Il vero nemico del Software Libero

Lettera aperta di un imprenditore alle prese con l'enorme diffidenza che circonda Linux in molti ambienti, dove parlare del Pinguino dà addirittura fastidio. Ecco perché la via del free software può essere in salita


Roma – Sono, o forse ero, un aspirante imprenditore. Qualche tempo fa ho pensato di creare una professione utilizzando l’esperienza maturata su Linux e in generale sul software open source. Mi sono detto “Linux è perfetto per i server, è maturo per i desktop, è gratuito, ed i software di produttività ci sono tutti. Basterà spiegare ai possibili clienti i vantaggi del software libero per essere sommerso dal lavoro”… Niente di più sbagliato, i possibili clienti sono i peggiori nemici del software libero , solo che non lo sanno e, ad essere onesti, non è colpa loro, almeno non completamente.

Cerco di spiegarmi meglio, ma per farlo devo cambiare discorso: sono le nove di sera, avete appena cominciato a cenare, quando squilla il telefono. “Ed adesso chi è?”, pensate voi… “Salve sono Cinzia della xxx. Lo sa che con xxx può risparmiare fino a 1000 euro a settimana senza far fatica, senza costi, e senza accorgersene?” – “No grazie, non mi interessa…” – “Ma come non vuole risparmiare 1000 euro a settimana?” – “No grazie!”, e mettete giù pensando alla cena che si raffredda. Il giorno dopo comprate il giornale, tra una pagina di esteri e una di economia ci sono gli annunci di ricerca del personale, uno recita: “Azienda multinazionale di prestigio, con sedi in tutto il mondo, ricerca per assunzione immediata personale full e part-time, minimo garantito di 2500 euro, anche primo impiego, nessuna esperienza richiesta”, girate pagina per vedere quanto la borsa è andata giù.

La persona di queste due situazioni è davvero un povero sciocco: prima gli offrono di risparmiare 1000 euro a settimana, poi un lavoro di tutto riposo con alti guadagni, e lui se le lascia sfuggire senza fare nulla? Come dicevo, è davvero un povero sciocco… O no? Forse ha alzato il suo grado di diffidenza per sfuggire ai sistematici tentativi di raggiro cui siamo sottoposti. Oggi ogni azienda ci offre incredibili offerte, risparmi sensazionali, regali esclusivi, e noi ci siamo assuefatti. Quando qualcosa ci sembra troppo conveniente noi diffidiamo, sicuri, spesso a ragione, che ci sia la fregatura dietro l’angolo.

Ma torniamo al software libero e al mio tentativo. Fiducioso preparo una bella brochure, e grazie ad un conoscente organizzo una presentazione in una piccola ditta. Comincio a presentare i vantaggi del software libero, ma la platea non reagisce come spero, illustro le applicazioni di Linux come server, come desktop, proietto le mie slide piene di colori e di grafica, ma sento solo un brusio dimesso e nessuno mi pone una domanda. A fine presentazione ringrazio e vado via, abbastanza convinto che la platea abbia compreso le mie parole, ma non le abbia credute.

Dopo qualche giorno incontro di nuovo il conoscente, a cui chiedo le impressioni che la mia presentazione ha suscitato. “Ma vedi, loro sono abituati ad usare Windows…”, mi risponde “…e poi Linux è gratuito, ma funziona veramente? Magari all’inizio risparmi anche, ma poi chissà quanto ti costa. E poi è difficile da usare, già quando si pianta Windows hanno problemi, figurati se si pianta Linux…”. Sconsolato rinuncio a replicare, ma decido di provare qualche altra strada.

Grazie ad un altro conoscente riesco ad avere qualche numero di telefono di ditte da contattare. Li chiamo cercando di fissare un appuntamento per una presentazione. Ecco una sintesi delle risposte che ho ottenuto: “No, grazie. Abbiamo già i computer…” – “Ma io non vendo computer…” – “Meglio perché li abbiamo già”. “No grazie, usiamo Windows…” – “Ma l’incontro è solo informativo…” – “Sì, ma noi siamo già informati e non ci interessa”. “Software libero? Guardi che noi siamo in regola!” – “…”. “Linux? E cos’è?” – “È un sistema operativo, come Windows, però è gratuito” – “No guardi, noi con il computer ci lavoriamo, mica ci possiamo mettere a giocare!”.
Scoraggiato, prendo una pausa di riflessione.

I possibili clienti mi evitano come se vendessi fumo. Eppure l’idea di vendere risparmio e non spese, è a mio parere una buona idea, che applicata al software libero non è affatto fumo ma solido arrosto. E allora perché le aziende si rifiutano anche solo di sentire quello che ho da dire? Che sia anche colpa della signorina Cinzia che telefona a casa delle persone alle nove di sera? Credo di sì, ma non solo. La disinformazione è probabilmente la causa principale delle mie difficoltà. Ma perché anche i miei tentativi di informare non trovano spazio?

Quando non conosciamo qualcosa, cerchiamo nei mezzi di informazione le risposte alle nostre domande. Nulla di strano, sono lì apposta. Ma oggi i primi a diffondere la disinformazione sul software libero sono proprio i mezzi di informazione di massa. Ad esempio è di pochi giorni fa, un articolo su Il Giornale, che parla di Linux. La quantità di errori grossolani che contiene è terrificante, e l’idea che trasmette sul software libero è fuorviante e sbagliata. Purtroppo non è un caso isolato, si sentono e si leggono spesso pareri di persone che conoscono poco e male l’argomento.

Se l’imprenditore ha sentito al TG1 o ha letto su Il Giornale che Linux è per smanettoni hacker, perché dovrebbe credere a me quando dico che è invece un ottima soluzione per una azienda? E poi tutti quelli che ti offrono un prodotto gratuito ti nascondono una qualche fregatura…

Concludo qui, non ho possibili soluzioni da proporre, se le avessi avrei risolto tutti i miei problemi. Per ora sono ancora in pausa di riflessione, ma accetto suggerimenti e commenti.

Cordiali Saluti
Roberto Pontone

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    si, invadiamoci di radiazioni
    che stronzocazzate sono?mamma mia!!!!io ho i miei cavi dove devono stare, il disordine lo faccio io con le cartacce, non sono quattro fili certamentee per il resto, viva i cavi! viva lo standard!funzionano, non si interrompe, non servono batterieEVVIVA IL MOUSE NORMALEma chi ha detto che si vergognano?ma che cazzate!!!!a me nessuno lo ha chiesto, a nessun mio collega qualcuno lo ha chiestoa nessuno che io conosca qualcuno ha chiesto niente di similestatisticamente, per quanto mi riguarda, questa statistica "non esiste".
  • Anonimo scrive:
    L'azienda tira a vendere !
    ma dimmi tu quali filastrocche inventarsi per far cambiare i mouse.Tra poco ci diranno che se usiamo un monitor lcd ci sara + spazio sulla scrivania e potendoci mettere + cose si lavorera' + velocemente... poi ci diranno che avere una stampante con almeno 1200dpi fa meglio alla vista e fa lavorare meglio per cui cambiare stampante ...poi ci diranno che un processore di bassa frequenza puo' sincronizzarsi con le frequenze dei neuroni limitando le prestazioni... + alta la frequenza ..piu' si lavora meglio.Ma per cambiare moglie che scusa ci si puo' inventare ?? :)
  • Anonimo scrive:
    Tempo perso?????
    E se finiamo le pile ???altro che 23 ore perse......
  • Anonimo scrive:
    Tamerlano: Siamo davvero alla frutta...
    Certo che in Logitech devono essere veramente disperati per arrivare a dichiarare simili scempiaggini.Capisco perfettamente che non abbiano ormai nessun profitto nel vendere mouse tradizionali a pallina che ormai costano pochi euro... Ma arrivare addirittura ad affermare di aver compiuto uno studio decantando i vantaggi memorabili di una tastiera e di un mouse wireless mi pare davvero triste. Si sono davvero sputtanati questa volta.Lor signori hanno mai considerato i soldi risparmiati tutte le volte che un mouse stava per cadere ma grazie alla coda l'abbiamo miracolosamente salvato? Cadi oggi, cadi domani.....ti saluto mouse cordless....Hanno mai considerato che se mi cade un caffè 'letale' sulla tastiera con gli stessi soldi di una tastiera wireless me ne ricompro altre 10 ??? Hanno considerato il tempo perso nel cercare il mouse wireless nascostosi chissà dove (un amico lo ritrovò dopo ore a farsi un parmigiano in cucina....) ???Hanno considerato quanto è appetibile un mouse e una tastiera cordless per un lesto malintenzionato occasionale (un tipo entra in un ufficio semi vuoto per un colloquio , se ne esce con le tasche piene di mouse cordless per ripicca.....) ?L'unica innovazione che trovo davvero utile nel mouse è l'eliminazione della pallina nei mouse ottici. Ci faccio un pensiero quando costano meno 10euro per ora pulisco la pallina, faccio questo tremendo sforzo settimanale......Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      Re: Tamerlano: Siamo davvero alla frutta...


      L'unica innovazione che trovo davvero utile
      nel mouse è l'eliminazione della pallina nei
      mouse ottici. Ci faccio un pensiero quando
      costano meno 10euro per ora pulisco la
      pallina, faccio questo tremendo sforzo
      settimanale......

      Tamerlano
      che percaso sei genovese?cmq quoto quasi tutto quello che hai detto, eccetto il micragnamento, chi lavora con il PC le comodità fanno comodo molto più di 10euro
  • Anonimo scrive:
    E il peso?
    Tutti i mouse wireless che ho provato pesavano molto di piu' rispetto a quelli normali. Non si nota molto con quelli a pallina, ma non sono disposto a perdere la deliziosa leggerezza del mio logitech ottico.
  • Anonimo scrive:
    si ecco condividiamo i nostri documenti.
    L'avete letta quella del norvegese che scriveva dal suo desktop cordless (mouse+tastiera) e invece di trasmettere i dati del suo documentino al suo schermo, lo faseva a due schermi, cioè anche a quello del suo vicino di casa? eh, potenza delle onde radio. io ci penserei bene prima di condividere tutto in maniera cosi radicale :DDsaluti
    • TeX scrive:
      Re: si ecco condividiamo i nostri docume
      - Scritto da: Anonimo
      L'avete letta quella del norvegese che
      scriveva dal suo desktop cordless
      (mouse+tastiera) e invece di trasmettere i
      dati del suo documentino al suo schermo, lo
      faseva a due schermi, cioè anche a quello
      del suo vicino di casa? eh, potenza delle
      onde radio. io ci penserei bene prima di
      condividere tutto in maniera cosi radicale
      :DDVedi che Palladium serve ?Palladium ti permette di ottenere da una tastiera da 100 Euro la stessa sicurezza di una da 10 Euro....
  • Anonimo scrive:
    A quando un mouse "riposante" ?
    Io sogno da sempre un mouse (con o senza fili, non importa) che non mi costringa a tenere indice e medio in perenne sospensione sui due pulsanti del mouse. In pratica, vorrei tenere le dita appoggiate, senza per questo fare clic.Che dite, vado per il brevetto del mouse antistress 8-) ?
    • Anonimo scrive:
      Re: A quando un mouse "riposante" ?
      - Scritto da: Anonimo
      In pratica, vorrei tenere le dita
      appoggiate, senza per questo fare clic.Io le tengo appoggiate, e non fa clic. Logitech con rotella, pallina e filo, rimarchiato HP. Forse ho le dita in lega leggera.
  • Anonimo scrive:
    Mossa di marketing anche banale
    Come convicere il "capo" a spendere solti perche' l'impiegato sia dotato di un nuovo e costosissimo "radiomouse" e magari ottico?Cercando di convincerlo che non si tratta di un lusso per il confort dell'impiegato ma di un risparmio per lui.Il costo di un mouse wireless e ottico e' stratosferico rispetto a quello con la "codina", in piu' le batterie costano e, almeno nel mio, si prosciugano il fretta.A volte il puntatore traballa e mi tocca avvicinare tantissimo la ricevente con conseguente perdita di tempo.PS:Spero che la logitech non faccia sequestrare PI per questa recensione non allieneata. :-)Comunque il mio mouse wireless non e' della logitech.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mossa di marketing anche banale
      - Scritto da: Anonimo
      Come convicere il "capo" a spendere soldi perche'
      l'impiegato sia dotato di un nuovo e
      costosissimo "radiomouse" e magari ottico?Lo spiega l'articolo: attento imprenditore che se il tuo operaio ha i fili sulla scrivania si deprime e cambia azienda :-)))
      PS:
      Spero che la logitech non faccia sequestrare
      PI per questa recensione non allieneata. :-)
      Comunque il mio mouse wireless non e' della
      logitech.Io invece vorrei avvertire tutti gli imprenditori: forse e' vero che chi usa mouse / tastiera si perde usa somma di [tot] ore in tutta italia.Ma per leggere 'sti studi del MeMbRo se ne perdono almeno il doppio !!!!
    • Maxesse scrive:
      Re: Mossa di marketing anche banale
      - Scritto da: Anonimo
      Come convicere il "capo" a spendere solti
      perche' l'impiegato sia dotato di un nuovo e
      costosissimo "radiomouse" e magari ottico?Ti fai dotare di carta di credito aziendale per le piccole spese come ho fatto io e te lo compri da solo su internet (il wireless optical logitech mouse, il più costoso della serie hihihi)

      Cercando di convincerlo che non si tratta di
      un lusso per il confort dell'impiegato ma di
      un risparmio per lui.

      Il costo di un mouse wireless e ottico e'
      stratosferico rispetto a quello con la
      "codina", in piu' le batterie costano e,
      almeno nel mio, si prosciugano il fretta.
      Mah.. noi in ufficio ne abbiamo due e sono durate circa due mesi le batterie, anzi ti dirò di più! La cosa buffa è che a me si sono scaricate alla mattina di un determinato giorno, al mio collega al pomeriggio ahauhahu...
      A volte il puntatore traballa e mi tocca
      avvicinare tantissimo la ricevente con
      conseguente perdita di tempo.

      PS:
      Spero che la logitech non faccia sequestrare
      PI per questa recensione non allieneata. :-)
      Comunque il mio mouse wireless non e' della
      logitech.
  • Ultimostalker scrive:
    Meglio gli ottici
    A me i mouse con la rotella son durati sempre pochi mesi. Da quanto ho fatto l'investimento di un mouse ottico della Logitech non ho più problemi. L'ho messo come PS2.Quello del cavo mi pare un falso problema.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio gli ottici
      - Scritto da: Ultimostalker
      A me i mouse con la rotella son durati
      sempre pochi mesi. Da quanto ho fatto
      l'investimento di un mouse ottico della
      Logitech non ho più problemi. L'ho messo
      come PS2.
      Quello del cavo mi pare un falso problema.I mouse con la "rotella"?! Cosa c'entra la rotella, quella che sta nella parte superiore del mouse? Probabilmente intendevi i mouse con la pallina, quella che rotola sotto il mouse stesso. I mouse di questo genere durano poco e quelli costruiti recentemente resistono ancora meno. Ho un vecchio mouse IBM meccanico che funziona ancora abbastanza bene, mentre tutti i mouse meccanici nuovi, anche di marca, di solito durano veramente poco. Percio' anch'io sono passato al mouse ottico Logitech (con filo) e adesso mi trovo bene. Occhio a scegliere un tappettino variopinto, quelli di colore troppo uniforme non vanno molto bene con i mouse ottici...Salutoni da Greenu
      • Ultimostalker scrive:
        Re: Meglio gli ottici
        - Scritto da: Anonimo

        I mouse con la "rotella"?! Cosa c'entra la
        rotella, quella che sta nella parte
        superiore del mouse? Probabilmente intendevi
        i mouse con la pallina, quella che rotola
        sotto il mouse stesso.Che pignolo che sei. :-) Sì intendevo quelli con la pallina. . Occhio a scegliere
        un tappettino variopinto, quelli di colore
        troppo uniforme non vanno molto bene con i
        mouse ottici...

        Salutoni da GreenuIo non uso proprio più il tappetino: sono troppo lucidi per il mouse ottico e poi si riempiono di polvere.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Daccordo... ma le batterie?
    Sono daccordo.. ma i cosidetti apparecchi cordless attualmente in commercio costano un patrimonio mantenerli,io ho dovuto staccare il mio mouse cordless della logitech, ogni mese dovevo cambiargli le DURACELL perchè il mouse se le mangiava. Ora vado avanti ancora con il vecchio mouse con i fili che probabilmente mi farà perdere qualche ora ma che in compenso mi fa risparmiare parechi soldi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Daccordo... ma le batterie?
      - Scritto da: Anonimo
      Sono daccordo.. ma i cosidetti apparecchi
      cordless attualmente in commercio costano un
      patrimonio mantenerli,
      io ho dovuto staccare il mio mouse cordless
      della logitech, ogni mese dovevo cambiargli
      le DURACELL perchè il mouse se le mangiava.
      Ora vado avanti ancora con il vecchio mouse
      con i fili che probabilmente mi farà perdere
      qualche ora ma che in compenso mi fa
      risparmiare parechi soldi.Beh, io con il mouse vado avanti a pile ricaricabili, ne ho 4, 2 nel mouse e 2 in carica.C'è solo la spesa iniziale (4 pile stilo + caricabatterie) e poi praticamente non costano nulla, basta ricordarsi di mettere sotto carica le batterie.Per un mouse ottico wireless le pile ricaricabili durano una ventina di giorni, e se si hanno due coppie di pile si possono cambiare all'istante quando sono finite e metterle in carica...
    • Anonimo scrive:
      Re: Daccordo... ma le batterie?
      I problemi delle batterie l'ho notato con i mouse ottici.Per i mouse tradizionali "con la pallina" il problema è molto ridotto: in un anno e mezzo che ci lavoro le ho cambiate una sola volta (poi dipende anche dall'utilizzo... io uso molto la tastiera nel mio lavoro).
  • Anonimo scrive:
    uno studio analogo
    una nota azienda produttrice di pappagalli ha dimostrato che andare a fare la pipi' durante il lavoro fa perdere 33 ore all'anno per ogni dipendente. Mediante l'uso dei loro pappagalli, il dipendente ha tutta la liberta' di espletare le sue funzioni fisiologiche in liberta', senza pesare cosi' tanto sull'andamento aziendale.
    • Anonimo scrive:
      Tamerlano: uno studio analogo
      - Scritto da: munehiro
      una nota azienda produttrice di pappagalli
      ha dimostrato che andare a fare la pipi'
      durante il lavoro fa perdere 33 ore all'anno
      per ogni dipendente. Mediante l'uso dei loro
      pappagalli, il dipendente ha tutta la
      liberta' di espletare le sue funzioni
      fisiologiche in liberta', senza pesare cosi'
      tanto sull'andamento aziendale.Pappagallo da scrivania, questa è carina, per le donne viene fornito con tanto di cono di carta usa e getta....Tamerlano
  • Anonimo scrive:
    cavolate
    si si, con tutti sti' cavi e' proprio uno schifo.... non si riesce a lavorare... e' proprio questo il vero problema delle aziende...Marketing da 4 soldi.Da me i componenti senza fili, come il monitor lcd, sono solo oggetti usati per dimostrare l' "elevazione nella scala aziendale" ... il capo e tutti i suoi tirapiedi se la tirano molto con ste' pugnette.
    • Anonimo scrive:
      Re: cavolate
      Lcd senza fili?Trovo sia vero, e' alquanto inutile, oserei dire ilare, mi son fatto un paio di risate leggendo :)Int
  • Anonimo scrive:
    Non sono daccordo
    Io lavoro con più di dieci computers, di cui solo uno con tastiera e mouse senza fili della logitech, ed è l'unico che ha dato problemi. 1. Le batterie finiscono quando meno te lo aspetti.2. Le devi sostituire, perdendo tempo e spendendo soldi.3. La banda radio certe volte è disturbata.4. Mettiamo anche in conto che vanno preconfigurati premendo degli strani bottoncini, mentre quelli col cavo basta attaccare la spina.
  • Terra2 scrive:
    Re: Non abbiamo abbastanza onde?

    Pensate che questo faccia bene?...avanza la terribile piaga del cancro alle unghie! :)
  • Anonimo scrive:
    Mettersi le dita nel naso...
    ... fa perdere 300 milioni di ore di lavoro alle aziende... :-)Alcune volte i markettari (ndr: gli esperti di marketing) non hanno veramente il senso della misura e del ridicolo!SalutiGiorgio
  • Anonimo scrive:
    ebbrava Logitech
    noi qui a lamentarci della pessima statisticama intanto, tutte le persone che pensano "senza filo e' piu' bello" si vanno a comprare il mouse senza filopoi piangonoe la logitech incassasi fa pubblicita' e aumenta le sue venditesi avvicina natale, regalo un mouse? senza filo e' meglio!costa di piu'? ci sara' un motivo, e' migliore!!!hehehe :)
  • Anonimo scrive:
    150 MILIONI DI ORE DI LAVORO PERSE !!!
    Ecco perche' l'economia va cosi' male e il PIL e' malmesso.
  • Anonimo scrive:
    Batterie
    E lo stress da batterie scariche? Scommetto che il 99% di chi ha un mouse o una tastiera senza fili ha batterie non ricaricabili che ogni 2-3 mesi è costretto a cambiare (e quindi oltre il costo iniziale ben superiore, è costretto a mettere in cono anche 5 euro per ogni set di batterie!!!).Alla facciazza loro...Sax®
    • Anonimo scrive:
      Re: Batterie
      - Scritto da: Anonimo
      E lo stress da batterie scariche? Shhh... Che scrivi???? Sei matto???Questa è la campagna pubblicitaria per il prossimo Natale! 8P
  • Anonimo scrive:
    La Logitech sta trolleggiando
    A parte che sarebbe bello conoscere i dati statistici di questa "ricerca" come previsto dalla nuova legge (numero di intervistati, estensione sul territorio, eccetera), questa e' una dichiarazione da troll.Si sono dimenticati di dirci che il mouse con le pile e' notevolmente piu' pesante del mouse con il filo e che, quindi, potrebbe stancare di piu' il braccio di un utente "incallito" del mouse.Inoltre ho visto gia' fin troppe persone che sono rimaste senza mouse/tastiera perche' non avevano le pile di ricambio sotto mano.Luigi
    • Terra2 scrive:
      Re: La Logitech sta trolleggiando

      Inoltre ho visto gia' fin troppe persone che
      sono rimaste senza mouse/tastiera perche'
      non avevano le pile di ricambio sotto mano.Vogliamo parlare di quelli che litigano per avere una loro frequenza per spostare il puntatore in pace (e non in sincrono con altri 2/3 colleghi) o di quelli che scannano a casaccio le frequenze della tastiera radio per poter leggere sul loro word processor quello digitano gli altri? :)))
  • Larry scrive:
    ne gli Unni ne gli altri
    ho un iMac LCD con tavoletta grafica Wacom, il mouse ottico Apple non aveva neppure un nanosecondo di ritardo, anzi era perfetto, comunque l'ho sostituito con quello della tavoletta, ora ho un mouse senza filo e senza batterie...dire che sono contento e' dire poco...ah, per chi parlava delle ventole...l'iMac e' Zero decibel!baci e abbracci
    • Anonimo scrive:
      Re: ne gli Unni ne gli altri
      - Scritto da: Larry
      ah, per chi parlava delle ventole...l'iMac
      e' Zero decibel!Vero, ne ho uno anch'io. Però il rumore è direttamente proporzionale alle prestazioni...:DTM.
  • Anonimo scrive:
    Ed il rumore delle ventole?
    Allora fatemi capire, mi stressano di più 2 file (tastiera+mouse) sulla scrivania, che 4-5 ventole in questi maledetti pc ultra veloci???Oramai nei nostri pc tutto scalda, quindi ventoline sui chip della main board, sull'alimentatore, sulle schede video, sui processori..... e qualche fanatico ha ventole pure per gli hard disk!!!!Quante ore fanno perdere quelle ventoline? nessuna? secondo me i PC di oggi, sono dei pessimi oggetti di lavoro, sono troppo rumorosi........va bè, fatemi andare che sto perdendo 5 minuti per parlare di ventoline (visto che ci fanno perdere tempo) :-)Pino (pinodimeo@hotmail.com)
    • Fedr0 scrive:
      Re: Ed il rumore delle ventole?

      Allora fatemi capire, mi stressano di più 2
      file (tastiera+mouse) sulla scrivania, che
      4-5 ventole in questi maledetti pc ultra
      veloci???4-5? Nel mio che ho qui accanto ci sono la bellezza di 13 ventole, ho dovuto attaccare un secondo alimentatore per fare funzionare tutto... :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Ed il rumore delle ventole?
      se non ti interessa fare overclock puoi sfruttare dissipatori potenti (io ne ho uno in rame con i tubicini che portano il calore verso l'alto) e delle ventole silenziose (a pochi rpm). funziona anche con computer potenti.Se proprio non ce la fai puoi schermare il case con del materiale fonoassorbente.. (lo vendevano in un sito di overclock)... oppure passare al liquido (che incomincia ad avere prezzi accettabili)
      • enzogupi scrive:
        Re: Ed il rumore delle ventole?
        Io ho appena ordinato un kit per silenziare il mio pc dahttp://www.overclockmania.nete ho leggermente underclockato il mio athlon (da 1200 a 1000)in modo che scaldi meno e supporti un dissipatore grande ma senza la ventola.Oltre a ciò ho acquistato un alimentatore silenzioso e due ventole quiet con i cuscinetti a sfera.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ed il rumore delle ventole?
          ragazzi, ho già provato con tutti questi aggiornamenti......nonostante tutto il pc, resta l'oggetto più rumoroso nella mia casa!!!! considerate che lo uso prevalentemente nelle ore notturne!!!!!secondo me la soluzione sarebbe di adottare le tecnologie costruttive attuali con CPU di qualche MHz in meno!potrebbero benissimo fare CPU da 1.5GHz a 0,13 e sono sicuro che basterebbe solo un dissipatore!va bè, lasciamo stare, la teconologia va avanti e tutti dobbiamo ricorrerla!!!Ecco ho perso altri 4 minuti a parlare di ventole!!!buon inizio settimana a tutti! Pino
  • Anonimo scrive:
    che FALSI!
    e non contano le ore che si perdono a comprare le batterie nuove ? e i problemi che danno quelli senza fili che anche loro non funzianoe i driver ?ma per piacereeeeeeeeee
  • Anonimo scrive:
    L'uovo di colombo..
    Se il problema è l'ordine allora la soluzione è semplice: basta essere ordinati! Io ho 4 schede di rete (tra modem digitali e LAN) + mouse, tastiera ecc...in uno spazio molto ridotto ma ho saputo organizzare in modo efficiente la distribuzione dei fili.E poi le periferiche wireless hanno diversi problemi: sono pesanti, costose, consumano batteri, sono potenzialmente soggette ad interferenze e poi....si perdono :))) (specie i mouse).Una piccola nota (spero non troppo OT): ho preso un mouse logitech optical con filo; sono rimasto molto deluso. Infatti va subito in standby e quando si riattiva (appena lo si muove) soffre di un leggerissimo ritardo (prima che si riattivi il laser).E' una cosa impercettibile ma, per il fotoritocco, puo essere fastidiosa. Credo valga per tutti gli optical.JURY
    • Anonimo scrive:
      Re: L'uovo di colombo..
      Yuri, ho preso lo stesso mouse e lo adopero per giocare ad Action Quake2 (necessito quindi di molta precisione per i colpi mirati) e no ho avuto il problema che lamenti.Prova a cambiare i settaggi, quel mouse nel driver ha attivata di default una opzione "accelerazione" che in effetti mi dava un fastidio simile a quello che hai descritto.Se non è quello, prova ad usarlo in modalità PS/2 e non USB, che si sa che a volte può dare problemi e ritardi nella risposta.Tharon
  • DPY scrive:
    Mah...
    Io ho un mouse Logitech, senza rotella, di quelli più o meno triangolari che venivano venduti molti anni fa, ovviamente a filo. Non lo cambierei con altri, per quanto sia politicamente scorretto visto che non va bene per i mancini ( :-) ). Inoltre, per quanto la meccanica si sporchi esattamente come nei mouse moderni, è praticamente insensibile allo sporco e richiede pulizie con molto minore frequenza dei mouse moderni .I mouse cordless sono spesso più pesanti, e a volte più alti, delle loro controparti a filo, e per questo li trovo più scomodi.Sarebbe invece ora che almeno i mouse e le tastiere più serie venissero dotati di un cavo un po' più lungo, in modo da non avere problemi anche quando il computer è posto sotto la scrivania e non ci sono percordi brevi per portare su mouse e tastiera, IMHO quello risolverebbe gran parte dei casi per i quali si preferisce un sistema cordless.Inutile dire che, stranamente, anche questo studio sembra di parte .
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah... (cavo tastiera corto?!)
      Ciao, volevo solo dire a chi ha la tastiera con poco filo, che io avevo lo stesso problema, brillantemente risolto con la prolunga filo per tastiera, che dovresti trovare e non costa molto, in tutti i negozi di informatica.Spero di esserti stato utileCiaoF.
  • Anonimo scrive:
    Credo che gli italiani...
    Appunto, credo che gli italiani facciano ben altro in ufficio invece di remenare fili... :)Scarlatto
  • Anonimo scrive:
    a logitech rispondo io
    ho fatto l'errore di comprare un mouse logitech radio, spendendo la non modica cifra di 90 carte da mille. Dopo circa 6 mesi di utilizzo, la rotella centrale ha iniziato talvolta a non funzionare, altre volte a funzionare per i cazzi suoi. Ogni 2 mesi bisognava cambiarci le pile e la portata e' ridicola.Risultato, l'ho buttato via (si'... buttato via, non sarebbe stato piu' in garanzia dato che l'avevo aperto pensando fossero sporchi gli encoder ottici) e l'ho sostituito con quello che avevo prima di lui, un vecchio e scadente mouse olidata seriale che avra' almeno 10 anni ma che se non altro funziona.
    • Zane scrive:
      Re: a logitech rispondo io
      Quello è un problema di "Optical", non di wireless
      • Anonimo scrive:
        Re: a logitech rispondo io
        - Scritto da: Zane
        Quello è un problema di "Optical", non di
        wirelessera un topo wireless il mio, con palla.
        • LuPiN scrive:
          Re: a logitech rispondo io
          il mio mouse wireless con palla che ho sul secondo pc funziona discretamente anche se a dire il vero non riesco più ad usare mouse con "palla" da quando ci sono gli optical....l'unica pecca dei mouse logitech è che mangiano le batterie come assatanati.....bisogna sostituirle di continuo
          • Anonimo scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            Bravi polli...comprate il trust ricaricabile (o uno dei suoi cloni) e siete a posto
          • Anonimo scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            Vi prego non picchiatemi, io ho un optical microsoft explorer 5 tasti + rotella (con filo).Funziona da dio, anche sotto linux!!!! :Pniente problemi con la rotella, ma i cordless li odio..
          • Anonimo scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            io da quando ho preso un mouse microsoft la logitech me la sono scordata... nn c'è paragone!ora ho su un pc l'intellimouse explorer (filo, optical, 5tasti+wheel) che funziona perfettamente da 2 anni;sull'altro ho il nuovo modello, uguale ma wireless, e anche lì mi sono trovato benissimo... (a differenza della controparte logitech non necessita d batterie cariche ogni settimana!)la morale? microsoft farà anche dei prodotti software mediamente scarsi (dai sistemi operativi in poi), ma con l'hardware mediamente fa centro.(ho anche tastiera, volante, joystick, joypad e stategic commander byMicrosoft, e nessuno mi ha mai dato il minimo problema...)
          • jax scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            - Scritto da: Anonimo
            io da quando ho preso un mouse microsoft la
            logitech me la sono scordata... nn c'è
            paragone!Sono totalmente d'accordo, ed è sempre stato così.Anche il più infimo mouse microsoft è nettamente superiore ai logitech (soprattutto come drivers... i mouseware mi hanno sempre dato più problemi che altro)... e la rotellina è 100 volte più............. non trovo il termine... diciamo comoda!
          • Anonimo scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            Non servono mouseware, sono un di piu', e' gestito direttamente dal sistema operativo :)Int
          • Anonimo scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            - Scritto da: Anonimo
            Bravi polli...comprate il trust ricaricabile
            (o uno dei suoi cloni) e siete a postotrust?ho comprato un mouse ottico trust con filo, e non comprero' mai piu' roba trust.si blocca di continuo, se lo metto su una superficie nera e' abastanza preciso, ma dopo 5 secondi che sta fermo si "spegne" e anche muovendolo non da' segno di vita, e bisogna farlo passare su una superficie colorata per farlo rinvenire, e invece se lo si usa su una superficie colorata va dove vuole lui.
          • jax scrive:
            Re: a logitech rispondo io

            trust?
            ho comprato un mouse ottico trust con filo,
            e non comprero' mai piu' roba trust.Ammazza come c'hai ragione... ci hanno regalato un mouse trust senza filo...... dopo 2 mesi non dava più segni di vita (e non fate la battuta delle batterie scariche :))... risultato, è nell'armadio a fare la muffa.Non mi sono neanche scomodato a rimandarlo indietro in garanzia...Trust, a discapito del nome, non mi ha MAI dato fiducia, e questa cosa me l'ha confermato.
          • Anonimo scrive:
            Re: a logitech rispondo io
            Io ho un trust ottico con filo e un sacco di rotelle che funziona da dio...La mia esperienza in generale con la trust devo dire che e' stata positiva.Ciao, Krecker
    • Anonimo scrive:
      Re: a logitech rispondo io
      confermo anch'io, il mio mouse wireless mangia un sacco di batterie e la qualitàdei materiali è piuttosto fragile.Mirco
    • Anonimo scrive:
      Re: a logitech rispondo io
      Anche io utilizzo un mouse Logitech; un normale Mouse PS2 con rotella. Funziona decentemente da quasi un anno, anche se devo pulirlo una volta ogni due giorni. Prima di questo, i mouse mi duravano un mese. Tutti, tranne il primo Boeder che è entrato in casa mia, nel 1995. Quello sì che è indistruttibile.Saluti,Piwi
Chiudi i commenti