HTML5, il baco che consuma l'hard disk

Uno sviluppatore identifica un problema nell'implementazione delle specifiche di HTML5 nei browser web più popolari. Il rischio, per l'utente, è la fine dello spazio di storage del disco fisso

Roma – Lo studente di informatica e sviluppatore web Feross Aboukhadijeh ha identificato un nuovo problema in HTML5, o meglio nell’implementazione delle specifiche della più recente revisione del linguaggio ipertestuale del World Wide Web nei browser più popolari. Il problema è potenzialmente pericoloso, ma non riguarda la sicurezza in senso stretto.

Lo sviluppatore ventiduenne ha messo in mostra quanto scoperto con un sito dimostrativo, www.filldisk.com/ (AVVISO: il lettore visita la pagina a suo rischio e pericolo) e il relativo codice sorgente in JavaScript : la specifica “localStorage” di HTML5 prevede l’allocazione di cookie di dimensioni molto maggiori rispetto alla norma, e tale allocazione può essere “sequestrata” con una scrittura continua di dati sul disco fisso (sia esso magnetico o a stato solido) fino al crash del browser o al riempimento di tutto lo spazio disponibile sul volume.

Ogni nome di dominio ha un limite prefissato di storage locale a propria disposizione, spiega Aboukhadijeh, ma servendosi di sottodomini e domini affiliati al dominio principale è possibile aggirare tale restrizioni. Nei test dello sviluppatore, il codice dimostrativo è in grado di riempire 16 Gigabyte ogni 16 secondi sul disco SSD di un Macbook Pro Retina.

Dei browser più popolari, solo Firefox e Opera sembrano immuni all’exploit non autorizzato dello storage di HTML5. Gli sviluppatori di Google Chrome ammettono di essere in fallo, e indicano l’implementazione localStorage di Firefox come quella più sicura contro il potenziale rischio di abuso dello spazio su disco fisso.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il solito bene informato scrive:
    E' vero...
    <i
    Subito polemiche per quella che è stata vista come una forma di censura da parte di Apple, che metterebbe a repentaglio l'invio di messaggi in cui l'espressione non viene utilizzata in senso pruriginoso </i
    una volta ho mandato una mail con soggetto "barely legal teen" con, in allegato, la foto di un 18enne che guidava una macchina nel giorno del suo compleanno... e non me l'hanno passata!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 marzo 2013 14.59-----------------------------------------------------------
    • Leguleio scrive:
      Re: E' vero...
      - Scritto da: il solito bene informato
      <i
      Subito polemiche per quella che è stata
      vista come una forma di censura da parte di
      Apple, che metterebbe a repentaglio l'invio di
      messaggi in cui l'espressione non viene
      utilizzata in senso pruriginoso </i



      una volta ho mandato una mail con soggetto
      "barely legal teen" con, in allegato, la foto di
      un 18enne che guidava una macchina nel giorno del
      suo compleanno... e non me l'hanno
      passata!Giusto, non bisogna seguire certi esempi, sono dannosi. A meno di aver conseguito l'esame di guida proprio il giorno del compleanno, e ci riescono davvero in pochi, aveva con ogni probabilità solo il foglio rosa... e non poteva guidare da solo!
      • Passante scrive:
        Re: E' vero...
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: il solito bene informato

        Giusto, non bisogna seguire certi esempi, sono
        dannosi. A meno di aver conseguito l'esame di
        guida proprio il giorno del compleanno, e ci
        riescono davvero in pochi, aveva con ogni
        probabilità solo il foglio rosa... e non poteva
        guidare da
        solo!E chi ti dice che fosse da sola ?
        • Leguleio scrive:
          Re: E' vero...
          - Scritto da: Passante
          E chi ti dice che fosse da sola ?Aspettiamo i dettagli da il solito bene informato. La foto di un diciottenne che guida con una persona a fianco non mi pare un soggetto così interessante da spedire via e-mail con quell'intestazione... ma lo sa solo lui.
  • Leguleio scrive:
    È ancora poco
    Con Apple iCloud, la casa madre ammette tranquillamente di andare a guardare nella posta privata. È dichiarato esplicitamente nelle condizioni d'uso che gli utenti sottoscrivono, quindi nessuna sorpresa. Ma si può fare di più: apparecchi con videocamera incorporata che non si può mai spegnere e che, sia che si trovino in casa, sia che li si porti in giro, devono essere tenuti in modo che riprendano ciò che si fa e dove si va, compreso il gabinetto; anche questo, indicato chiaramente nelle condizioni d'uso. Chi non gestirà l'apparecchio come dice mamma Apple perderà la licenza d'uso.Il passo successivo sarà un uomo che compare dagli schermi per dire ai propri utenti che si sono comportati male e hanno commesso un... ma no, questo è solo Orwell e le sue paranoie da società distopica.... :-)
    • thebecker scrive:
      Re: È ancora poco
      - Scritto da: Leguleio
      Con Apple iCloud, la casa madre ammette
      tranquillamente di andare a guardare nella posta
      privata. È dichiarato esplicitamente nelle
      condizioni d'uso che gli utenti sottoscrivono,
      quindi nessuna sorpresa.

      Ma si può fare di più: apparecchi con videocamera
      incorporata che non si può mai spegnere e che,
      sia che si trovino in casa, sia che li si porti
      in giro, devono essere tenuti in modo che
      riprendano ciò che si fa e dove si va, compreso
      il gabinetto; anche questo, indicato chiaramente
      nelle condizioni d'uso. Chi non gestirà
      l'apparecchio come dice mamma Apple perderà la
      licenza
      d'uso.

      Il passo successivo sarà un uomo che compare
      dagli schermi per dire ai propri utenti che si
      sono comportati male e hanno commesso un... ma
      no, questo è solo Orwell e le sue paranoie da
      società distopica....
      :-)Il bello che i fansboys pensano che Apple sia la loro santa protettrice dei dati personali (rotfl)
      • Leguleio scrive:
        Re: È ancora poco
        - Scritto da: thebecker
        compare

        dagli schermi per dire ai propri utenti che
        si

        sono comportati male e hanno commesso un...
        ma

        no, questo è solo Orwell e le sue paranoie da

        società distopica....

        :-)

        Il bello che i fansboys pensano che Apple sia la
        loro santa protettrice dei dati personali
        (rotfl)In un certo senso è vero: la Apple li protegge da persone che mandano loro messaggi contenenti l'espressione "teen-ager ai limiti della legalità". La loro integrità morale è salva. Il messaggio inviato no, quello è perduto. Bisogna scegliere fra una perdita e una perdizione. :-)
        • collione scrive:
          Re: È ancora poco
          Non temere perché tra poco arriva Massimino e ci spiega tutto XD
        • sgabbio non loggato scrive:
          Re: È ancora poco
          - Scritto da: Leguleio Bisogna
          scegliere fra una perdita e una perdizione.
          :-)01/10.
        • zizzo scrive:
          Re: È ancora poco
          Ma non sarebbe meglio non fare arrivare le mail con "teen al di sotto della legalità" ???
          • Leguleio scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: zizzo
            Ma non sarebbe meglio non fare arrivare le mail
            con "teen al di sotto della legalità"
            ???L'espressione "barely legal" si traduce ai limiti della legalità, quindi non si parla necessariamente di teen-ager al di sotto dell'età per comparire in foto scollacciate (che è 18 anni). Ricordo per chi lo avesse dimenticato che in inglese teen-ager indica le persone la cui età si in inglese termina per -teen, cioè dai 13 ai 19 anni, quindi non c'è alcuna contraddizione in termini: persone di 18 e di 19 anni sono teen-ager che possono comparire in tutte le foto che desiderano.In più, il fatto di scrivere una e-mail che contiene quelle parole non significa che si sta inviando un allegato in tema. Possono essere mille altre cose: un pettegolezzo riferito, un sogno fatto la notte precedente, una notizia data dal telegiornale, il titolo di un libro:http://www.amazon.com/Barely-Virginity-Catholic-Confessional-ebook/dp/B009J2K7LCI meccanismo automatici sono sempre a rischio barzelletta.
          • ruppolo scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: Leguleio
            L'espressione "barely legal" si traduce ai limiti
            della legalità, quindiquindi BLA BLA BLA.
            In più, il fatto di scrivere una e-mail che
            contiene quelle parole non significa che si sta
            inviando un allegato in tema. Possono essere
            mille altre cose: un pettegolezzo riferito, un
            sogno fatto la notte precedente, una notizia data
            dal telegiornale, il titolo di un
            libro:

            http://www.amazon.com/Barely-Virginity-Catholic-Co

            I meccanismo automatici sono sempre a rischio
            barzelletta.Specialmente quando non se ne comprendono le funzionalità più elementari: il filtro oggetto dell'articolo non filtra le parole della frase, ma LA FRASE precisa "barely legal teen".E pensare che se leggevi meglio l'articolo, forse lo capivi pure. Forse.
          • Trollollero scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Leguleio

            L'espressione "barely legal" si traduce ai
            limiti

            della legalità, quindi

            quindi BLA BLA BLA.


            In più, il fatto di scrivere una e-mail che

            contiene quelle parole non significa che si
            sta

            inviando un allegato in tema. Possono essere

            mille altre cose: un pettegolezzo riferito,
            un

            sogno fatto la notte precedente, una notizia
            data

            dal telegiornale, il titolo di un

            libro:




            http://www.amazon.com/Barely-Virginity-Catholic-Co



            I meccanismo automatici sono sempre a rischio

            barzelletta.

            Specialmente quando non se ne comprendono le
            funzionalità più elementari: il filtro oggetto
            dell'articolo non filtra le parole della frase,
            ma LA FRASE precisa "barely legal
            teen".
            E pensare che se leggevi meglio l'articolo, forse
            lo capivi pure.
            Forse.So we have this 18 years old guy, a barely legal teen, buying a beer using a counterfeited ID.....Per quale motivo lo spam va marcato e non cancellato in automatico ?
          • maxsix scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: Trollollero
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Leguleio


            L'espressione "barely legal" si traduce
            ai

            limiti


            della legalità, quindi



            quindi BLA BLA BLA.




            In più, il fatto di scrivere una e-mail
            che


            contiene quelle parole non significa
            che
            si

            sta


            inviando un allegato in tema. Possono
            essere


            mille altre cose: un pettegolezzo
            riferito,

            un


            sogno fatto la notte precedente, una
            notizia

            data


            dal telegiornale, il titolo di un


            libro:








            http://www.amazon.com/Barely-Virginity-Catholic-Co





            I meccanismo automatici sono sempre a
            rischio


            barzelletta.



            Specialmente quando non se ne comprendono le

            funzionalità più elementari: il filtro
            oggetto

            dell'articolo non filtra le parole della
            frase,

            ma LA FRASE precisa "barely legal

            teen".

            E pensare che se leggevi meglio l'articolo,
            forse

            lo capivi pure.

            Forse.
            So we have this 18 years old guy, a barely legal
            teen, buying a beer using a counterfeited
            ID.....

            Per quale motivo lo spam va marcato e non
            cancellato in automatico
            ?Perchè non è spam.Perchè è scritto chiaramente nel contratto di utilizzo di icloud.Non ci vuole un genio eh.
          • Trollollero scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: Trollollero

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: Leguleio



            L'espressione "barely legal" si
            traduce

            ai


            limiti



            della legalità, quindi





            quindi BLA BLA BLA.






            In più, il fatto di scrivere una
            e-mail

            che



            contiene quelle parole non
            significa

            che

            si


            sta



            inviando un allegato in tema.
            Possono

            essere



            mille altre cose: un pettegolezzo

            riferito,


            un



            sogno fatto la notte precedente,
            una

            notizia


            data



            dal telegiornale, il titolo di un



            libro:













            http://www.amazon.com/Barely-Virginity-Catholic-Co







            I meccanismo automatici sono
            sempre
            a

            rischio



            barzelletta.





            Specialmente quando non se ne
            comprendono
            le


            funzionalità più elementari: il filtro

            oggetto


            dell'articolo non filtra le parole della

            frase,


            ma LA FRASE precisa "barely legal


            teen".


            E pensare che se leggevi meglio
            l'articolo,

            forse


            lo capivi pure.


            Forse.

            So we have this 18 years old guy, a barely
            legal

            teen, buying a beer using a counterfeited

            ID.....



            Per quale motivo lo spam va marcato e non

            cancellato in automatico

            ?

            Perchè non è spam.E chi lo dice ?
            Perchè è scritto chiaramente nel contratto di
            utilizzo di
            icloud.
            Estiqaatsi non ce lo mettiamo ? Se il contratto prevede di marchiare a fuoco l'utente secondo te e' valido ?
            Non ci vuole un genio eh.Un sistema di messaggistisca che blocca l'invio di messagi contenenti termini "inappropriati" lo userebbe solo un genio, in effetti....
          • maxsix scrive:
            Re: È ancora poco




            Perchè non è spam.

            E chi lo dice ? Lo dice l'utente che se ne è lamentato.Ne abbiamo già parlato qualche giorno fa, vattelo a cercare.E comunque non è spam.Per ovvi motivi.


            Perchè è scritto chiaramente nel contratto di

            utilizzo di

            icloud.



            Estiqaatsi non ce lo mettiamo ? Se il contratto
            prevede di marchiare a fuoco l'utente secondo te
            e' valido
            ?Certamente, quando è siglato dalle parti.Se tu mi smerdi la casa è mio diritto non farti più entrare.


            Non ci vuole un genio eh.
            Un sistema di messaggistisca che blocca l'invio
            di messagi contenenti termini "inappropriati" lo
            userebbe solo un genio, in
            effetti....Lo usa chi, come, dove, quando e perchè gli pare.All'interno del recinto del contratto di utilizzo siglato precedentemente.Punto.Dobbiamo ancora disquisire di che colore è il cavallo bianco di napoleone o passiamo ad altro?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 marzo 2013 13.30-----------------------------------------------------------
          • Trollollero scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: maxsixCut the crap:if(Topic == "Apple"){ return "Va tutto bene";} else { return "Shitstorm";}
          • Leguleio scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: ruppolo

            L'espressione "barely legal" si traduce ai
            limiti

            della legalità, quindi

            quindi BLA BLA BLA.Fa piacere che ogni tanto tu ascolti la tua eco.E se so facessi più spesso, interverresti anche di meno.

            In più, il fatto di scrivere una e-mail che

            contiene quelle parole non significa che si
            sta

            inviando un allegato in tema. Possono essere

            mille altre cose: un pettegolezzo riferito,
            un

            sogno fatto la notte precedente, una notizia
            data

            dal telegiornale, il titolo di un

            libro:




            http://www.amazon.com/Barely-Virginity-Catholic-Co



            I meccanismo automatici sono sempre a rischio

            barzelletta.

            Specialmente quando non se ne comprendono le
            funzionalità più elementari: il filtro oggetto
            dell'articolo non filtra le parole della frase,
            ma LA FRASE precisa "barely legal
            teen".Ho mai scritto il contrario?Un meccanismo automatico scemo diventa improvvisamente intelligente se filtra solo le frasi, anziché le singole le parole?
            E pensare che se leggevi meglio l'articolo, forse
            lo capivi pure.
            Forse.La persona che non capisce qui sei tu.Ti consiglio di non insistere su questo tono
          • Trollollero scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: zizzo
            Ma non sarebbe meglio non fare arrivare le mail
            con "teen al di sotto della legalità"
            ???Qualsiasi sistema antispam SERIO marca le mail e lascia all'utente la possibilita' di scegliere se cancellarle o meno. Inoltre, sempre i sistemi SERI di cui sopra marcano in ricezione e non in invio.Fate un po' due piu' due.....
        • ruppolo scrive:
          Re: È ancora poco
          - Scritto da: Leguleio
          In un certo senso è vero: la Apple li protegge da
          persone che mandano loro messaggi contenenti
          l'espressione "teen-ager ai limiti della
          legalità". La loro integrità morale è salva.Diciamo che ha subito un attacco in meno.
          Il
          messaggio inviato no, quello è perduto.Se indossi un'armatura e qualcuno ti spara, l'armatura ti protegge. Il proiettile, però, è perduto.
          Bisogna
          scegliere fra una perdita e una perdizione.
          :-)Eh no, il proiettile non appartiene al bersaglio.
          • Trollollero scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Leguleio

            In un certo senso è vero: la Apple li
            protegge
            da

            persone che mandano loro messaggi contenenti

            l'espressione "teen-ager ai limiti della

            legalità". La loro integrità morale è salva.

            Diciamo che ha subito un attacco in meno.


            Il

            messaggio inviato no, quello è perduto.

            Se indossi un'armatura e qualcuno ti spara,
            l'armatura ti protegge. Il proiettile, però, è
            perduto.
            Tu lo sai, vero, perche' lo spam va marcato invece che cancellato ?

            Bisogna

            scegliere fra una perdita e una perdizione.

            :-)

            Eh no, il proiettile non appartiene al bersaglio.Nemmeno ad Apple, se per quello.Rinnovo la domanda : perche' lo spam va marcato e non cancellato in automatico ?
      • ruppolo scrive:
        Re: È ancora poco
        - Scritto da: thebecker
        Il bello che i fansboys pensano che Apple sia la
        loro santa protettrice dei dati personali
        (rotfl)Non è santa, ma i dati li protegge. Del resto Apple li soldi li fa in altro modo, come descritto nel rapporto trimestrale obbligatorio per legge.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: È ancora poco
          contenuto non disponibile
          • maxsix scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ruppolo


            Non è santa, ma i dati li protegge.

            " <i
            If you sync your iPhone with iCloud
            the US Govt has access to all
            your
            contacts, messages, emails & photos </i
            "

            Il motivo? Poiché transita sulle loro reti o
            entra in un
            loro
            server è legittimamente spiato in virtù dello USA
            PATRIOT
            Act.
            Come quelli del grande spione.La differenza è che il grande spione poi dei suddetti fa e vende a chi e come gli pare.Apple, fino a prova contraria, non ha mai ceduto dati o sfruttato la navigazione nei propri sistemi per fini terzi.A me non è mai successo.Con il grande spione si.Get the facts.
            Ora no ti resta che dire: 'chi se ne importa se
            il governo USA ha un dossier su di
            me'
            Meglio il governatore USA che un prezzolato venditore di pentole.

            Del resto

            Apple li soldi li fa in altro modo

            questa fa il paro con quelli che votano ######
            perchè è talmente ricco ched no n ha bisogno di
            rubare.E fa pure il paro con quelli che regalano i razzi propri per un OS e un servizio che sembra gratuito.E invece non lo è.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: È ancora poco
            contenuto non disponibile
          • maxsix scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: maxsix


            Come quelli del grande spione.

            Esatto.
            Apple spia come il grande spione.
            Ci sei arrivato alla fine.
            C'è una enorme differenza tra passare dati perchè devi a guardarli contestualmente, indicizzare e rivendere quello che serve a terzi.Ma enorme eh.


            Apple, fino a prova contraria, non ha mai
            ceduto

            dati o sfruttato la navigazione nei propri

            sistemi per fini

            terzi.

            Lo deve fare per legge.
            Il governo USA ha una scheda su di te.
            Non vedo dove sia il problema.Non ho nulla da nascondere al governo USA.E nemmeno a quello Italiano.Ma al venditore di pentole si.

            p.s.
            mai usato un servizio di google col mio vero nome.Siamo in 2.Ma visto che qua le loro tecniche vanno ben oltre a questo, come i fatti dimostrano, meglio stargli alla larga.E i loro servizi se li possono attaccare sai dove, non è ho minimamente bisogno.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: È ancora poco
            contenuto non disponibile
          • maxsix scrive:
            Re: È ancora poco
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: maxsix


            C'è una enorme differenza tra passare dati
            perchè

            devi a guardarli contestualmente

            In italiano, ti prego.
            E dai sto facendo 6 cose contemporaneamente.

            Chi non ha nulla da nascondere è un'ameba.
            Precisazione doverosa.Quello che ho da nascondere non genera nessun problema ai suddetti.Mettiamola così.

            E i loro servizi se li possono attaccare sai

            dove, non è ho minimamente

            bisogno.

            Infatti in un altro messaggio hai ammesso che li
            usi come ultima spiaggia il che dimostra che la
            frase " <i
            non è ho minimamente bisogno
            </i
            " è falsa (oltre che farcita di errori
            di ogni
            genere).
            Ahhh che balle. Non hai un razzo da fare eh.Preciso.Non ne ho minimamente bisogno se non i casi estremi (che devo ancora trovare).Non ho altro da dire a riguardo.Ci si vede in giro.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: È ancora poco
            contenuto non disponibile
    • aphex_twin scrive:
      Re: È ancora poco
      - Scritto da: Leguleio
      Il passo successivo sarà un uomo che compare
      dagli schermi per dire ai propri utenti che si
      sono comportati male e hanno commesso un..Sei tu quell'uomo, ma verrai spernacchiato da tutti. :D
    • ruppolo scrive:
      Re: È ancora poco
      - Scritto da: Leguleio
      Con Apple iCloud, la casa madre ammette
      tranquillamente di andare a guardare nella posta
      privata. È dichiarato esplicitamente nelle
      condizioni d'uso che gli utenti sottoscrivono,
      quindi nessuna sorpresa.Infatti.La differenza rispetto Google è che Google utilizza le tue cose private per fare soldi.
      Ma si può fare di più:Stare zitti.
      • Leguleio scrive:
        Re: È ancora poco
        - Scritto da: ruppolo

        Con Apple iCloud, la casa madre ammette

        tranquillamente di andare a guardare nella
        posta

        privata. È dichiarato esplicitamente
        nelle

        condizioni d'uso che gli utenti
        sottoscrivono,

        quindi nessuna sorpresa.

        Infatti.
        La differenza rispetto Google è che Google
        utilizza le tue cose private per fare
        soldi.Insomma tutti colpevoli, nessun colpevole. "Lui ha la rogna, ma quell'altro è lebbroso!"Ragionamenti geniali, non c'è che dire.

        Ma si può fare di più:

        Stare zitti.Vai avanti tu, che a me viene da ridere. (cit.)
        • thebecker scrive:
          Re: È ancora poco
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: ruppolo




          Con Apple iCloud, la casa madre ammette


          tranquillamente di andare a guardare
          nella

          posta


          privata. È dichiarato
          esplicitamente

          nelle


          condizioni d'uso che gli utenti

          sottoscrivono,


          quindi nessuna sorpresa.



          Infatti.

          La differenza rispetto Google è che Google

          utilizza le tue cose private per fare

          soldi.

          Insomma tutti colpevoli, nessun colpevole. "Lui
          ha la rogna, ma quell'altro è
          lebbroso!"
          Ragionamenti geniali, non c'è che dire.





          Ma si può fare di più:



          Stare zitti.

          Vai avanti tu, che a me viene da ridere. (cit.)Lascialo perdere non andrà mai contro Apple.Per lui:Apple = BuoniAltri concorrenti sul mercato = cattivi.http://www.ruppolo.com/
        • bubba scrive:
          Re: È ancora poco
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: ruppolo




          Con Apple iCloud, la casa madre ammette


          tranquillamente di andare a guardare
          nella

          posta


          privata. È dichiarato
          esplicitamente

          nelle


          condizioni d'uso che gli utenti

          sottoscrivono,


          quindi nessuna sorpresa.



          Infatti.

          La differenza rispetto Google è che Google

          utilizza le tue cose private per fare

          soldi.

          Insomma tutti colpevoli, nessun colpevole. "Lui
          ha la rogna, ma quell'altro è
          lebbroso!"
          Ragionamenti geniali, non c'è che dire.




          Ma si può fare di più:



          Stare zitti.

          Vai avanti tu, che a me viene da ridere. (cit.)Ma je dai ancora retta? :PMaxSux e gli altri rettiliani sono talmente assuefatti alla Chiesa di Cupertino che cose come iAd ,non le notano nemmeno. Pur essendo ben davanti ai loro occhi a forma di torsolo [ http://en.wikipedia.org/wiki/IAd ]
      • per favore scrive:
        Re: È ancora poco
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Leguleio

        Con Apple iCloud, la casa madre ammette

        tranquillamente di andare a guardare nella
        posta

        privata. È dichiarato esplicitamente
        nelle

        condizioni d'uso che gli utenti
        sottoscrivono,

        quindi nessuna sorpresa.

        Infatti.
        La differenza rispetto Google è che Google
        utilizza le tue cose private per fare
        soldi.ahahahah... apple invece no, lo fa per il tuo bene...


        Ma si può fare di più:

        Stare zitti.
      • Shiba scrive:
        Re: È ancora poco
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Leguleio

        Con Apple iCloud, la casa madre ammette

        tranquillamente di andare a guardare nella
        posta

        privata. È dichiarato esplicitamente
        nelle

        condizioni d'uso che gli utenti
        sottoscrivono,

        quindi nessuna sorpresa.

        Infatti.
        La differenza rispetto Google è che Google
        utilizza le tue cose private per fare
        soldi.Quindi dobbiamo venerare il cattivo meno cattivo?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: È ancora poco

        Infatti.
        La differenza rispetto Google è che Google
        utilizza le tue cose private per fare
        soldi.Puoi forse dimostrare che apple non lo faccia?
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: È ancora poco
      - Scritto da: Leguleio
      Con Apple iCloud, la casa madre ammette
      tranquillamente di andare a guardare nella posta
      privata.Eppure i macachi continuano a dire che sono solo gli utenti dei prodotti google ad essere spiati.
  • per favore scrive:
    utenti???
    gli utenti della Mela ???utenti??? al massimo sono clienti ...
    • tucumcari scrive:
      Re: utenti???
      - Scritto da: per favore
      gli utenti della Mela ???

      utenti??? al massimo sono clienti ...temo siano ambedue le cose data che ci sono obbligatoriamente i servizi iCloud.L'unico modo per essere solo clienti è brasare il telefono e cancellare iOS
Chiudi i commenti