HP denuncia per lo storage del passato

Un cartello di aziende avrebbe bloccato il mercato per anni, costringendo i produttori di PC a pagare più del dovuto per i drive ottici. HP chiede rimborsi, Acer pure

Roma – Per sei anni avrebbero controllato l’andamento del mercato con accordi segreti volti mantenere alti i prezzi delle unità ottiche integrate nei PC e volti ad erigere invalicabili barriere all’accesso del settore. HP ha denunciato gli attori che tra il 2004 e il 2010 hanno rappresentato il 90 per cento del mercato dell’archiviazione domestica, che in quel periodo si fondava quasi esclusivamente sulla masterizzazione di CD, DVD e Blu-ray. Acer si è subito accodata. Ci sono tutte le premesse perché la giustizia statunitense dia loro ragione.

Hewlett-Packard ha depositato due denunce presso la corte federale di Houston, in Texas, per fare chiarezza e per essere rimborsata degli anni in cui avrebbe dovuto sottostare alle regole dettate dal presunto cartello. Il dito è puntato rispettivamente contro Toshiba, Samsung, Sony, Panasonic, NEC, TEAC e Quanta Storage e contro LG, Hitachi-LG, Philips, Lite-On, BenQ, Pioneer e Sharp, aziende che avrebbero ordito trame per “fissare, aumentare, stabilizzare e mantenere i prezzi” dei lettori e masterizzatori di dischi ottici. Il CES e le principali convention dedicate al settore, secondo HP , sarebbero state le occasioni di cui i vertici delle aziende approfittavano per stringere accordi capaci di ingessare il mercato, non solo agendo sui prezzi dell’hardware, ma anche sulle royalty necessarie per sfruttare i brevetti sulle tecnologie correlate allo storage su supporti ottici.

HP è determinata nel chiedere un rimborso, di cui però non è dato conoscere l’entità: sta agendo per “recuperare i danni inflitti per miliardi di dollari derivanti dall’acquisto di drive per dischi ottici a prezzi mantenuti artificiosamente alti per diversi anni”.

Le probabilità di conseguire un successo, per HP, sono alte: nel 2011 il gruppo Hitachi-LG ha accettato di accordarsi con le autorità statunitensi a seguito di una lunga indagine antitrust che ha scandagliato il settore, mentre nel 2012 le autorità europee hanno formulato i loro sospetti sull’esistenza di un cartello dei drive ottici.

Le aspettative di HP sono tanto concrete da essere state riconosciute da altri soggetti dell’industria del PC: anche Acer ha appena confermato l’avvio di un analogo scontro legale per rifarsi sul presunto cartello.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti