Il social web va alle superiori

Si chiama Scuolachefarete, piattaforma lanciata dall'Osservatorio permanente giovani editori e Telecom Italia. Obiettivi: far conoscere e parlare tra di loro gli insegnanti, anche di cultura digitale

Roma – Un portale che riunisce i professori di scuola superiore della penisola . Si chiama Scuolachefarete , lanciato dall’Osservatorio permanente giovani editori e Telecom Italia. Il progetto ha lo scopo di offrire agli insegnanti che vogliano avvalersene l’opportunità di usufruire di un nuovo strumento informativo e didattico per condividere notizie ed esperienze .

Il sito è suddiviso in tre diversi livelli: informativo, formativo e partecipativo . Il primo contiene le notizie di attualità, ricerche e indagini sull’universo scolastico; presenta reportage, curiosità, fatti di cronaca e racconti di esperienze dal mondo. Il secondo riporta le rubriche destinate alla valorizzazione dei percorsi formativi, curate e coordinate da professori e formatori disponibili a condividere la propria esperienza per redarre materiali didattici a disposizione degli insegnanti, rubriche di approfondimento sulle priorità dell’universo-scuola e sull’istituto scolastico del futuro. La terza parte è riservata ai sondaggi, alla community, ai forum.

Il sito è interamente visitabile da chiunque, ma solamente gli iscritti potranno commentare le diverse sezioni e partecipare attivamente alla vita del portale.

Secondo Gabriele Galateri di Genola, presidente di Telecom Italia, il motore dell’iniziativa è rappresentato dalla necessità di diffondere la cultura digitale anche attraverso la scuola, motivo per il quale è necessario riunire gli insegnanti che sono chiamati a formare ed educare le nuove generazioni che vivono già nell’era digitale. Dello stesso avviso è Andrea Ceccherini, presidente dell’Osservatorio, per il quale l’idea di raccogliere le esperienze dei docenti italiani può essere uno strumento utile a costruire in maniera virtuosa la scuola di domani.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • P2P scrive:
    Ormai sono disperati...
    Ormai sono talmente disperati che invocano la CENSURA per qualsiasi cosa abbia a che fare con il file sharing.Il copyright è MORTO e con lui anche tutti coloro che ci hanno lucrano sopra creando scarsità artificiale.P-)
    • Franky scrive:
      Re: Ormai sono disperati...
      - Scritto da: P2P
      Ormai sono talmente disperati che invocano la
      CENSURA per qualsiasi cosa abbia a che fare con
      il file
      sharing.

      Il copyright è MORTO e con lui anche tutti coloro
      che ci hanno lucrano sopra creando scarsità
      artificiale.

      P-)Sono ridicoli e prepotenti...ridicoli perche' se pensano con una letterinadi vietare la liberta' di espressione e di stampa sono completamente fuori strada...non ci sono riusciti altri con motivi ben piu' seri...figuriamoci se ci riescono loro... sono prepotenti perche' pretendono di dirigere il mercato le leggi le opinioni nella direzione in cui vogliono loro...se mi avessero scritto a me una cosa del genere...ecco cosa gli avrei risposto...:"Egregi signori io sono un cittadino libero in uno stato liberoed ho il diritto di parlare di quello che mi piace e pare...come stabilito dalla nostra costituzione...riguardo alle leggi sul diritto d'autore...sono profondamente convinto che debbano essere riviste e che siano profondamente ingiuste ed inadatte all'epoca in cui viviamo...e non ho paura di esprimere la mia libera opinione...Parlare di quello che esiste non e' reato.Le vostre minacce non mi fanno paura Cordiali Saluti"
Chiudi i commenti