ICANN, non pre-registrate i domini

L'organismo che sovraintende al sistema dei domini se la prende con le imprese che offrono agli utenti la possibilità di pre-registrare domini con le nuove estensioni ancora non operative. Si tratta, dice l'ICANN, di soldi buttati


New York (USA) – Di quando in quando l’ICANN, l’organismo che sovraintende ai domini, bacchetta gli imprenditori troppo “sciolti” nel gestire il business dei domini e nelle scorse ore ha “rilasciato” una nuova ammonizione. L’ICANN ha avvertito gli utenti che si fanno tentare dalla pre-registrazione dei domini con le sette nuove estensioni approvate di recente, che quelle pre-registrazioni non hanno alcun valore formale.

Pre-registrare i domini presso le numerose aziende che hanno iniziato ad “offrire il servizio”, ha spiegato la portavoce ICANN Brett LaGrande, significa andare incontro ad una spesa probabilmente inutile perché le aziende che offrono le pre-registrazioni non possono garantire in alcun modo che quei domini vengano effettivamente assegnati ai propri clienti.

LaGrande ha insistito sul fatto che le sette nuove estensioni, ancorché attese, non saranno probabilmente disponibili prima dell’autunno e che dunque qualsiasi operazione su di esse è al momento del tutto prematura.

In una nota , l’ICANN precisa: “Nessuno è stato autorizzato a pre-registrare i domini con le nuove estensioni. Chi tenta di farlo, lo fa a proprio rischio e senza alcuna garanzia di ricevere quei domini una volta che questi siano operativi”.

Un appello simile era arrivato dall’ICANN lo scorso ottobre . In quell’occasione erano finite nel mirino le aziende che “vendevano domini” con nuove estensioni ancor prima che l’ICANN decidesse quali estensioni sarebbero state aggiunte a quelle “tradizionali”.com,.net e.org…

D’altra parte basta una rapida ricerca online per trovare numerose aziende che offrono i nuovi domini a condizioni vantaggiose. Operazioni al limite del lecito che non dovrebbero illudere, dunque, chi decide di versare denaro in cambio di promesse aleatorie…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Antispam
    Spero che gli autori dei precendenti due messaggi non siano tra quelli che hanno rotto le palle all'epoca dello "spam" dei radicali (faccio notare che il garante per le TLC ha vietato lo spam POLITICO. SOLO QUELLO. Che strano, eh?). Il caso non è così banale: la larghezza di banda limitata della rete presenta un caso differente rispetto all'invio postale; inoltre, nel caso delle e-mail il costo è a carico dell'utente finale in gran parte; se usano un elenco di utenti (come quasi sempre fanno gli spammer rompipalle americani tipo xuqrk@21cn.com che mi è arrivato stamattina...) gli spammer riescono con un solo invio a coprire qulche decina di utenti. Via posta il costo è carico dell'inviante; i 10 miliardi segnalati dall'Unione Europea sono pura follia contabile (somigliano molto ai 20 milioni di utenti internet italiani: peccato che siano i soliti 4 milioni ciascuno con 5 provider gratuiti registrati...) Bye
    • Anonimo scrive:
      Re: Antispam

      Il caso non è così
      banale: la larghezza di banda limitata della
      rete presenta un caso differente rispetto
      all'invio postale; inoltre, nel caso delle
      e-mail il costo è a carico dell'utente
      finale in gran parte;Mica tanto... metti il caso di invio di 1.000.000 di mail: ci sarà un milione di utenti che si troverà una mail non desiderata; ma ci sarà un solo server di posta che se le dovrà digerire ed inviare tutte...
  • Anonimo scrive:
    Curiosita'
    Tanto per sapere: negli USA la pubblicita' "postale" (quella che ti infilano nella buca delle lettere e' fuorilegge?
  • Anonimo scrive:
    E perche' non la pena di morte?
    Tra poco arriveremo anche alla derisione in pubblico e alle torture cinesi...
    • Anonimo scrive:
      Re: E perche' non la pena di morte?
      - Scritto da: Mike
      Tra poco arriveremo anche alla derisione in
      pubblico e alle torture cinesi...Beh, in pubblico si deridono gia' da soli per quello che fanno.Se solo non fossero cosi' schifosamente anonimi... Saluti
Chiudi i commenti