Il Linux di LiMo entra in 18 cellulari

Sono oltre una dozzina i telefonini che faranno girare una versione di LiMo, la piattaforma Linux mobile sviluppata da un'omonima foundation che oggi può contare fra i propri membri anche AMD e STMicroelectronics

Barcellona – Sono quasi una ventina i modelli di telefono cellulare che, da qui alla fine dell’anno, faranno girare la piattaforma Linux mobile sviluppata da LiMo Foundation . Diciotto dispositivi prodotti da sette diverse aziende : Aplix , LG Electronics , Motorola , NEC , Panasonic , Purple Labs e Samsung . Al Mobile World Congress 2008 di Barcellona, che si chiuderà domani, LiMo ha anche annunciato l’entrata di nove nuovi membri nella Foundation.

Costituita solo un anno fa, LiMo Foundation ha recentemente annunciato che la propria piattaforma Linux-based per i cellulari sarà rilasciata a marzo : sebbene non si tratti di una release definitiva, include già quanto necessario agli sviluppatori per creare applicazioni mobili basate sul toolkit open source GTK.

Motorola U9 Tra i dispositivi che nei prossimi mesi utilizzeranno la piattaforma LiMo si trovano sia modelli già sul mercato , come i Motorola Rokr Z6, Rockr E8 e RAZR2 V8, sia modelli del tutto nuovi , come il Motorola U9, il Samsung SGH-i800 e diversi nuovi telefonini FOMA sviluppati da NEC e Panasonic per conto dell’operatore giapponese NTT DoCoMo. LG, Aplix e Purple Labs hanno invece svelato device ancora allo stato prototipale o sviluppati come design di riferimento.

Se è vero che il buongiorno si vede dal mattino, LiMo Foundation sembra decisamente sulla buona strada nello spingere Linux mobile sul mercato della telefonia cellulare. “Nessun’altra iniziativa, ad oggi, ha riscosso altrettanto successo in così breve tempo”, ha proclamato il suo executive director, Morgan Gillis.

Uno dei maggiori vantaggi portati da standard come LiMo è l’ interoperabilità : gli sviluppatori potranno utilizzare un singolo software develompment kit per realizzare applicazioni capaci di girare, con nessuna o pochissime modifiche, su tutti i dispositivi conformi alla specifica di LiMo Foundation. Per gli utenti questo si tradurrà nella possibilità di far girare la stragrande maggioranza dei software sviluppati per LiMo su telefoni di marche differenti.

Purple Magic di Purple Labs Tutto questo si traduce in un crescente interesse del mercato di settore, testimoniato anche dal crescente numero di produttori che aderiscono al consorzio. Solo al congresso di Barcellona sono stati annunciati nove nuovi membri , tra i quali la giapponese Access (nota per aver acquisito Palm OS 5.4 ed aver sviluppato la piattaforma mobile Access Linux Platform ), il famoso produttore di CPU AMD , l’operatore mobile britannico Orange , il produttore giapponese di system-on-chip Renesas Technology , e il gigante europeo dei semiconduttori STMicroelectronics . Quest’ultimo dovrebbe integrare LiMo nei propri processori mobili Nomadek , di cui parla qui LinuxDevices.com .

L’elenco completo dei nuovi membri di LiMo Foundation, che portano il numero complessivo a 32, è riportato in questo comunicato .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il popolo dei furbi scrive:
    10 minuti
    cazzo le luci non indispensabili si dovrebbero spegnere SEMPRE!!!!!!!!!!!! non 10 minuti!!!!!!!
    • Pistarieddu scrive:
      Re: 10 minuti
      - Scritto da: il popolo dei furbi
      cazzo le luci non indispensabili si dovrebbero
      spegnere SEMPRE!!!!!!!!!!!! non 10
      minuti!!!!!!!è probabile che in una azienda intendano dire che non hanno spento le luci di emergenza.mentre normalmente, per vederci e per lavorare, accendi quello che ti serve.e se ti serve, è indispensabile.Quindi dato che è per 'sta sera, probabilmente tutti usciranno 15 minuti prima.e tanti saluti
Chiudi i commenti