HP lavora al chip superdenso

Una nuova tecnologia messa a punto dai labs HP potrebbe rendere la legge di Moore obsoleta e permettere, entro pochi anni, la produzione di processori contenenti svariati miliardi di transistor

Palo Alto (USA) – I ricercatori dei laboratori di HP hanno messo a punto una nuova architettura per i chip, denominata Field Programmable Nanowire Interconnect (FPNI), che secondo il colosso permette di costruire chip fino ad otto volte più “densi” di quelli attuali: in altre parole, potranno contenere diversi miliardi di transistor.

La nuova architettura di HP, derivata da quella – oggi assai diffusa – FPGA , potrebbe rendere la famosa legge di Moore – che prevede il raddoppio del numero dei transistor ogni 18 mesi – del tutto superata.

La tecnologia, spiegata nei suoi dettagli tecnici in questo articolo di HWUpgrade.it , combina la convenzionale tecnologia CMOS con dispositivi in nanoscala chiamati crossbar : questi permettono di ridurre significativamente il numero di circuiti predisposti al traporto del segnale per fare maggiore spazio ai transistor per l’elaborazione logica. Questo, secondo HP, si traduce in un incremento della densità dei transistor, in una riduzione del calore dissipato e in una maggiore tolleranza ai difetti dei chip così prodotti.

HP sostiene che i primi chip basati sulla tecnologia FPNI potrebbero vedere la luce già entro la fine di questo decennio. Tra i primi chip a beneficiare di FPNI potrebbero esserci i processori delle stampanti e di altri dispositivi embedded, ma in futuro si prevede che questa architettura venga adottata anche per le CPU dei computer.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Meglio il Blue-Ray!!
    Meglio il Blue-Ray!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio il Blue-Ray!!
      - Scritto da:
      Meglio il Blue-Ray!!Mi piacciono i giudizi sereni e motivati tecnicamente. :DMi ricordano le scritte sui muri nei bagni della scuola: "W la F**a!". Se poi magari metà della popolazione, quella femminile, potesse preferire l'argomento complementare non era nemmeno materia di opzione (o forse io non accedevo ai loro bagni, quindi non ho letto).BTW, parafrasando Woody Allen: meglio i drive bi-standard, perchè raddoppiano la tua possibilità di vederti il film noleggiato al sabato sera. ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Meglio il Blue-Ray!!
        E' diverso : "W la f*ca" è una esclamazione non inserita in un contesto di classificazioni : non implica il fatto che possa esserci qualcosa di peggiore; al contrario "Meglio il bluray" implica una valutazione, seppure non motivata in alcun modo, rispetto alla naturale concorrenza, quale è l'HD-DVD !
    • The Animal scrive:
      Re: Meglio il Blue-Ray!!
      - Scritto da:
      Meglio il Blue-Ray!!Ottima argomentazione, mi hai convinto!
  • Anonimo scrive:
    HD-DVD in ritardo.
    Notebook di dotazione analoga, di marca, non anonimi, e con masterizzatore Blu-Ray invece che HD-DVD ormai si trovano a $2600.Senza contare che il costosissimo Toshiba ha un HD-DVD compatibile coi doppio strato da 15GB a strato, i casi sono due, o Toshiba stessa non crede nei suoi nuovi triplo strato da 17GB a strato, oppure questa sua costosissima creatura verrà ben presto resa obsoleta da essi.
Chiudi i commenti