Il quotidiano più antico abbandona la carta

Il Post-och Inrikes Tidningar, dopo più di 300 anni di stampa su carta, si ritrova online con la benedizione dell'Accademia di Svezia

Roma – Il più antico quotidiano del mondo si è piegato all’era digitale. Il Post-och Inrikes Tidningar ( PoIT ), fondato nel 1645 dalla Regina Christina di Svezia e dal Cancelliere Axel Oxenstierna, dall’inizio dell’anno ha smesso di essere stampato su carta ed è pubblicato esclusivamente online.

“Non avreste potuto contare sempre sulla versione cartacea. Adesso, invece, tutti potranno continuare ad essere informati”, ha dichiarato Roland Haegglund, capo-redattore di PoIT e segretario dell’accademia di Svezia. “Il cambio di formato è certamente una rivoluzione, per alcuni piuttosto triste, ma comunque un passo naturale”.

Per circa cento anni – a cavallo tra ‘600 e ‘700 – il PoIT è stato, di fatto, l’unico quotidiano svedese, nonché la “voce” del Governo monarchico. Nel 1791, Gustavo III incaricò l’Accademia di Svezia della sua gestione e pubblicazione – cosa che peraltro è andata avanti fino a poco tempo fa. Da allora il PoIT è sopravvissuto all’avvento dei quotidiani indipendenti, concentrandosi soprattutto sugli annunci ufficiali governativi e quelli di aste, nonché di bancarotta. Quindi, anche se non si occupa di news da più di un secolo, la World Association of Newspapers considera il giornale svedese il più antico del mondo ancora in pubblicazione.

Haegglund è convinto che la digitalizzazione del PoIT possa far respirare nuova aria alla testata, mantenuta in vita da troppi anni dai soli abbonati istituzionali, come banche, biblioteche ed enti governativi. “Amplierà notevolmente la base dei nostri lettori. Adesso tutti coloro che dispongono di un accesso al Web potranno leggere il giornale gratuitamente”, ha sottolineato il capo-redattore.

La gestione del sito è stata affidata a Bolagsverket – la Camera di Commercio svedese che dall’ottobre 2005 il Parlamento ha designato come unica responsabile del progetto editoriale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Per la redazione
    Gent. redazione,siete uno dei giornali di informatica piu' seguiti del Paese, certamente il quotidiano online piu' seguito in assoluto. Ogni giorno, oltre alla della qualita' tecnica degli articoli indiscutibile, vedo che sempre piu' spesso la lingua italiana viene massacrata da inglesismi e da traduzioni dirette. In quanto veicolatori di informazione a livello nazionale, penso che sia una vostro preciso dovere aiutare chi legge (specie i piu' giovani) a non perdere l'uso corretto dell'italiano pubblicando articoli i quali, letti da centinaia di migliaia di persone, tendono a formare la lingua. Troppo spesso vedo traduzioni dirette, italianizzazioni di verbi inglesi e cosi' via. Lungi da me essere un purista da Accademia della Crusca o un integralista della lingua madre come possono essere i francesi, ma - realmente - con l'esterofilia che ci caratterizza stiamo lentamente perdendo la qualita' della nostra lingua. Penso che i giornali abbiano una responsabilita' precisa in questo senso, e che i revisori degli articoli dovrebbero porre particolare attenzione su questi aspetti, tanto piu' accuratamente tanto piu' elevata e' la tiratura - su carta o su log di un webserver, di un giornale.Questa lettera aperta e' da mesi che l'ho pensata, ma e' davanti all'ennesima piccolezza che finalmente ho deciso di dedicare qualche minuto del mio tempo lavorativo a esporla. Leggere "quando il collegamento gira bene sotto il 100 Mbit/s", e pensare che in italiano "well under" non si puo' tradurre direttamente con "bene sotto", e' stata la goccia, piccola piccola, che ha fatto traboccare il vaso dell'allarme di cui spero comprendere lo spirito costruttivo e non di critica. Nei vostri articoli leggo ogni singolo giorno una serie infinita di verbi che non esistono: alcuni di questi non hanno certamente un corrispettivo esatto in italiano (nessuno, ad esempio, dira' "scrivere un messaggio in un forum" anziche' "postare"), ma una serie lunghissima di verbi, sostantivi, aggettivi o avverbi ormai vengono pescati dalle vostre fonti, spesso in lingua inglese, e tradotti semplicemente aggiungendo -are, -ere, -ire, -mente e cosi' via.Spero che raccoglierete questo invito sincero come uno stimolo per migliorare ulteriormente la qualita' del vostro giornale, senza cogliere nell'invito fanatismi o nazionalismi che assolutamente non ho, essendo io in primis poliglotta e consapevole che l'inglese e' destinato con ogni probabilita a diventare la lingua comune di interscambio culturale fra popoli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per la redazione
      - Scritto da:
      Gent. redazione,

      siete uno dei giornali di informatica piu'
      seguiti del Paese, certamente il quotidiano
      online piu' seguito in assoluto. Ogni giorno,
      oltre alla della qualita' tecnica degli articoli
      indiscutibile, vedo che sempre piu' spesso la
      lingua italiana viene massacrata da inglesismi e
      da traduzioni dirette. In quanto veicolatori di
      informazione a livello nazionale, penso che sia
      una vostro preciso dovere aiutare chi legge
      (specie i piu' giovani) a non perdere l'uso
      corretto dell'italiano pubblicando articoli i
      quali, letti da centinaia di migliaia di persone,
      tendono a formare la lingua. Troppo spesso vedo
      traduzioni dirette, italianizzazioni di verbi
      inglesi e cosi' via. Lungi da me essere un
      purista da Accademia della Crusca o un
      integralista della lingua madre come possono
      essere i francesi, ma - realmente - con
      l'esterofilia che ci caratterizza stiamo
      lentamente perdendo la qualita' della nostra
      lingua. Penso che i giornali abbiano una
      responsabilita' precisa in questo senso, e che i
      revisori degli articoli dovrebbero porre
      particolare attenzione su questi aspetti, tanto
      piu' accuratamente tanto piu' elevata e' la
      tiratura - su carta o su log di un webserver, di
      un
      giornale.

      Questa lettera aperta e' da mesi che l'ho
      pensata, Anche tu, però, dai bacchettate a chi maltratta l'italiano e poi ci regali questo orrido esempio di stupro della forma.... roba da brividi di raccapriccio.
  • Anonimo scrive:
    "17 Terawatt all'anno"
    Cosa vorreste dire con questa informazione?Il watt misura una potenza, cioè il consumo ISTANTANEO di energia. E' scorretto parlare di un "risparmio di 17 Terawatt all'anno"... per parlare di risparmio "in un anno" bisogna parlare di una misura dell'energia consumata su quel periodo, non di una potenza istantanea... Certo a meno che (e allora il vostro unico errore sarebbe di un uso assai poco chiaro della lingua italiana) intendiate che si risparmiano mediamente 17Terawatt, facendo una media del risparmio sui 365 giorni.... ma mi pare una cifra ASSAI inverosimile (in un anno ci sono 8760 Giorni, a quella media si parlerebbe di quasi 150 TerawattOra risparmiati, mi paiono un po tantini per dei cavi di rete un po' più efficienti). Infatti confermate questa mia idea nell'articolo, dove parlate "5.8 Terawatt/h" risparmiati nei soli USA... a parte che semmai si tratta "Terawatt Ora" senza la linea di frazione (Energia = Potenza PER Tempo [non Potenza FRATTO Tempo]), allora stiamo parlando (credo correttamente) di un'energia, e allora sì che ha senso parlare di un risparmio, su scala annuale, di questa quantità.Ora sarò io pignolo eh, ma un po di precisione suvvia... non limitiamoci a fare copia-traduci-incolla da altri articoli senza capire bene cosa stiamo copiando... non vi pare?
    • garak scrive:
      Re: "17 Terawatt all'anno"

      ASSAI inverosimile (in un anno ci sono 8760
      Giorni, a quella media si parlerebbe di quasi 150
      TerawattOra risparmiati, mi paiono un po tantini
      per dei cavi di rete un po' più efficienti).[...]
      Ora sarò io pignolo eh, ma un po di precisione
      suvvia...Sarai pure pignolo, ma un anno da 8760 giorni... :p
      • Anonimo scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"
        - Scritto da: garak

        ASSAI inverosimile (in un anno ci sono 8760

        Giorni, a quella media si parlerebbe di quasi
        150

        TerawattOra risparmiati, mi paiono un po tantini

        per dei cavi di rete un po' più efficienti).
        [...]

        Ora sarò io pignolo eh, ma un po di precisione

        suvvia...

        Sarai pure pignolo, ma un anno da 8760 giorni...
        :pnon dirlo in giro... ma questo è quello che dice PI (anonimo)
    • Anonimo scrive:
      Re: "17 Terawatt all'anno"
      - Scritto da:
      Cosa vorreste dire con questa informazione?
      Il watt misura una potenza, cioè il consumo
      ISTANTANEO di energia. E' scorretto parlare di un
      "risparmio di 17 Terawatt all'anno"... per
      parlare di risparmio "in un anno" bisogna parlare
      di una misura dell'energia consumata su quel
      periodo, non di una potenza istantanea... Certo a
      meno che (e allora il vostro unico errore sarebbe
      di un uso assai poco chiaro della lingua
      italiana) intendiate che si risparmiano
      mediamente 17Terawatt, facendo una media del
      risparmio sui 365 giorni.... ma mi pare una cifra
      ASSAI inverosimile (in un anno ci sono 8760
      Giorni, a quella media si parlerebbe di quasi 150
      TerawattOra risparmiati, mi paiono un po tantini
      per dei cavi di rete un po' più efficienti).


      Infatti confermate questa mia idea nell'articolo,
      dove parlate "5.8 Terawatt/h" risparmiati nei
      soli USA... a parte che semmai si tratta
      "Terawatt Ora" senza la linea di frazione
      (Energia = Potenza PER Tempo [non Potenza FRATTO
      Tempo]), allora stiamo parlando (credo
      correttamente) di un'energia, e allora sì che ha
      senso parlare di un risparmio, su scala annuale,
      di questa
      quantità.

      Ora sarò io pignolo eh, ma un po di precisione
      suvvia... non limitiamoci a fare
      copia-traduci-incolla da altri articoli senza
      capire bene cosa stiamo copiando... non vi
      pare?Nell'articolo si parla di un consumo di 24 watt per dispositivo. Nell'improbabile caso che ci siano un miliardo di dispositivi di rete nel mondo, si ottiene 24 GWatt, cioè 0,025 TW. Per arrivare a 17 TW, servirebbero 700 miliardi di dispositivi di rete. Piuttosto improbabile.Invece 17TW-ora diviso 8760 ore/anno diviso 10 watt di risparmio a dispositivo fa un più maneggevole 200 milioni di dispositivi (mi sembra ancora tanto, trattandosi di dispositivi accesi 24 ore al giorno, ma supponiamo che sia fatto da 100 milioni per 24 ore e 300 milioni per 8 ore al giorno). E' quindi chiaro dal contesto che si parla di un risparmio in terawatt-ora.Certo questa incapacità dei non tecnici (e anche di troppi tecnici) di distinguere tra un unità di misura della potenza (watt) e un unità di misura dell'energia (watt-ora) è piuttosto fastidiosa.Ma in linea con l'attitudine tutta italiana di parlare per sentito dire...
      • Anonimo scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"
        Non hai altro da fare se stai a mettere puntini.Potrebbe essere anche un errore di battitura involontario...
        • Anonimo scrive:
          Re: "17 Terawatt all'anno"
          - Scritto da:
          Non hai altro da fare se stai a mettere
          puntini.Potrebbe essere anche un errore di
          battitura
          involontario...Che si ripete sistematicamente in ogni articolo di giornale che parla di risparmio energetico, di nuove centrali, di nuove tecnologie per la produzione di elettricità, ecc. ecc.Comunque mi sarei astenuto se in risposta ai commenti la redazione avesse corretto "l'errore di battitura" nella mattinata.Poi l'interpretazione più malevola è che i markettari di queste iniziative ci marcino, su questi "errori". E' per questo che metto i puntini sulle i, perchè ogni volta che c'è un punto di debolezza (anche solo una dimenticanza, una similitudine, una piccola innocente confusione) c'è qualcuno abbastanza furbo da approfittarne.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Non hai altro da fare se stai a mettere

            puntini.Potrebbe essere anche un errore di

            battitura

            involontario...

            Che si ripete sistematicamente in ogni articolo
            di giornale che parla di risparmio energetico, di
            nuove centrali, di nuove tecnologie per la
            produzione di elettricità, ecc.
            ecc.

            Comunque mi sarei astenuto se in risposta ai
            commenti la redazione avesse corretto "l'errore
            di battitura" nella
            mattinata.

            Poi l'interpretazione più malevola è che i
            markettari di queste iniziative ci marcino, su
            questi "errori". E' per questo che metto i
            puntini sulle i, perchè ogni volta che c'è un
            punto di debolezza (anche solo una dimenticanza,
            una similitudine, una piccola innocente
            confusione) c'è qualcuno abbastanza furbo da
            approfittarne.Leggiti le risposte delle 16.06 e delle 17.13 perchè non mi sembra che venga considerato un errore ne di battitura ne di semantica.Quindi la questione non è che sei pignolo, ma semplicemente in errore.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da:
            Leggiti le risposte delle 16.06 e delle 17.13
            perchè non mi sembra che venga considerato un
            errore ne di battitura ne di
            semanticaRispose piene di errore e cialtronerie come ne ho viste poche in vita mia.
            Quindi la questione non è che sei pignolo, ma
            semplicemente in
            erroreNo, in errore sei tu, ed e' semplicemente patetico che tu ti ostini a non accorgertene. Se non conoscete l'argomento astenetevi dall'intervenire, prego.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da:
            Leggiti le risposte delle 16.06 e delle 17.13
            perchè non mi sembra che venga considerato un
            errore ne di battitura ne di
            semanticaQuelle risposte sono piene di cazzate immonde. Il Kilowattora e' una misura della potenza. Non per niente la potenza di un motore di un'automobile si puo' misurare in Kilowatt oltre che in CV. Tu diresti che che un'auto consuma 100 CV? Se si', torna alle elementari.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da:
            Quelle risposte sono piene di cazzate immonde. Il
            Kilowattora e' una misura della potenzaOvviamente intendevo il Kilowatt.
          • mythsmith scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"

            Quelle risposte sono piene di cazzate immonde. Il
            Kilowattora e' una misura della potenza. Non per
            niente la potenza di un motore di un'automobile
            si puo' misurare in Kilowatt oltre che in CV. Tu
            diresti che che un'auto consuma 100 CV? Se si',
            torna alle
            elementari.Forse volevi dire che il watt (senza "ora") è misura della potenza...http://it.wikipedia.org/wiki/Watthttp://it.wikipedia.org/wiki/Cavallo_vaporeDire che una macchina consuma 100 watt (o CV) è perfettamente corretto.1 Watt = 1 Joule/secondoSe usi la macchina per 10 secondi, devi fornirgli una energia di:100 watt * 10 s = 100 J/s * 10 s = 1000 JViceversa, dire che una macchina consuma 10 kilowattora è inutile, perché è già una quantità di energia. Consuma 10 kilowattora in quanto tempo? Un'ora? Un secondo? Un anno?Quindi credo che 17 Terawattora / anno sia una dicitura corretta: significa che in un anno ho consumato:17 TerawattOra = 17 Terawatt * 3600 s = 61200 TeraJouleChe è una quantità di energia perciò ha un significato dire che l'ho spesa nell'arco di tempo di un anno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 febbraio 2007 02.46-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da: mythsmith

            Quelle risposte sono piene di cazzate immonde.
            Il

            Kilowattora e' una misura della potenza. Non per

            niente la potenza di un motore di un'automobile

            si puo' misurare in Kilowatt oltre che in CV. Tu

            diresti che che un'auto consuma 100 CV? Se si',

            torna alle

            elementari.

            Forse volevi dire che il watt (senza "ora") è
            misura della
            potenza...Si', infatti ho corretto subito sotto, e' stata una distrazione (vedi il discorso seguente).Il Kilowatt e' una misura della potenza, il Kilowattora e' KILOWATT*ORA, non Kilowatt/ora come erroneamente ripetuto da alcuni qui.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da: mythsmith
            Dire che una macchina consuma 100 watt (o CV) è
            perfettamente
            corretto.No, non lo e'.
            1 Watt = 1 Joule/secondo
            Se usi la macchina per 10 secondi, devi fornirgli
            una energia
            di:
            100 watt * 10 s = 100 J/s * 10 s = 1000 JCome vedi, per definire il consumo, devi definire anche il tempo di utilizzo. Dire che una macchina consuma 100 watt non ha senso. Ha senso solo in funzione del tempo.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da:

            - Scritto da: mythsmith

            Dire che una macchina consuma 100 watt (o CV) è

            perfettamente

            corretto.

            No, non lo e'.


            1 Watt = 1 Joule/secondo

            Se usi la macchina per 10 secondi, devi
            fornirgli

            una energia

            di:

            100 watt * 10 s = 100 J/s * 10 s = 1000 J

            Come vedi, per definire il consumo, devi definire
            anche il tempo di utilizzo. Dire che una macchina
            consuma 100 watt non ha senso. Ha senso solo in
            funzione del
            tempo.'nfatti
          • mythsmith scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"

            Come vedi, per definire il consumo, devi definire
            anche il tempo di utilizzo. Dire che una macchina
            consuma 100 watt non ha senso. Ha senso solo in
            funzione del
            tempo.Devi comprare un frigo. Ci sono due modelli: A e B. E due commessi: Utile e Inutile.Il commesso di nome inutile di illustra il frigo A e ti spiega che è molto conveniente perché consuma solo 1 Kilowattora. Il frigo B costa meno però consuma ben 157 Gigawattora.Il commesso Utile invece ti dice che il frigo A consuma 300 Watt, mentre il B consuma solo 250 Watt.Perplesso, vai dal direttore e gli chiedi a quale commesso devi dare ascolto.Tutti e due hanno ragione, spiega il direttore. Il primo ti ha espresso per il frigo A l'energia richiesta per farlo funzionare 3 ore, mentre per il frigo B ti ha detto quanta energia servirà per mantenerlo attivo per 10 anni, tempo di vita medio della macchina.Il commesso utile ti ha esposto invece il consumo di energia al secondo (cioè, la potenza) per entrambi i frigo.Il B costa meno per via di incentivi statali.
          • Anonimo scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"
            - Scritto da: mythsmith

            Come vedi, per definire il consumo, devi
            definire

            anche il tempo di utilizzo. Dire che una
            macchina

            consuma 100 watt non ha senso. Ha senso solo in

            funzione del

            tempo.

            Devi comprare un frigo. Ci sono due modelli: A e
            B. E due commessi: Utile e
            Inutile.
            Il commesso di nome inutile di illustra il frigo
            A e ti spiega che è molto conveniente perché
            consuma solo 1 Kilowattora. Il frigo B costa meno
            però consuma ben 157
            GigawattoraNon ha senso. In questo caso mi serve sapere la potenza, dato che il frigo lo lascio sempre acceso. "Consuma 1 kilowattora" in quanto tempo? Un secondo? Un secolo?
            Il commesso Utile invece ti dice che il frigo A
            consuma 300 Watt, mentre il B consuma solo 250
            Watt.Allora in questo caso posso sorvolare sull'uso improprio del termine "consuma".
          • mythsmith scrive:
            Re: "17 Terawatt all'anno"

            Non ha senso. In questo caso mi serve sapere la
            potenza, dato che il frigo lo lascio sempre
            acceso. "Consuma 1 kilowattora" in quanto tempo?
            Un secondo? Un
            secolo?
            Proprio come nel caso della macchina. Dire che consuma 4 Kilowattora ha senso solo se dici anche in quanto tempo, ma è del tutto inutile se stai parlando delle caratteristiche della macchina...

            Il commesso Utile invece ti dice che il frigo A

            consuma 300 Watt, mentre il B consuma solo 250

            Watt.

            Allora in questo caso posso sorvolare sull'uso
            improprio del termine
            "consuma"."Consumare" non è un termine proprio infatti. Puoi usarlo sia per esprimere la potenza assorbita da un apparecchio (J/s, KWatt), che per indicare l'energia richiesta (J, KWatt*h).In alcuni casi è utile il primo dato, in altri il secondo.Comunque mi par di capire che siamo tutti d'accordo sul fatto che nell'articolo si sia fatto un errore grossolano nell'esprimere il consumo, in qualsiasi accezione si usi la parola. 17 Terawatt come potenza assorbita mi sembra un'enormità, e comunque è scorretto specificare "all'anno" perché consuma 17 Terawatt anche nel corso di un giorno o di un millisecondo... A meno che non si voglia intendere "mediamente nel corso dell'anno" e allora non sanno proprio l'italiano...
    • Anonimo scrive:
      Re: "17 Terawatt all'anno"
      chi deve capire capisce ugualmente, non è un refuso che fa la differenza... IMHO
    • Anonimo scrive:
      Re: "17 Terawatt all'anno"
      - Scritto da:
      Cosa vorreste dire con questa informazione?
      Il watt misura una potenza, cioè il consumo
      ISTANTANEO di energia. E' scorretto parlare di un
      "risparmio di 17 Terawatt all'anno"... per
      parlare di risparmio "in un anno" bisogna parlare
      di una misura dell'energia consumata su quel
      periodo, non di una potenza istantanea... Certo a
      meno che (e allora il vostro unico errore sarebbe
      di un uso assai poco chiaro della lingua
      italiana) intendiate che si risparmiano
      mediamente 17Terawatt, facendo una media del
      risparmio sui 365 giorni.... ma mi pare una cifra
      ASSAI inverosimile (in un anno ci sono 8760
      Giorni, a quella media si parlerebbe di quasi 150
      TerawattOra risparmiati, mi paiono un po tantini
      per dei cavi di rete un po' più efficienti).

      Infatti confermate questa mia idea nell'articolo,
      dove parlate "5.8 Terawatt/h" risparmiati nei
      soli USA... a parte che semmai si tratta
      "Terawatt Ora" senza la linea di frazione
      (Energia = Potenza PER Tempo [non Potenza FRATTO
      Tempo]), allora stiamo parlando (credo
      correttamente) di un'energia, e allora sì che ha
      senso parlare di un risparmio, su scala annuale,
      di questa
      quantità.

      Ora sarò io pignolo eh, ma un po di precisione
      suvvia... non limitiamoci a fare
      copia-traduci-incolla da altri articoli senza
      capire bene cosa stiamo copiando... non vi
      pare?che differenza di consumo c'tra una lampadina da 100 Watt accesa per un ora e una lampadina da 50 Watt accesa per 2 ore.nessuna in entrambi i casi consumo 100Watt di energia, o almeno un contatore segnerebbe quel valore.220 v * 0,4545 a * 1h = 100 VA (consumati in 1h) 220 v * 0,2252 a é 2h = 100 VA (consumati in 2h)però se voglio parlare di consumi all'ora dirò che la prima lampadina consuma 100 Watt/h mentre la seconda consuma 100 Watt/2h quindi 50Watt/hUsi la formula Watt/h * h se vuoi calcolare quanta energia hai consumato nel tempo o quanta ne consumerai, ma se parli di una apparecchiatura elettrica parli di consumo in "X Watt/h" perchè ti indica il rapporto di quanti Watt consumi in 1h cioè in quel /h si sottintende /1h. Esempio:100 Watt 5 h-------- * 1hdevo fare il passaggio in cui cancelli il simbolo h?prova a fare 100Watt * 1h * 5h cosa viene fuori??Quindi quando parlano di Terawatt risparmiabili non importa se sia di Watt/h o di Watt/s perchè è un calcolo che viene da apparecchiature diverse cioè per banalizzare ci potrebbe essere una macchina che consuma 17 Terawatt/h che in un anno viene accesa per una sola ora e tenendola spenta tu hai risparmiato 17 Terawatt, se la macchina consumasse 8,5 Terawatt/h e in un anno la si tenesse accesa per 2 ore tenendola spenta risparmi comunque 17 Terawatt.Puoi dire che risparmi 17 Terawatt/h per ogni ora che terrai spenta la megamacchina da 17 Terawatt/h; se sai già che li consumi in un ora lo puoi dire ma se non sai in quanto tempo li consumi sono solo 17 Terawatt di energia, Puoi anche bruciarli in un secondo se fai una macchina 3600 volte piu esosa di quella assurda e ipotetica macchina da 17 Terawatt/h.Ho chiarito un po il discorso?
      • Anonimo scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"


        Ho chiarito un po il discorso?oooh grande, decisamente si :) bravo
        • Anonimo scrive:
          Re: "17 Terawatt all'anno"
          - Scritto da:



          Ho chiarito un po il discorso?

          oooh grande, decisamente si :) bravograzie
        • Anonimo scrive:
          Re: "17 Terawatt all'anno"
          - Scritto da:



          Ho chiarito un po il discorso?

          oooh grande, decisamente si :) bravoGia' peccato che abbia scritto una serie di castronerie che fanno ridere i polli!!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"


        Ho chiarito un po il discorso?Hai chiarito che non hai capito una fava, però qualcosa hai chiarito, bravo.
        • Anonimo scrive:
          Re: "17 Terawatt all'anno"
          - Scritto da:



          Ho chiarito un po il discorso?

          Hai chiarito che non hai capito una fava, però
          qualcosa hai chiarito,
          bravoSi', davvero. Ma dove l'hanno beccato questo? Viene qui a "chiarire"... raccontando una serie di castronerie incredibili! Dio mio, se non l'avessi visto con i miei occhi farei fatica a crederci. Ma esiste davvero gente cosi' ignorante?
      • Anonimo scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"
        - Scritto da:
        che differenza di consumo c'tra una lampadina da
        100 Watt accesa per un ora e una lampadina da 50
        Watt accesa per 2
        ore.

        nessuna in entrambi i casi consumo 100Watt di
        energia, o almeno un contatore segnerebbe quel
        valoreMa che idiozie vai farneticando? Ti rendi conto O NO che il watt e' un'unita' della potenza e non del consumo e quindi l'ora non c'entra assolutamente niente? Una lampadina da 100W che stia accesa per un secondo, un'ora, o una settimana e' sempre una lampadina da 100W! Una lampadina da 50W che sta accesa per un'ora e' una lampadina da 50W, se sta accesa per due ore rimane una lampadina da 50W!Secondo te una macchina da 100 cv che viaggia per un'ora diventa una macchina da 50 cv se viaggia per mezz'ora?!?! :@
        però se voglio parlare di consumi all'ora dirò
        che la prima lampadina consuma 100 Watt/h mentre
        la seconda consuma 100 Watt/2h quindi
        50Watt/hMa che min__iate fai farneticando? Il Kilowattora e' Kilowatt * ora non kilowatt / ora!!! :@
        Usi la formula Watt/h * h se vuoi calcolare
        quanta energia hai consumato nel tempo o quanta
        ne consumeraiROTFL!!! Watt * h /h!!! Ridicolo!!! Watt * h / h = Watt!!! Aritmetica da prima elementare!!!Sei ridicolo!!!
      • mythsmith scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"
        Io pensavo che fosse così:Lavoro = Potenza * TempoConoscenza = PotenzaTempo = DenaroDa cui la formula usata per calcolare gli stipendi in Italia:Denaro = Lavoro / Conoscenza
      • Anonimo scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"
        - Scritto da:
        che differenza di consumo c'tra una lampadina da
        100 Watt accesa per un ora e una lampadina da 50
        Watt accesa per 2
        ore.

        nessuna in entrambi i casi consumo 100Watt di
        energia, o almeno un contatore segnerebbe quel
        valore.Hai di nuovo commesso l'errore che stiamo stigmatizzando.100 Watt è una misura di POTENZA, banalizzando (scorrettamente) di consumo ISTANTANEO.Avresti dovuto scrivere 100 Watt-ora, nel contesto del 1/2 ore.
        (cut)
        Ho chiarito un po il discorso?No. Lo hai banalizzato, di nuovo hai usato termini di uso comune ed esteso il significato di termine tecnici ben precisi.Comunque, che parlo a fare, nessuno leggerà più.
    • Anonimo scrive:
      Re: "17 Terawatt all'anno"
      il rapporto tra potenza ed energia è il tempo.P=
      Potenza (Watt)E=
      Energia (Joule)t=
      Tempo (secondi)P=E*tconsiderando che misurare l'energia in Joule è scomodo si è usata un l'espressione equivalente del tipo E=P/t. in particolare l'enel usa KW/Hper cui 17 TeraWatt/anno è una misura precisa di energia, solo un po insolita, se non devi gestire tutti i giorni reti elettriche.W:-}
      • Chernobyl scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"
        - Scritto da:
        il rapporto tra potenza ed energia è il tempo.
        P=
        Potenza (Watt)
        E=
        Energia (Joule)
        t=
        Tempo (secondi)

        P=E*tStrano, mi ricordavo che la potenza fosse la derivata del lavoro in funzione del tempo:P=dw/dtoppure: http://it.wikipedia.org/wiki/Potenza_%28fisica%29
        considerando che misurare l'energia in Joule è
        scomodo si è usata un l'espressione equivalente
        del tipo E=P/t. in particolare l'enel usa
        KW/HSicuro ?
        per cui 17 TeraWatt/anno è una misura precisa di
        energia, solo un po insolita, se non devi gestire
        tutti i giorni reti
        elettriche.Mi pare che rimanga comunque il kilowattora. Al massimo si puo' concedere il kilowattora/annohttp://it.wikipedia.org/wiki/Wattora
        • Anonimo scrive:
          Re: "17 Terawatt all'anno"
          - Scritto da: Chernobyl
          Mi pare che rimanga comunque il kilowattora. Al
          massimo si puo' concedere il
          kilowattora/anno

          http://it.wikipedia.org/wiki/WattoraEsattamente. Dire "un consumo di un kilowatt all'anno" e' come dire che un'auto consuma 100 CV all'ora... o che io corro alla velocita' di 30 km... completamente senza senso.
      • mythsmith scrive:
        Re: "17 Terawatt all'anno"

        P=E*t Questa è da INCORNICIARE!!!!Vi prego fateci delle Virgolette almeno...( per i pochi che non hanno capito... la formula corretta è E=P*t !!! )
  • Anonimo scrive:
    I petrolieri
    I petrolieri non saranno contenti.Dato che il 90% dell'energia elettrica del globo si sviluppa usando petrolio o combustibili fossili in genere.Ci sono automobili che consumano 1/3 di quelle attuali ma i progetti restano a stagnare e non li tirano fuori.Un americano che andava in giro per fiere e manifestazioni a mostrare la sua Dune Buggy con motore ad acqua è stato prima minacciato e poi si è misteriosamente suicidato. (notizia recente e un suo video è pure su youtube).È dura riuscire a fare a meno di quello schifoso petrolio se si viene continuamente minacciati e boicottati...Per non parlare dei progetti di Tesla spariti ed ogni studio dell'energia gravitazionale secretati.E la fusione fredda rimasta ad esperimento da laboratorio.
    • Anonimo scrive:
      Re: I petrolieri

      ogni studio dell'energia gravitazionale
      secretati.Non e' vero, studi seri sulla gravita' si fanno nei centri di fisica.

      E la fusione fredda rimasta ad esperimento da
      laboratorio.Un esperimento che non e' replicabile in modo sistematico, il che fa sorgere molti dubbi.
      • Anonimo scrive:
        Re: I petrolieri
        - Scritto da:

        ogni studio dell'energia gravitazionale

        secretati.
        Non e' vero, studi seri sulla gravita' si fanno
        nei centri di fisica.http://www.youtube.com/watch?v=3i5YHvneHls

        E la fusione fredda rimasta ad esperimento da

        laboratorio.
        Un esperimento che non e' replicabile in modo
        sistematico, il che fa sorgere molti
        dubbi.http://jlnlabs.online.fr/cfr/diycfr/index.htmDai 1 ottieni da 1,6 a 2,1 a seconda dei casi. Bisogna solo perfezionare il processo.E puoi farlo anche in casa. Attenzione ai neutroni e ai raggi gamma, nulla di grave, basta ripararsi dietro un pannello di metallo.
        • Chernobyl scrive:
          Re: I petrolieri
          - Scritto da:


          E la fusione fredda rimasta ad esperimento da


          laboratorio.

          Un esperimento che non e' replicabile in modo

          sistematico, il che fa sorgere molti

          dubbi.

          http://jlnlabs.online.fr/cfr/diycfr/index.htm

          Dai 1 ottieni da 1,6 a 2,1 a seconda dei casi.
          Bisogna solo perfezionare il
          processo.
          E puoi farlo anche in casa. Attenzione ai
          neutroni e ai raggi gamma, nulla di grave, basta
          ripararsi dietro un pannello di
          metallo.Povero ITER, che si dovrà accontentare all'inizio di un COP uguale 10, e sperare di arrivare a 50, e forse anche a 100, secondo i suoi progettisti.
    • Anonimo scrive:
      ExxonMobil 39,4 Miliardi di dollari!
      Come da oggetto!ExxonMobil 39,4 Miliardi di dollari nel 2006!Sì, i petrolieri ringraziano!;P
Chiudi i commenti