Hyundai si fa carico dei RAEE

Ha stipulato un contratto con un operatore specializzato per il trattamento dei rifiuti hi-tech: nessuna spesa aggiuntiva graverà sul consumatore

Erba – Hyundai Digital Italia annuncia di essersi uniformata a quanto previsto dal decreto legislativo sul trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche ( RAEE ): l’azienda si farà totalmente carico dei RAEE.

Sarà la società consortile RAEcycle ad organizzare per Hyundai il ritiro, il trasporto, il riciclaggio e il trattamento dei dispositivi a fine vita, in modo che non gravi sull’utente la responsabilità di assicurare ai propri rifiuti un futuro non inquinante.

Hyundai ha inoltre comunicato che non riverserà sul consumatore i costi della gestione e del trattamento dei RAEE: i prodotti dell’azienda saranno dotati della dicitura RAEE Assolto e ai consumatori non verrà chiesto alcun contributo aggiuntivo.

Hyundai Digital Italia e RAEcycle hanno inoltre in programma di condurre una campagna di sensibilizzazione destinata al consumatore, per renderlo consapevole dell’importanza di garantire un fine vita più verde per rifiuti elettronici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • non conta scrive:
    qualcosa non torna
    "l'e-commerce italiano ha fatturato lo scorso anno 4.868 MILIARDI di euro" (quattromilaottocentosessantotto miliardi di euro)"Su scala europea il settore dell'e-commerce può contare su un fatturato pari a 210 MILIONI di euro" (duecentodieci milioni di euro)quindi il mercato europeo è pari allo 0,0043% di quello italiano?:)
Chiudi i commenti