I dentisti pagheranno per la musica

A stabilirlo un giudice di Milano: la Società Consortile Fonografici otterrà il compenso per la musica in filodiffusione

Roma – Chi è dovuto ricorrere almeno una volta nella vita alle cure dentistiche sa bene che ad attenderlo in studio saranno in primis riviste e musica d’ambiente in filodiffusione. Probabilmente un modo per creare un’atmosfera rilassata prima del temibile incontro con il trapano. Decisamente meno rilassata la Società Consortile dei Fonografici (SCF), che in più di un’occasione aveva preteso dai dentisti del Belpaese il pagamento dei diritti per la diffusione di musica in sala d’aspetto .

Era il 2005 . La SCF – che gestisce la raccolta e la distribuzione dei diritti per conto dei produttori fonografici e degli artisti interpreti ed esecutori – aveva così motivato la decisione di denunciare i dentisti italiani: secondo la legge sul diritto d’autore “per diffondere legittimamente musica registrata in pubblico, anche senza scopo di lucro, occorre ottenere l’autorizzazione da tutte le parti che contribuiscono alla creazione del prodotto musicale, quindi gli autori, gli artisti interpreti ed esecutori e i produttori fonografici”.

Ma un dentista di Milano aveva in seguito protestato, chiedendo formalmente l’intervento della giustizia europea. Una richiesta recentemente disattesa da un giudice milanese, che ha stabilito come il professionista che diffonde musica nello studio per intrattenere i clienti debba ricompensare i fonografici corrispondendo il dovuto alla SCF. Una sentenza che sarebbe avvalorata dalla giurisprudenza sia italiana che europea.

Nella fattispecie, la sentenza C-306/05 della Corte di Giustizia del Vecchio Continente stabilisce che devono essere autorizzate non solo le trasmissioni di musica in luogo pubblico o aperto al pubblico, ma “tutti gli atti di comunicazione con i quali l’opera viene resa accessibile al pubblico”; quindi “il carattere privato o pubblico del luogo in cui avviene la comunicazione è senza incidenza”.

Come poi sottolineato dal giudice milanese, la stessa normativa italiana (articolo 73 della legge sul diritto d’autore) riconosce il diritto al pagamento “in occasione di qualsiasi altra pubblica utilizzazione dei fonogrammi”. Per quanto concerne l’entità effettiva del pagamento, il Tribunale di Milano ha rimandato la decisione ad altra sezione, stabilendo tuttavia che questa debba essere misurata in base ai soli giorni d’apertura degli studi .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco scrive:
    lista acquisizioni google
    la lista in italiano non è aggiornata, ecco quella inglese:http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_acquisitions_by_Google
    • Davide scrive:
      Re: lista acquisizioni google
      Glasgumone arpo frippapuppa gippocane raboso dappo!
    • Davide scrive:
      Re: lista acquisizioni google
      - Scritto da: Francesco
      la lista in italiano non è aggiornata, ecco
      quella
      inglese:

      http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_acquisitions_Urka giuggio, il bugioso polposauro è ribuggo babbone salpino, con quariotto bridonzo palmo!
  • kmtnck scrive:
    I verdoni li fà l'idea alla sua base
    Avevo letto questa notizia su repubblica.it in uno stile più giornalistico e cmq ha messo a fuoco bene il fulcro del sucXXXXX di google.La pubblicità non invadente e ben incastonata sul motore di ricerca genera piu della metà dei profitti totali. Una minoranza percentuale, circa il 10%, deriva dal resto del suo business, android compreso.credo che il punto forte di google sia anche la sua struttura aziendale: 23mila dipendenti totali, 2000 assunti in questi ultimi due anni, più si ingrandisce e più genera margini e ora pare che abbia superato la sua massa critica tale per cui possa solo esponenzialmente guadagnare ancora più verdoni con piccole evoluzioni.tutto questo quindi credo che sia dovuto anche al fatto che là dentro cè della gente che ha veramente le palle e che realizzano prodotti che oltre a funzionare, funzionano anche bene!lunga vita a google ;)
    • Andrea C. scrive:
      Re: I verdoni li fà l'idea alla sua base
      - Scritto da: kmtnck
      Avevo letto questa notizia su repubblica.it in
      uno stile più giornalistico e cmq ha messo a
      fuoco bene il fulcro del sucXXXXX di
      google.

      La pubblicità non invadente e ben incastonata sul
      motore di ricerca genera piu della metà dei
      profitti totali. Una minoranza percentuale, circa
      il 10%, deriva dal resto del suo business,
      android
      compreso.

      credo che il punto forte di google sia anche la
      sua struttura aziendale: 23mila dipendenti
      totali, 2000 assunti in questi ultimi due anni,
      più si ingrandisce e più genera margini e ora
      pare che abbia superato la sua massa critica tale
      per cui possa solo esponenzialmente guadagnare
      ancora più verdoni con piccole
      evoluzioni.

      tutto questo quindi credo che sia dovuto anche al
      fatto che là dentro cè della gente che ha
      veramente le palle e che realizzano prodotti che
      oltre a funzionare, funzionano anche
      bene!

      lunga vita a google ;)ti quoto in tutto
    • ullala scrive:
      Re: I verdoni li fà l'idea alla sua base
      - Scritto da: kmtnck
      Avevo letto questa notizia su repubblica.it in
      uno stile più giornalistico e cmq ha messo a
      fuoco bene il fulcro del sucXXXXX di
      google.

      La pubblicità non invadente e ben incastonata sul
      motore di ricerca genera piu della metà dei
      profitti totali. Una minoranza percentuale, circa
      il 10%, deriva dal resto del suo business,
      android
      compreso.

      credo che il punto forte di google sia anche la
      sua struttura aziendale: 23mila dipendenti
      totali, 2000 assunti in questi ultimi due anni,
      più si ingrandisce e più genera margini e ora
      pare che abbia superato la sua massa critica tale
      per cui possa solo esponenzialmente guadagnare
      ancora più verdoni con piccole
      evoluzioni.

      tutto questo quindi credo che sia dovuto anche al
      fatto che là dentro cè della gente che ha
      veramente le palle e che realizzano prodotti che
      oltre a funzionare, funzionano anche
      bene!

      lunga vita a google ;)Più che altro cè (per ora) gente (nei posti che contano) che vede prima e vede più lontano degli altri quando si parla di rete!Lunga vita?... certo per carità... fino a che dura!Ma non penso che sia sempre e solo facile... anche se è chiaro che fino a che "ci prendi"... viaggi meglio di quando sbagli il bersaglio.E anche tutto il resto della macchina lavora meglio...A tal deg me!Caro kmtnck!
      • kmtnck scrive:
        Re: I verdoni li fà l'idea alla sua base

        Più che altro cè (per ora) gente (nei posti che
        contano) che vede prima e vede più lontano degli
        altri quando si parla di
        rete!
        Lunga vita?... certo per carità... fino a che
        dura!
        Ma non penso che sia sempre e solo facile...
        anche se è chiaro che fino a che "ci prendi"...
        viaggi meglio di quando sbagli il
        bersaglio.
        E anche tutto il resto della macchina lavora
        meglio...
        A tal deg me!
        Caro kmtnck!credo che questo si chiami evoluzione e cioè tra i tanti tentativi trovi la strada corretta per viaggiare a tavoletta! ovvio che è fin che dura nulla è eterno, anche perchè il costo di questa evoluzione sono le stringhe di ricerca che effettui ogni giorno sulla grande G e sicuramente il lato oscuro cè e ha i suoi lati inquietanti.però lo sviluppo software su appengine con le documents apps e le logiche cloud daranno un bel colpo di grazia all'attuale mentalità di vedere il software sia web che stand alone.
        • Callisto Software scrive:
          Re: I verdoni li fà l'idea alla sua base
          Anche google è incappata nei propri errori. Fortunatamente per loro hanno sempre avuto l'algoritmo di ricerca piu efficiente del mercato ed un ottimo modello di business basato sull'advertising che non li ha fatti vacillare minimamente.vi ricordo waves, buzz, talk ecc... che non si sono mai diffusi. Per esempio non riesce ad intaccare il mercato del social network.resta comunque la migliore azienda tecnologica dei nostri tempi a mio parere.
  • il signor rossi scrive:
    E Android?
    Sarebbe carino sapere qualcosa su Android, se sta generando profitti o meno e di che entità. Si sa niente?
    • collione scrive:
      Re: E Android?
      con la barca di soldi che c'hanno che se ne fanno dei profitti di android?android è gratuito per gli OEMl'unico guadagno di android è indiretto e deriva dalla pubblicità presente sui servizi di google ( che sono incorporati in molti smartphone android )
      • il signor rossi scrive:
        Re: E Android?
        - Scritto da: collione
        con la barca di soldi che c'hanno che se ne fanno
        dei profitti di
        android?

        android è gratuito per gli OEM

        l'unico guadagno di android è indiretto e deriva
        dalla pubblicità presente sui servizi di google (
        che sono incorporati in molti smartphone android
        )ti sei dimenticato il market! ;-)
        • collione scrive:
          Re: E Android?
          si e no, perchè la critica che i macachi rivolgono spessissimo ad android è che i suoi utenti non spendono una lira sul market e scaricano solo la roba gratisalla fin fine i guadagni del market sono per google un investimento a lungo termine
          • ullala scrive:
            Re: E Android?
            - Scritto da: collione
            si e no, perchè la critica che i macachi
            rivolgono spessissimo ad android è che i suoi
            utenti non spendono una lira sul market e
            scaricano solo la roba
            gratis

            alla fin fine i guadagni del market sono per
            google un investimento a lungo
            termineMa anche no... anche li la logica è sempre quella i soldi vengono in modo indiretto non diretto... quello è il modello di business di google..
    • lordream scrive:
      Re: E Android?
      - Scritto da: il signor rossi
      Sarebbe carino sapere qualcosa su Android, se sta
      generando profitti o meno e di che entità. Si sa
      niente?http://www.dinoxpc.com/News/news.asp?ID_News=19953&What=&tt=Ottima+la+trimestrale+di+Google.+Enfasi+sui+ricavi+da+mobilenon dice molto ma fa capire che il mobile sta andando meglio di come credevano
      • ullala scrive:
        Re: E Android?
        - Scritto da: lordream
        - Scritto da: il signor rossi

        Sarebbe carino sapere qualcosa su Android, se
        sta

        generando profitti o meno e di che entità. Si sa

        niente?

        http://www.dinoxpc.com/News/news.asp?ID_News=19953

        non dice molto ma fa capire che il mobile sta
        andando meglio di come
        credevanoÈ il "mobile" in generale... non solo Android... per quello (Android) parlano le 250000 attivazioni al giorno!E google gode in ambedue i casi!Infatti solo i troll pensano che siccome google ha fatto android gli facciano schifo i soldi derivanti dal mobile Apple!Invece a Brin & co quei soldi piacciono!Eccome se gli piacciono!Con buona pace dei fanboy!
  • lordream scrive:
    errore
    vari errori nell'articolo tra cui un link di 10 righe
    • desyrio scrive:
      Re: errore
      - Scritto da: lordream
      vari errori nell'articolo tra cui un link di 10
      righeSta da più di un'ora, possibile che nessuno controlli???E' un aborto di articolo dai!
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: errore
      un problema col parsing, sistemato grazie ;)quando scovate queste cose, il metodo più veloce per portarlo alla nostra attenzione è una emailpi@edmaster.itoppure scriveteci su Twitter: @puntotweetpurtroppo dal nostro backoffice a volte questi inconvenienti non sono evidenti
      • Picchiatell o scrive:
        Re: errore
        - Scritto da: Luca Annunziata
        un problema col parsing, sistemato grazie ;)

        quando scovate queste cose, il metodo più veloce
        per portarlo alla nostra attenzione è una
        email

        pi@edmaster.it

        oppure scriveteci su Twitter: @puntotweet

        purtroppo dal nostro backoffice a volte questi
        inconvenienti non sono
        evidentie quanto ci pagate ?
      • Sgabbio scrive:
        Re: errore
        il forum è più rapido però...
  • il signor rossi scrive:
    Rileggete l'articolo!
    Rileggete l'articolo, ve lo consiglio... specie gli insensati ultimi 2 paragrafi.
Chiudi i commenti