Il sito di Borat, censurato, si prende la rivincita

Il nuovo spazio web del film di Sacha Baron Cohen, inviso alle autorità kazake, si rivela un successo. Una piccola... vendetta telematica

Roma – Il suo primo sito, www.borat.kz, è stato censurato dal governo del Kazakistan, ma ora Sacha Baron Cohen, più noto come “Ali G”, si sta prendendo la rivincita: il nuovo spazio web messo in piedi per promuovere il film “Borat” – una pellicola a metà tra satira e demenzialità comica – sta ricevendo un numero inatteso di visite.

Ad affermarlo è Reuters : riporta come il servizio di monitoraggio del traffico web russo Mail.ru , segnali un raddoppio dei contatti al sito nella settimana che coincide con il lancio del film.

Il nuovo sito ufficiale del film , oltre a mostrare un trailer, si presenta come il sito del Ministero dell’Informazione kazako, la cui vera URL è invece inform.kz/ . Perdipiù è condito da “foto ufficiali” del Ministero, in cui lo stesso Borat, protagonista del film, è in primo piano. Tutto questo non piace alle autorità kazake che hanno comunque deciso di far buon viso a cattivo gioco dichiarando di sperare che il film attiri l’attenzione internazionale sul paese. A quanto pare però le sale cinematografiche locali non trasmetteranno l’ultima fatica di Sacha Baron Cohen.

Qui sotto il trailer italiano del film disponibile su YouTube:

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    BUG MICROZOZZERIA
    tanto per citarne uno su un milioneLINUX 4EVER @^
  • Anonimo scrive:
    NetSol
    ovviamente invece lo whois serio, quello del leader NetwokSolutions, se cerchi microsoft ti dà microsoftdovrebbero imparare anche quelli del nic italiano a fare così i database
    • Anonimo scrive:
      Re: NetSol
      - Scritto da:
      ovviamente invece lo whois serio, quello del
      leader NetwokSolutions, se cerchi microsoft ti dà
      microsoft

      dovrebbero imparare anche quelli del nic italiano
      a fare così i
      databaseSpam, troll, ignorante o TRIS ?
  • HotEngine scrive:
    Re: manica di rincoglioniti
    - Scritto da:
    come diceva qualcun altro è 10 anni che è così

    www.register.it -
    microsoft.com -
    attuale
    assegnatario (E' COSI' DA UNAQuoto... Ricordo benissimo anche io.
  • Anonimo scrive:
    Bella scoperta
    Un articolo sul nulla.E' stato scoperto che se su google imagini cerchi "microsoft humor" trovi tante immagini che denigrano l'azienda..."Parlate male di me, purchè parliate" diceva il detto
  • Anonimo scrive:
    Usano "lo" whois?
    Lo whois? (rotfl)(rotfl) Al massimo IL whois(rotfl)(rotfl)(rotfl) E' ora di ritornare alle elementari(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Usano "lo" whois?
      a me alle elementari non hanno insegnato nulla di simile, e niente nemmeno all'università. :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Usano "lo" whois?

        a me alle elementari non hanno insegnato nulla di
        simile, e niente nemmeno
        all'università.Complimenti!!!http://it.wiktionary.org/wiki/lo
        • Anonimo scrive:
          Re: Usano "lo" whois?
          - Scritto da:

          a me alle elementari non hanno insegnato nulla
          di

          simile, e niente nemmeno

          all'università.

          Complimenti!!!

          http://it.wiktionary.org/wiki/loE quindi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Usano "lo" whois?
            da usare solo con tutte le parole di genere maschile e di numero singolare inizianti per vocale e per x, s, z, s seguiti da consonante e i gruppi consonantici gn, pn, ps.c'e' scritto w?
          • Luca Schiavoni scrive:
            Re: Usano "lo" whois?
            - Scritto da:
            da usare solo con tutte le parole di genere
            maschile e di numero singolare inizianti per
            vocale e per x, s, z, s seguiti da consonante e i
            gruppi consonantici gn, pn,
            ps.

            c'e' scritto w?Cara Priscillaleggi bene anche chi ti risponde. ti hanno gia' scritto che e' riferito alla pronuncia, che e' U-is. non W. la W non c'e' nell'alfabeto italiano. ;)quindi, Priscilla, UIS (pronuncia di WhoIs) inizia per vocale, quindi si usa "lo". lo uis. O tu dici "il uis" lo ukulele. O il ukulele ?lo usurpatore. o il usurpatore? :DLo anonimo, o il anonimo ? :D :DLucaS
      • Anonimo scrive:
        Re: Usano "lo" whois?
        - Scritto da:
        a me alle elementari non hanno insegnato nulla di
        simile, e niente nemmeno
        all'università.
        :|Probabilmente perche' non ci sei andato o facevi l'incubatrice
    • UMM scrive:
      Re: Usano "lo" whois?
      - Scritto da:
      Lo whois? (rotfl)(rotfl) Al massimo IL
      whois(rotfl)(rotfl)(rotfl) E' ora di ritornare
      alle
      elementari(rotfl)Mah, mi sa che alle elementari ci devi tornare tu..."lo" è stato usato correttamente con "whois", poiché quest'ultimo nella pronuncia italiana inizia per vocale ("uis" con "u" aspirata), ed è pertanto corretto usare l'articolo determinativo in questione. Somaro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Usano "lo" whois?
        - Scritto da: UMM

        - Scritto da:

        Lo whois? (rotfl)(rotfl) Al massimo IL

        whois(rotfl)(rotfl)(rotfl) E' ora di ritornare

        alle

        elementari(rotfl)

        Mah, mi sa che alle elementari ci devi tornare
        tu...
        "lo" è stato usato correttamente con "whois",
        poiché quest'ultimo nella pronuncia italiana
        inizia per vocale ("uis" con "u" aspirata), ed è
        pertanto corretto usare l'articolo determinativo
        in questione.
        Somaro.articolo determinativo maschile singolare da usare solo con tutte le parole di genere maschile e di numero singolare inizianti per vocale e per x, s, z, s seguiti da consonante e i gruppi consonantici gn, pn, ps.dove lo leggi quello che hai detto tu ignorante?perchè non vai a fare il saccente da un altra parte? lol (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Usano "lo" whois?
      http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=6600&ctg_id=93e passa la paura
  • Anonimo scrive:
    Che news stratosferica...
    Gia nel lontano '98 (e probabilmente anche prima) se cercavi microsoft.com nel whois database ti uscivano risultati di quel tipo..Questi di Silicon.com arrivano con quasi 1 decennio di ritardo, squallido trucchetto per farsi pubblicità...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che news stratosferica...
      - Scritto da:
      Gia nel lontano '98 (e probabilmente anche prima)
      se cercavi microsoft.com nel whois database ti
      uscivano risultati di quel
      tipo..

      Questi di Silicon.com arrivano con quasi 1
      decennio di ritardo, squallido trucchetto per
      farsi
      pubblicità...
      Forse sono davvero indietro di 1 decennio...Magari e' per questo che i loro S.O. escono sempre con ritardi di anni e anni, e la politica commerciale e' rimasta quella di 15 anni fa.
  • Anonimo scrive:
    anche agli altri
    Noto che anche ad altri domini (es. www.google.com, www.apple.com) è capitata la stessa cosa.Emanuele
  • Anonimo scrive:
    E' solo un bug di whois.net...
    Probabilmente è un bug della ricerca di whois.net che restituisce tutti i domini con microsoft.com senza controllare che tale nome sia alla fine.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo un bug di whois.net...
      - Scritto da:
      Probabilmente è un bug della ricerca di whois.net
      che restituisce tutti i domini con microsoft.com
      senza controllare che tale nome sia alla
      fine.Dove sta scritto che deve 'essere alla fine'?
    • tillo scrive:
      Re: E' solo un bug di whois.net...
      - Scritto da:
      Probabilmente è un bug della ricerca di whois.net
      che restituisce tutti i domini con microsoft.com
      senza controllare che tale nome sia alla
      fine.La fine dovrebbe essere definita da un '.' (top level dot). Ciò è previsto da tutti gli RFC inerenti il servizio DNS, ma purtroppo non è mai stato inserito nel protocollo utilizzato nel servizio WHOIS.Notate la differenza:$ dig +short microsoft.com.207.46.130.108207.46.250.119$ dig +short microsoft.com207.46.250.119207.46.130.108$ jwhois microsoft.com. |grep 'MICROSOFT.COM' No match for MICROSOFT.COM.$ jwhois microsoft.com |grep 'MICROSOFT.COM' Domain name: MICROSOFT.COMQuesta situazione è insoluta da anni... ma i domini in questione NON sono fasulli.Pregherei quindi la redazione di evitare certe figure e di permettere solo a gente realmente informata di scrivere articoli.Non è la prima volta che vedo baggianate così deludenti.
  • Anonimo scrive:
    Come hanno fatto?
    :) :) :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come hanno fatto?
      - Scritto da:
      :) :) :)http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1762653&id=1762224&r=PI :)
    • Solvalou scrive:
      Re: Come hanno fatto?
      Basta avere un dominio qualsiasi, ad esempio abc.compuoi configurarci qualsiasi cosa che finisca per abc.com, quindi anche microsoft.com.abc.comPiu' che azione volta a inquinare i risultati del whois, a me pare piuttosto che qualcuno si diverta ad avere domini del genere per le proprie macchine: ovviamente finiscono nel database di whois come gli altri domini.
Chiudi i commenti