Il freddo autunno di iPhone

di D. Galimberti - Novità ce ne sono, ma non abbastanza da scaldare fan e investitori. I prezzi sono il principale interrogativo delle novità mostrate da Apple per la propria offerta smartphone

Roma – Se le dichiarazioni di intenti fossero tutte veritiere, i nuovi iPhone 5S e 5C potrebbero essere un grande successo. La cosa, di per sé, non sarebbe nemmeno una grossa novità, visto che ogni anno il lancio del nuovo modello fa segnare un nuovo record di vendite: lo scorso anno furono ( 2 milioni gli iPhone 5 preordinati nelle prime 24 ore dopo la presentazione, mentre nei primi tre giorni di disponibilità (nonostante il lancio coinvolgesse solo 9 paesi) le vendite raggiunsero i 5 milioni di pezzi.

Quest’anno alcuni sondaggi dicono che ben la metà degli attuali utenti iPhone sarebbe interessata a comprare fin da subito uno dei nuovo modelli e c’è già chi (pur senza sapere nulla di preciso né sulle specifiche tecniche, né sulla data effettiva di lancio) si era già messo in coda qualche giorno giorno fa per acquistare i nuovi iPhone 5S e 5C: chissà come avranno reagito alla notizia che dovranno attendere altri 10 giorni. Personalmente dubito che l’interesse sia davvero così elevato, e non vedo grossi motivi di cambiamento tra chi possiede già iPhone 5, però è indubbio che Apple abbia lavorato proprio nella direzione di spingere al ricambio generazionale. La nuova veste grafica di iOS, e il lancio di una nuova linea (il cui prezzo, come vedremo più avanti, non proprio così contenuto come ci si aspettava) sono due scelte che puntano a convincere gli utenti più vecchi a passare al nuovo, e se ci aggiungiamo il nuovo programma di ritiro dell’usato (attualmente attivo solo negli USA) l’intenzione di Apple diventa ancora più evidente.

Ma veniamo al sodo dando un’occhiata a ciò che è stato presentato nel corso dell’evento di ieri. Di iOS7 si sapevano già molte cose, sia perché già presentato nel corso della recente WWDC , sia perché le versioni distribuite agli sviluppatori in questi mesi sono state analizzate in tutti i dettagli da numerosi siti specializzati, rivelando una delle novità più chiacchierate dell’iPhone 5S: il Touch ID . Il nuovo pulsante home del melafonino (oltre a perdere il canonico quadrato centrale che l’aveva caratterizzato fin dalla nascita) integra ora un lettore di impronte digitali ed è circondato da un anello metallico che attiva la rilevazione del sensore. Questo lettore di impronte sarà utilizzato per lo sblocco del telefono, ma anche per gli acquisti sullo store, e le informazioni relative all’impronta del proprietario sono memorizzate solo all’interno del telefono (niente iCloud) in un file crittografato.

Soffermandosi sul lato estetico, iPhone 5S mantiene sostanzialmente la stessa identica linea del precedente modello, ma viene fornito con delle varianti cromatiche leggermente differenti: grigio siderale (che sostituisce il nero), argento (cioè il vecchio bianco), e oro (la vera nuova variante). Le novità più grosse stanno però all’interno : Apple prosegue la sua marcia nella progettazione di processori personalizzati e introduce il SoC Apple A7 , un processore a 64 bit basato su architettura ARMv8 con prestazioni che si spingono fino a 40 volte quelle del primo iPhone (56 volte per quanto riguarda la GPU). Per incrementare ancora di più le performance il processore A7 è affiancato da un coprocessore M7 dedicato esclusivamente alla rilevazione dei movimenti (accelerometro, giroscopio e bussola), un lavoro che, oltre ad alleggerire il compito della CPU principale, fornisce una serie di informazioni utili a risparmiare la batteria, che ora arriva a 250 ore di standby, 8 ore di navigazione su rete 3G o LTE, 10 ore di navigazione WiFi, 40 ore di riproduzione audio (oppure 10 di riproduzione video). Per concludere il discorso delle prestazioni, vale la pena sottolineare che iOS7 è già ottimizzato per i 64 bit del nuovo processore, il che costituisce un vantaggio per chi deciderà di acquistare il nuovo modello.

Esaurito il discorso delle prestazioni, molti utenti saranno interessati alle migliorie introdotte sulla fotocamera . La risoluzione rimane a 8 megapixel, ma il sensore è leggermente più grande (del 15 per cento) e il diaframma aumenta la sua apertura fino a f/2.2 lasciando entrare più luce: la soluzione migliore per incrementare la qualità degli scatti. A contorno di tutto ciò, anche il flash a doppio LED aiuta ad ottenere una maggiore fedeltà dei colori: uno dei due LED è infatti di colore ambra, e la combinazione delle intensità di colore dei due LED viene analizzata da un apposito algoritmo per ottenere un bilanciamento del bianco il più naturale possibile. In risposta alla concorrenza , Apple migliora anche l’applicazione che gestisce la fotocamera: oltre agli immancabili effetti, ora è possibile scattare foto a raffica (10 foto al secondo), filmare al rallentatore (120 fps) e, finalmente, zoomare anche durante le riprese video.

iPhone 5S sarà disponibile a partire da venerdì 20 settembre (in prenotazione dal 13 settembre) nei tagli da 16GB, 32GB e 64GB, ma solo in un numero ridotto di paesi: Australia, Cina, Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, e Singapore. Per i prezzi si parte da 199$ per il modello da 16GB con un contratto di due anni. Non si hanno ancora indicazioni precise su prezzo e disponibilità in Italia, anche se entro fine anno è previsto il lancio in altri 100 paesi, e i prezzi francesi e tedeschi partono da 699€ per il modello da 16GB senza alcun contratto. Sotto questo aspetto la novità più importante è l’ accordo siglato da Apple con l’operatore giapponese NTT DoCoMo, un operatore che conta 60 milioni di clienti e che sicuramente contribuirà ad incrementare la quota di mercato di iPhone. Anche la disponibilità immediata in Cina è un’ottima arma per cercare di aumentare le vendite, ma in questo caso entra in gioco anche il fattore prezzo, e questo ci porta a parlare dell’altra grande novità dell’evento di ieri: iPhone 5C.

Ampiamente preannunciato dalle numerose indiscrezioni, iPhone 5C rappresenta la principale novità per le strategie di Cupertino. A livello di hardware, come prevedibile, le novità non sono molte: si tratta fondamentalmente di un iPhone 5 con processore Apple A6 , confezionato in un nuovo case in policarbonato colorato. Il case non è completamente in plastica, ma è rinforzato internamente da una struttura in acciaio che funge anche da doppia antenna, e rispetto all’iPhone 5 ci sono comunque diverse migliorie , come la fotocamera frontale (quella utilizzata per Facetime) che diventa HD, e il nuovo chip per la connettività LTE, che consente di agganciare 13 diverse frequenze. I colori disponibili sono blu, verde, rosa, giallo e bianco, e il colore è ripreso anche nella sfondo impostato di default sui telefoni, dettaglio che stona un po’ con la parte frontale del telefono, che è sempre nera (anche per il modello bianco). I più attenti avranno notato che si tratta di una scelta diametralmente opposta a quella operata sugli iPod touch, il cui frontale è sempre bianco, dettaglio curioso che può servire a distinguere a colpo d’occhio le due linee di prodotto.

Anche iPhone 5C sarà disponibile a partire dal 20 settembre in un numero limitato di paesi (Stati Uniti, Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone, Puerto Rico, Regno Unito e Singapore), mentre la disponibilità nel resto del mondo è attesa entro la fine dell’anno. Oltre alla disponibilità limitata, l’altra brutta notizia è il prezzo: Apple non ha mai parlato di “basso costo” e io stesso ho sempre pensato che iPhone 5C non sarebbe stato molto economico, ma dando uno sguardo allo store francese si scopre che il modello da 16GB costa 599€ e il modello da 32GB 699€, prezzi ben più elevati di quelli che chiunque si sarebbe potuto aspettare (personalmente avevo pronosticato 429€ per un modello da 8GB, e 529€ per un modello da 16GB). Con questi prezzi diventa molto difficile fare concorrenza ad altri prodotti di fascia media, ma evidentemente Apple considera preponderante l’acquisto del telefono abbinato ad un contratto con gli operatori telefonici, soluzione che nasconde il prezzo finale diluendolo in due anni di contratto e facendolo assorbire in parte all’operatore stesso.

Alla luce di tutto ciò non stupisce che iPhone 4S sia rimasto a listino come modello entry-level a 399€ nella taglia da 8GB, ma si tratta di una decisione che solleva molti dubbi.

Tornando a parlare di iOS7, ricordiamo che il nuovo sistema di Apple sarà disponibile a partire dal 18 settembre, un paio di giorni prima del lancio del nuovi telefoni, e sarà installabile su iPhone 4 (2010), iPhone 4S (2011), e iPhone 5 (2012). Per quanto riguarda gli altri dispositivi, iOS7 sarà installabile su iPad 2, iPad Retina, e iPad mini (rimane escluso solo il primo iPad del 2010), nonché sugli iPod Touch di ultima generazione. Oltre al già citato restyling grafico e funzionale, tra le novità più importanti di iOS7 ci sarà iTunes Radio , servizio riservato inizialmente solo al mercato USA.

Tra le novità minori, le custodie ufficiali di Apple sia per iPhone 5S che per iPhone 5C (quelle dell’ iPhone 5C hanno sollevato non pochi dubbi estetici, anche se mi riserbo di vederle dal vivo) e i primi dock con connettore lightning. Tra le buone notizie, iWork (Pages, Numbers e Keynote), iMovie e iPhoto che diventano gratuiti con l’arrivo di iOS7 e dei nuovi telefoni (l’unico a rimanere escluso è Garageband).

Tirando le somme, l’evento di ieri non ha riservato alcuna grossa sorpresa, e sono stati presentati solo i prodotti più attesi: iPhone 5S e iPhone 5C. Nessun annuncio su Apple TV, nessuna modifica sulla linea degli iPod, e nessuna “one more thing”. Nonostante la bontà di alcune soluzioni ideate da Apple (in primis il nuovo processore Apple A7 e il sensore Touch ID) la bassa disponibilità iniziale, e i prezzi non molto abbordabili di quello che tutti (più o meno giustamente) si aspettavano come un prodotto low-cost, hanno raffreddato gli umori degli azionisti, facendo scendere le quotazioni del titolo AAPL di oltre il 2 percento. Resta da vedere quale sarà la reazione del pubblico e degli utenti, ma per questo dobbiamo attendere ancora un po’.

Domenico Galimberti
blog puce72

Gli altri interventi di Domenico Galimberti sono disponibili a questo indirizzo

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Quelo scrive:
    Ah, è un baco ?
    L'intelligence era solita sfruttare un baco di iOS per tracciare sulla lunga distanza gli spostamenti dei suddetti utenti di iPhone Perché c'è anche su Android, si chiama Google.E non serve nemmeno la NSA è alla portata di tutti, basta fare un giro sulla propria dashboard per scoprirlo (deve essere la famosa trasparenza).Sono comunque dati che restano tra voi e loro, state tranquilli.
  • aaaaa scrive:
    bravi
    sono proprio bravi eh quando uno e' cosi bravo in modo assurdo (talmente bravo da sfruttare un bug solo fino al 2011 pero' e chiamare gli altri zombie) niente da dire tanto di cappello...bravi...davvero bravi non trovo altri sinonimi per dirlo (visto che io non sono cosi bravo)...L'intelligence era solita sfruttare un baco di iOS per tracciare sulla lunga distanza gli spostamenti dei suddetti utenti di iPhone, almeno finché Apple non si è decisa a chiudere il bug nel 2011. Su BlackBerry, invece, la NSA avrebbe crackato la protezione dei messaggi scambiati dagli utenti tramite servizio BlackBerry Messenger.
  • Anonimo scrive:
    Sempre con la neolingua...
    E' interessante come tutto cio' che provano a fare i big per "difendersi" non e' rifiutarsi di collaborare nello spionaggio e documentare pubblicamente che non collaborano (o che smetteranno di collaborare), ma solamente pubblicare le richieste che ricevono dalle autorita', in questo modo rendendo palese 1) che si' che collaborano allo spionaggio, e 2) che continueranno certamente a farlo. Ossia, non cambiera' nulla, pero' agli occhi dell'opinione pubblica (naturalmente superficiale come sempre) ne usciranno puliti. Definire tutto cio' "ridicolo" e' troppo poco.
    • ... scrive:
      Re: Sempre con la neolingua...
      - Scritto da: Anonimo
      E' interessante come tutto cio' che provano a
      fare i big per "difendersi" non e' rifiutarsi di
      collaborare nello spionaggio e documentare
      pubblicamente che non collaborano (o che
      smetteranno di collaborare), ma solamente
      pubblicare le richieste che ricevono dalle
      autorita', in questo modo rendendo palese 1) che
      si' che collaborano allo spionaggio, e 2) che
      continueranno certamente a farlo.Se è a norma di legge DEVONO farlo
      • off line scrive:
        Re: Sempre con la neolingua...
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: Anonimo
        Se è a norma di legge DEVONO farloma anche nopossono, per esempio, rifiutarsi e chiudere il servizio (come fatto da alcuni)...la verità è che VOGLIONO farlo
        • Conte sgabbio de medici scrive:
          Re: Sempre con la neolingua...
          - Scritto da: off line
          - Scritto da: ...

          - Scritto da: Anonimo

          Se è a norma di legge DEVONO farlo

          ma anche no
          possono, per esempio, rifiutarsi e chiudere il
          servizio (come fatto da
          alcuni)...
          la verità è che VOGLIONO farloCerto, chiudiamo l'azienda con il più grande fatturato del globo solo per una questione di etica (che tra l'altro va contro il suo stesso business ovvero i dati degli utenti per targettizzare la pubblicità)!Sono sicuro che zukkinamberg e soci staranno pensando proprio così
          • cini2 scrive:
            Re: Sempre con la neolingua...
            - Scritto da: Conte sgabbio de medici (rotfl)
          • off line scrive:
            Re: Sempre con la neolingua...
            - Scritto da: Conte sgabbio de medici
            - Scritto da: off line

            - Scritto da: ...


            - Scritto da: Anonimo


            Se è a norma di legge DEVONO farlo



            ma anche no

            possono, per esempio, rifiutarsi e chiudere il

            servizio (come fatto da

            alcuni)...

            la verità è che VOGLIONO farlo
            Certo, chiudiamo l'azienda con il più grande
            fatturato del globo solo per una questione di
            etica (che tra l'altro va contro il suo stesso
            business ovvero i dati degli utenti per targettizzare la
            pubblicità)!a) infatti non lo faranno mai... e la loro *unica* etica è quella del massimo profittob) dovrebbe essere il popolo a "chiudere" con il ferro e il fuoco queste "aziende" (e i "servizi" di <s
            sicurezza </s
            controllo e oppressione) che hanno dietro...
            Sono sicuro che zukkinamberg e soci staranno
            pensando proprio cosìquello schifoso parassita e i suoi soci non ci pensano certo, ma questo conta poco o nulla... quello che conta è che sicuramente non ci pensa proprio la cia e tutti i merdosi finanziatori che hanno creato e tengono in vita multinazionali come queste
          • lLuca scrive:
            Re: Sempre con la neolingua...
            ragazzi ocio che quei figli di brave donne della NSA origliano.. poveri noi che andassero a farsi *******
          • ... scrive:
            Re: Sempre con la neolingua...
            - Scritto da: lLuca
            ragazzi ocio che quei figli di brave donne della
            NSA origliano.. poveri noi che andassero a farsi
            *******sai quanto gli importa della nostra repubblica delle banane :D
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Sempre con la neolingua...
          Ok Etica, ma chiudere una grossa corporazione mandando a casa tutti i dipendenti...
          • iRoby scrive:
            Re: Sempre con la neolingua...
            Sogno il giorno in cui lo Stato coi soldi suoi, che stampa lui potrà creare piani di piena occupazione detti anche Job Guarantee, coi quali stipendi tutta la popolazione per dare servizi, costruire strade e infrastrutture ed hai per l'appunto la PIENA OCCUPAZIONE di tutta la popolazione.Lo fai domani con una banca centrale e stipendi un ragazzo al servizio di ogni disabile, una ragazza ad aiutare ogni donna incinta.Assumi tutti i professori precari. Sistemi tutte le strade dissestate. Finisci la SA-RC, il ponte sullo Stretto di Messina.E torni a fare vera ricerca con tutti i ricercatori possibili senza farli scappare all'estero.A quel punto te ne infischi di qualsiasi scrupolo nel fare fallire una FIAT, una Microsoft, una Apple, una Telecom, una Enel che ha rotto i cog%ioni coi suoi monopoli e le sue aberrazioni mercatiste.Perché tutti i suoi dipendenti possono essere assorbiti da altre aziende o dai programmi di piena occupazione, in attesa che si trovino altre aziende o ne fondino di nuove e meno schifose di quelle.Togliere questi poteri agli Stati, tra cui l'emissione della moneta, è un lavoro cardine delle oligarchie di banchieri, industriali, proprietari terrieri, grandi commercianti, aristocratici, ecc.Perché significherebbe automaticamente la loro distruzione, perché non potrebbero più mantenere artificialmente le differenze sociali che ci sono oggi ai fini del loro arricchimento.Perché la vera ricchezza sono i beni e le opere dell'ingegno che creano gli uomini, e di cui quelle persone si impossessano per appagare la psicopatia di cui soffrono da generazioni e che si tramandano anche a costo di ricorrere a matrimoni tra consanguinei, purché le loro ricchezze e i loro segreti su come tenere in schiavitù la gente restino all'interno del loro ristretto gruppo etnico e sociale.Poi che ci siano alieni o non alieni tra i vari Windsor, Bush, Reali d'Olanda, Rothschield, Mori, Cargill, Attali, Arnault, Rockfeller, Goldman, ecc. Non è affar mio.Di certo sono solo degli psicopatici e la gente deve conoscere i trucchi che usano per tenerli in schiavitù e qual'è la via d'uscita. Una sola: in tutte le nazioni i soldi devono essere creati da banche centrali che appartengono allo Stato e i cui azionisti devono essere soltanto i cittadini di quello Stato, con 1 azione a testa non cedibile a terzi. STOP.E lo Stato con la banca centrale non deve perseguire l'arricchimento di queste famiglie tramite lo sfruttamento della popolazione foraggiata con un consumismo effimero, ma deve perseguire la realizzazione della sua costituzione, che deve prevedere il benessere e la felicità di tutti nel rispetto delle diversità e dell'ecosistema del pianeta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sempre con la neolingua...
        - Scritto da: ...
        Se è a norma di legge DEVONO farloUh? Con gli uffici legali e gli intrallazzi che hanno, non credo che SE VOGLIONO si facciano scrupoli a fare qualcosa di illegale (come se non fosse gia' successo). Ma la realta' e' che non vogliono, punto.
        • ... scrive:
          Re: Sempre con la neolingua...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: ...


          Se è a norma di legge DEVONO farlo

          Uh? Con gli uffici legali e gli intrallazzi che
          hanno, non credo che SE VOGLIONO si facciano
          scrupoli a fare qualcosa di illegale (come se non
          fosse gia' successo). Ma la realta' e' che non
          vogliono,
          punto.Se si presentano 2 signori in divisa sotto casa tua con un mandato, che fai chiudi la casa e scappi?
    • ammog scrive:
      Re: Sempre con la neolingua...
      - Scritto da: Anonimo
      E' interessante come tutto cio' che provano a
      fare i big per "difendersi" non e' rifiutarsi di
      collaborare nello spionaggio e documentare
      pubblicamente che non collaborano (o che
      smetteranno di collaborare), ma solamente
      pubblicare le richieste che ricevono dalle
      autorita', in questo modo rendendo palese 1) che
      si' che collaborano allo spionaggio, e 2) che
      continueranno certamente a farlo. Ossia, non
      cambiera' nulla, pero' agli occhi dell'opinione
      pubblica (naturalmente superficiale come sempre)
      ne usciranno puliti. Definire tutto cio'
      "ridicolo" e' troppo
      poco.si è vero, ma credo che lo vogliano fare per dimostrare che non si tratta di sorveglianza su larga scala ma solo richieste mirate.Purtroppo però, resterà sempre il dubbio che le informazioni fornite non siano veritiere. Guadagnarsi la fiducia di qualcuno richiede molto tempo, per perderla basta un attimo.Se anche domani Google mi dicesse: tutti i nostri dataserver sono criptati e abbiamo implementato la sicurezza perfetta io non ci crederei minimamente.Infine ho visto ieri la presentazione del nuovo IPhone 5S con sensore di impronte digitali da 500ppi. Queste impronte non finiranno mai in rete. No no. :
  • AxAx scrive:
    Non amo Apple ma...
    Android da questo punto di vista è pure peggio: dopo che lo accendi devi spegnere tutti i millemila servizi che lancia (anche senza aver installato app terze)
  • ... scrive:
    "zombi"
    neanche macachi ancora peggio :D
    • panda rossa scrive:
      Re: "zombi"
      - Scritto da: ...
      neanche macachi ancora peggio :DEvidentemente avranno scoperto che il macaco possiede ancora una parvenza di capacita' decisionale.
      • tucumcari scrive:
        Re: "zombi"
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ...

        neanche macachi ancora peggio :D

        Evidentemente avranno scoperto che il macaco
        possiede ancora una parvenza di capacita'
        decisionale.ti riferisci al teorema del macaco instancabile? (rotfl)(rotfl)un macaco a furia di battere sui tasti della macchina da scrivere un giorno riscriverà indifferentemente il testo di Scimmia dei Collage, oppure un commento su PI sensato. :P:P
        • tucumcari scrive:
          Re: "zombi"
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: ...


          neanche macachi ancora peggio :D



          Evidentemente avranno scoperto che il macaco

          possiede ancora una parvenza di capacita'

          decisionale.
          ti riferisci al teorema del macaco instancabile?
          (rotfl)(rotfl)
          un macaco a furia di battere sui tasti della
          macchina da scrivere un giorno riscriverà
          indifferentemente il testo di Scimmia dei
          Collage, oppure un commento su PI sensato.

          :P:PBeh direi che questo tuo commento ha diversi punti in comune col tuo teorema del "macaco instancabile".
      • thebecker scrive:
        Re: "zombi"
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ...

        neanche macachi ancora peggio :D

        Evidentemente avranno scoperto che il macaco
        possiede ancora una parvenza di capacita'
        decisionale.voglio vedere cosa hanno da dire ora sulla sicurezza i fanboys apple. Anche se uso Windows ma con un occhio anche a Linux (per me Win può scomparire anche domani non mi cade di certo il mondo addosso ahaha) non l'ho mai difeso e venerato definendolo sicuro, perfetto e lo dico sinceramente la posizione dominante di MS non è per merito ma per monopolio...ecc. Invece i macachi hanno certezza verso Apple anzi fede. Chissa se la loro fede vacilla ora? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 settembre 2013 10.16-----------------------------------------------------------
      • pJlxyCzqB scrive:
        Re: "zombi"
        http://diclofenacsodium75mg.com/#8931 diclofenac sodium 75mg,
      • PAAaxfeKpGM scrive:
        Re: "zombi"
        http://buyprovera.us/#2483 found here,
    • thebecker scrive:
      Re: "zombi"
      - Scritto da: ...
      neanche macachi ancora peggio :DE' la prima volta che sono d'accordo con l'NSA. Zombi, hanno ragione, utonti come li chiamo io è un complimento ahahah (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • bubba scrive:
        Re: "zombi"
        - Scritto da: thebecker
        - Scritto da: ...

        neanche macachi ancora peggio :D

        E' la prima volta che sono d'accordo con l'NSA.
        Zombi, hanno ragione, utonti come li chiamo io è
        un complimento ahahah
        (rotfl)

        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)alla fine dell'articolo linkato son chiamati "data cash cow" ehehCmq c'e' un motivo perfettamente logico legato alla derisione di NSA per gli utenti apple...l'iCoso quando usci', era dato in carrier-lock con l'AT&T... con at&t abbiamo uno dei pochi casi provati (altro che le slides) di wiretapping massivo... e vedere tutti i fanboy che corrono ai negozi, certo li faceva ridere... :)
    • EBzjmYEHgny scrive:
      Re: "zombi"
      http://newportcigarettesonline.tk/#9813 free cigarettes coupons,
    • YkzoZNWxCnP scrive:
      Re: "zombi"
      http://buy-cymbalta.ml/#6266 buy cymbalta online, http://buytretinoin.ga/#8284 tretinoin cream, http://plavixgenericcost.ga/#5568 plavix generic cost,
    • LCYxyFrRYiP THUUKqVh scrive:
      Re: "zombi"
      http://ventolininhaler.pw/ventolin-medication.html#3403 order ventolin online, http://amoxicillinclavulanate.ga/over-the-counter-amoxicillin.html#7681 amoxicillin over the counter, http://amoxicillinclavulanate.ga/amoxicillin-400mg.html#9403 amoxicillin 400mg,
Chiudi i commenti