Il cellulare si carica con una ministilo

Dotato della tecnologia Backupower, il nuovo cellulare di Philips prevede l'alloggiamento per una batteria ministilo in grado di prolungarne l'autonomia

Roma – La carica del telefonino è quasi esaurita e il caricabatteria è stato dimenticato a casa. Come è possibile non perdere i contatti con il mondo, soprattutto se ci si trova da soli, magari in viaggio? Si prende una normale batteria “ministilo” AAA e la si infila nel telefonino. Ma solo se si tratta di un Philips Xenium 9@9j .

Philips Xenium 9@9j Si tratta di una batteria di facile reperibilità, acquistabile al supermercato e in molti negozi (anche quelli delle aree di servizio autostradali), di cui esiste anche il formato ricaricabile. Quando la batteria “muore” (o è prossima all’esaurimento), lo Xenium 9@9j consente appunto di utilizzare una ministilo (da inserire in un apposito alloggiamento) che lo può alimentare fornendo un’autonomia supplementare di 3 ore in conversazione.

Tech Digest spiega che questa tecnologia, chiamata Backupower , è stata realizzata dall’azienda israeliana Techtium in collaborazione con Energizer e la sua funzione è praticamente di ricaricare la batteria standard (agli ioni di litio) presente sul nuovo Philips, che sarà commercializzato in aprile e sarà il primo cellulare ad esserne dotato.

Un’idea simile è venuta anche a Nokia , che intende lanciare sul mercato il suo Extra Power DC-8, un piccolo caricabatteria da collegare al cellulare (e quindi non integrato nell’apparecchio come quello di Philips) in grado anch’esso di fornire autonomia supplementare, in virtù dell’utilizzo di batterie di tipo AA: le classiche “stilo”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mauro scrive:
    Tiscali non ti fa migrare a sé stessa...
    E' dal 2002 che ho una connessione ADSL tiscali, l'allora "light sempre" da 320kbps aggiornata di volta in volta fino ad arrivare agli attuali 4mps, e che pago 30 euro mensili (non sono coperto dalla rete di unbundling). Tutto ok, nessuna lamentela a parte qualche raro downtime.Per me ci sarebbe l'opportunità di passare all'ADSL tiscali da 7mbps che costa... 20 euro al mese, cioè un terzo in meno di quanto pago ora, e avrei una connessione "più veloce" (lo so che non sarebbe più veloce, ma 10 euro in meno al mese non mi fanno poi schifo). Ebbene, ho chiamato due volte il servizio clienti tiscali, e dopo attese di minuti e minuti con la suoneria di sottofondo (almeno è gratis, alla faccia di tele2 che lo fa pagare come una urbana), appena beccato un operatore e avendo richiesto l'upgrade, mi è stato detto tutte e due le volte "richiami tra 10gg per verificare", ma il mio router riporta ancora 4mps...
  • Mr.Mechano scrive:
    Se in Italia
    ...Se in Italia funzionasse come in UK, MAC o non MAC ci metterei la firma...Perché nonostante storture come quelle del MAC, alla fine i conumatori hanno un minimo in più di chiarezza e garanzie rispetto ai cartelli che si sono formati in Italia e a CosaNostra-Telecom che taglieggia tutti.
  • sylvaticus scrive:
    Ma va la...
    Come hanno testimoniato altri utenti son tutte frottole.. il sistema dell'identificativo MAC funziona molto bene...La mia raga ha tiscali UK e per avere questo MAC basta premere un bottone... senza tener conto che se esce una nuova offerta più conveniente sempre della Tiscali UK basta appunto premere un bottone per adeguarsi.. mica come qui che le offerte sono riservate ai "nuovi clienti"...
    • TdZ scrive:
      Re: Ma va la...
      - Scritto da: sylvaticus
      Come hanno testimoniato altri utenti son tutte
      frottole.. il sistema dell'identificativo MAC
      funziona molto
      bene...

      La mia raga ha tiscali UK e per avere questo MAC
      basta premere un bottone... senza tener conto che
      se esce una nuova offerta più conveniente sempre
      della Tiscali UK basta appunto premere un bottone
      per adeguarsi.. mica come qui che le offerte sono
      riservate ai "nuovi
      clienti"...E così penso che funzioni in tutta europa tranne che in italia...Oltre al fatto che dubito che in uk possa capitare di richiedere una linea adsl e vedersela rifiutare (capoluogo di provincia, zona coperta) perchè non ce ne sono più disponibili... (mi sta succedendo nella casa in cui andrò ad abitare tra un paio di mesi) Non ho parole!
  • Cris scrive:
    Non farei paragoni
    Non farei troppi paragoni tra l'Italia e l'Inghilterra.Anche in UK a volte le cose non funzionano ma generalmente l'utente é molto piú rispettato e tutelato. Lo dico perché ci vivo e l'ho sperimentato di persona.
  • sdak scrive:
    in una settimana
    In questo momento vivo a Londra, e in casa quando abbiamo deciso di cambiare la linea adsl tempo 1 settimana dalla chiamata siamo riusciti a passare dall operatore sky, alla virgin senza nessun problema.
  • pipo scrive:
    Non sono d'accordo
    Vivo in Inghilterra da 12 anni e ho cambiato spesso provider. Non ho mai avuto nessun problema nel cambiare provider a patto di essere nei temini del contratto.Molti provider offrono il loro servizio con un minimo contrattuale che va da 1 mese a 2 anni. Se si vuole migrare prima della scadenza del contratto é difficile se non impossibile, dopo la scadenza del primo periodo la migrazione, per mia esperienza, é facilissima.A presto
  • Overture scrive:
    Arriverà anche da noi con la sorpresa
    ...finirà che per cambiare operatore dovremo pagarcelo il mac come una specie di marca da bollo...
    • teddybear scrive:
      Re: Arriverà anche da noi con la sorpresa
      - Scritto da: Overture
      ...finirà che per cambiare operatore dovremo
      pagarcelo il mac come una specie di marca da
      bollo...Figurati che io sono in causa contro Telecom per aver voluto chiudere un contratto.Contratto del 1997, quindi uno dei primi GSM in Italia. Anni dopo (2001) volli chiudere quel contratto (non una ricaricabile) perchè non conveniva più stare con loro. Passai a Wind (con la quale mi trovo più che ottimamente).Però loro continuano a volere i soldi. Lettere, Raccomandate. Alla fine mi hanno chiesto una raccomandata RR con una copia firmata della carta d'identità e la SIM card. (che nel frattempo aveva comunque già smesso di funzionare, "SIM non riconosciuta".Mi è arrivata la ricevuta. Eppure sul mio conto in banca continuano a chiedere i soldi. Ho chiesto la restituzione. Niente. Ho chiesto che smettano di volere i miei soldi.Mi è arrivata una fattura anche per il pregresso... perchè nel frattempo ho bloccato il conto. E mi minacciano di bloccare la SIM (ridicoli, ce l'hanno loro, e bloccatela se volete)Ora siamo arrivati alla causa. Vedremo che succede.
      • ba1782 scrive:
        Re: Arriverà anche da noi con la sorpresa
        Pazzesco...
      • miki scrive:
        Re: Arriverà anche da noi con la sorpresa
        Scusa ma invece di arrivare ad una causa per una cosa così semplice, perchè non hai contestato subito con una raccomandata spiegando le tue ragioni? In questo modo evitavi tutte queste lungaggini e le spese legali che alla fine penso dovrai pagare per la tua parte.
        • teddybear scrive:
          Re: Arriverà anche da noi con la sorpresa
          - Scritto da: miki
          Scusa ma invece di arrivare ad una causa per una
          cosa così semplice, perchè non hai contestato
          subito con una raccomandata spiegando le tue
          ragioni? In questo modo evitavi tutte queste
          lungaggini e le spese legali che alla fine penso
          dovrai pagare per la tua
          parte.Semplicemente perchè io rivoglio i miei soldi. Quelli che ho anticipato (con il contratto devi dare un anticipo chiamate) e quelli che indebitamente mi hanno sottatto dal conto corrente fino al giorno in cui l'ho bloccato.Visto che a raccomandate e tutto il resto loro non rispondono...
Chiudi i commenti