Hitachi ora è il colosso degli hard disk

In seguito ad un accordo annunciato la scorsa primavera, Hitachi ha inglobato la divisione hard disk di IBM: nasce un gigante del settore


Tokyo (Giappone) – Dopo la finalizzazione dell’ accordo e la sua recente approvazione da parte delle commissioni antitrust dei paesi coinvolti nell’operazione finanziaria, Hitachi ha potuto consumare il matrimonio con IBM acquistando da quest’ultima la divisione hard disk.

Come previsto dagli accordi originali, Hitachi verserà nelle casse di IBM 2,05 miliardi di dollari, di cui il 70% subito e la restante parte nei prossimi tre anni.

Il colosso che prenderà vita da questa fusione, e che porterà il nome di Hitachi Global Storage Technologies, avrà fabbriche in oltre 10 paesi e sarà il più importante produttore di hard disk al mondo: secondo le previsioni di Big Blue la nuova realtà produttiva dovrebbe infatti arrivare a fatturare, durante l’anno fiscale del 2006, 7 miliardi di dollari.

La multinazionale verrà gestita da un team indipendente di dirigenti provenienti da Hitachi e dall’ex divisione HDD di Big Blue e in essa convergeranno circa 24.000 impiegati, fra cui 18.000 provenienti da IBM.

“L’acquisto del business di IBM legato agli hard disk ci fornirà l’infrastruttura commerciale necessaria per un successo a lungo termine in questo mercato così altamente competitivo”, ha affermato Masaaki Hayashi, senior vice president e director di Hitachi. “Combinando la ricerca sugli hard disk, lo sviluppo, la produzione, il marketing e le vendite in una società indipendente, stiamo creando un nuovo leader industriale pienamente focalizzato sul mercato da 20 miliardi di dollari dei disk drive”.

IBM, che non rinuncerà al suo lavoro di ricerca e sviluppo nel campo delle tecnologie per gli hard disk, sta portando avanti degli accordi paralleli con Hitachi riguardanti lo sviluppo congiunto di nuovi standard aperti per il settore dello storage: l’obiettivo è quello di incrementare l’interoperabilità fra prodotti e ridurre sia i costi di produzione che quelli di possesso.

Proprio ieri, intanto, il management del nuovo gigante ha già annunciato che presto sarà sul mercato un microdrive da un pollice quadrato capace di archiviare fino a 4 gigabyte.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LockOne scrive:
    Contraddizioni interne al Sistema?
    qualcosa non quadra.a che serve un masterizzatore DVD, se non a piratare film in DVD? naturalmente, serve pure a copiare i dvd della comunione di mio nipote.. immagino.ma quello di cui si parla in quest'articolo, scommettiamo che se lo trovano in casa dei tizi di cui all'articolo nr.1 di PI, finisce sotto sequestro? ba'. a questi punti mi piacerebbe sapere se una multinazionale come mitsubishi ha pure interessi nelle produzioni video. opla', sarebbe proprio una bella contraddizione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Contraddizioni interne al Sistema?
      A me farebbe comodo per fare i backup veramente...
      • Mariobusy scrive:
        Re: Contraddizioni interne al Sistema?
        - Scritto da: Anonimo
        A me farebbe comodo per fare i backup
        veramente...Infatti anche a me questa maggiore velocità farebbe molto comodo per i frequenti backup di grandi dimensioni!
      • Mariobusy scrive:
        Re: Contraddizioni interne al Sistema?
        - Scritto da: Anonimo
        A me farebbe comodo per fare i backup
        veramente...Infatti anche a me questa maggiore velocità farebbe molto comodo per i frequenti backup di grandi dimensioni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Contraddizioni interne al Sistema?

      a questi punti mi piacerebbe sapere se una
      multinazionale come mitsubishi ha pure
      interessi nelle produzioni video. opla',
      sarebbe proprio una bella contraddizione.be, fino a quando non potranno costringerci col fucile spianato a comprare ai loro prezzi assurdi ci costringeranno a piratare usando i loro device ad obsolescenza programmata... e i conti tornano.
  • Anonimo scrive:
    176 Mbit /s
    mettiamo di avere un sistema raid di dischi velocissimi, ma quale bus consumer mi garantisce di muovere dati ( leggere e scrivere) a queste velocita?
    • Anonimo scrive:
      Re: 176 Mbit /s
      - Scritto da: Anonimo
      mettiamo di avere un sistema raid di dischi
      velocissimi, ma quale bus consumer mi
      garantisce di muovere dati ( leggere e
      scrivere) a queste velocita?serial ata previsto per l'inizio di quest'anno (ci sono già in vendita hd che dicono di essere compatibili a questo bus), quindi dovrebbe essere già maturo per quando usciranno i 16x (per lo step degli 8x basterà il 133)
      • Anonimo scrive:
        Re: 176 Mbit /s
        Serial ATA arriva massimo a 150 mbit/s (nella sua prima versione) e questo è solo un valore teorico nella realtà non si arriva a queste velocità.
        • Anonimo scrive:
          Re: 176 Mbit /s
          Serial ATA fa rima con Cag ATA...Su PC professionale c'era una prova in cui il serial ata le prendeva da una ATA 133 Perciò a parte i cavetti sottili che aiutano chi deve assemblare o mantenere il PC, direi che S-ATA è inutile, adesso come adesso.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: 176 Mbit /s
            - Scritto da: Anonimo
            Serial ATA fa rima con Cag ATA...
            Su PC professionale c'era una prova in cui
            il serial ata le prendeva da una ATA 133
            Perciò a parte i cavetti sottili che aiutano
            chi deve assemblare o mantenere il PC, direi
            che S-ATA è inutile, adesso come adesso.

            Ciao.scusa, ma s-ata e uata133 facevano la lotta? ; )s-ata è relativamente nuovo e probabilmente i device attuali sono immaturi, da qui il fatto che oggi le prendono dagli uata133.CMQ lo step di s-ata è 150 - 300 - 600 MB/sec, direi che i 300 dovrebbero già essere un bello stacco dagli uata anche considerando il fatto che il supporto attuale è ancora immaturo e da migliorare, e s-ata 300 dovrebbe essere pronto per quando dice l'articolo.s-ata è soprattutto un cambio alla radice della tecnologia ata che supporterà sviluppi non possibili per l'u-ata.CMQ non prenderei qualcosa di s-ata 150 oggi se il supporto agli step successivi non è garantito con aggiornamenti del firmware o addirittura è specificato come impossibile.
          • Anonimo scrive:
            Re: 176 Mbit /s

            s-ata 300 dovrebbe essere pronto per quando
            dice l'articolo.be, io questo problema non me lo metterei dato che l'articolo parla di Mbit/sec e non MByte/sec.176 Mb/sec = 22 MB/secper cui un ata 33 andrà più che bene... anche considerando una efficienza del 33% inferiore al massimo teorico, o meglio basteranno una u-ata 100 o 133 che oggi sono lo standard sui macchine entry level.
          • Anonimo scrive:
            SATA vs ATA133

            probabilmente i device attuali sono immaturiLo sono!!!
            CMQ lo step di s-ata è 150 - 300 - 600
            MB/sec, direi che i 300 dovrebbero già
            essere un bello stacco dagli uata ancheMa i dischi ce la faranno in configurazione SINGOLA (cioè 1 disco) a riempire 300 MByte/s di banda? Per me, no!Da anni si viaggia sui 7200 giri sui dischi EIDE contro i ben 15.000 SCSI...oltre al fatto che pochi utenti hanno più di 1 disco EIDE attualmente, mentre di solito gli SCSI vengono venduti in batterie da 2,3,4,5 o più dischi a seconda degli impieghi.
            s-ata è soprattutto un cambio alla radice
            della tecnologia ata che supporterà sviluppi
            non possibili per l'u-ata.Se non migliora qualcosa onestamente un CHISSENE ci sta dentro!
            CMQ non prenderei qualcosa di s-ata 150 oggi
            se il supporto agli step successivi non è
            garantito con aggiornamenti del firmware o
            addirittura è specificato come impossibile.Mi sembra che fino al 300 siano compatibili ma dal 600 in poi la compatibilità non sia garantita perche' lo standard è attualmente in fase di definizione...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: SATA vs ATA133
            - Scritto da: gio74web
            ma la velocità pura
            teorica del bus eide è oggi molto simile a
            quella del bus scsi.Un pò troppo generico... simile a SCSI 2 o UW, forse, rispettivamente 40 ed 80 Mb/s, e sempre parlando in linea teorica.Ultra-160 e FC-320 sono sempre un bel pezzo avanti rispetto alla tecnologia "povera" di eide (peraltro priva di controlli di congruenza in HW sui dati in transito).Questo senza neppure sfiorare il discorso di affidabilità elettromeccanica e del bus...
          • Anonimo scrive:
            Re: SATA vs ATA133

            Ultra-160 e FC-320 sono sempre un bel pezzo
            avanti rispetto alla tecnologia "povera" di
            eide (peraltro priva di controlli di
            congruenza in HW sui dati in transito).
            Questo senza neppure sfiorare il discorso di
            affidabilità elettromeccanica e del bus... certo, il che vuole dire anche un bel lavoro risparmiato alla cpu --
            una spinta alla potenza del sitema, questo e le maggiori possibilità di concatenamento sono fattori certamente preferanziali anche di uno SCSI relativamente datato rispetto al u-ata 133, cmq per i sistemi soho, specie con cpu esuberanti come quelle di oggi che si accollano il lavoro che sarebbe del controller scsi pochi sentono l'esigenza di uno scsi a meno che non facciano operazioni disk intensive e abbiano esigenze di maggiore affidabilità, ma sono requisiti più tipici di un file server mentre le configurazioni soho sono a mezza strada tra una playstation pompata e una ws grafica!;)
          • Anonimo scrive:
            Re: SATA vs ATA133
            - Scritto da: Anonimo
            certo, il che vuole dire anche un bel lavoro
            risparmiato alla cpu --
            una spinta alla
            potenza del sitema, questo e le maggiori
            possibilità di concatenamento sono fattori
            certamente preferanziali anche di uno SCSI
            relativamente datato rispetto al u-ata 133,Esatto... senza contare che gli SCSI normalmente vivono in branco :)La ridondanza, con la maggiore affidabilità intrinseca, è la migliore garanzia di sopravvivenza. Certo non su un assemblato SOHO, dato che un controller SCSI RAID appena decente costa quanto tutto il resto del sistema...
            ma sono requisiti più
            tipici di un file server mentre le
            configurazioni soho sono a mezza strada tra
            una playstation pompata e una ws grafica!Chi fa applicazioni scientifche o CAD/CAM/CAE sicuramente usa SCSI. Le macchine SOHO possono sicuramente accontentarsi di prestazioni ed affidabilità inferiori nei supporti di massa: lo testimonia anche il fatto che le classiche periferiche di backup sono rimaste pressoché inaccessibili per il mercato di massa, escluse le stramberie della IOMega o device promiscui come masterizzatori e dischi esterni USB/FW.
    • Anonimo scrive:
      Re: 176 Mbit /s
      Per fortuna che dopo cinque post qualcuno si è accorto delle scemate che stavate dicendo!L'articolo parla di Megabit e non megabyte! C'è una bella differenza, va bè che oggi giorno quasi tutte le larghezze di banda sono espresse in Mbit (per farli sembrare di più) ma lo standard ATA è ancora espresso in megabyte, e l'ATA100 attualmente esistente equivale a 800Mbit/sec!!!1 byte = 8 bitAddirittura nei post c'è chi indica i dati in MB ma parla come se avesse scritto Mbit!!!
  • Anonimo scrive:
    DVD RAM, DVD+RW, DVD-RW.....
    Penso che prima debbano decidersi sul formato e cmq aspetto che escano DVD-R piu capienti di 4.7 GB
    • Cesco scrive:
      Re: DVD RAM, DVD+RW, DVD-RW.....
      Hai ragione da vendere... parlano da tempo dei dischi dvd da 20 gb in su che sfruttano la tecnologia blue ray.. allora perchè dovrei svenarmi (come feci nel 98 per uno yamaha scsi 6X) per prendere un drive tendenzialmente già sorpassato???è inaccettabile... sembra quasi che vogliano costringere la gente a comprarsi il drive da 4,7gb così, appena sarà diventato popolare, avranno già un'altra novità (falsa novità) da estrarre dal cappello... e giù soldi...Non si rendono conto che la gente non è stupida??Cesco- Scritto da: Anonimo
      Penso che prima debbano decidersi sul
      formato e cmq aspetto che escano DVD-R piu
      capienti di 4.7 GB
      • Anonimo scrive:
        Re: DVD RAM, DVD+RW, DVD-RW.....

        è inaccettabile... sembra quasi che vogliano
        costringere la gente a comprarsi il drive da
        4,7gb così, appena sarà diventato popolare,
        avranno già un'altra novità (falsa novità)
        da estrarre dal cappello... e giù soldi...inaccettabile? puoi produrre tu (o io) un masterizzatore dvd?purtroppo noesiste una legislazione che gli impedisca di prenderci in giro con false novità?purtroppo noquindi non è che possiamo accettare o no, il convento passa questo... al massimo posiamo non comprare, quindi al massimo abbiamo uno strumento che danneggia loro quanto noi.
        Non si rendono conto che la gente non è
        stupida??be, vedendo quello che continuano a venderci temo proprio che tu sia troppo ottimista.purtroppo c'è gente stupida che compra quelle loro panzane nate obsolete e questo gli consente di andare avanti ancora a venderci roba obsoleta per farci fare molti più step di cambiamento di quelli che ci servirebbero. Dopotutto la popolarizzazione dell'informatica ha sempre mirato a questo, chi non è un minimo preparato non può mettere in discussione le balle che ci raccontano vendendoci una tecnologia di 8 anni fa come il dvd come una figata spaziale!
        • Anonimo scrive:
          Re: DVD RAM, DVD+RW, DVD-RW.....
          - Scritto da: Anonimo

          è inaccettabile... sembra quasi che
          vogliano

          costringere la gente a comprarsi il drive
          da

          4,7gb così, appena sarà diventato
          popolare,

          avranno già un'altra novità (falsa novità)

          da estrarre dal cappello... e giù soldi...
          inaccettabile? puoi produrre tu (o io) un
          masterizzatore dvd?
          purtroppo no
          esiste una legislazione che gli impedisca di
          prenderci in giro con false novità?
          purtroppo no
          quindi non è che possiamo accettare o no, il
          convento passa questo... al massimo posiamo
          non comprare, quindi al massimo abbiamo uno
          strumento che danneggia loro quanto noi.


          Non si rendono conto che la gente non è

          stupida??
          be, vedendo quello che continuano a venderci
          temo proprio che tu sia troppo ottimista.
          purtroppo c'è gente stupida che compra
          quelle loro panzane nate obsolete e questo
          gli consente di andare avanti ancora a
          venderci roba obsoleta per farci fare molti
          più step di cambiamento di quelli che ci
          servirebbero.
          Dopotutto la popolarizzazione
          dell'informatica ha sempre mirato a questo,
          chi non è un minimo preparato non può
          mettere in discussione le balle che ci
          raccontano vendendoci una tecnologia di 8
          anni fa come il dvd come una figata
          spaziale!Penso che come per tutte le cose la verità stia nel mezzo.Siamo noi che non siamo capaci di discernere con occhio critico ciò che ci viene proposto. Ad es. c'è ancora chi aggiorna il masterizzatore CD con unità sempre più veloci (che poi non lo sono perchè inevitabilmente il trasferimento dati non riesce a stare al passo con un 48 x in scrittura) e che sembrano degli F-16 in fase di decollo.Sarà lo stesso per il DVD-R/RW, anche se è innegabile che per registrare 4.7GB in tempi ragionevoli sono necessarie velocità adeguate e un 16x mi sembra un buon compromesso.Comunque il gap tra concepimento di una nuova tecnologia e la sua applicazione di massa è sempre lungo e gli esempi sono tanti (pensa allo stesso laser! o a cose più banali come i cristalli liquidi); 8 anni dopo tutto non sono tanti.Ciao a tutti
      • Anonimo scrive:
        Re: DVD RAM, DVD+RW, DVD-RW.....
        I dischi a 9 GB esistono già, solo che non li vogliono commercializzare perchè altrimenti sarebbe il boom delle copie pirata di DVD di film, infatti su un DVD da 9 GB ci copi un film bello e buono, su uno da 4,7 no :)SalutiGallone- Scritto da: Cesco
        Hai ragione da vendere... parlano da tempo
        dei dischi dvd da 20 gb in su che sfruttano
        la tecnologia blue ray.. allora perchè
        dovrei svenarmi (come feci nel 98 per uno
        yamaha scsi 6X) per prendere un drive
        tendenzialmente già sorpassato???
        è inaccettabile... sembra quasi che vogliano
        costringere la gente a comprarsi il drive da
        4,7gb così, appena sarà diventato popolare,
        avranno già un'altra novità (falsa novità)
        da estrarre dal cappello... e giù soldi...
        Non si rendono conto che la gente non è
        stupida??

        Cesco

        - Scritto da: Anonimo

        Penso che prima debbano decidersi sul

        formato e cmq aspetto che escano DVD-R piu

        capienti di 4.7 GB
Chiudi i commenti