamente in mezzo al nulla (o in un centro commerciale) ti ci vuole sempre la macchina. Qual è meglio?
            In un multisala inoltre puoi permetterti di scegliere
            il film sul momento cosa che nei cinemini di una
            volta in centro non potevi fare. Senza andare a
            valutare: comodità dei posti a sedere, qualità
            audio e video.Ah, ho capito. Tu sei uno di quelli che "andiamo al cinema, non so cosa c'è ma vediamo". Io vado al cinema se un film mi interessa, non tanto per andarci. Contento tu. Comodità dei posti ed altro non puoi averli in un piccolo cinema?
            Come facevano fatica a sopravvivere in passato,
            sono sempre stati solo ed esclusimamente ad
            appannaggio una ristretta cerchia di persone. Ristretta cerchia di persone? Guarda che la gente non va mica a vedere solo le megaproduzioni hollywoodiane che investono milioni in pubblicità, eh. Le persone che andrebbero a vederle ci sono, solo che non ci sono (quasi) più gli spazi dove andarlo a vedere.
            Non per voler far polemica, ma il 99% delle
            produzioni indipendenti sono delle immani
            schifezze...Già i tuoi interventi prima erano quello che erano, questa te la potevi pure risparmiare.
          • krane scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: pippuz

            Verissimo, voui mettere la comodità di

            andare in un multisala, dove non devi

            diventare cretino per parcheggiare

            opppure dover partire di casa 2 ore

            prima utilizzando i mezzi pubblici.
            Se il cinema è nel centro della città, ti basta
            mezz'ora di autobus o di bici se vivi fuori dal
            centro in una città di medie dimensioni. Per il
            multisala, tipicamente in mezzo al nulla (o in un
            centro commerciale) ti ci vuole sempre la
            macchina. Qual è meglio?La macchina ovviamente: dal garage al posteggio senza stare a prendere freddo alle fermarte ne' sudare sul mezzo in mezzo a gente puzzolente. Del resto siamo in italia.

            In un multisala inoltre puoi permetterti

            di scegliere il film sul momento cosa che

            nei cinemini di una volta in centro non

            potevi fare. Senza andare a valutare:

            comodità dei posti a sedere, qualità

            audio e video.
            Ah, ho capito. Tu sei uno di quelli che "andiamo
            al cinema, non so cosa c'è ma vediamo". Io vado
            al cinema se un film mi interessa, non tanto per
            andarci. Contento tu.Tanti si incontrano in 5 - 6 davanti al multisala e iniziano a parlare di cosa vedere davanti ai cartelloni, l'alternativa qual e' il chiamarsi e richiamarsi piu' volte per sentire se un film va bene a tutti ?
            Comodità dei posti ed altro
            non puoi averli in un piccolo cinema?Ma e' piu' difficile per un piccolo cinema, magari in centro dentro ad un edificio storico, fare lavori di aggiornamento.

            Come facevano fatica a sopravvivere in passato,

            sono sempre stati solo ed esclusimamente ad

            appannaggio una ristretta cerchia di persone.
            Ristretta cerchia di persone? Guarda che la gente
            non va mica a vedere solo le megaproduzioni
            hollywoodiane che investono milioni in
            pubblicità, eh. Le persone che andrebbero a
            vederle ci sono, solo che non ci sono (quasi) più
            gli spazi dove andarlo a vedere.Se ci fosse gente che lo richiede i posti esisterebbero no ? Se pensi ci sia tanta gente che verrebbe a vedere qual genere perche' non apri un cinema ?

            Non per voler far polemica, ma il 99% delle

            produzioni indipendenti sono delle immani

            schifezze...
            Già i tuoi interventi prima erano quello che
            erano, questa te la potevi pure risparmiare.
          • pippuz scrive:
            Re: Perdite di lavoro

            La macchina ovviamente: dal garage al posteggio
            senza stare a prendere freddo alle fermarte ne'
            sudare sul mezzo in mezzo a gente puzzolente. Del
            resto siamo in italia.Contento tu di prendere la macchina per andare da qualsiasi parte: se posso, vado a piedi o in bici.
            Tanti si incontrano in 5 - 6 davanti al multisala
            e iniziano a parlare di cosa vedere davanti ai
            cartelloni, l'alternativa qual e' il chiamarsi e
            richiamarsi piu' volte per sentire se un film va
            bene a tutti ?Come detto: io vado al cinema se c'è qualcosa che mi interessa ed eventualmente coinvolgo gli amici. Non vado al cinema perché non so che fare.
            Ma e' piu' difficile per un piccolo cinema,
            magari in centro dentro ad un edificio storico,
            fare lavori di aggiornamento.Quindi? Mai visto piccoli cinema con le poltroncine comode e con sistemi audio video di qualità?
            Se ci fosse gente che lo richiede i posti
            esisterebbero no ? Se pensi ci sia tanta gente
            che verrebbe a vedere qual genere perche' non
            apri un cinema?I soldi li fai con le megaproduzioni hollywoodiane o con i cinepanettoni, ma non vuol dire che i film d'essay li vadano a vedere "solo ed esclusimamente ad appannaggio una ristretta cerchia di persone". C'è una bella differenza. I cinema d'essay sopravvivono (e quindi hanno pubblico che ci va), non fanno mica i soldoni (che era questo il discorso). Per il resto, grazie ma ho già un lavoro soddisfacente e gestire un cinema penso mi porterebbe via troppo tempo. :D
          • harvey scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: pippuz
            Ecco, appunto. Ora i cinema riescono a fare
            quattro soldini solo se possono permettersi di
            avere molte sale per poter attirare molte
            tipologie di clienti, inclusi quelli che si
            guardano cinepanettoni e grosse produzioni
            hollywoodiane, che sono fra i pochi film ad avere
            incassi
            decenti.Visto che li costruiscono non credo che non vendono.Poi come i lavoratori devono essere flessibili, pure i negozianti, è normale
            I cinema nei centri storici stanno morendo, se
            non sono già (in molte città) morti. I cinemaI cinema in città muoiono perche' la gente non vive più in città e perche' i servizi pubblici fanno schifoE' molto più comodo raggiungere un cinema decentrato con il parcheggio adiacente
            multisala, che proiettano quasi esclusivamente
            film "commerciali" (pochissime piccole produzioni
            o film
            "indipendenti").Indipendenti film di qualità
            Sia chiaro, non che questo sia colpa di internet
            (già dieci anni fa i piccoli cinema avevano la
            flebo attaccata al braccio), ma dire che i cinema
            fanno un sacco di incassi perché è pieno di
            multisala è come dire che i negozi fanno un sacco
            di soldi perché è pieno di centri commerciali. La
            realtà è un po' più
            complicata.Al momento che i negozianti si lamentano che devono chiudere perche' la gente ruba i viveri nei campi, certo che contaChi chiude lo fa perchè altri più capaci hanno preso i suoi clienti
          • pippuz scrive:
            Re: Perdite di lavoro

            Visto che li costruiscono non credo che non
            vendono.Come detto, i soldi li fai con le grosse produzioni commerciali, o i titoloni di hollywood o i cinepanettoni (o similia) e solo nelle grosse multisale.
            E' molto più comodo raggiungere un cinema
            decentrato con il parcheggio adiacenteLo sarà per te: prima nel mio comune c'era un cinema, che raggiungevo in 15 minuti a piedi. Ora devo farmi 20 minuti di macchina, visto che era il classico cinema da centro storico.
            Indipendenti film di qualitàOvvio, ma spesso sono quelle che si avvicinano di più.
            Al momento che i negozianti si lamentano che
            devono chiudere perche' la gente ruba i viveri
            nei campi, certo che contaIl fenomeno della pirateria tocca più quello che è (era) il noleggio / vendita di dvd che non il cinema.
          • harvey scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: pippuz
            Come detto, i soldi li fai con le grosse
            produzioni commerciali, o i titoloni di hollywood
            o i cinepanettoni (o similia) e solo nelle grosse
            multisale.Quindi i soldi li fanno.Fanno cinepanettoni e ne fanno tanti. Quindi il loro obbiettivo di guadagnare e' preso in pieno, allora di che si lamentano?

            E' molto più comodo raggiungere un cinema

            decentrato con il parcheggio adiacente

            Lo sarà per te: prima nel mio comune c'era un
            cinema, che raggiungevo in 15 minuti a piedi. Ora
            devo farmi 20 minuti di macchina, visto che era
            il classico cinema da centro
            storico. Visto che vanno alla grande , mi sa che la minoranza sei te.....
            Il fenomeno della pirateria tocca più quello che
            è (era) il noleggio / vendita di dvd che non il
            cinema.Quindi qualcuno che ha poco da essere tutelato ....Gli unici ce vanno tutelati sono quelli che producono i film, se loro guadagnano che bisogna discutere a fare ...Ora bisogna proteggere pure i lavoratori inutili? Se hanno il fondo possono vendere altro ....
          • pippuz scrive:
            Re: Perdite di lavoro

            Fanno cinepanettoni e ne fanno tanti. Quindi il
            loro obbiettivo di guadagnare e' preso in pieno,
            allora di che si lamentano?Contento tu di guardarti i cinepanettoni.
            Visto che vanno alla grande , mi sa che la
            minoranza sei te.....Preferisci 20 minuti di macchina a 15 minuti a piedi o 5 in bici? Contento tu.

            Il fenomeno della pirateria tocca più quello che

            è (era) il noleggio / vendita di dvd che non il

            cinema.

            Quindi qualcuno che ha poco da essere tutelato
            ....

            Gli unici ce vanno tutelati sono quelli che
            producono i film, se loro guadagnano che bisogna
            discutere a fare
            ...

            Ora bisogna proteggere pure i lavoratori inutili?
            Se hanno il fondo possono vendere altro
            ....Se non quoti diventa difficile capire a cosa ti riferisci, eh.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: pippuz
            Preferisci 20 minuti di macchina a 15 minuti a
            piedi o 5 in bici? Contento
            tu.il fatto che tu abbia la fortuna di avere un cinema del genere a due passi da casa, non significa che sia così per tutti, specialmente nelle città come Milano.
          • harvey scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: pippuz

            Fanno cinepanettoni e ne fanno tanti. Quindi il

            loro obbiettivo di guadagnare e' preso in pieno,

            allora di che si lamentano?

            Contento tu di guardarti i cinepanettoni.E chi le guarda... I produttori fanno SOLO i loro interessi, fanno roba commerciale

            Visto che vanno alla grande , mi sa che la

            minoranza sei te.....

            Preferisci 20 minuti di macchina a 15 minuti a
            piedi o 5 in bici? Contento
            tu.Mi sa che proprio non vuoi capire ...La gente va ai multisala perche' fa PRIMA. In centro storico sono scomodi, se ci vai in gruppo c'e' sempre qualcuno che deve venire in macchina, trovare parcheggio, camminare ecc eccE non considerando che sempre di più la gente si trasferisce fuori città, e sempre di più il traffico cittadino è pieno di trappole (parcheggi a pagamento, zone ZTL, ecc ecc)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Perdite di lavoro

            Come detto, i soldi li fai con le grosse
            produzioni commerciali, o i titoloni di hollywood
            o i cinepanettoni (o similia) e solo nelle grosse
            multisale.Del resto, questo non ha nulla a che vedere con la pirateria. È sempre stato così.
            Il fenomeno della pirateria tocca più quello che
            è (era) il noleggio / vendita di dvd che non il
            cinema.Vero: il cinema ti offre un servizio diverso dalla visione in casa che ti offre la pirateria. Il noleggio offre invece lo stesso servizio, a condizioni decisamente più svantaggiose (costi elevati, drm, scarsa disponibilità, visione solo per un certo tempo); quindi, nessuno lo vuole più. Anzi, se il noleggio ostacola la pirateria, noi vogliamo sbarazzarci del noleggio, non della pirateria. Chi mette i film online, ci fa un favore. Chi noleggia e se la prende con i siti di streaming, ci fa un danno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Perdite di lavoro

            I cinema nei centri storici stanno morendo, se
            non sono già (in molte città) morti. I cinema
            d'essay (che sono quasi gli unici che fanno una
            programmazione decente) fanno fatica a
            sopravvivere, gli unici che ancora vanno sono
            appunto quelle operazioni commerciali chiamate
            multisala, che proiettano quasi esclusivamente
            film "commerciali" (pochissime piccole produzioni
            o film
            "indipendenti").Appunto: il cinema proietta solo i film per i quali la gente paga. E quindi, i film per il grande pubblico.Se ti lamenti che alcuni generi non vengono proiettati, chiediti: sei disposto a pagare tu per la proiezione? Tu e i pochi altri che la vogliono? Se la risposta è no, è ovvio che il film non viene proiettato.Chi dovrebbe pagare, secondo te?Grazie a internet, comunque, tu ti puoi scaricare il film lo stesso: e potrai vedere un film che, senza pirateria, non avresti mai potuto vedere, perchè non sarebbe stato conveniente comunque metterlo in programmazione.
      • Lord Kap scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: iupiter
        sara' un caso ma cose come i pink floyd eric
        clapton santana e tanti altri dove stanno ora?Questo non c'entra assolutamente nulla. Il declino della qualità musicale è figlia di un business diventato catena di montaggio più che arte.-- Saluti, Kap
      • Mastro Geppetto scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        Guarda, io sono di Bari, qui c'è un negozio storico di dischi che negli anni ha svuotato il portafogli di noi poveri sfigati che cercavamo musica diversa dal mainstream. Il negozio ha cominciato a svuotarsi quando la gente ha cominciato a comprare per posta dall'estero attraverso cataloghi cartacei. Il povero negoziante non mi vede più da anni... da quando acquisto dall'Inghilterra pagando la metà di quello che spenderei qui.
        • anonimo scrive:
          Re: Perdite di lavoro
          - Scritto da: Mastro Geppetto
          Guarda, io sono di Bari, qui c'è un negozio
          storico di dischi che negli anni ha svuotato il
          portafogli di noi poveri sfigati che cercavamo
          musica diversa dal mainstream. Ma perché parlate sempre del negoziante come di uno sfruttatore? Andava in giro in Ferrari? Lui è l'ultima ruota del carro.
          • krane scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: Mastro Geppetto

            Guarda, io sono di Bari, qui c'è un negozio

            storico di dischi che negli anni ha svuotato il

            portafogli di noi poveri sfigati che cercavamo

            musica diversa dal mainstream.
            Ma perché parlate sempre del negoziante come di
            uno sfruttatore? Andava in giro in Ferrari? Lui è
            l'ultima ruota del carro.Meno ruote ha il carro meno ci costa no ?Chissene se si perde la prima l'ultima o una di mezzo...
          • anonimo scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: krane
            Meno ruote ha il carro meno ci costa no ?
            Chissene se si perde la prima l'ultima o una di
            mezzo...Non c'entra niente con quello che ho detto. Se io domani mi abbono a un giornale di nicchia tramite posta poi non inizio a dire "ah l'edicolante svuotava il portafoglio di noi poveri sfigati". Quello faceva il suo lavoro, hai trovato un'alternativa, buon per te STOP
          • krane scrive:
            Re: Perdite di lavoro
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: krane

            Meno ruote ha il carro meno ci costa no ?

            Chissene se si perde la prima l'ultima o una di

            mezzo...
            Non c'entra niente con quello che ho detto. Se io
            domani mi abbono a un giornale di nicchia tramite
            posta poi non inizio a dire "ah l'edicolante
            svuotava il portafoglio di noi poveri sfigati".
            Quello faceva il suo lavoro, hai trovato
            un'alternativa, buon per te STOPMa l'alternativa contempla un passaggio eliminato, quindi l'eliminazione di un costo.L'edicolante faceva l'equivaletne di scaricarsi la versione online e stampartela e vendertela, ma ti costava di piu'. Tu ora salti una parte della filiera.
      • Repubblican o scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        I primi ad avere affossato i negozi di dischi sono state le grandi distribuzioni...Internet ha poi affossato le grandi distribuzioni.
      • krane scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: iupiter
        sara0 obsoleto il tuo cervello...i negozi di
        dischi erano posti bellissimi si incontrava genteE si... Ricordo le risse tra skinhead e punk davanti ai negozi.
        e si sceglievano i vinili...Che marea di tempo perso, ho iniziato ad apprezzare quando hanno messo il pc nel negozio, con il quale potevi fare i cerca.
      • Ubunto scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: iupiter
        sara0 obsoleto il tuo cervello...i negozi di
        dischi erano posti bellissimi si incontrava gente
        e si sceglievano i vinili...altre atmosfere che
        per fortuna mia e sfortuna vostra non conoscete e
        mai conoscerete come tante altre cose.. non e'
        questione di nostaglie...e' che uno ha visto il
        prima e il dopo...e prima le cose funzionavano
        meglio..e non alla " il primo che ruba e' furbo".
        sara' un caso ma cose come i pink floyd eric
        clapton santana e tanti altri dove stanno ora?Ma ti rispondi da solo mi sa. Appunto, DOVE STANNO?I cantanti/gruppi di quel genere li ha fatti fuori internet? O chi li ha sostituiti con gruppetti di bambocci tenuti assieme dal dio denaro perché erano più piacevoli alla vista, pappagalli dagli argomenti melensi e "politically correct", facili approfittatori di turbe ormonali adolescenziali?
        per non parlare dei film che ti propongono ora
        che sono solenni XXXXXte...e di chi e' la colpa?Di chi li finanzia e produce? Di chi vuole un mondo di XXXXXXXXX ammaestrati?
        anche di internet dove non c e' piu' profitto non
        c e' piu neanche gente che si affatica a creare
        cose interessanti...e beccatevi la monnezza...sia
        musicale che cinematografica per non parlare
        della tv...se mezza italia si vede le fiction la
        sera vuol dire che le menti piu' in la di tanto
        non vanno...guardatevi il film di villaggio il
        bel paese..profeticoLa monnezza arriva solo da quel mondo che si spera scompaia presto, come una buia e mercantilistica parentesi nella storia dell'arte dei primi decenni del 2000. La creatività, l'estro ed il genio non hanno nulla a che fare con i soldi: mai stato così.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 ottobre 2010 18.12-----------------------------------------------------------
    • morpe scrive:
      Re: Perdite di lavoro
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Alle solite... sono posti di lavoro obsoleti. A
      nessuno interessa che tali lavori (produzione e
      vendita dei cd) vengano fatti, visto che non ci
      interessa poi comprare i cd (preferiamo i file
      mp3, che non richiedono tutto quel lavoro e quel
      personale).

      Quindi, chi dovrebbe pagare quelli che fanno un
      lavoro inutile? O lo fanno gratis, se ci tengono
      proprio.... o non lo fanno (e nessuno lo
      rimpiange)Sai quanto costa la produzione di un Album?hai idea di quanto lavoro c'è dietro? di chi ci ha lavorato?Sesion, tecnici del suono, ingegneri, mastering, non contano? sono lavori inutili? come pensi che ci finisce la musica che ascolti sugli mp3? per osmosi?
      • krane scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: morpe
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Alle solite... sono posti di lavoro obsoleti. A

        nessuno interessa che tali lavori (produzione e

        vendita dei cd) vengano fatti, visto che non ci

        interessa poi comprare i cd (preferiamo i file

        mp3, che non richiedono tutto quel lavoro e quel

        personale).

        Quindi, chi dovrebbe pagare quelli che fanno un

        lavoro inutile? O lo fanno gratis, se ci tengono

        proprio.... o non lo fanno (e nessuno lo

        rimpiange)
        Sai quanto costa la produzione di un Album?No, dacci qualche cifra.
        hai idea di quanto lavoro c'è dietro? di chi
        ci ha lavorato? Sesion, tecnici del
        suono, ingegneri, mastering, non contano?Si, quante ore uomo richiede loro un album ?
        sono lavori inutili?Hai dimenticato un po' di gente pero': tutta la filiera della distribuzione: organizzazione, impacchettamento, trovare gli indirizzi, facchini che mettono sui camion e i camionisti stessi.Sono lavori ancora utili ?
        come pensi che ci finisce la musica che ascolti
        sugli mp3? per osmosi?Via internet, non cerco portata da un camionista.
      • panda rossa scrive:
        Re: Perdite di lavoro
        - Scritto da: morpe
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Alle solite... sono posti di lavoro obsoleti. A

        nessuno interessa che tali lavori (produzione e

        vendita dei cd) vengano fatti, visto che non ci

        interessa poi comprare i cd (preferiamo i file

        mp3, che non richiedono tutto quel lavoro e quel

        personale).



        Quindi, chi dovrebbe pagare quelli che fanno un

        lavoro inutile? O lo fanno gratis, se ci tengono

        proprio.... o non lo fanno (e nessuno lo

        rimpiange)

        Sai quanto costa la produzione di un Album?Se chi suona lo sa fare davvero, il costo di una sala di registrazione per una giornata non supera i 1000 euro, compresa la dotazione di apparecchiature e tecnico audio.Che altri costi ci sono che non sono fuffa?
        hai idea di quanto lavoro c'è dietro? Non e' mica un dato importante. Il prezzo lo fa chi compra non chi vende.Se chi vende, chiede troppo perche' "hai idea di quanto lavoro c'e' dietro", non vende.
        di chi ci ha lavorato?E un bel chissenefrega, non ce lo vogliamo aggiungere?
        Sesion, tecnici del suono, ingegneri, mastering,
        non contano?Conteranno, ma io che c'entro?Ce l'hai la macchina tu? Sai quanti operai, carrozzieri, gommisti, disegnatori, collaudatori, etc ci hanno lavorato?Ti e' mai fregato qualcosa?
        sono lavori inutili? Sono lavori che non incidono e non devono incidere.Se non sei capace di produrre musica, non produrre musica.Ma non mi venire a dire che ti serve un esercito di tecnici per mascherare la tua INCAPACITA' di suonare.
        come pensi che ci finisce la musica che ascolti
        sugli mp3? per osmosi?No, col cavo USB. Il wireless ancora non ce l'ho.
    • anonimo scrive:
      Re: Perdite di lavoro
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Alle solite... sono posti di lavoro obsoleti.E' vero, uno che tutti i giorni va a fare le rapine in banca probabilmente ritiene obsoleti anche i bancari. Perché non lasciare lì i soldi direttamente sul bancone?
  • sys64802 scrive:
    la battuta viene da se'...
    Gene Simmons... KISS my ass :)
    • vuoto scrive:
      Re: la battuta viene da se'...
      - Scritto da: sys64802
      Gene Simmons... KISS my ass :)my shiny metal(lica) ass, aggiungerebbe qualcuno ;)
  • non sia offensivo scrive:
    Ma per favore
    Gene Simmons è un buffone che farebbe qualsiasi cosa per i soldi, basta guardare che razza di boiate fa in TV tra reality show e XXXXXXX varie.E francamente i Kiss... mah... mai capito cosa ci sarebbe di tanto speciale... troppo peso all'immagine, stringi stringi non è che abbiano mai fatto chissà quali canzoni/dischi memorabili eh. Avranno avuto anche sucXXXXX, ma non li metterei mai sullo stesso piano dei veri grandi gruppi che hanno segnato la storia dell'hard rock come Led Zeppelin, AC/DC, Deep Purple, o Van Halen.
    • non sia offensivo scrive:
      Re: Ma per favore
      - Scritto da: non sia offensivo
      Gene Simmons è un buffone che farebbe qualsiasi
      cosa per i soldi, basta guardare che razza di
      boiate fa in TV tra reality show e XXXXXXX
      varie.

      E francamente i Kiss... mah... mai capito cosa ci
      sarebbe di tanto speciale... troppo peso
      all'immagine, stringi stringi non è che abbiano
      mai fatto chissà quali canzoni/dischi memorabili
      eh. Avranno avuto anche sucXXXXX, ma non li
      metterei mai sullo stesso piano dei veri grandi
      gruppi che hanno segnato la storia dell'hard rock
      come Led Zeppelin, AC/DC, Deep Purple, o Van
      Halen.Opinione personale eh... non me ne vogliano i fans dei Kiss, se ci sono in questo forum.
    • applemerda scrive:
      Re: Ma per favore

      E francamente i Kiss... mah... mai capito cosa ci
      sarebbe di tanto speciale... troppo peso
      all'immagine, stringi stringi non è che abbiano
      mai fatto chissà quali canzoni/dischi memorabili
      eh. Avranno avuto anche sucXXXXX, ma non li
      metterei mai sullo stesso piano dei veri grandi
      gruppi che hanno segnato la storia dell'hard rock
      come Led Zeppelin, AC/DC, Deep Purple, o Van
      Halen.Che c'entra questa parte del commento col contenuto della notizia?Non penso che PI sia il luogo adatto per discutere di musica.
      • non sia offensivo scrive:
        Re: Ma per favore
        - Scritto da: appleXXXXX

        E francamente i Kiss... mah... mai capito cosa
        ci

        sarebbe di tanto speciale... troppo peso

        all'immagine, stringi stringi non è che abbiano

        mai fatto chissà quali canzoni/dischi memorabili

        eh. Avranno avuto anche sucXXXXX, ma non li

        metterei mai sullo stesso piano dei veri grandi

        gruppi che hanno segnato la storia dell'hard
        rock

        come Led Zeppelin, AC/DC, Deep Purple, o Van

        Halen.

        Che c'entra questa parte del commento col
        contenuto della
        notizia?
        Non penso che PI sia il luogo adatto per
        discutere di
        musicaVa bene, non lo faccio più... :'(
      • attonito scrive:
        Re: Ma per favore

        Non penso che PI sia il luogo adatto per
        discutere di musica.guarda che che su PI si puo' parlare di tutto e di piu: musica, ricette di cucina, tecnogadget, gossip... insomma, qualunque cosa tranne l'informatica, ormai PI e' scaduto, "qualita'" e' solo una parola.
        • Please no more.... scrive:
          Re: Ma per favore
          - Scritto da: attonito

          Non penso che PI sia il luogo adatto per

          discutere di musica.
          guarda che che su PI si puo' parlare di tutto e
          di piu: musica, ricette di cucina, tecnogadget,
          gossip... insomma, qualunque cosa tranne
          l'informatica, ormai PI e' scaduto, "qualita'" e'
          solo una
          parola.Buongiorno Sig. Attonito,gradirei avere il link della sua rivista, o blog presso la quale reperirearticoli di "qualità", dal momento che PI è scaduto.GraziePSAvrebbe qualche buona ricetta tipica da consigliare?
          • attonito scrive:
            Re: Ma per favore
            - Scritto da: Please no more....
            - Scritto da: attonito


            Non penso che PI sia il luogo adatto per


            discutere di musica.

            guarda che che su PI si puo' parlare di tutto e

            di piu: musica, ricette di cucina, tecnogadget,

            gossip... insomma, qualunque cosa tranne

            l'informatica, ormai PI e' scaduto, "qualita'"
            e'

            solo una

            parola.

            Buongiorno Sig. Attonito,buon giorno a Lei.
            gradirei avere il link della sua rivista, o blog
            presso la quale reperire
            articoli di "qualità", dal momento che PI è scaduto.Mi spiace non poter soddisfare la Sua richiesta, essendo io srovvisto di blog e/o rivista. E' altresi' vero che ritengo www.tomshw.it molto piu' indicato per serieta' degli articoli e attinenza all'ambito informatico (con invero quelche ecXXXXX sul fronte hardware).
            Grazie
            PS
            Avrebbe qualche buona ricetta tipica da
            consigliare?Suggerirei i "fresnai coi munghi"A risentirLa.
    • Rocker scrive:
      Re: Ma per favore
      - Scritto da: non sia offensivo
      Gene Simmons è un buffone che farebbe qualsiasi
      cosa per i soldi, basta guardare che razza di
      boiate fa in TV tra reality show e XXXXXXX
      varie.Agreed, in un certo senso.
      E francamente i Kiss... mah... mai capito cosa ci
      sarebbe di tanto speciale... troppo peso
      all'immagine, stringi stringi non è che abbiano
      mai fatto chissà quali canzoni/dischi memorabili
      eh.Scherzi spero? a parte i 28 album (19 studio e 9 live) rilasciati, hanno reso popolare il makeup, la pirotecnica durante i live (che ha ispirato dai Manowar ai Rammstein) e dato una direzione commerciale all'hard rock che ha ispirato tutti gli anni '70. Se vuoi trovare qualcosa di simile oggi, forse lo puoi trovare nei Lordi nel lato più dark e scenico, e nei Firehouse nel lato più soft, ma entrambi gli lustrano le scarpe ai Kiss. I Kiss hanno fatto la storia dell'hard rock americano, non da soli certo. Il fatto che pochi li conoscano in Italia non li rende affatto meno importanti.
      Avranno avuto anche sucXXXXX, ma non li
      metterei mai sullo stesso piano dei veri grandi
      gruppi che hanno segnato la storia dell'hard rock
      come Led Zeppelin, AC/DC, Deep Purple, o Van
      Halen.Sono gruppi diversi. Più noti certamente in Italia, ma sono comunque tutti sullo stesso piano.
      • non sia offensivo scrive:
        Re: Ma per favore
        - Scritto da: Rocker
        - Scritto da: non sia offensivo

        Gene Simmons è un buffone che farebbe qualsiasi

        cosa per i soldi, basta guardare che razza di

        boiate fa in TV tra reality show e XXXXXXX

        varie.

        Agreed, in un certo senso.


        E francamente i Kiss... mah... mai capito cosa
        ci

        sarebbe di tanto speciale... troppo peso

        all'immagine, stringi stringi non è che abbiano

        mai fatto chissà quali canzoni/dischi memorabili

        eh.

        Scherzi spero? a parte i 28 album (19 studio e 9
        live) rilasciati, hanno reso popolare il makeup,
        la pirotecnica durante i live (che ha ispirato
        dai Manowar ai Rammstein) e dato una direzione
        commerciale all'hard rock che ha ispirato tutti
        gli anni '70. Se vuoi trovare qualcosa di simile
        oggi, forse lo puoi trovare nei Lordi nel lato
        più dark e scenico, e nei Firehouse nel lato più
        soft, ma entrambi gli lustrano le scarpe ai Kiss.
        I Kiss hanno fatto la storia dell'hard rock
        americano, non da soli certo. Il fatto che pochi
        li conoscano in Italia non li rende affatto meno
        importantiMa infatti parlavo della mia opinione personale. Sinceramente non lo ho mai trovati particolarmente interessanti dal punto di vista musicale.

        Avranno avuto anche sucXXXXX, ma non li

        metterei mai sullo stesso piano dei veri grandi

        gruppi che hanno segnato la storia dell'hard
        rock

        come Led Zeppelin, AC/DC, Deep Purple, o Van

        Halen.

        Sono gruppi diversi. Più noti certamente in
        Italia, ma sono comunque tutti sullo stesso
        piano.Beh i Van Halen sono un gruppo che comunque ha ottenuto la maggior parte del sucXXXXX in USA, come i Kiss... ma IMHO quelli del periodo migliore (non con Hagar!) erano una spanna sopra, se non altro per Eddie... l'influenza che ha dato Eddie Van Halen come chitarrista ad hard rock e metal non l'hanno data come musicisti nessuno dei Kiss.Per quanto riguarda gli 3 altri gruppi - beh... francamente ritengo che pure tra alti e bassi che hanno avuto abbiano, nel periodo migliore, comunque fatto brani e album che surclassano nettamente qualsiasi cosa mai fatta dai Kiss. Opinione personalissima, eh...
        • Let there be rock scrive:
          Re: Ma per favore
          - Scritto da: non sia offensivo
          Per quanto riguarda gli 3 altri gruppi - beh...
          francamente ritengo che pure tra alti e bassi che
          hanno avuto abbiano, nel periodo migliore,
          comunque fatto brani e album che surclassano
          nettamente qualsiasi cosa mai fatta dai Kiss.
          Opinione personalissima,
          eh...[yt]http://www.youtube.com/watch?v=Jdy6GT1Vz20[/yt]
          • Let there be rock scrive:
            Re: Ma per favore
            - Scritto da: Let there be rock
            - Scritto da: non sia offensivo

            Per quanto riguarda gli 3 altri gruppi - beh...

            francamente ritengo che pure tra alti e bassi
            che

            hanno avuto abbiano, nel periodo migliore,

            comunque fatto brani e album che surclassano

            nettamente qualsiasi cosa mai fatta dai Kiss.

            Opinione personalissima,

            eh...
            Ca**o PI, almeno fate un "anteprima messaggio" o mettete delle istruzioni cosi' almeno si evitano 'ste cacate[yt]Jdy6GT1Vz20[/yt]
          • luisito scrive:
            Re: Ma per favore
            - Scritto da: Let there be rock
            Ca**o PI, almeno fate un " anteprima messaggio " o
            mettete delle istruzioni cosi' almeno si evitano
            'ste
            cacate[img]http://img26.imageshack.us/img26/5057/anteprimal.png[/img]
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: Ma per favore
      Ti diro', se li sentivi dal vivo in quel periodo che hanno tolto il trucco e che sul palco pensavano + a suonare che allo show ti ricrederesti. Poi de gustibus, x carità!Ciao
  • uno qualsiasi scrive:
    Incapaci di dichiarare guerra?
    A me sembra che le case discografiche abbiano saputo dichiarare diverse guerre... e le abbiano perse tutte.Comunque, se i Kiss non sono soddisfatti delle case discografiche, hanno solo da non rivolgersi più a loro, e da distribuire la musica direttamente.Le case discografiche non servono più, sono solo un peso per i musicisti
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: Incapaci di dichiarare guerra?
      - Scritto da: uno qualsiasi
      A me sembra che le case discografiche abbiano
      saputo dichiarare diverse guerre... e le abbiano
      perse
      tutte.

      Comunque, se i Kiss non sono soddisfatti delle
      case discografiche, hanno solo da non rivolgersi
      più a loro, e da distribuire la musica
      direttamente.

      Le case discografiche non servono più, sono solo
      un peso per i
      musicistiGia', ma invece di arrendersi continuano a sputare madre (*) contro chi quella stessa madre la ascolta da anni grazie a loro.Bisogna riconoscere che hanno carattere.GTFS
  • attonito scrive:
    fosse vivo vivaldi....
    tuonerebbe contro il pianoforte, reo di aver affossato il clavicembalo. che'l vade a caghér, Mr Simmons.
  • Nedanfor non loggato scrive:
    Ciò dimostra...
    ... che era solo marketing, essendo il vostro un business.
Chiudi i commenti