Il futuro di Steve Ballmer è nel basket

L'ex-CEO di Microsoft spende miliardi per la seconda squadra di Los Angeles. Coronando una vecchia passione e tenendosi impegnato dopo aver guidato quasi 15 anni l'azienda di Redmond

Roma – Steve Ballmer scende in campo , letteralmente: l’ex-CEO di Microsoft ha offerto 2 miliardi di dollari in un’asta per entrare in possesso della franchigia dei Clippers, una delle due squadre di basket della città di Los Angeles. Ballmer è da molti anni un tifoso sfegatato dello sport in questione, e con un patrimonio da 20 miliardi di dollari può senz’altro permettersi di giocare a fare l’imprenditore sportivo. La sua proposta ora dovrà essere approvata dal consiglio direttivo della National Basketball Association (NBA), e se confermata rappresenterà la spesa maggiore mai sostenuta per accaparrarsi una squadra di pallacanestro.

Già lo scorso anno Ballmer era stato indicato come uno dei partecipanti a una cordata per accaparrarsi un altro team NBA, i Sacramento Kings, acquisito con l’intenzione di spostare le operazioni a Seattle: dal 2008 la città dello stato di Washington non ha più un team professionistico che ne difenda i colori, ma il tentativo del 2013 andò a monte a causa dell’opposizione della federazione. Di fatto l’NBA è controllata dai proprietari delle squadre che la compongono, e occorre il 75 per cento dei consensi del consiglio direttivo della federazione per ratificare la compravendita di una franchigia. Questa volta Ballmer non pare abbia intenzione di effettuare cambiamenti significativi: egli stesso potrebbe trasferirsi a Los Angeles per seguire la squadra , una scelta più che sensata visto che la piazza californiana è senza dubbio una delle più ricche e prospere sia per capitali che per pubblico.

Steve Ballmer pare dunque aver messo una pietra sopra il suo passato come dirigente dell’industria IT, e va a far compagnia al suo collega e co-fondatore di Microsoft Paul Allen: anch’egli possiede una squadra NBA, i Portland Trail Blazers, oltre al team NFL Seahawks di Seattle. La decisione di Ballmer di investire nel basket segue le consistenti polemiche che hanno circondato la compagine dei Clippers, a causa delle dichiarazioni razziste profferite dall’ormai ex-proprietario Donald Sterling : quest’ultimo sarebbe stato interdetto dalla gestione del proprio patrimonio personale, e la moglie Shelly sta provando a monetizzare il possesso della squadra prima che l’NBA decida di privare la sua famiglia della proprietà proprio a causa delle deliranti affermazioni del marito. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • jack scrive:
    i cattivoni
    nooo... sono sicuro che non sono stati gli iranianii cattivoni sono solo gli ammerikani della nsa, gli altri sono tutti angioletti!
    • Funz scrive:
      Re: i cattivoni
      - Scritto da: jack
      nooo... sono sicuro che non sono stati gli
      iraniani

      i cattivoni sono solo gli ammerikani della nsa,
      gli altri sono tutti
      angioletti!No, certo, però 'sti qua sono come quattro sparuti fanti armati di lancia mandati contro le mitragliatrici (e i cannoni e i tank e i bombardieri...)
Chiudi i commenti