Il DL Urbani e l'opposizione che non c'è

di Gilberto Mondi - In Commissione, al Senato, votano contro solo i Verdi anche se è evidente a tutti che il provvedimento è sbagliato al punto che vogliono modificarlo dopo... l'approvazione. Complimenti a tutti


Roma – Qualcosa di grottesco ha accompagnato l’iter parlamentare del decreto legge Urbani. Un provvedimento partito male, modificato in corsa e che si appresta proprio in queste ore ad essere approvato definitivamente dal Senato della Repubblica, ormai pronto ad avallare la nascita di un mostro . Grottesco, dicevo, perché la conversione del DL non ha più nulla a che vedere con il DL originale. In comune i due testi hanno solo il fatto di essere il risultato delle pressioni dell’industria e di essere entrambi figli di quelle servitù politiche che ben conosciamo ma che non per questo risultano meno disgustose.

La legge che il Senato sta per approvare estende il carcere a fattispecie di utilizzo della rete così diffuse da generare non solo e non tanto incertezza nel diritto quanto invece certezza dell’incapacità da parte di chi si è reso responsabile di questa normativa di comprendere cosa sia Internet, che è soltanto il motore delle trasformazioni più rilevanti degli ultimi dieci anni per l’Italia e non.

Le implicazioni del provvedimento, che i nostri rappresentanti in Parlamento non ritengono sufficienti a giustificare l’affondamento di questa legge, sono enormi . Si va dai pericoli per la libertà di distribuzione del software agli effetti sul mercato del broad band , dalla mortificazione della creatività alla criminalizzazione dell’utenza internet . Sono tutte dirette conseguenze di quanto il Senato sta per approvare in una formulazione identica a quella passata alla Camera .

Altre implicazioni sono le responsabilità politiche . Se il DL Urbani è stato approvato dal Consiglio dei Ministri era logico attendersi che alla Camera la maggioranza che quel Consiglio sostiene avrebbe avallato, come è stato, anche il provvedimento di conversione del DL. Ma alla Camera quel provvedimento è stato appoggiato anche dall’opposizione , che ha consentito senza colpo ferire l’approvazione di una legislazione di cui non si hanno precedenti in Europa. Una situazione che si sta ripetendo uguale al Senato dove, con l’unica eccezione dei Verdi, l’opposizione è pronta a digerire con imprevedibile (sorprendente?) sufficienza questa normativa che parla di internet, anche se vogliono tutti credere che parli di cinema.

Il clima grottesco che ha accompagnato l’intero iter del provvedimento grava su Palazzo Madama fino all’ultimo.
Tutte le parti in causa, persino lo stesso ministro Giuliano Urbani presente al Senato, si sono dette convinte che la normativa così com’è non vada bene e vada riformata (e in questo senso è stato approvato un ordine del giorno proposto dal verde Cortiana). Ma viviamo in un paese nel quale non è sufficiente che tutti siano d’accordo sul fatto che una proposta sia nata male, e cresciuta peggio, per impedire che divenga legge. Un paese di parolai pronti a mettere una mano sul fuoco per giurare di aver capito di averla fatta grossa e ad usare contestualmente l’altra mano per firmare un provvedimento che salverà pure il cinema, ma che certo boccia definitivamente la ragione.

Si può sperare che la frenetica raccolta di emendamenti da parte dei Verdi in queste ore sia sufficiente a bloccare il concretizzarsi di questo disegno? Si può. Speriamolo. Non resta molto altro da sperare.

Gilberto Mondi

dello stesso autore:
Urbani un merito ce l’ha
Nessuno fermi le Gogne elettroniche
L’onda lunga della biometria

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ha si bellissimo!!!
    Le societa' che pagano si riserveranno il diritto di spammarmi la casella in esclusiva.Anche se mi lamento, siccome questi pagano, il provider non avra' nessun interesse a far finire lo spam.Insomma qualcuno riuscira' a fare i soldi sull'immondizia che mi ammorba la casella :|
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha si bellissimo!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Le societa' che pagano si riserveranno il
      diritto di spammarmi la casella in
      esclusiva.

      Anche se mi lamento, siccome questi pagano,
      il provider non avra' nessun interesse a far
      finire lo spam.

      Insomma qualcuno riuscira' a fare i soldi
      sull'immondizia che mi ammorba la casella :|Centrato!Non solo: chi spamma paga (M$), quindi M$ NON avra' nessun interesse a fare/supportare software che blocchi lo spam lato client :(:'(Anzi! Sviluppera' e tentera' di imporre inutil-ware che come scopo principale avra' quello di migliorare la qualita' dello spam pagante e come "effetto collaterale" quello di essere veicolo di virus/worm (e con Longoron virus e worm saranno "certificati" e quindi inarrestabili) :|Saluti....................Enrico (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha si bellissimo!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Le societa' che pagano si riserveranno il
      diritto di spammarmi la casella in
      esclusiva.

      Anche se mi lamento, siccome questi pagano,
      il provider non avra' nessun interesse a far
      finire lo spam.

      Insomma qualcuno riuscira' a fare i soldi
      sull'immondizia che mi ammorba la casella :|Che novità è scusa? Gli spammer hanno sempre fatto soldi sullo spam.
  • Anonimo scrive:
    Su IronPort gira Linux+Qmail modificato
    Meditate gente meditate......(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma questa notizia...
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    l'avete letta?!

    Farsi pagare dagli spammatori!!!!

    E'.....è.....è.....non ho

    parole.

    Arriveremo al punto che anche detenere
    virus

    nel proprio computer sarà motivo
    di

    richiesta di denaro da parte di Bill il

    Simpaticone. Un dollaro a worm..... ;)

    Ciao.
    Mah, veramente io ho capito che bisogna
    pagare per NON essere spammatori.
    Non so quale sia l'ipotesi peggiore (il
    peggio non è mai morto...) ma ne esce
    un solo, cristallino concetto: "PAGARE,
    pagare, PaGaRe, ppaaggaarree, etc."

    Sarebbe ora - come Monti sta cercando di
    far concepire - di cominciare a far pagare
    ($alatamenti$$imamente) Zio Bill & Co.

    O no??

    Ave.
    Tiz,Ud.Il problema è che l'informazione commerciale via mail, può essere anche lecita. In fondo se io ho un prodotto interessante la mail permette di arrivare a un gruppo di persone potenzialmente interessate. che la pubblicità sia il futuro come il presente delle vendite è normale, il nostro mondo è fondato sulla pubblicità.Qui il discorso semmai è se ti iscrivi a questo servizio e paghi non vieni bloccato ma devi seguire certe regole, altrimenti vieni bloccato e perdi soldi.Lo spam non morirà mai se le cose non mutano e non è facendo pagare multe che lo si ferma ma regolamentando il servizio in maniera decisa si può forse migliorare. Nessuno mi obbliga ad usare msn e hotmail e se uso un servizio gratuito è giusto sottostia a certe regole, qui in pratica mi si dice che se rifiuto un messaggio deve essere accettato veramente il rifiuto altrimenti la ditta perde il diritto di mandare posta e cauzione.Non ci trovo nulla di particolare in questa cosa, e sebbene io non sia d'accordo con il modo di gestire windows office e politiche varie di MS questa cosa la capisco e la accetto.Non si puòsempre solo sparare a zero senza pensare e comprendere bene che significa una cosa. e se non vi piace comunque bene non esiste solo msn e hotmail
  • Anonimo scrive:
    Vorrei sapere
    Da profano vorrei sapere cosa vuol dire bloccare le email non richieste. Ora qualsiasi mail e' "non richiesta", e se sia spam o meno lo sapro' a posteriori non certo prima. I filtri antispam suppongo che funzionino testando il mittente e il subject ma non certo il contenuto e quindi il concetto di mail non richiesta come si esplica? Ogni utente diecide a priori chi lo possa contattare? Questa e' un idiozia ovviamente, ed allora chi decide quali mail passano e quali no? Ed in base a cosa, il portafogli?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma questa notizia...
    - Scritto da: Anonimo
    l'avete letta?!
    Farsi pagare dagli spammatori!!!!
    E'.....è.....è.....non ho
    parole.
    Arriveremo al punto che anche detenere virus
    nel proprio computer sarà motivo di
    richiesta di denaro da parte di Bill il
    Simpaticone. Un dollaro a worm..... ;)Ciao.Mah, veramente io ho capito che bisogna pagare per NON essere spammatori.Non so quale sia l'ipotesi peggiore (il peggio non è mai morto...) ma ne esce un solo, cristallino concetto: "PAGARE, pagare, PaGaRe, ppaaggaarree, etc."Sarebbe ora - come Monti sta cercando di far concepire - di cominciare a far pagare ($alatamenti$$imamente) Zio Bill & Co.O no??Ave.Tiz,Ud.
  • Anonimo scrive:
    Ma questa notizia...
    l'avete letta?!Farsi pagare dagli spammatori!!!!E'.....è.....è.....non ho parole. Arriveremo al punto che anche detenere virus nel proprio computer sarà motivo di richiesta di denaro da parte di Bill il Simpaticone. Un dollaro a worm..... ;)
Chiudi i commenti