HP espelle 27mila lavoratori

I vertici di Palo Alto ufficializzano il taglio di cui si era vociferato. Riduzione dei costi per nuovi investimenti all'orizzonte. Puntando tutto sul cloud computing

Roma – Ora è ufficiale: HP dirà addio a 27mila dipendenti entro la fine del 2014. A riportare la notizia, il sito della società, che spiega come la necessità di abbattere i costi della manodopera sia finalizzata all’avvio di un programma pluriennale di ristrutturazione per consentire nuovi investimenti per l’innovazione e “fornire così migliori risultati per clienti, lavoratori e azionisti”.

Considerato che attualmente il personale di HP conta 349.600 unità, i licenziamenti copriranno l’8 per cento del totale. All’inizio della settimana scorsa alcune indiscrezioni parlavano di una cifra molto più bassa, dai 10 ai 15mila effettivi, ma per lo più le cifre riportate sono state rispettate. Secondo quanto riferito da Bloomberg , il CFO Cathie Lesjak ha precisato che nessuna unità dell’azienda subirà tagli indiscriminati, ma quella più colpita sarà l’unità dei servizi alle imprese.

Nelle intenzioni dei vertici HP, per promuovere gli investimenti nell’innovazione occorre focalizzarsi su quelle che sono individuate come le tre aree di interesse strategico: cloud computing, grandi banche dati e sicurezza, ma vi sono anche altri settori che, secondo la board, offrono un interessante potenziale di crescita.

L’azienda offre ai lavoratori in uscita un pacchetto di pensionamento anticipato. I piani di riduzione del personale varieranno da paese a paese, sulla base delle leggi locali e le consultazione con comitati aziendali e rappresentanti dei lavoratori.

“So che è una decisione molto triste e difficile, non è mai bello dover licenziare qualcuno – ha detto il CEO Meg Whitman – allo stesso tempo è però necessari per migliorare i processi lavorativi e salvaguardare la buona tenuta finanziaria della società. Vogliamo far sì che HP imbocchi una strada che porti ad estendere la nostra leadership globale e a fornire sempre maggiori vantaggi per i nostri clienti e azionisti”.

Nel secondo trimestre del 2012, infine, HP ha comunicato un calo dei ricavi del 3 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Cristiano Vaccarella

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    contraffatti secondo MPAA
    Certo che se cotal IHS usa la parola "contraffazione" come la usa MPAA o la SIAE, stiamo apposto... nel senso che il linguaggio pure e' contraffatto :)Sarebbe bene scrivere qualche straccio di dato chiaro su cosa/come/dove/perche'.... per es se per contraffazione si intende vendita di batterie, interfacce o cartucce per stampanti "compatibili non licenziate/violanti brevetti e altre idiozie anticompetitive" -ma e' chiaramente indicato il loro status di non-di-marca -, io sono assolutamente favorevole alla "contraffazione"
  • panda rossa scrive:
    Il costo della manodopera
    Ci hanno sempre fatto credere che l'impiego della manodopera asiatica era necessario per abbattere i costi.Ora veniamo a sapere che la manodopera americana e' in grado di produrre gli stessi oggetti, e naturalmente ci deve stare dentro coi costi, altrimenti il business non sarebbe giustificato.Come si spiega?
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Il costo della manodopera
      ci sono dei poveri e poveracci anche negli USA
    • bastian contrario scrive:
      Re: Il costo della manodopera
      - Scritto da: panda rossa
      Ci hanno sempre fatto credere che l'impiego della
      manodopera asiatica era necessario per abbattere
      i
      costi.

      Ora veniamo a sapere che la manodopera americana
      e' in grado di produrre gli <b
      stessi oggetti </b
      , e
      naturalmente ci deve stare dentro coi costi,
      altrimenti il business non sarebbe
      giustificato.

      Come si spiega?L'articolo parla di "croste digitali", vecchi chip riciclati e rimarchiati ad esempio, non si tratta degli stessi oggetti.
  • ottomano scrive:
    Ah i bei tempi....
    quando i falsi arrivavano da Napoli. :)
    • Esi scrive:
      Re: Ah i bei tempi....
      E si w laXXXXX porto dio
    • Funz scrive:
      Re: Ah i bei tempi....
      - Scritto da: ottomano
      quando i falsi arrivavano da Napoli. :)Si sono aggiornati: adesso sui caccia, sugli elicotteri e su tutti i sistemi d'arma montano sofisticati sistemi farlocchi made in China con bekdool incorporata... o almeno, questa è la loro paura ;)
Chiudi i commenti