Il pub degli appuntamenti hi-tech

I frequentatori si osservano a vicenda muovendo cam a distanza. Nel pub si è costantemente osservati. Più facile fare amicizia?


New York (USA) – I gestori sono convinti che l’idea funzioni per tanti, cioè per tutti coloro che trovano intrigante l’essere continuamente osservati o spiati dagli altri frequentatori di un pub che ha aperto i battenti a Manhattan, a New York.

Il funzionamento del “gioco” attorno al quale il pub è realizzato è semplice e altamente tecnologico. Ogni frequentatore, seduto al proprio tavolo, può utilizzare un joystick per muovere a distanza micro-telecamere che sono piazzate in tutto il locale, in tutti gli angoli. Grazie a schermi ai tavoli, si possono così osservare a piacere i frequentatori del locale. Se un volto piace, si può inviare a quel tavolo un messaggio di “approccio” che a quel punto può essere accettato o respinto. Quel che è certo, è che chi entra nel pub sa che non potrà godere di molta privacy.

L’infrastruttura a disposizione dei clienti comprende 100 schermi, 70 canali a circuito chiuso, 60 telecamere.

“Uno dei plus della tecnologia – afferma uno dei gestori del locale – è che consente di rompere il ghiaccio. Vediamo gente che si incontra con persone che normalmente non incontrerebbe in un pub. Possono usare le loro console per flirtare e incontrare altri, o giocare con altre persone”.

Il pub si chiama “Remote Lounge” e attraverso il proprio sito – che risulta spesso inaccessibile – consente ai suoi frequentatori a casa di decidere se la situazione in un dato momento è abbastanza “invitante” e se conviene, quindi, recarsi nel pub.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non mi piace
    In USA un pc con un celeron 500 Mhz e` obsoleto, probabilmente quasi tutti i dipendenti ford hanno a casa un computer piu` potente di questo.Che se ne fanno di un nuovo "vecchio" computer?E perche` solo HP? dovevano smaltire i loro fondi di magazzino?Questa viene anche chiamata generosita` pelosa..Se qualche azienda italiana avesse un`intenzione simile consiglierei invece un bell`assegno, spendibile in un`ampia scelta di negozi, con cui acquistare un computer, cosi` che se uno volesse potrebbe aggiungere altri soldi ed acquistare quello che preferisce, marca, modello, OS etc..
  • Anonimo scrive:
    Mi piace
    Una buona iniziativa, peccato che altre aziende preferiscano sperperare denaro in altre vie piuttosto che in opere veramente utili.Il clima che si è venuto a creare ha purtroppo fatto fallire il progetto.Tutta colpa di Osama Bim Bum Bam...
  • Anonimo scrive:
    W FORD
    non sapevo dell'annuncio di questa iniziativa l'anno scorso ... cmq una societa' che intraprende un'iniziativa del genere non puo' che essermi simpatica :)peccato che sia stata sospesa...ma c'e' da capirli :/
Chiudi i commenti