IEEE lavora all'Ethernet 100G

Il celebre organismo di normalizzazione ha costituito il gruppo di lavoro che, a partire dal prossimo anno, avrà il compito di definire una specifica standard per le reti Ethernet da 100 gigabit al secondo

Roma – L’Institute of Electrical and Electronics Engineers ( IEEE ) ha votato a favore della standardizzazione delle reti Ethernet con velocità di 100 Gbps (100G).

In discussione da circa un anno, lo sviluppo della specifica 100G verrà portata avanti dal gruppo di lavoro 802.3 Higher Speed Study Group (HSSG) di IEEE, gruppo che vede tra i suoi membri alcuni dei colossi mondiali del networking.

“La decisione di HSSG di supportare la specifica Ethernet 100G rappresenta una nuova pietra miliare per questa tecnologia”, ha affermato Brad Booth, president della Ethernet Alliance . “Si tratta di un primo ed importante passo avanti, e la Ethernet Alliance appoggia in pieno il lavoro di HSSG”.

La specifica Ethernet 100G, a cui HSSG comincerà a lavorare la prossima estate, prevede che i dati vengano trasmessi via fibra ottica su una distanza massima di 10 chilometri per i cavi monomodali e di 100 metri per quelli multimodali. Il gruppo di lavoro prevede di approvare lo standard 100G non prima del 2009 .

Gli esperti sostengono che la richiesta di reti Ethernet da 100 Gbps crescerà di pari passo con l’ascesa del Web 2.0 e dei servizi Internet a larga banda, quali IPTV e VoIP.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    OpenSource adesso è OpenCapital?
    HUA HUA HUA!!! :D
    • Giambo scrive:
      Re: OpenSource adesso è OpenCapital?
      Sono l'unico che non l'ha capita : ?Edit: Non l'ha capita neppure il moderatore :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 dicembre 2006 17.53-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE
    COn IE7 è ormai alle strette.La alpha 3 è il delirio del vaporwareLa 2 avrà più bug che righe di codice.LASCIATE PERDERE !!!(win)(apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE
      - Scritto da:
      COn IE7 è ormai alle strette.
      leva il con
      La alpha 3 è il delirio del vaporware
      hai almeno provato la alpha?
      La 2 avrà più bug che righe di codice.
      il codice c'è visto che sei così esperto vai a leggerlo e enunciaceli
      LASCIATE PERDERE !!!

      (win)(apple)lascia perdere l'informatica datti al sesso
      • Anonimo scrive:
        Re: STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE

        lascia perdere l'informatica datti al sessoTanto non gli verrà bene neanche quello... :D :D :D :D
        • Anonimo scrive:
          Re: STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE
          - Scritto da:

          lascia perdere l'informatica datti al sesso

          Tanto non gli verrà bene neanche quello... :D :D
          :D
          :DSul più bello uno BSOD e gli si ammoscia la fava (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: STRIZZATE LE PA**E A IE7!!
      - Scritto da:
      COn IE7 è ormai alle strette.

      La alpha 3 è il delirio del vaporware

      La 2 avrà più bug che righe di codice.

      LASCIATE PERDERE !!!

      (win)(apple)trollonzo sulla (apple) il tuo IE7 non gira e quello schifo di Wincess non ce lo voglio manco virtualizzato sul mio MacIo mi tengo Safari e Firefox(apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE
      cmq l'ignoranza si vede...non è una volpe...informatevi
    • Anonimo scrive:
      Re: STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE
      Rock&Troll dove sei?Almeno tu facevi ridere, qualche volta :'(:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: STRIZZATE LE PA**E ALLA VOLPE
      - Scritto da un incompetente:
      COn IE7 è ormai alle strette.

      La alpha 3 è il delirio del vaporwareTanto vaporware [*] che ti rispondo usando questo: Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.1; en-US; rv:1.9a1) Gecko/20061211 Minefield/3.0a1 ID:2006121108 [cairo]Minefield/Gran Paradiso (il futuro Firefox 3) è tutt'altro che vaporware, mentre il delirio è il tuo.Lascia perdere i computer, non è roba per te, passa al sapientino. Sempre che non sia troppo complicato per le tue sinapsi primordiali @^[*] Vaporware è il neologismo inglese con cui si indicano sarcasticamente i prodotti informatici (software o hardware) di cui viene annunciata ufficialmente l'uscita sul mercato a breve, ma che successivamente non vedono la luce (dileguandosi come "vapore"). Si tratta spesso di progetti qualificati come "innovativi" o "rivoluzionari" e che in molti casi generano un comprensibile interesse nell'opinione pubblica, ma che vengono successivamente abbandonati, per mancanza di risorse o perché troppo ambiziosi. In alcuni casi si può trattare di tecnologia immaginaria.Tratto da: http://it.wikipedia.org/wiki/Vaporware
  • Anonimo scrive:
    La debolezza congenita di Linux...
    purtroppo, come richiama la frase "il patching di Firefox sulle principali distro del Pinguino" risiede appunto nelle "distribuzioni" ognuna variamente incompatibile con le altre. Vorrei adottare la Gnu Linux sulle 50 macchine aziendali ma finchè continueranno ad esistere una miriade di versioni con ognuna che tira acqua al proprio mulino non mi azzardo proprio. Guardo di buon grado Ubuntu, compresi i driver "closed" cui plaudo se consentono alle macchine di funzionare impeccabilmente. Auspico il verificarsi del "ne resterà soltanto uno", quale che sia tra le varie "distro", ma uno solo per tutti. Non mi piace il fondamentalismo, mi piace il progresso.
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza congenita di Linux...
      - Scritto da:
      purtroppo, come richiama la frase "il patching di
      Firefox sulle principali distro del Pinguino"
      risiede appunto nelle "distribuzioni" ognuna
      variamente incompatibile con le altre. Vorrei
      adottare la Gnu Linux sulle 50 macchine aziendali
      ma finchè continueranno ad esistere una miriade
      di versioni con ognuna che tira acqua al proprio
      mulino non mi azzardo proprio. Guardo di buon
      grado Ubuntu, compresi i driver "closed" cui
      plaudo se consentono alle macchine di funzionare
      impeccabilmente. Auspico il verificarsi del "ne
      resterà soltanto uno", quale che sia tra le varie
      "distro", ma uno solo per tutti. Non mi piace il
      fondamentalismo, mi piace il
      progresso.Questa è pessima informazione.Io installo tranquillamente i pacchetti di Suse sulla mia Ubuntu.Non esiste alcuna incompatibilità fra le distro.Ognuna è orientata verso un settore ben preciso: Debian, Suse, Red Hat in ambito server; Ubuntu, OpenSuse, Mandriva in ambito desktop.Ovviamente ne cito solo alcune a titolo di esempio.È come dire che le varie versioni di Win (2000, XP Home, XP Pro, 2003 Server) sono incompatibili fra loro.Che assurdità!
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza congenita di Linux...
      - Scritto da:
      purtroppo, come richiama la frase "il
      patching di Firefox sulle principali
      distro del Pinguino" risiede appunto
      nelle "distribuzioni" ognuna variamente
      incompatibile con le altre. Incompatibile in cosa esattamente ?
      Vorrei adottare la Gnu Linux sulle
      50 macchine aziendali ma finchè
      continueranno ad esistere una miriade
      di versioni con ognuna che tira
      acqua al proprio mulino non mi azzardo
      proprio. Effettivamente con il tuo grado di preparazione forse e' meglio che chiami qualcuno per fartelo installare sulle 50 macchine aziendali.
      Guardo di buon grado Ubuntu, compresi
      i driver "closed" cui plaudo se
      consentono alle macchine di funzionare
      impeccabilmente. Guarda che non e' magia (rotfl)
      Auspico il verificarsi del "ne resterà
      soltanto uno", quale che sia tra le varie
      "distro", ma uno solo per tutti. Non mi
      piace il fondamentalismo, mi piace il
      progresso.Allora comincia a studiare, perche' non e' possibile apprezzare il progresso senza sapere di cosa si sta parlando come stai facendo tu.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        Spiegami il significato vero della frase "il patching di Firefox sulle principali distro del Pinguino". Un conto è essere presuntuosi, un conto è essere obiettivi. Non esiste ancora la portabilità UNIVERSALE del software tra la maggioranza delle distro di Linux. Quando ci sarà sarà una gran cosa. Non esisterà mai che qualcuno dei miei collaboratori debba saper compilare alcunchè. Installare l'eseguibile con pochi click e nient'altro è progresso. Il resto è demagogia.
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          - Scritto da:
          Spiegami il significato vero della frase "il
          patching di Firefox sulle principali distro
          del Pinguino".In pratica bisogna saper usare il comando patch e diff, saper controllare il versioning e probabilmente dare un'occhiata al makefile per controllare che nessuno abbia fatto cavolate, dopo cio' si complilera' come per magilla su ogni distribuzione.
          Un conto è essere presuntuosi, un conto
          è essere obiettivi. Un conto e' essere ignoranti.
          Non esiste ancora la portabilità UNIVERSALE
          del software tra la maggioranza delle distro
          di Linux. Come i driver Nvidia ?Come l'installazione di Maya ?Fammi qualche esempio di qualcosa che non sia universale.
          Quando ci sarà sarà una gran cosa. Non
          esisterà mai che qualcuno dei miei
          collaboratori debba saper compilare
          alcunchè. Chissa' che cime i tuoi collaboratori : (geek)
          Installare l'eseguibile con pochi click
          e nient'altro è progresso. Il resto è
          demagogia.Attraverso l'installer si fa gia', quale ignoranza...
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            Io forse sarò ignorante, ma la boria e la presunzione trasudano dalle tue affermazioni. Un po' di modestia non guasta, anche perchè un ragioniere non deve saper linkare compilare debuggare C LM librerie come me, deve poter avere un relativo grado di autonomia che gli consenta con poco di ottenere il risultato di installare il necessario, cosa che con Windows fa ad occhi chiusi girato di schiena. Presunzione e mentire scientemente è affermare che la stessa cosa si fa con Linux, in generale.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:
            Io forse sarò ignorante, ma la boria e la
            presunzione trasudano dalle tue affermazioni.
            Un po' di modestia non guasta, anche perchè
            un ragioniere non deve saper linkare
            compilare debuggare C LM librerie come me, Ne' dovrebbe decidere la migrazione da un SO a un altro di 50 macchine, del resto, ne' dovrebbe occuparsi dell'installazione e configurazione della rete, politiche di sicurezza e privacy delle macchine stesse.
            deve poter avere un relativo grado di
            autonomia che gli consenta con poco di
            ottenere il risultato di installare il
            necessario, cosa che con Windows fa ad
            occhi chiusi girato di schiena. Come ti hanno gia' detto : con synaptic in pochi click fai altrettanto.
            Presunzione e mentire scientemente è
            affermare che la stessa cosa si fa con
            Linux, in generale.Visto che non sei ignorante allora facci qualche esempio pratico di qualcosa che non hai potuto installare con l'installer apposito della distribuzione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:
            Io forse sarò ignorante, ma la boria e la
            presunzione trasudano dalle tue affermazioni. Un
            po' di modestia non guasta, anche perchè un
            ragioniere non deve saper linkare compilare
            debuggare C LM librerie come me, deve poter avere
            un relativo grado di autonomia che gli consenta
            con poco di ottenere il risultato di installare
            il necessario, cosa che con Windows fa ad occhi
            chiusi girato di schiena. Presunzione e mentire
            scientemente è affermare che la stessa cosa si fa
            con Linux, in
            generale.ancora ! parlati allo specchio che fai prima
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:
            Io forse sarò ignorante, ma la boria e la
            presunzione trasudano dalle tue affermazioni. Un
            po' di modestia non guasta, anche perchè un
            ragioniere non deve saper linkare compilare
            debuggare C LM librerie come me, deve poter avere
            un relativo grado di autonomia che gli consenta
            con poco di ottenere il risultato di installare
            il necessario, cosa che con Windows fa ad occhi
            chiusi girato di schiena. Presunzione e mentire
            scientemente è affermare che la stessa cosa si fa
            con Linux, in
            generale.Secondo me sei ancora più presuntuoso tu, che pretendi di avere la verità in mano.Con Windows devi scaricarti gli installer ed installari, sperando che tutto vada bene.Con Linux puoi anche cercare "browser" su synaptic e ti spunta l'elenco di tutti i browser installabili (con 2 click). La tua è presunzione.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            Dunque prima dici che non puoi migrare a Linux 50 macchine perché ci sono incompatibilità e incongruenze tra pacchetti e distribuzioni, ed ora nomini il ragioniere che non deve dover linkare librerie e toccare makefile.Allora prima di tutto se si fa una migrazione di 50 macchine si sceglie una distribuzione unica per tutta l'azienda che si utilizzerà come riferimento per il futuro, sia questa Ubuntu, RedHat, Suse, ecc.Secondo chi migra 50 macchine ad un altro sistema operativo dovrebbe essere lui a dover conoscere il sistema operativo su cui andrà a migrare e a ben configurarlo e tenerlo aggiornato.O questa migrazione la volete davvero far fare ad un ragioniere?E terzo, il ragioniere di cui sopra non toccherà il client su cui lavora neppure questo fosse il più facile e diffuso Windows, perché nelle politiche aziendali non dovrebbe essere permesso fare installazioni e configurazioni dagli utenti dei singoli PDL (posti di lavoro).Quindi o tu sei un troll della peggior specie inutile e insulsa che prova ad istigare ma è comunque ignorante in quella materia, o sei un astroturfer della più micragnosa e viscida specie che è venuto a gettare FUD per smerdare Linux se mai qualcuno lo voglia come soluzione aziendale.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            Se sei ragioniere, forse il tuo lavoro consiste nel fare il ragioniere, ti pare?amministrare le macchine fallo fare ai sistemisti...se hai una azienda da 50 macchine, bhe, puoi fare tu (e suppongo male) con windows a 50 x $costolicenza, oppure chiami una volta un sistemista bravo che con molto meno ti fa il lavoro.Poi magari sei uno di quelli che ha creduto al get the facts eh, allora li c'e' poco da fare.
        • Funz scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...

          dei miei collaboratori debba saper compilare
          alcunchè. Installare l'eseguibile con pochi clickApri synaptic o adept, spunti il programma dalla lista e schiacci un tasto.
          e nient'altro è progresso. Il resto è
          demagogia.Hai proprio ragione, non ne possiamo piu' di mille fetentissimi installer tutti diversi uno dall'altro :p
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          - Scritto da:
          Spiegami il significato vero della frase "il
          patching di Firefox sulle principali distro del
          Pinguino". Un conto è essere presuntuosi, un
          conto è essere obiettivi. Non esiste ancora la
          portabilità UNIVERSALE del software tra la
          maggioranza delle distro di Linux. Quando ci sarà
          sarà una gran cosa. Non esisterà mai che qualcuno
          dei miei collaboratori debba saper compilare
          alcunchè. Installare l'eseguibile con pochi click
          e nient'altro è progresso. Il resto è
          demagogia.certo, parlare con te stesso invece è pazzia
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...

        Incompatibile in cosa esattamente ?
        Qualche incompatibilità ci dovrà pur essere, altrimenti cosa stanno cercando di fare quelli di LSB ( http://it.wikipedia.org/wiki/Linux_Standard_Base )?
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          - Scritto da:

          Incompatibile in cosa esattamente ?
          Qualche incompatibilità ci dovrà pur essere,
          altrimenti cosa stanno cercando di fare
          quelli di LSB (
          http://it.wikipedia.org/wiki/Linux_Standard_Base
          )?Quello che il POSIX non e' riuscita a portare avanti, ma dove sono tutte queste incompatibilita' di cui parli tanto e che ti indispongono tanto ?
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Incompatibile in cosa esattamente ?


            Qualche incompatibilità ci dovrà pur essere,

            altrimenti cosa stanno cercando di fare

            quelli di LSB (

            http://it.wikipedia.org/wiki/Linux_Standard_Base

            )?

            Quello che il POSIX non e' riuscita a portare
            avanti, ma dove sono tutte queste
            incompatibilita' di cui parli tanto e che ti
            indispongono tanto
            ?Mi sembra che ti contraddici. Se il POSIX è un progetto finalizzato alla standardizzazione, e quindi alla compatibilità, tra i sistemi operativi e LSB è una continuazione di questo, vuol dire che delle incompatibilità ci sono altrimenti non ci sarebbe nulla da portare avanti. Esempi di standard differenti e quindi di incompatibilità ce ne sono parecchi: dal sistema di pacchettizzazione e gestione del software (LSB prende rpm come formato standard) ai file di configurazione delle interfacce di rete (interfaces per Debian, ifcfg-eth per Mandriva, ecc...), al sistema init (SystemV per la maggior parte ma BSD-like per altre come la Slackware e le sue derivate). Leggi anche qui:http://webnews.html.it/news/leggi/3923/linux-uniti-dagli-standard/http://www.itportal.it/special/linux/base_standard/http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1330968&r=PIStanno tutti straparlando?
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:



            Incompatibile in cosa esattamente ?


            Qualche incompatibilità ci dovrà pur


            essere, altrimenti cosa stanno cercando


            di fare quelli di LSB (
            http://it.wikipedia.org/wiki/Linux_Standard_Base


            )?

            Quello che il POSIX non e' riuscita a

            portare avanti, ma dove sono tutte queste

            incompatibilita' di cui parli tanto e che

            ti indispongono tanto ?
            Mi sembra che ti contraddici. Se il POSIX è
            un progetto finalizzato alla
            standardizzazione, e quindi alla
            compatibilità, Il formato zip e' standard o compatibile ?Pensaci...
            tra i sistemi operativi e LSB è una
            continuazione di questo, vuol dire che
            delle incompatibilità ci sono altrimenti
            non ci sarebbe nulla da portare avanti. Ci sono standard differenti intercompatibili tra loro, la LSB vuole unificare le funzioni e gettare le librerie doppie.
            Esempi di standard differenti e quindi di
            incompatibilità ce ne sono parecchi: dal
            sistema di pacchettizzazione Come puo' essere incompatibile quando con strumenti di sistema posso passare da un formato di pacchettizzazione all'altro ?Non tutto quello che e' diverso e' anche incompatibile.
            e gestione del software (LSB prende rpm
            come formato standard) ai file di
            configurazione delle interfacce di rete
            (interfaces per Debian, ifcfg-eth per
            Mandriva, ecc...), al sistema init (SystemV
            per la maggior parte ma BSD-like per altre
            come la Slackware e le sue derivate). Leggi
            anche qui:
            http://webnews.html.it/news/leggi/3923/linux-uniti
            http://www.itportal.it/special/linux/base_standard
            http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1330968&r=PI

            Stanno tutti straparlando?Stai straparlando tu: capisco che puo' essere difficile da capire, ma anche se il sistema usa un init diverso, come Ubuntu e slacware per le applicazioni non e' un problema.Ti e' stato piu' volte chiesto un esempio pratico di incompatibilita', che ovviamente tu non hai mai incontrato, ma continui a rifugiarti dietro alla teoria.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...

            Il formato zip e' standard o compatibile ?
            Pensaci...
            Standard e compatibile non sono sinonimi ma in alcuni casi, come quello in oggetto, il primo è cercato per garantire il secondo.
            Ci sono standard differenti intercompatibili tra
            loro, la LSB vuole unificare le funzioni e
            gettare le librerie
            doppie.La LSB vuol far si che se scarichi un pacchetto marcato lsb- tu lo possa installare a prescindere dalla distribuzione in uso (se LSB compatibile).
            Come puo' essere incompatibile quando con
            strumenti di sistema posso passare da un formato
            di pacchettizzazione all'altro
            ?
            Non tutto quello che e' diverso e' anche
            incompatibile.Allora i programmi .exe sono compatibili con Linux perchè esiste WINE? Mi sembra una definizione un po' allargata di compatibilità...allora tutti i programmi sono compatibili con tutti i sistemi operativi: basta che modifichi il codice dove non va e lo fai funzionare.

            e gestione del software (LSB prende rpm

            come formato standard) ai file di

            configurazione delle interfacce di rete

            (interfaces per Debian, ifcfg-eth per

            Mandriva, ecc...), al sistema init (SystemV

            per la maggior parte ma BSD-like per altre

            come la Slackware e le sue derivate). Leggi

            anche qui:


            http://webnews.html.it/news/leggi/3923/linux-uniti


            http://www.itportal.it/special/linux/base_standard


            http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1330968&r=PI



            Stanno tutti straparlando?

            Stai straparlando tu: capisco che puo' essere
            difficile da capire, ma anche se il sistema usa
            un init diverso, come Ubuntu e slacware per le
            applicazioni non e' un
            problema.Devi prima riuscire ad installarlo. E se il sistema non ha determinati criteri di standard a partire dalla stessa struttura di directory e file, dovrai più o meno pesantemente operare manualmente sull'installazione per far funzionare il tutto. Questa la chiamo incompatibilità.
            Ti e' stato piu' volte chiesto un esempio pratico
            di incompatibilita', che ovviamente tu non hai
            mai incontrato, ma continui a rifugiarti dietro
            alla
            teoria.Prova ad installare il pacchetto amule-2.1.3-1.fc6.i386.rpm per Fedora su una Mandriva. Stesso sistema di pacchettizzazione, stesso programma installato, stessa versione. Se fossero compatibili non dovresti avere problemi.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:
            Prova ad installare il pacchetto
            amule-2.1.3-1.fc6.i386.rpm per Fedora su una
            Mandriva. Stesso sistema di pacchettizzazione,
            stesso programma installato, stessa versione. Se
            fossero compatibili non dovresti avere
            problemi.Esiste la versione per Mandriva, installa quella, troll!Quando si pacchettizza un software si può generare un rpm generico, che va bene per tutte le distribuzioni, o più rpm specifici, ognuno dei quali è fatto ad hoc per una particolare distribuzione. Ma se faccio un pacchetto per FC6 ne faccio uno anche per Mandriva, Suse etc...Il problema di cui parli non esiste. Vi state arrampicando sugli specchi...
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...

            Esiste la versione per Mandriva, installa quella,
            troll!Come esiste una versione di aMule per Windows. Ma la versione di aMule per Windows è incompatibile con Linux in generale come la versione rpm di aMule per Fedora è incompatibile con la versione rpm di Mandriva. Se il formato del file in questo caso è il medesimo (rpm) vuol dire che l'incompatibilità è a livello di versioni Linux. Detto in modo diverso, il pacchetto che si installa in modo trasparente su di una versione non si installa in modo trasparente su di un'altra benchè si utilizzi un formato comune conosciuto da entrambe.
            Quando si pacchettizza un software si può
            generare un rpm generico, che va bene per tutte
            le distribuzioni, o più rpm specifici, ognuno dei
            quali è fatto ad hoc per una particolare
            distribuzione.
            Ma se faccio un pacchetto per FC6
            ne faccio uno anche per Mandriva, Suse
            etc...Quando si programma un software lo si può programmare per Windows piuttosto che per Linux piuttosto che per OS/2, ecc... Se ciò che programmo per Windows non viene installato in modo semplice e trasparente anche su OS/2 posso dire che tale programma è compatibile con Windows e non con OS/2.I pacchetti RPM "universali" sfruttano quelle caratteristiche che nelle diverse distribuzioni Linux sono uguali, ovvero comuni a tutti, ovvero compatibili. Ma non sempre questo è possibile proprio perchè tra le diverse distribuzioni Linux ci sono delle differenze di file, struttura delle directory, librerie, ecc.. che le rendono non pienamente compatibili.Il concetto è chiaro anche leggendo la notizia, quando all'ottava riga dice che le patch ufficiali degli sviluppatori di Firefox non sono compatibili con le versioni modificate dalle varie distro dello stesso browser. Il programma è il medesimo, scritto per la medesima architettura e sistema operativo. E' chiaro che basta modificare le patch per poterle installare ma, le differenze tra Firefox ufficiale e quello modificato bastano a far si che siano incompatibili per quanto riguarda le patch.
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:

            Esiste la versione per Mandriva, installa
            quella,

            troll!

            Come esiste una versione di aMule per Windows. Ma
            la versione di aMule per Windows è incompatibile
            con Linux in generale come la versione rpm di
            aMule per Fedora è incompatibile con la versione
            rpm di Mandriva. Se il formato del file in questo
            caso è il medesimo (rpm) vuol dire che
            l'incompatibilità è a livello di versioni Linux.
            Detto in modo diverso, il pacchetto che si
            installa in modo trasparente su di una versione
            non si installa in modo trasparente su di
            un'altra benchè si utilizzi un formato comune
            conosciuto da entrambe.



            Quando si pacchettizza un software si può

            generare un rpm generico, che va bene per tutte

            le distribuzioni, o più rpm specifici, ognuno
            dei

            quali è fatto ad hoc per una particolare

            distribuzione.

            Ma se faccio un pacchetto per FC6

            ne faccio uno anche per Mandriva, Suse

            etc...

            Quando si programma un software lo si può
            programmare per Windows piuttosto che per Linux
            piuttosto che per OS/2, ecc... Se ciò che
            programmo per Windows non viene installato in
            modo semplice e trasparente anche su OS/2 posso
            dire che tale programma è compatibile con Windows
            e non con
            OS/2.
            I pacchetti RPM "universali" sfruttano quelle
            caratteristiche che nelle diverse distribuzioni
            Linux sono uguali, ovvero comuni a tutti, ovvero
            compatibili. Ma non sempre questo è possibile
            proprio perchè tra le diverse distribuzioni Linux
            ci sono delle differenze di file, struttura delle
            directory, librerie, ecc.. che le rendono non
            pienamente
            compatibili.
            Il concetto è chiaro anche leggendo la notizia,
            quando all'ottava riga dice che le patch
            ufficiali degli sviluppatori di Firefox non sono
            compatibili con le versioni modificate dalle
            varie distro dello stesso browser. Il programma è
            il medesimo, scritto per la medesima architettura
            e sistema operativo. E' chiaro che basta
            modificare le patch per poterle installare ma, le
            differenze tra Firefox ufficiale e quello
            modificato bastano a far si che siano
            incompatibili per quanto riguarda le
            patch.Non e' che cambi quello che ti e' stato gia' obiettato qui : http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1808083&id=1806192&r=PI
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...

            Non e' che cambi quello che ti e' stato gia'
            obiettato qui :
            http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1808083&iIl link porta ad un mio commento. E' corretto o hai sbagliato link? Nel primo caso, saresti più chiaro in cosa intendi dire?
          • Anonimo scrive:
            Re: La debolezza congenita di Linux...
            - Scritto da:

            Non e' che cambi quello che ti e' stato gia'

            obiettato qui :


            http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1808083&i

            Il link porta ad un mio commento. E' corretto o
            hai sbagliato link? Nel primo caso, saresti più
            chiaro in cosa intendi dire?Scusa, i soliti problemi di eccesso di anonimi...in effetti mi sembrava che stessimo dicendo le stesse cose, la persona che invece non era daccordo mi sa che ci ha mollato (rotfl)
    • Giambo scrive:
      Re: La debolezza congenita di Linux...
      - Scritto da:
      Vorrei
      adottare la Gnu Linux sulle 50 macchine aziendali
      ma finchè continueranno ad esistere una miriade
      di versioni con ognuna che tira acqua al proprio
      mulino non mi azzardo proprio.Non capisco perche' no. Studia quale distribuzione si adatta meglio alle tue esigenze e installa quella sulle tue macchine, che problema c'e' (newbie) ?
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        - Scritto da: Giambo

        Vorrei adottare la Gnu Linux sulle 50

        macchine aziendali ma finchè continueranno

        ad esistere una miriade di versioni con

        ognuna che tira acqua al proprio mulino

        non mi azzardo proprio.
        Non capisco perche' no. Studia quale
        distribuzione si adatta meglio alle tue esigenze
        e installa quella sulle tue macchine, che
        problema c'e' (newbie) ?C'e' che parla per sentito dire, e poi si offende se gli si da' dell'ignorante in materia...(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza congenita di Linux...
      Concordo con te. Linux ha troppe distro, troppi server grafici incompatibili, troppe differenze tra un package e l'atro.Chi ti ha risposto prima insultandoti non capisce l'ottica dell'impresa.Non capisce che l'efficenza passa anche dalla sempicità degli strumenti che si usano in azienda.Non si può richiedere al personale di sapere usare il make, di saper ricompilare, e cose di questo genere.
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        - Scritto da:
        Concordo con te.
        Linux ha troppe distro, troppi server
        grafici incompatibili, troppe differenze
        tra un package e l'atro.Difficile sceglierne uno he (rotfl)
        Chi ti ha risposto prima insultandoti non
        capisce l'ottica dell'impresa.Come se IBM, Google, e 1000 altre che usano linux non fossero imprese (rotfl) certo non e' l'impresuccia italiana con l'ingegnere che pretende di fare anche da sistemista e idraulico.
        Non capisce che l'efficenza passa anche dalla
        sempicità degli strumenti che si usano in
        azienda.
        Non si può richiedere al personale di sapere
        usare il make, di saper ricompilare, e cose di
        questo genere....E quando dovrebbe servire usare il make a un utente ????
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          UahUahUahAanche se non sono una professionistica nel settore informatico,so molte più cose di te!Si a impostare la lavatrice..... e sono stato moooolto buono...
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          Il fatto che tu dica server grafico invece di window manager o desktop environment dimostra che hai le idee un po' confuse.E comunque installare delle librerie non ha mai ucciso nessuno.Secondo, su un sistema da te amministrato sono gli utenti a installare i programmi? E allora tu cosa ci stai a fare? Bah.Il server grafico di linux e degli unix liberi è uno: X11.E non venirmi a dire che non ti serve saperlo perché stai giudicando sistemi operativi a destra e a manca.Poi con le argomentazioni più vecchie, tipo troppe distro, non so scegliere, datemi il monopolio!Ma tu forse non programmi perché ci sono troppi linguaggi?
      • Giambo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        - Scritto da:
        Concordo con te.
        Linux ha troppe distro, troppi server grafici
        incompatibili, troppe differenze tra un package e
        l'atro.Troppi server grafici incompatibili ?
        Non si può richiedere al personale di sapere
        usare il make, di saper ricompilare, e cose di
        questo
        genere.Infatti non e' affatto necessario.Ma anche se lo fosse, per un tecnico non dovrebbe essere difficile scrivere "./configure; make; make install" ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          - Scritto da: Giambo

          - Scritto da:

          Concordo con te.

          Linux ha troppe distro, troppi server grafici

          incompatibili, troppe differenze tra un package
          e

          l'atro.

          Troppi server grafici incompatibili ?


          Non si può richiedere al personale di sapere

          usare il make, di saper ricompilare, e cose di

          questo

          genere.

          Infatti non e' affatto necessario.
          Ma anche se lo fosse, per un tecnico non dovrebbe
          essere difficile scrivere "./configure; make;
          make install"
          ;)Ahahaah,forse lui fa riferimento alle dipendenze,non sa installare le librerire perchè non ha le repository....ConsiglioNon installare linux su la Xbox ma su un pc....
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        - Scritto da:
        Concordo con te.
        Linux ha troppe distro, troppi server grafici
        incompatibili, troppe differenze tra un package e
        l'atro.

        Chi ti ha risposto prima insultandoti non capisce
        l'ottica
        dell'impresa.
        Non capisce che l'efficenza passa anche dalla
        sempicità degli strumenti che si usano in
        azienda.
        Non si può richiedere al personale di sapere
        usare il make, di saper ricompilare, e cose di
        questo
        genere.
        cosa fai, ti rispondi anche ?
        • Anonimo scrive:
          Re: La debolezza congenita di Linux...
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Concordo con te.

          Linux ha troppe distro, troppi server grafici

          incompatibili, troppe differenze tra un package
          e

          l'atro.



          Chi ti ha risposto prima insultandoti non
          capisce

          l'ottica

          dell'impresa.

          Non capisce che l'efficenza passa anche dalla

          sempicità degli strumenti che si usano in

          azienda.

          Non si può richiedere al personale di sapere

          usare il make, di saper ricompilare, e cose di

          questo

          genere.



          cosa fai, ti rispondi anche ?Non riuscendo a rispondere a quelli che gli rispondono seriamente si sfoga in questo modo (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        - Scritto da:
        Concordo con te.
        Linux ha troppe distro,Scegli la più adatta. Ma ovviamente non sei abituato a scegliere, per via della "dittatura" MS
        troppi server grafici
        incompatibili,Oltre a X11 quale c'è, scusa?
        troppe differenze tra un package e
        l'atro.Che diavolo è un package??? Un pacchetto?E che vuol dire "differenza tra un pacchetto e l'altro"?
        Chi ti ha risposto prima insultandoti non capisce
        l'ottica
        dell'impresa.
        Non capisce che l'efficenza passa anche dalla
        sempicità degli strumenti che si usano in
        azienda.
        Non si può richiedere al personale di sapere
        usare il make, di saper ricompilare, e cose di
        questo
        genere.Compilare ed installare spetta ad un amministratore, non ad un utente.I dipendenti usano il software installato, non lo compilano/installano.E cmq installare su Linux è più facile che su Win (con tutti i suoi installer), è innegabile.
      • Alessandrox scrive:
        Re: La debolezza congenita di Linux...
        - Scritto da:
        Concordo con te.
        Linux ha troppe distro, Linux e' nato proprio per permettere ad esperti di potersi costruire il proprio S.O. su misura...Se non hai particolari esigenze e conoscenze ti scegli una di quelle piu' famose e vai avanti con quella.troppi server grafici
        incompatibili, Troppi ?http://www.x.org/Ne volevi di meno?E con cosa sarebbe incompatibile?Con la tua ignoranza?
        troppe differenze tra un package e
        l'atro.Ah beh... certo se installi un package x debian su una Mandriva il risultato certo non e' garantito...piu' facile che ti vada bene se installi un package x RH ma certo MAI quanto installare il package delle PROPRIA distribuzione.Troppa fatica?http://rpm.pbone.net/
        Chi ti ha risposto prima insultandoti non capisce
        l'ottica
        dell'impresa.
        Non capisce che l'efficenza passa anche dalla
        sempicità degli strumenti che si usano in
        azienda.
        Non si può richiedere al personale di sapere
        usare il make, di saper ricompilare, e cose di
        questo
        genere.Dipende dal personale... se sono sistemisti non avranno problemi a fare un make/make install su linux o BSD, se sono semplici utenti non gli farei fare un' installazione da administrator nemmeno su Windows.Nellì ottica di un' impresa il lavoro di installazione/configurazione lo fa il sistemista e l' utente USA i programmi e STOP. Diversamente l' azienda rischia grosso sia con Linux che con Windows.
    • danieleMM scrive:
      Re: La debolezza congenita di Linux...

      purtroppo, come richiama la frase "il patching di
      Firefox sulle principali distro del Pinguino"
      risiede appunto nelle "distribuzioni" ognuna
      variamente incompatibile con le altre. Vorrei
      adottare la Gnu Linux sulle 50 macchine aziendali
      ma finchè continueranno ad esistere una miriade
      di versioni con ognuna che tira acqua al proprio
      mulino non mi azzardo proprio. Guardo di buon
      grado Ubuntu, compresi i driver "closed" cui
      plaudo se consentono alle macchine di funzionare
      impeccabilmente. Auspico il verificarsi del "ne
      resterà soltanto uno", quale che sia tra le varie
      "distro", ma uno solo per tutti. Non mi piace il
      fondamentalismo, mi piace il
      progresso.i problemi di compatibilità tra distro sono ristretti a qualche casistica.. e non sono tra TUTTE le distro ma tra quelle principali (le altre sono tutte derivate)tu parli di ubuntu, ubuntu è una debian un po' strapazzata, e nel gruppo debian non è ben vista perché *pare* prenda e non restituisca, d'altra parte ha il merito (dipende dai punti di vista) di aver attirato molte persone a linux.mi sto informando sul problema della compatibilità fra distro..un amico mi ha detto che quasi tutti questi problemi sono legati alla combinazione di GCC e GLib utilizzata sul sistema.. lo riporto senza averlo ancora verificatoEsiste un ente nato appositamente per standardizzare le varie distro Linux:http://en.wikipedia.org/wiki/Free_Standards_Groupcome noti i punti che possono causare problemi non sono moltitanto e vero che la maggior parte del software in circolazione è funzionante senza particolari modifiche su qualunque distrose vai sul sito del Free Standard Group c'è una lista delle distro certificate dal gruppo.. non sono molte ma tante si stanno uniformandoil mio consiglio a qualcuno che vuole sviluppare un software per linux è quello di seguire questi standard, e poi saranno le distro a preoccuparsi di adattarsi se dovessero sorgere dei problemi di compatibilità.--edit--aggiungo una considerazione perché quando si parla dell'argomento secondo me va considerata:nei vari passaggi win95/win2000/winXP e ora Vista le software house hanno sempre dovuto riadattare i proprio software perché funzionassero sul nuovo sistemasviluppare su linux un software non richiederebbe tale rinnovamento periodico..potrebbe richiedere qualche aggiustamento per seguire i cambi di librerie (sostituzione di chiamate a metodi/funzioni/quant'altro diventi deprecato)il software può crescere senza preoccuparsi più di tanto di dover riscrivere intere parti per adattarsi ad un nuovo SO-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 dicembre 2006 17.09-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: La debolezza congenita di Linux...
      - Scritto da:
      purtroppo, come richiama la frase "il patching di
      Firefox sulle principali distro del Pinguino"
      risiede appunto nelle "distribuzioni" ognuna
      variamente incompatibile con le altre. Vorrei
      adottare la Gnu Linux sulle 50 macchine aziendali
      ma finchè continueranno ad esistere una miriade
      di versioni con ognuna che tira acqua al proprio
      mulino non mi azzardo proprio. Guardo di buon
      grado Ubuntu, compresi i driver "closed" cui
      plaudo se consentono alle macchine di funzionare
      impeccabilmente. Auspico il verificarsi del "ne
      resterà soltanto uno", quale che sia tra le varie
      "distro", ma uno solo per tutti. Non mi piace il
      fondamentalismo, mi piace il
      progresso.E' inutile che cianci.Non userai MAI Linux!Uno come te che scambia la FORZA x debolezza,...........non capisce una maZZa!Rimani con la ciofeca di SO che sicuramente hai.
  • Anonimo scrive:
    off topic riguardo titoli
    ma perchè usate sti termini?firefox strizza l'occhio...maddai!su tutti i siti di notizie informatiche ogni giorno c'è sempre un titolo del genere...oppure è lo stesso autore che scrive notizie x diversi siti :D
    • Anonimo scrive:
      Re: off topic riguardo titoli
      - Scritto da:
      ma perchè usate sti termini?

      firefox strizza l'occhio...

      maddai!

      su tutti i siti di notizie informatiche ogni
      giorno c'è sempre un titolo del
      genere...

      oppure è lo stesso autore che scrive notizie x
      diversi siti
      :DPurtoppo la triste spiegazione è che il titolo riflette una drammatica realtà:'ste zozzone di volpi di fuoco sono delle pervertite transgeniche e stanno sempre a molestare i pinguini! O) :D
    • mythsmith scrive:
      Re: off topic riguardo titoli
      quotoNon solo i titoli, ma lo stile in generale è totalmente omologato. Semantica, circonlocuzioni, avverbi e aggettivi... si ripetono moltissime volte...Certe volte leggendo un articolo qui su PI sento come un tremito, come quando mangi troppi dolci e senti che stai per vomitare... però continuo a leggere perché le notizie in sé sono interessanti.Del resto non saprei come rendere originali certi articolo.. perché le notizie in sé sono spesso molto scarne.Forse per certi flash bisognerebbe adottare lo stile di slashdot... Frustra fit per plura quod fieri potest per pauciora
  • Anonimo scrive:
    [OT] Lo facessero "quelli" di Explorer!
    :) :) :) :) :) :) :) :)
  • Anonimo scrive:
    TRA BLOTAWARE...
    ci si intende(troll)
  • Anonimo scrive:
    Io già son passato a ICEWEASEL
    Il fork di mozilla-firefox.W DEBIAN!! Debian the BEST!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Io già son passato a ICEWEASEL
      - Scritto da:
      Il fork di mozilla-firefox.
      W DEBIAN!! Debian the BEST!!io preferirei firefox originale, e' gia' buono cosi', non servono i soliti fork disperdienergie.
      • Anonimo scrive:
        Re: Io già son passato a ICEWEASEL
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Il fork di mozilla-firefox.

        W DEBIAN!! Debian the BEST!!

        io preferirei firefox originale, e' gia' buono
        cosi', non servono i soliti fork
        disperdienergie.Non è proprio un fork al 100%. Cambiano il marchio e tolgono le cose proprietarie, ma continueranno a rimanere in sincronia con il firefox originale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io già son passato a ICEWEASEL
      - Scritto da:
      Il fork di mozilla-firefox.
      W DEBIAN!! Debian the BEST!!e vaiiiiiii con la dispersione di risorse (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: Io già son passato a ICEWEASEL
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Il fork di mozilla-firefox.

        W DEBIAN!! Debian the BEST!!

        e vaiiiiiii con la dispersione di risorse (rotfl)Perchè parli a vanvera? Non sai nulla e parli!Quante risorse spendi a cambiare un marchio?GNUrante...(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Io già son passato a ICEWEASEL
      - Scritto da:
      Il fork di mozilla-firefox.
      W DEBIAN!! Debian the BEST!!Ma si bravo bravo, dai con le guerre tra di noi... e chissà cosa ci hai guadagnato a parte il nome diverso..... Ma finiamola ridicoli!!! (linux)(linux)(linux)(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Io già son passato a ICEWEASEL
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Il fork di mozilla-firefox.

        W DEBIAN!! Debian the BEST!!

        Ma si bravo bravo, dai con le guerre tra di
        noi... e chissà cosa ci hai guadagnato a parte il
        nome diverso..... Ma finiamola ridicoli!!!
        (linux)(linux)(linux)(linux)ICEWEASEL funziona meglio del Firefox originale.Debian is the BEST!Noi siamo la vera FORZA!Checcè ne diciate voialtri quaqquaraqqua.
    • Anonimo scrive:
      preferisco iceape
      voglio mail news chat e composer integrati
      • Anonimo scrive:
        Re: preferisco iceape
        - Scritto da:
        voglio mail news chat e composer integratiChat ??? Quale ? Ce ne sono 10.000 ?Io vorrei IRC integrato.
Chiudi i commenti