Il formato PDF è standard ISO

Il formato dei documenti Adobe PDF è stato approvato come standard internazionale da ISO dopo una votazione che ha visto un solo voto a sfavore

Roma – Con un solo voto contrario, pochi giorni fa ISO ha eletto il celebre formato dei documenti PDF a standard internazionale, battezzandolo ISO 32000 .

A darne notizia è James C. King, PDF architect di Adobe , che in questo post riporta i dettagli della votazione.

Secondo King, delle 15 nazioni che hanno partecipato alla votazione il solo voto contrario è arrivato dalla Francia , mentre la Russia si è astenuta. Le nazioni che hanno espresso un voto positivo, tra le quali figurano Gran Bretagna, USA e Germania, hanno presentato un totale di 205 commenti : si tratta di proposte di revisione di cui il gruppo di lavoro ISO 32000 – di cui King è stato nominato technical editor – dovrà tener conto nella definizione dello standard ufficiale.

Adobe aveva sottoposto la specifica PDF 1.7 al vaglio di ISO all’inizio dell’anno. Alcuni ritengono che questa mossa arrivi in risposta al lancio, da parte di Microsoft, del nuovo formato dei documenti XPS : lo stesso che BigM ha già sottoposto al processo di standardizzazione di ECMA e che, in futuro, conta di presentare anche a ISO.

“La sfida sarà quella di far partecipare le persone al prossimo rilascio dello standard. Sono molti coloro che vogliono gli standard, ma per partecipare (alla loro creazione, NdR) è necessaria una certa dose di impegno”, ha affermato King.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • spalmer scrive:
    che schifo
    cracker no, lamer no, persone di m***a, non riesco ad immaginare una persona che fa questo, sfoglia i necrologi e mette spyware... o qualsiasi cosa, che schifo.
    • pippo scrive:
      Re: che schifo

      cracker no, lamer no, persone di m***a, non
      riesco ad immaginare una persona che fa questo,
      sfoglia i necrologi e mette spyware... o
      qualsiasi cosa, che
      schifo... e l'imbecille che ci casca :|
    • lellykelly scrive:
      Re: che schifo
      io non riesco a capire chi cerca un parente morto su google...
      • giuppy scrive:
        Re: che schifo
        magari voleva vedere se c'era qualche notizia in più sul web.
        • Giovanni Z. scrive:
          Re: che schifo
          sì dai, andreste a vedere il video in cui si vede una persona a voi cara che muore in un incidente? Brrr...mi fanno più impressione i parenti dei delinquenti...
  • gennarino scrive:
    mio padre
    quando morì mio padre, dopo pochi giorni ci sono arrivate un paio di lettere di persone che chiedevano il nostro aiuto economico.Come vedete non hanno inventato nulla.
  • lalla63 scrive:
    Da noi è ancora più squallido
    http://www.alexmenietti.it/tag/linea-rom/Siamo una società impazzita, senza la minima coscienza e morale.
    • pascale scrive:
      Re: Da noi è ancora più squallido
      perché questo? Napoli, 5 dic. - (Adnkronos) - Tre persone sono state arrestate a Qualiano, nel napoletano, dai Carabinieri di Giuliano per avere venduto nel locale cimitero tombe gia' occupate da altri defunti. Le indagini, durate aluni mesi, hanno condotto all'arresto di tre impiegati del cimitero.
    • Senbee scrive:
      Re: Da noi è ancora più squallido
      Quel post è un concentrato di disinformazione.1) Non è stata una pena lieve, anzi. Per omicidio colposo nessuno in Italia ha mai preso più di 4 anni, e senza passarli in carcere (si risolvono con la conversione in risarcimento). SOLO nel caso del rom invece sono stati dati 6 anni (più di quelli chiesti dall'accusa!) e sono stati i domiciliari da scontare in una clinica di recupero per alcolisti.Si può discutere del fatto che l'omicidio colposo sia poco sanzionato in Italia, ma prendersela proprio con quel caso è solo razzismo: se non si fosse trattato di un rom (cioè in tutti gli altro casi) nessuno ne avrebbe parlato. Grillo è stato condannato per una cosa identica (ha preso 3 anni e mezzo) e non ha fatto un solo giorno di carcere né di domiciliari.2) È falso che sia testimonial di una campagna pubblicitaria: lui non ha mai firmato nulla né ha mai preso alcun soldo. È una "trovata" di Sundas, noto squalo della pubblicità e ormai ospite fisso di "Mi Manda Raitre", sul banco degli accusati ovviamente.3) La "villa al mare" nient'altro è che un residence a San Benedetto del Tronto, prestato da un anonimo al condannato che altrimenti sarebbe senza fissa dimora.4) Se c'è stata disparità di trattamento, è stata in peggio e non certo in meglio. vediamo per esempio gli ultimi casi simili: ai ragazzi che hanno ammazzato il bambino con la moto non è stata comminata alcuna pena carceraria (anzi appena scarcerati il paese ha fatto festa, mentre quando è stato scarcerato il rom gli hanno incendiato il campo nomadi), e giusto tre giorni fa un pullman di pellegrini sulla A1 ha ucciso tre extracomunitari, e nessun media ne ha parlato.5) "Rispedire a casa l'immigrato" è una sciocchezza: il tizio è di origine rumena, e quindi è a tutti gli effetti cittadino europeo, e quindi ha tutto il diritto di girare in Europa. La legge è identica in tutti gli stati europei: se mi beccano in Spagna mentre guido ubriaco non possono certo rispedirmi in Italia. Soprattutto se sono nomade e quindi non ho nemmeno una Nazione di appartenenza e un domicilio.Non voglio assolutamente difendere un coglione che ha causato a per alcolismo una tragedia, ma la reazione nei suoi confronti è stata decisamente esagerata rispetto a quella che si ha con tutti gli altri non rom. E quindi il sospetto di razzismo è davvero forte.
Chiudi i commenti