I fan contro la chiusura di Google Reader

Mobilitazione per trovare un surrogato o convincere BigG a ripensarci. In Iran è praticamente l'unico strumento per leggere le notizie censurate dal regime

Roma – L’appello firmato dai responsabili della piattaforma di social bookmarking Digg, aperti ai consigli degli utenti per la costruzione di un nuovo Reader sulle ceneri annunciate dal gigante Google. Dopo l’esperimento News.me , i vertici di Digg non vogliono accettare la ghigliottina mostrata dall’azienda di Mountain View al suo amatissimo servizio di raccolta fonti attraverso i feed RSS.

Spostato in cima nella lista delle priorità della piattaforma statunitense, il progetto di sviluppo annunciato da Digg dovrebbe concretizzarsi entro la seconda metà di quest’anno . “Speriamo di identificare e ricostruire le migliori tra le feature di Google Reader, comprese le sue API – si legge in un comunicato pubblicato sul blog ufficiale di Digg – ma anche di renderle più avanzate per adattarle alla Rete di oggi, dove reti e comunità come Facebook, Twitter, Tumblr, Reddit e Hacker News offrono potenti ma spesso schiaccianti segnali per ciò che risulta interessante agli utenti”.

Mentre Digg pensa alla clonazione di Reader – una mossa già annunciata dai creatori dell’applicazione mobile Feedly a partire dalle API della piattaforma RSS di Mountain View – un altro aggregatore di contenuti, Zite , sta modificando le sue caratteristiche tecniche per rendersi totalmente indipendente dalle infrastrutture del servizio californiano . Come molte altre applicazioni terze, quella di Zite si è interrogata sui motivi dell’abbandono di una tecnologia divenuta de facto uno standard nella raccolta di blog e siti d’informazione.

Rappresentando ancora una porzione consistente di tutto il traffico – più del social network G+, almeno secondo i dati diramati da BuzzFeed – Reader mancherà a tutti quegli aficionados che saranno ora costretti a trovare un’alternativa valida, pur non abbandonando la speranza grazie alla petizione avviata su Change.org . Esistono però degli utenti, come ad esempio quelli iraniani, che non avranno le stesse possibilità di sostituzione a partire dal prossimo 1 luglio .

“Mio Dio, Google chiuderà il suo reader? – si chiede sconvolto un utente persiano – È una delle poche soluzioni a nostra disposizione per accedere ai blog, alle informazioni nella Rete filtrata iraniana”. Più volte bloccati dal governo locale, i servizi della Grande G restano fondamentali per il libero accesso alle informazioni internazionali da parte dei netizen in quell’Iran che mira alla completa autarchia cibernetica con la rete nazionale Halal .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Foy scrive:
    Tricolore per niente premiato
    Il Turing Award ha premiato un lavoro svolto al MIT, di tricolore ci sono solo le origini di Micali, che se fosse rimasto in Italia avrebbe vinto al più un tapiro d'oro...
    • Leguleio scrive:
      Re: Tricolore per niente premiato
      - Scritto da: Foy
      Il Turing Award ha premiato un lavoro svolto al
      MIT, di tricolore ci sono solo le origini di
      Micali, che se fosse rimasto in Italia avrebbe
      vinto al più un tapiro
      d'oro...È così dagli anni Trenta, oramai. Si sottolinea la nazionalità dello scienziato o dello scopritore insignito del Nobel o premio equivalente, e si dimentica, o si fa finta di dimenticare, che per arrivare a quel punto hanno dovuto lavorare (e, in parte, studiare) all'estero.
      • mik.fp scrive:
        Re: Tricolore per niente premiato
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: Foy


        Il Turing Award ha premiato un lavoro svolto
        al

        MIT, di tricolore ci sono solo le origini di

        Micali, che se fosse rimasto in Italia
        avrebbe

        vinto al più un tapiro

        d'oro...

        È così dagli anni Trenta, oramai. Si
        sottolinea la nazionalità dello scienziato o
        dello scopritore insignito del Nobel o premio
        equivalente, e si dimentica, o si fa finta di
        dimenticare, che per arrivare a quel punto hanno
        dovuto lavorare (e, in parte, studiare)
        all'estero.Ah, come Negrottelli e Roby "Codino" Baggio? Quelli che portano l'Italia in finale senza segnare l'ultimo tiro? Baggio lo abbiamo visto a Sanremo a braccetto con San Souci, Negrottelli lo vedremo tra qualche anno sindaco di un qualche comune del Salento.
        • Leguleio scrive:
          Re: Tricolore per niente premiato
          - Scritto da: mik.fp


          Il Turing Award ha premiato un lavoro
          svolto

          al


          MIT, di tricolore ci sono solo le origini
          di


          Micali, che se fosse rimasto in Italia

          avrebbe


          vinto al più un tapiro


          d'oro...



          È così dagli anni Trenta, oramai. Si

          sottolinea la nazionalità dello scienziato o

          dello scopritore insignito del Nobel o premio

          equivalente, e si dimentica, o si fa finta di

          dimenticare, che per arrivare a quel punto hanno

          dovuto lavorare (e, in parte, studiare)

          all'estero.

          Ah, come Negrottelli e Roby "Codino" Baggio?
          Quelli che portano l'Italia in finale senza
          segnare l'ultimo tiro? No, direi che dall'Italia non accettano nemmeno la convocazione. E piuttosto che giocare in squadra con italiani, cambiano nazionalità. Un esempio è Federico Faggin, il creatore del microprocessore. Non molti sanno che ottenne la cittadinanza Usa 4 anni dopo l'invenzione.
  • ... scrive:
    ovviamente, all'estero
    il ciccirinella e' dovuto emigrare: fosse rimasto qui, a qeust'ora era ancora sotto-vice assistente precario a 490Euro al mese. Finche' le universita' saranno feudi baronali, questo paese sara' sempre tra i primi dell'alfrica, nemmeno l'ultimo tra quelli europei.
  • panda rossa scrive:
    Questi risultati sono open!
    L'umanita' puo' ringraziare questi signori e considerarsi piu' evoluta, visto che i risultati ottenuti sono OPEN.I brevetti sul software invece negano all'umanita' l'evoluzione e la conoscenza restringendo i benefici solo a pochi grassi parassiti gia' ricchi.
  • bubba scrive:
    per chi e' interessato...
    http://www.informatik.uni-trier.de/~ley/pers/hd/m/Micali:Silvio.html
Chiudi i commenti