Il Parlamento UE: open source sì. Con prudenza

Le istituzioni europee rispondono ad una interrogazione di Marco Cappato (Radicali) sull'utilizzo dei sistemi proprietari nei palazzi dell'Unione. E dicono: Linux è la prospettiva

Roma – Coloro che gestiscono le infrastrutture telematiche del Parlamento Europeo non nutrono dubbi: la via da seguire è quella dell’open source. Lo dicono i Questori nella risposta giunta in questi giorni ad una interrogazione sull’argomento che era stata loro rivolta dal parlamentare europeo radicale Marco Cappato. La scelta dei sistemi aperti, spiegano, è già avvenuta e se non tutto è ancora open è perché occorre rispettare tempi e necessità tecnici .

La sede del Parlamento Europeo Nella risposta, James Nicholson, questore responsabile per le tecnologie dell’informazione, spiega che da anni il Parlamento ha preso questa strada e che oggi la piattaforma utilizzata “è basata interamente su tecnologie e strumenti open source”. In realtà strumenti proprietari vengono utilizzati ampiamente nei sistemi di gestione dei server dove però, spiega Nicholson, “sta crescendo l’utilizzo di piattaforme Linux”.

Il Questore non entra nello specifico delle motivazioni che hanno portato e stanno portando l’istituzione comunitaria verso i sistemi aperti, ma sottolinea come questo processo riguardi ormai tutti gli ambiti in cui si muove il Parlamento stesso, compreso ad esempio la gestione dei progetti.

Diversa la questione per quanto riguarda le postazioni di lavoro, nelle quali i parlamentari tendono ad utilizzare soprattutto sistemi operativi proprietari . Nella sua interrogazione tra le altre cose Cappato rilevava come la configurazione standard dei PC usati dal Parlamento comprenda “esclusivamente sistemi operativi (Windows XP Professional), browser (Internet explorer), Client di posta elettronica (MS Outlook) e applicazioni (Pacchetto MS Office) in lingua inglese di proprietà della società americana Microsoft”.

In questo senso, Nicholson spiega che “i laboratori informatici del Parlamento europeo hanno messo a punto una configurazione prova. Tale configurazione, basandosi su un’architettura OSS (Ubuntu Dapper, OpenOffice, Firefox..) che risponde a bisogni funzionali in termini di burotica ed ambiente di sviluppo, non può tuttavia assicurare la sostituzione immediata della configurazione attuale”. La ragione principale sta nel fatto che negli anni il Parlamento si è appoggiato non solo a strutture proprietarie ma anche a tecnologie specializzate costruite ad hoc per il proprio funzionamento, apparati legacy che è difficile sostituire. Ed è “per questo motivo – continua Nicholson – che l’iniziativa di apertura agli OSS si fonda su un procedimento prudente , che tiene conto del bisogno di continuità di servizio delle nostre infrastrutture e dei nostri ambienti informatici”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • expoholic.it scrive:
    Top 50 siti web sull'Expo 2015
    A distanza di un anno e mezzo pare che il dominio milano2015.it non sia attivo. In compenso nel mondo della rete proliferano numerosi blog e siti relativi all'Expo 2015. Su expoholic.it é disponibile una recensione dei top 50 siti web sull'Expo. Per saperne di piu': http://www.expoholic.it/tecnologia/top-50-siti-web-su-expo-2015
  • Maurizio De Palma scrive:
    Ennesimo carrozzone assistenzialista
    Riguardo l'EXPO universale a Milano è il caso di dire che piove sul bagnato. Credo che Milano e dintorni vivano in una condizione di privilegio economico, che l'economia settentrionale sia "drogata" da tempo e direi che si è raggiunta l'overdose. Mi chiedo perché da sempre in Italia se si vogliono mettere in pratica investimenti per lo sviluppo economico ci si impegna solo per Milano la lombardia, e il nord, in barba a tutte le belle parole che sentiamo soprattutto in periodi di elezioni politiche in cui si predica che la crescita del paese ci sarà "solo" se faremo crescere il mezzoggiorno. Anche la scusa che Milano dovrebbe essere la capitale morale d'Italia lascia il tempo che trova visto che milanesi e lombardi per primi si sentono cittadini di un altro paese (la padania).TUTTO QUESTO E' VERGOGNOSO !!!
  • Elisa da Milano scrive:
    Milano Expo 2015: il ruolo dei cittadini
    Segnalo la discussione "Milano Expo 2015: Cittadini condannati alla protesta o coinvolti nelle proposte?" ( http://www.partecipami.it/milanoexpo2015 ) avviata il 2 aprile nel "Forum permanente sulla città" di partecipaMi con questo post:------------------------------------Prima di Pasqua leggevo questo ( http://tinyurl.com/yt8mkf ) articolo del Corriere della Sera sull'Expo.E condivido con l'autore che questo Expo porterà dei cambiamenti giganti nella città (a livello di strutture, a livello economico, a livello sociale, ecc). Ma Garzonio dice anche: "E v'è da creare una cultura dello sviluppo che, senza demonizzare mercato e produttività, metta al centro l' uomo e la vivibilità". E su questi temi si sono focalizzati numerosi commenti post "vittoria".Viene da chiedermi: l'evento Expo non potrebbe essere un momento per ripensare la sostenibilità della città?E ancora: dove, a che livello, e in che modo è sostenibile coinvolgere i cittadini nelle scelte di questo Expo? sostenibile per la città, per i cittadini, ma soprattutto per i suoi rappresentanti.-- fiorella------------------------------------
  • aspirante scrive:
    :: Domande... ::
    Buonasera a tutti,mi sto affascinando a questa storia dell'hacker che ''scopre i bug'' nei siti, e allora mi chiedo:Un BUG HUNTER (esperto o aspirante come me) che decide di verificare un sito con simulazioni di attacchi (xss/sql blind o meno injection, turbo o no..eccecc.) senza NESSUN tipo di AUTORIZZAZIONE da parte del proprietario dello stesso non va incontro a reati/denuncia di qualche sorta? E se dovessi in qualche modo creare dei DANNI anche solo di immagine, nel caso migliore, sono perseguibile legalmente?Faccio un esempio:ad un sito faccio una SQL BLIND INJECTION, come dice l'esperto, e dato che sono stati 'incapaci' elimino la loro banca dati, ipotesi assurda per me lo so, ma ... magari la banca è una banca del sangue,(piu' facile) e per colpa del MIO ESSEQUELLE INGECTION, si perdono anni di dati, che potevano salvare vite cosa mi succede dopo che vado a spiattellarlo di quà e di là su vari forum/blog/etc da ESPERTO BUG HUNTER?...Insomma quello che voglio dire io è:uno puo' tranquillamente forzare la finestra di casa mia e poi con la mia finestra in mano mi dice stavo solo testando la sicurezza, non hai fissato bene l'ultima vite in alto a destra, senza il mio permesso? chi mi ripaga il rimontaggio? bah...dubbio...(in questo caso me lo risolve il 113..:))ancora una cosa per tornare all'EXPO: - dove posso registrarmi nel sito EXPO? io non ho trovato nulla come form o altro, ho letto che si parlava di database utenti e volevo registrarmi, qualcuno sa come fare?Grazie a tuttiApirante.Bug (Hunter) presto esperto.
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: :: Domande... ::
      In genere quando si fanno questo tipo di test, non si va a cancellare, ma magari ad aggiungere / modificare.Se vai a cancellare la banca dati e poi informi che "c'e' una falla", passi dei guai non per il tentativo di intrusione ( che da quel che mi risulta è anch'esso illegale ), ma per il danno che hai arrecato cancellando i dati.Poi potrei sbagliare...
  • Mi scoccio di loggare scrive:
    Iniziativa interessante MA!
    chi si presenta ad un'azienda dicendo :"Io lo faccio meglio", non puo' farlo con un progetto "open source", perche' altrimenti cade nel ridicolo lui e la sua proposta.Se si pensa di poter fare un lavoro meglio di un'altro, ci si presenta con un proprio prodotto, in modo da far valutare le proprie capacità.E' sempre una cosa ottima rivelare eventuali bug, ma si scade nel ridicolo quando chi rivela tali bug si propone di effettuare il lavoro presentandosi con wordpress...
  • .... scrive:
    CONTINUATE A REGALARE LAVORO...
    ...e poi tutti nel call center!
    • antonio serino scrive:
      Re: CONTINUATE A REGALARE LAVORO...
      verissimo... ma tanto di gente che non ha di meglio da fare che regalare il proorio tempo/lavoro l'italia è piena!
  • Lepaca scrive:
    domanda sciocca
    ma cos'e' l'expo?
  • Severissimus scrive:
    Non accetteranno mai
    Non ci lasceranno mai fare il sito, anche perché come li giustificherebbero tutti i soldi (nostri) che spendono per un lavoro del genere, quando c'è la comunità che si offre di farlo meglio e gratis? Tanto basta non rispondere proprio o tirare in ballo il solito cavillo burocratico che impedisce una cosa simile.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 aprile 2008 08.42-----------------------------------------------------------
    • Mi scoccio di loggare scrive:
      Re: Non accetteranno mai
      Ma farlo fare a chi?Chi ha lanciato l'idea dietro ad un blog messo su con wordpress?E come intende effettuare il sito dell'expo? Con un cms tipo joomla o con una piattaforma blog come wordpress et simila?Se questi "pseudo" programmatori andassero a fare il proprio lavoro ( zappare la terra ) e lasciar fare il lavoro a chi non mette su un sito prendendolo da un repository open source ma si mette a programmare con proprie librerie e propri metodi di lavoro....Ah povera italia.... paese dei furbi che vogliono metter le mani su un progettone sponsorizzandosi con un sito open source...
      • Severissimus scrive:
        Re: Non accetteranno mai
        Per quelli come te pagare le tasse per finanziaere "opere" come Italia.it mi sembra la giusta punizione... peccato che tocchi anche a quelli che tu chiami pseudo programmatori solo perché fanno quello che fanno per passione.
        • Mi scoccio di loggare scrive:
          Re: Non accetteranno mai
          - Scritto da: Severissimus
          Per quelli come te pagare le tasse per
          finanziaere "opere" come Italia.it mi sembra la
          giusta punizione... peccato che tocchi anche a
          quelli che tu chiami pseudo programmatori solo
          perché fanno quello che fanno per
          passione.Installare un Cms e/o un forum OS o un Blog OS e dichiararsi programmatori, significa ridicolizzare il lavoro del programmatore.Per quelli come te, che vogliono dichiararsi programmatori sapendo installare solo tali prodotti, ci vorrebbe una legge che vieti la professione.
          • Severissimus scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            Ah sì? Chi te l'ha detto? Chi ti dice che io utilizzi cms e roba simile? Dove l'hai letto? Hai così tanta paura che ti levi lavoro, super programmatore delle mie scarpe? Il mio curriculum professionale non lo sto certo a snocciolare qui per te.E dato che siamo in argomento, Guru dell'ingegneria del software, hai mai sentito parlare di ottimizzazione, Di non reinventare l'acqua calda e del riuso? Forse quelli che tu chiami pseudo-programmatori sono solo persone che valutano l'inutilità di creare componenti ad hoc per un'applicazione di basso profilo. E comunque questo non ha nulla a che vedere col sito dell'Expo, per il quale nessuno, eccetto te, a tirato in ballo l'ipotesi di cms e roba simile.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            Allora...leggo la notizia : Tal de Tali dice che il sito xyz fa schifo e presenta vulnerabilità.Vado al link del Tal de Tali e mi ritrovo dinanzi a un blog fatto con Wordpress.Ora, Wordpress ha una serie di vulnerabilità non ancora fixate e nuove ne escono ogni giorno.Non voglio fare il super guru o altro, ma vedere che c'e' gente che si crede "super guru" e si presenta col wordpress...e' ridicola.Poi, se tu cominci a criticarmi senza sapere nulla di me, non ottieni che la stessa critica nei tuoi confronti.Per il reinventare la ruota.... ottimo, ognuno utilizza cio' che meglio crede.Io riutilizzo procedure e funzioni scritte da ME.Tu utilizza pure codice di altri e di cui avrai esaminato si e no il 30%.
          • Severissimus scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            - Scritto da: Mi scoccio di loggare
            Allora...
            leggo la notizia : Tal de Tali dice che il sito
            xyz fa schifo e presenta
            vulnerabilità.

            Vado al link del Tal de Tali e mi ritrovo dinanzi
            a un blog fatto con
            Wordpress.

            Ora, Wordpress ha una serie di vulnerabilità non
            ancora fixate e nuove ne escono ogni
            giorno.E leggi anchge quello che c'è scritto subito sotto: si parla di esperti di vari campi, non di "pseudo-programmatori", che dovrebbero realizzare. E ancora non ho capito chi ti dà il diritto di ritenerli tale
            Poi, se tu cominci a criticarmi senza sapere
            nulla di me, non ottieni che la stessa critica
            nei tuoi
            confronti.Io, eh? Non sei tu che hai detto che quelli come me sanno solo installare un CMS? Perché tu sai qualcosa di me?
            Per il reinventare la ruota.... ottimo, ognuno
            utilizza cio' che meglio
            crede.
            Io riutilizzo procedure e funzioni scritte da ME.
            Tu utilizza pure codice di altri e di cui avrai
            esaminato si e no il
            30%.Non preoccuparti per me, io so bene su cosa vale la pena perdere il mio tempo (quando sviluppo un applicazione web-oriented per una farmaceutica, cosa che mi capita spesso, e devo sottostare al CFR 21, part 11 della FDA, di certo è diverso di quando un amico mi chiede di mettergli su un blog sui motoraduni)..
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            - Scritto da: Severissimus
            E leggi anchge quello che c'è scritto subito
            sotto: si parla di esperti di vari campi, non di
            "pseudo-programmatori", che dovrebbero
            realizzare. E ancora non ho capito chi ti dà il
            diritto di ritenerli
            taleSemplice : se si presentano con un OS, non posso ritenerli "professionisti".E come se presentassi il mio cv inserendoci all'interno quello degli sviluppatori di Wordpress....
            Io, eh? Non sei tu che hai detto che quelli come
            me sanno solo installare un CMS? Perché tu sai
            qualcosa di
            me?Dirmi "Per quelli come te è giusto far pagare le tasse per finanziare opere come italia.it", aveva come significato quello di appoggiare chi utilizza software OS e si presenta come "esperto"...Per tal motivo, se appoggi chi si presenta con un CMS, ti reputo uno che sa solo installare un CMS.Cosi come te che mi reputi uno che non usa OS e si ritiene un super guru.

            Io riutilizzo procedure e funzioni scritte da
            ME.

            Tu utilizza pure codice di altri e di cui avrai

            esaminato si e no il

            30%.
            Non preoccuparti per me, io so bene su cosa vale
            la pena perdere il mio tempo (quando sviluppo un
            applicazione web-oriented per una farmaceutica,
            cosa che mi capita spesso, e devo sottostare al
            CFR 21, part 11 della FDA, di certo è diverso di
            quando un amico mi chiede di mettergli su un blog
            sui
            motoraduni)..Io invece neanche al mio amico metto codice che non ho esaminato... com'e' quel detto? "prevenire è meglio che curare" ?
          • Severissimus scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            Quindi fammi capire, se io pago fior di euro Visual Studio 2007 per fare un documento DOC, sono un buon programmatore, se uso Java ed OpenOffice, non sono capace. Bene, sì, chiarissimo.Dirti che per te è giusto far pagare le tasse ecc, era diretto all'ottusità di bocciare un progetto sul nascere per dei pregiudizi, perché dire che se uno sfrutto codice opensource è perché non sa programmare è solo un pregiudizio.Come anche il fatto da reputarmi uno che non sa fare niente di più che installare un CMS solo perché non sparo a zero su chi lo fa: che cavolo di logica è? Se dico che andare in bicicletta va bene, ne deduci che non so guidare la macchina?Per quel che fai con i tuoi amici, sei libero di perdere il tempo come credi, io preferisco far vedere loro quegli strumenti, cosicché possna imparare facilmente a gestirli da soli e magari in seguito a farsi un sito proprio, prima con i cms e poi, se hanno tempo e voglia di farlo, ex-novo. Diventeranno programmatori della domenica? E qual è il problema? Per gestirsi un sitarello va bene e per quanto riguarda la concorrenza io non l'ho mai temuta.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            - Scritto da: Severissimus
            Quindi fammi capire, se io pago fior di euro
            Visual Studio 2007 per fare un documento DOC,
            sono un buon programmatore, se uso Java ed
            OpenOffice, non sono capace. Bene, sì,
            chiarissimo.Mai detto nulla del genere.Se uno "PROGRAMMA" in un qualsiasi linguaggio ( .Net, Php, C++, Ruby, Python.... ) è un programmatore.Se uno prende i codici degli altri, li mixa insieme e ne tira fuori un pastrocchio, io non lo definisco programmatore.
            Dirti che per te è giusto far pagare le tasse
            ecc, era diretto all'ottusità di bocciare un
            progetto sul nascere per dei pregiudizi, perché
            dire che se uno sfrutto codice opensource è
            perché non sa programmare è solo un
            pregiudizio.Se mi presento in un'azienda dicendo che sono il miglior programmatore del mondo e lo faccio mostrandogli solo il mio sito web fatto con Joomla, secondo te, l'azienda come mi valuta?
            Per quel che fai con i tuoi amici, sei libero di
            perdere il tempo come credi, io preferisco far
            vedere loro quegli strumenti, cosicché possna
            imparare facilmente a gestirli da soli e magari
            in seguito a farsi un sito proprio, prima con i
            cms e poi, se hanno tempo e voglia di farlo,
            ex-novo. Io no, perche' al primo bug che non risolveranno verranno da me a chiedermi aiuto. Preferisco scrivere io i programmi e fornirli io.
            Diventeranno programmatori della
            domenica? E qual è il problema? Per gestirsi un
            sitarello va bene e per quanto riguarda la
            concorrenza io non l'ho mai
            temuta.Io neppure, ma odio farmi sputtanare il campo da gente che si presenta con un cms e dice di essere "professionista".
          • Severissimus scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            Allora, se non è quello che intendevi, perché ti scaldi tanto? E chi ha detto che qui qualcuno vuole prendere codice scritto da altri e basta? Qui si parla di esperti di campi che vanno dalla grafica alla programmazione, quindi joomla & Co. diventano inutili.Se ti presenti ad un'azienda mostrando uni sito fatto con joomla, non ti assumono, ma saper usare anche joomla è sicuramente un requisito in più. Come per me è stato il fatto di saper usare OpenOffice e Linux oltre ad Office e Windows.Io non lo capisco tutto questo accanimento perché qualcuno si diverte a smanettare pur non essendo un professionista: sei stato tu stesso a dire che tanto le aziende non lo prenderanno in considerazione. Comunque io i miei amici li tratto da persone intelligenti e cerco di metterli in condizioni di camminare con le loro gambe, perché sono miei amici e cerco di essere loro utile sul serio, invece che renderli dipendenti da me. Io penso che la tua reale paura non sia che i "dilettanti" (e chissà quanti veramente capaci ci sono, tra questi) "sputtanino" il campo, ma che dimostrino che anche così si possa ottenere un software di qualità, contenendo costi ingiustificati.Comunque, a quanto pare stanno organizzando un sito alternativo e per quanto mi sarà possibile darò una mano. Forse il progetto nemmeno partirà, ma se arriva alla fine, sono proprio curioso di vedere quanti danni all'immagine del programmatore avrà fatto... sicuramente meno di Italia.it.
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            - Scritto da: Severissimus
            Allora, se non è quello che intendevi, perché ti
            scaldi tanto? E chi ha detto che qui qualcuno
            vuole prendere codice scritto da altri e basta?
            Qui si parla di esperti di campi che vanno dalla
            grafica alla programmazione, quindi joomla & Co.
            diventano
            inutili.Non mi scaldo, ho solo fatto notare un particolare.
            Se ti presenti ad un'azienda mostrando uni sito
            fatto con joomla, non ti assumono, ma saper usare
            anche joomla è sicuramente un requisito in più.Giusto, ma sai com'e'...con gli esperti che ci troviamo ai ministeri, prenderanno di sicuro wordpress come software scritto da chi si presenterà loro dinanzi...
            Io non lo capisco tutto questo accanimento perché
            qualcuno si diverte a smanettare pur non essendo
            un professionista: sei stato tu stesso a dire che
            tanto le aziende non lo prenderanno in
            considerazione. Neanche io lo capisco con quelli che se la prendono con i falsi medici e/o con i falsi avvocati.Non voglio metter su associazioni di informatica o altro, ma come non faccio il lavoro degli altri, cosi pretendo che altri (dottori, avvocati, imbianchini ) facciano il mio.
            Comunque io i miei amici li
            tratto da persone intelligenti e cerco di
            metterli in condizioni di camminare con le loro
            gambe, perché sono miei amici e cerco di essere
            loro utile sul serio, invece che renderli
            dipendenti da me.Magari!Pero' se passi loro uno strumento che va aggiornato di tanto in tanto, all'inizio magari va bene, ma non appena si inceppa il meccanismo, te li ritrovi dinanzi e dovrai studiarti cosa han combinato e porre rimedio.
            Io penso che la tua reale paura non sia che i
            "dilettanti" (e chissà quanti veramente capaci ci
            sono, tra questi) "sputtanino" il campo, ma che
            dimostrino che anche così si possa ottenere un
            software di qualità, contenendo costi
            ingiustificati.Belle parole. Mi chiedo pero' come mai vengano fatte solo in determinati campi e non in tutti i campi.Es. Pane e Latte sono aumentati tantissimo...ci sono dei costi ingiustificati? Perche' nessuno non ne parla mai?Sai che dal 2000 ad oggi l'unico mercato che ha subito drastiche riduzioni sul profitto è stato proprio quello dei computer?Sai che conviene vender latte e pane piuttosto di un pc? ( C'e' piu' margine -in relazione alle quantità vendute- )Non ti fa riflettere tutto cio'?I software vengono fatti dai programmatori, e i costi "nascosti" in un progetto di grandi dimensioni ( come italia.it ) non è da ricercare nei costi dei programmatori ma di quelli dei vari consulenti....
            Comunque, a quanto pare stanno organizzando un
            sito alternativo e per quanto mi sarà possibile
            darò una mano. Forse il progetto nemmeno partirà,
            ma se arriva alla fine, sono proprio curioso di
            vedere quanti danni all'immagine del
            programmatore avrà fatto... sicuramente meno di
            Italia.it.Facciamo poi un bel pen test anche di quello messo su da questi programmatori o solo da quelli del sito ufficiale?
          • Severissimus scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            A me sembra che dei rincari di pane e latte se ne parli e come... di sicuro non su Punto Informatico: non mi sembra la sede. Spero solo che tu non pretenda che ci siano persona con l'hobby del fornaio. Comunque, ormai mi pare evidente che la pensiamo in maniera molto diversa, ma aggiungo un'ultima cosa, che nell'articolo non c'è scritta, ma sul forum del progetto sì: questo progetto verrà offerto al comune di Milano, quindi i test li dovrà passare, eccome!
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            - Scritto da: Severissimus
            A me sembra che dei rincari di pane e latte se ne
            parli e come... di sicuro non su Punto
            Informatico: non mi sembra la sede. Spero solo
            che tu non pretenda che ci siano persona con
            l'hobby del fornaio.Si parla di aumenti di pane e latte. Ok, ma si parla dei prezzi nascosti? Di chi ci lucra su tutto cio'?Oppure vogliamo parlare delle auto? Prima dell'introduzione dell'euro, una Fiat Punto nuova costava 10/12 milioni di lire, oggi ne costa 12.000 euroVogliamo capire qual'e' il problema?Negli stessi anni un Pc Pentium I completo costava 2 milioni di euro.Oggi un Pentium IV completo costa 400 euro.Come mai?Perche' gli unici prezzi da analizzare sono solo quelli del settore dell'informatica?
            Comunque, ormai mi pare evidente che la pensiamo
            in maniera molto diversa, ma aggiungo un'ultima
            cosa, che nell'articolo non c'è scritta, ma sul
            forum del progetto sì: questo progetto verrà
            offerto al comune di Milano, quindi i test li
            dovrà passare,
            eccome!Allora stai sicuro che saro' in prima linea per trovare bug e quant'altro...per esperienza, so che è facile criticare i programmi fatti da altri :)
          • Mi scoccio di loggare scrive:
            Re: Non accetteranno mai
            - Scritto da: Mi scoccio di loggare
            Negli stessi anni un Pc Pentium I completo
            costava 2 milioni di
            euro.
            Oggi un Pentium IV completo costa 400 euro.
            Come mai?Naturalmente ho sbagliato a scrivere... era 2 milioni di lire e non di euro.Pero' mentre il prezzo dei pc è piu' che dimezzato, il prezzo delle auto è piu' che raddoppiato.... qualcuno mi potrebbe spiegare il perche'? :)
  • Gufo Maya scrive:
    Tanto il mondo finirà il 21.12.2012
    Che vi preoccupate a fare?Pentitevi piuttosto!
  • marielademarchi scrive:
    povere scuse!
    "Credo che il 90 per cento dei siti pubblici e di grande aziende abbia questo tipo di problemi - prosegue Musumeci - Quel sito comunque è stato realizzato un anno e mezzo fa ed è assolutamente provvisorio"Mmmm... ma questi argomenti dovevano essere degli attenuanti? A me sembrano aggravanti! Insomma, un sito fatto un anno e mezzo fa! Ne avevano di tempo per sistemarlo, no? La scusa che quasi tutti i siti istituzionali sono così, hanno questi problemi è decisamente puerile - e da far vergognare...
Chiudi i commenti