IDC Security Conference 2004

A Milano


Milano – Il 23 e il 24 marzo, a Milano, due giorni di confronto e dibattito: al centro dell’analisi, l’atteggiamento delle imprese italiane nella gestione della sicurezza informatica e i dati di uno studio IDC sulla domanda. E’ la terza edizione della Security Conference organizzata da IDC che, per la prima vota, approfondisce temi come i pericoli e le implicazioni legate al fenomeno del terrorismo, il controllo personale, la libertà individuale, la privacy e gli attacchi informatici.

Parteciperanno, tra gli altri, il celebre hacker Kevin Mitnick, Louise Richardson, esperta di sicurezza internazionale di Harvard, Fabrizio Battistelli, professore di Sociologia a La Sapeizna di Roma ed altri ancora.

L’appuntamento è al Milan Marriott Hotel. Ulteriori informazioni a partire da www.idc.com

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    congratulations! :-)
    Mi congratulo ancora una volta con l'avv. Lisi per aver fatto un po' di chiarezza nelle nebulose disquisizioni di questi giorni circa il valore formale dell'e-mail...che non è da confondersi con il valore probatorio di questo documento. Confusione generata da alcuni articoli molto polemici che si sono letti in una nota rivista giuridica (della quale non faccio il link per evitare facile pubblicità).Il web giuridico avrebbe tanto bisogno di questi scritti per progredire e sviluppare maggiore serietà e competenza. Grazie a Punto Informatico per aver dato spazio ad un saggio forse tropo giuridico per tanti suoi lettori! :D
  • Anonimo scrive:
    insomma a fatica...
    ...i nostri vari legislatori (italiano, comunitario, internazionale) si vanno adeguando alla tecnologia......e qualche volta è la dottrina che fatica a starci dietro!...o no? :)
  • Anonimo scrive:
    Ottimo articolo!
    Mi complimento con l'avv. Lisi per l'ottimo articolo! Sintetico e convincente... e consiglio caldamente l'approfondimento consigliato che si trova pubblicato sull'home page di altalex (www.altalex.it) alla pagina http://www.altalex.it/index.php?idnot=7015Buona lettura! Andrea
  • Anonimo scrive:
    Anche la X può firmare
    Percepisco una sensazione di "alleggerimento".A me l'idea di acquistare un cellulare via internet inserendo una smartcard contenente una coppia PbKey-PrKey acquistata sotto severissime regole da una CA planetariamente riconosciuta, inserirla in un lettore seriale installato con driver traballanti e usarla per firmare elettronicamente un documento "autografo" mi pareva piuttosto atmosferocefalo.Adesso che si fidino che la mail l'ho inviata io perchè sanno che in qualche modo lo possono verificare, ripeto, mi fa dire "Ekkeekkaspita, ma finalmente !".Firmerò digitalmente in maniera seria quando davvero sarà necessario. Io firmo digitalmente tutte le mia mail, in maniera seria, ma solo perchè sono uno sborone ;)
  • Anonimo scrive:
    Lisi insiste a volersi rendere ridicolo
    Si agita tanto, ma non appare per niente convincente.BTW, c'è già chi ha portato argomenti contrari alla sua tesi molto più seri e conformi al nostro ordinamento:http://www.interlex.it/docdigit/provascritta.htmbye-- Irnerio
    • Anonimo scrive:
      Re: Lisi insiste a volersi rendere ridicolo
      caro irnerio, o come ti chiami sul serio perchè utilizzare un nome così importante non si addice ad una persona che si limita a linkare senza neppure leggere bene quanto c'è scritto nel link... l'articolo che hai linkato parla di "prova scritta" e non "forma scritta" come afferma Lisi... leggi bene prima di offendere senza ragionare...Lisi (come lo chiami tu, ma faresti bene a dire avv. Andrea Lisi) è uno dei maggiori esperti di e-privacy e commercio elettronico in Italia e fare critiche di questo tipo e così sterili non fa altro che amplificare la stima che nutro per lui. Fabio
      • Anonimo scrive:
        Re: Lisi insiste a volersi rendere ridicolo
        - Scritto da: Anonimo
        l'articolo che hai linkato parla di "prova
        scritta" e non "forma scritta" come afferma
        Lisi... Concordo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Lisi insiste a volersi rendere ridicolo
          l'avv Andrea Lisi non se ne frega niente nè di te nè di quello che ha scritto forse non sai che sono aperte le iscrizioni al suo corso e questo è stato il momento giusto per fare un articolo su PI l'ammirazione serve a poco solamente per un titolo di avvvvvvv
          • Emilio scrive:
            Re: Lisi insiste a volersi rendere ridic
            Cosi' da esterno a leggerti sembrerebbe che sei un collega che rosica. Forse dovresti argomentare di piu'. Io l'articolo l'ho letto fino a meta' ma non sono un avvocato o un esperto, anche se mi sembrava ben scritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Lisi insiste a volersi rendere ridicolo
            - Scritto da: Anonimo
            l'avv Andrea Lisi non se ne frega niente
            nè di te nè di quello che ha
            scritto forse non sai che sono aperte le
            iscrizioni al suo corso e questo è
            stato il momento giusto per fare un articolo
            su PI l'ammirazione serve a poco solamente
            per un titolo di avvvvvvvCaro Anonimo, tanto per sottolineare la tua malafede ti sottolineo che anche la così decantata Interlex organizza corsi proprio sulla firma digitale che tanto difende!sull'articolo che tanto contesti non c'è neppure un link sul Corso organizzato dall'avv. Lisi ...quindi non si capisce proprio di cosa di lamenti!! ...comincio proprio a pensare che sia l'invidia a guidarti!
          • Anonimo scrive:
            Re: Lisi - ma cosa c'è di male...
            se affrontando un argomento con decoroso rigore scientifico, l'autore si fà anche pubblicità?Chi legge potrà valutare se è buona o cattiva e, se lo desidera, provare a fare altrettanto.Il Lisi, se non altro, si è preso la briga di leggere fonti di vario tipo per motivare la sua esegesi.Credo che altri potrebbero + opportunamente fare altrettanto.Saluti.Roberto - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            l'avv Andrea Lisi non se ne frega niente

            nè di te nè di quello che
            ha

            scritto forse non sai che sono aperte le

            iscrizioni al suo corso e questo
            è

            stato il momento giusto per fare un
            articolo

            su PI l'ammirazione serve a poco
            solamente

            per un titolo di avvvvvvv

            Caro Anonimo, tanto per sottolineare la tua
            malafede ti sottolineo che anche la
            così decantata Interlex organizza
            corsi proprio sulla firma digitale che tanto
            difende!
            sull'articolo che tanto contesti non
            c'è neppure un link sul Corso
            organizzato dall'avv. Lisi ...quindi non si
            capisce proprio di cosa di lamenti!!
            ...comincio proprio a pensare che sia
            l'invidia a guidarti!
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
  • Anonimo scrive:
    °_°
    (troll)(troll)(troll)(troll)(troll)
Chiudi i commenti