Il PHP di Zend gira su WinServer 2008

Zend ha certificato la propria distribuzione di PHP per il giovane Windows Server 2008, e ha promesso, per la fine dell'anno, di portare su questo sistema operativo tutti i suoi prodotti

Roma – Grazie alla collaborazione instaurata con Microsoft verso la fine del 2006, il cui scopo è quello di migliorare l’implementazione di PHP sulla piattaforma Windows, Zend Technologies ha rilasciato una versione della propria distribuzione PHP, Zend Core, certificata per girare sul neonato Windows Server 2008 .

“La certificazione garantisce ai nostri clienti che la più recente versione di Zend Core (la 2.5, ndR) è pienamente compatibile con Windows Server 2008”, ha affermato Andi Gutmans, CTO e co-fondatore di Zend. “L’annuncio di oggi è un’altra pietra miliare nel nostro accordo pluriennale per assicurare che PHP sia un attore di primo piano sulla piattaforma Windows Server. Andando avanti, l’intero portfolio di prodotti Zend supporterà Windows Server 2008, incluso il nostro application server Zend Platform”.

Lo scorso anno le due aziende hanno rilasciato il componente FastCGI per Internet Information Server, un’interfaccia tra PHP e il web server di Microsoft che ha assicurato una sostanziale affidabilità e un miglioramento di performance per le applicazioni PHP che girano su Windows.

Zend sta anche lavorando a stretto contatto con Microsoft per integrare il supporto di Information Cards in Zend Framework , il framework open source di Zend per lo sviluppo di web application e web service. Questa unione, secondo Zend, “permetterà agli utilizzatori di Internet di gestire, controllare e scambiare identità digitali con più sicurezza e consistenza utilizzando Windows CardSpace”.

Microsoft afferma di aver intrapreso più di una dozzina di progetti per assicurare che le più popolari applicazioni PHP, quali Mambo, WordPress e Coppermine, girino su Windows.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fiorefr73 scrive:
    Inutile orpello
    Come ha detto zozzone il problema sta nel poco tempo che i genitori passano con i loro figli.A causa del lavoro, non ci scordiamo che adesso tutti e due i genitori lavorano mentre qualche anno fa era più facile trovare le mamme casalinghe, i genitori hanno sempre meno tempo da passare con i figli e questi spesso e volentieri vengono lasciati parcheggiati davanti alla televisione o al computer.Anche i miei genitori lavoravano entrambi, ma ho avuto la fortuna di stare con i nonni che mi razionalizzavano il tempo davanti alla tv perchè avevano la possibilità di portarmi fuori a giocare con gli altri bambini.Purtroppo questo non sempre è possibile, lo so...Facciamo scoprire ai bambini che è più divertente giocare a pallone con gli amici ai giardini pubblici (per strada non è più possibile) piuttosto che vegetare davanti all TV o al computer e vedrete che poi si limiteranno da soli.
  • Felipe Ramos scrive:
    Parental control...
    Strano... e io che pensavo che bastasse che i genitori facessero il loro lavoro... Strano mondo...Ad ogni modo, non è una novità le TV americane da anni sono dotati di un chip che permette ai genitori di disabilitare certe categorie di programmi (es. Disabilitare tutti i programmi a bollino rosso).
  • Alex Supertramp scrive:
    Arancia meccanica
    Ai miei tempi bastava educare i figli a parole (e magari anche con qualche scopaccione :O): non c'era bisogno nè di "metodi di controllo" elettronici, nè di lobotimizzare i cervelli. Non stiamo delegando un po' troppe cose alla tecnologia?http://menteindisordine.wordpress.com/
    • ottomano scrive:
      Re: Arancia meccanica
      - Scritto da: Alex Supertramp
      Ai miei tempi bastava educare i figli a parole (e
      magari anche con qualche scopaccione :O): non
      c'era bisogno nè di "metodi di controllo"
      elettronici, nè di lobotimizzare i cervelli. Non
      stiamo delegando un po' troppe cose alla
      tecnologia?Infatti mi sembra che stiamo andando oltre... un paio di ceffoni ben assestati fanno efficacemente il loro lavoro... e costano sicuramente meno di quella porcheria elettronica.Purtroppo abbiamo in giro sempre più genitori inetti.Nicola
      • Gigetto scrive:
        Re: Arancia meccanica
        Il problema è che i genitori non sono più in casa, almeno in uno, chi è fortunato ad averli tutti e due assieme, il pomeriggio e dunque occorre qualcuno che faccia il loro lavoro, cioè il timer.
  • Andrea_Cuomo scrive:
    Lo comprerá Ned Flanders !
    Mi immagino di vederlo, che si compra il "lucchetto lucchettino" perché il signor Epstein ha detto che la tv fa male.Sono anni che genitori bigotti,maestrine, pseudo-psicologied educatori da strapazzo si sbracciano a dire che la tv ed i videogiochi fanno male, senza dirci perché.Ecco che questa pseudo-ricerca fornisce il pretesto:la tv fa male perché si sta seduti, quindi si ingrassa !ridicoli proibizionismi perbenisti
    • Funz scrive:
      Re: Lo comprerá Ned Flanders !
      La TV FA male, basta vedere il livello culturale assolutamente infimo dei programmi, pensati per un pubblico che va dal semianalfabeta in giù.Meno un bambino la guarda meglio è per la sua crescita intellettuale, tanto quanto non farlo mangiare al merdonald's è bene per la sua salute fisica.
      • Bic Indolor scrive:
        Re: Lo comprerá Ned Flanders !
        - Scritto da: Funz
        La TV FA male, basta vedere il livello culturale
        assolutamente infimo dei programmi, pensati per
        un pubblico che va dal semianalfabeta in
        giù.
        Ma questo non è colpa della tv in sé ne di chi la guarda, ma di un sistema chiamato "pubblicità". Mi sta bene che si siano programmi come grande fratello o MCS. La gente li guarda, è un momento di evasione. E fin qui tutto ok. Questi programmi hanno successo, e giustamente chi investe in pubblicità TV paga per i programmi di successo. Le tv sono quindi spronate a produrre solo programmi di quei format, e a relegare gli altri - se proprio ci devono essere - alle ore di sonno o di lavoro. E la produzione diventa sempre più affollata, scadente e ripetitiva, i vecchi programmi vengono ripetuti tali e quali (15 anni di paperissima? con gli stessi capitomboli di gatti e bambini delle prime edizioni? perché?), al massimo "aumentati" (grande fratello con sempre più concorrenti? perché?)E se non stiamo attenti la stessa fine la farà internet.
        Meno un bambino la guarda meglio è per la sua
        crescita intellettuale, tanto quanto non farlo
        mangiare al merdonald's è bene per la sua salute
        fisica.Oh be... sai, una volta i figli si EDUCAVANO. Quando c'era un genitore - spesso la genitrice - a casa a badare a loro si riusciva, ma ora non ce lo si può più permettere... Non basta vietare o filtrare, bisogna anche proporre modelli migliori - abbastanza da far capire che i "divi" van bene per divertirsi, ma come modelli lasciano molto a desiderare. Se no tu potrai anche avergli dato il meglio, ma quando avranno 14 anni butteranno tutto alle ortiche per seguire senza la minima critica tutte le mode che i vendispazzatura gli propineranno.
  • Nome e cognome scrive:
    E' disattivabile? (aggirabile)
    A parte la domanda "è utile in realtà?" che non voglio affrontare, ma mi chiedo come un bambino possa aggirare questo aggeggio.Sul sito hanno scritto:"The TV Allowance is a device that connects between a television and its supply of electricity" ( http://www.tvallowance.com/how.html )Quindi il dispositivo si mette tra l'alimentazione a cui si collega (la presa a muro), e a sua volta viene collegato col televisore...."When all of the time is used up, the TV shuts off"Quando il tempo è scaduto il dispositivo smette di fornire l'alimentazione alla televisione...Credo che le situazioni per un bambino di disattivare questo arnese siano tre:- Staccare la luce. Prendere un martello e distruggerlo... giusto per protesta... (in stile molto anarchico.... non è un vero modo per disattivarlo, ma distruggerlo può avere il suo momento di godimento...)- Aprirlo/forzarlo e resettare il timer togliendo le batterie (mi sembra facile..).- Staccarlo dalla presa a muro e collegare la TV direttamente al muro senza che i fili passino tramite quel dispositivo (mi sembra la cosa più semplice...anche supponendo che i fili collegati dalla TV al macchinino siano "bloccati" all'interno da dei morsetti, tagli il cavo e poi ci metti una spina nuova... l'avrei saputo fare anche a 9 anni)...Bah, mi sembra un dispositivo solo per quei genitori che non si fidano dei propri figli... e che pensano che facciano un "peccato" nel guardare la TV... così come quelli che pensano che sia un "peccato" quando i figli stanno al PC o guardano un sito porno .... lol :D (avete presente lo stereotipo del genitore estremista-cattolico tutto casa e chiesa? (rotfl))Comunque non mi sembra una soluzione, ma solo un modo per litigare di più con i genitori... e poi se il macchinino è facilmente aggirabile non serve a niente.... sarebbe ben diverso il discorso se il tutto fosse integrato all'interno del televisore stesso...(e magari il televisore fosse blindato per non poterlo aprire con un cacciavite...lol :p)
    • zozzone scrive:
      Re: E' disattivabile? (aggirabile)
      sei genitori stessero più tempo con i figli queste porcate non esisterebbero.Ogni sistema di protezione ha un modo per eluderlo.
    • andrea scrive:
      Re: E' disattivabile? (aggirabile)
      Trovare il modo per eludere il controllo stimola la mente e la fantasia del bambino più che guardare la tv stessa. Ecco perché porterà ad un miglioramento. :)
Chiudi i commenti