Il WiFi non fa male. Punto

Un esperto dell'agenzia britannica per la tutela della Salute non ne può più delle polemiche sulla connettività wireless e dice: allora spegniamo il GSM e chiudiamo le televisioni

Londra – Le polemiche sull’elettrosmog che sarebbe generato dalla connettività WiFi sempre più diffusa nel mondo hanno stufato gli esperti . Micheal Clark, dell’Agenzia britannica per la tutela della Salute pubblica, ha spiegato al Times : “Star seduto per un anno in una classe vicino ad un network wireless equivale a 20 minuti passati al telefono cellulare. Se il WiFi deve essere cancellato dalle scuole, allora la rete di telefonia mobile dovrebbe essere chiusa, così come la radio FM o la televisione, poiché la potenza dei loro segnali è simile a quella del WiFi in classe”.

Dichiarazioni che non arrivano a caso: un mese fa proprio il Times ha pubblicato una inchiesta dal titolo emblematico, WiFi, dovremmo preoccuparci? . Un articolo pensato anche per parlare di un disturbo segnalato da molti quando posti in prossimità di un campo elettromagnetico, un tipo di patologia riconosciuta come tale solo in Svezia.

Che il WiFi faccia paura si è capito da tempo, da quando ad esempio una università canadese ha deciso di metterlo al bando nelle strutture didattiche . Ma questa paura – come scrive WI-FI net news – è cosa diversa dalle giuste analisi che andrebbero fatte sulle persone che dichiarano di risentire dei campi elettromagnetici.

“Un modo semplice per capire se questa condizione sia vera o meno – conclude Engadget – sarebbe condurre un test serio. In verità, per voi esperti del governo e per chi contesta il Wi-Fi, sarebbe davvero così difficile realizzarlo?”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • roberto bonezzi scrive:
    gran bella idea
    Si sa che la fortuna è esattamente come il destino e cioè è cieca.Quanto sopra descritto è un metodo per evitarla e farla scendere forzatamente verso chi ci prova.Roberto BonezziCremonaItalia
  • Anonimo scrive:
    Veri numeri casuali...
    ...tanti anni fa non c'era un computer con generatore di veri numeri casuali basato sul rumore termico?
    • Wakko Warner scrive:
      Re: Veri numeri casuali...
      - Scritto da:
      ...tanti anni fa non c'era un computer con
      generatore di veri numeri casuali basato sul
      rumore
      termico?http://www.idquantique.com/products/quantis.htm[img]http://www.idquantique.com/products/images/quantis-PCI.gif[/img]Ma ce ne sono anche di "fatti in casa" con 4 componenti messi in croce... che hanno buone caratteristiche fra l'altro.
  • Anonimo scrive:
    Yuzoz?
    Se il generatore casuale gli sfornava Yubruttazoz era anche più perfido di quanto è già stato :D :D :D
  • cguglielmetti scrive:
    Gia fatto !
    Il grande John Walker, fondatore dell'Autodeks e co-autore di AutoCAD, ha realizzato un sw chiamato HotBits che genera numeri casuali partendo da un ricevitore di Cesio-137 collegato ad un PC con Fedora Core Linux.Eccovi il sito:http://www.fourmilab.ch/hotbits/E' gia anche citato su Wikipedia:http://en.wikipedia.org/wiki/Hardware_random_number_generatorhttp://en.wikipedia.org/wiki/John_Walker_%28programmer%29
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia fatto !
      - Scritto da: cguglielmetti
      Il grande John Walker, fondatore dell'Autodeks e
      co-autore di AutoCAD, ha realizzato un sw
      chiamato HotBits che genera numeri casuali
      partendo da un ricevitore di Cesio-137 collegato
      ad un PC con Fedora Core
      Linux.

      Eccovi il sito:
      http://www.fourmilab.ch/hotbits/

      E' gia anche citato su Wikipedia:
      http://en.wikipedia.org/wiki/Hardware_random_numbe

      http://en.wikipedia.org/wiki/John_Walker_%28progracerto che bastava leggere l'altro post.LEGGERE prima INVECE DI SCRIVERE subito!
  • Anonimo scrive:
    "200 numeri casuali al secondo"
    Boia dè, una scheggia!!
  • Anonimo scrive:
    Non bastava guardar le nuvole terrestri?
    Senza andare a rompere le palle a Venere??? :D
  • Anonimo scrive:
    Inutile II
    Per generare numeri perfettamente casuali basta riferirsi al rumore proprio di una giunzione a semiconduttore, farne poi una "rumorosissima" di proposito è una bazzecola.
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile II

      Per generare numeri perfettamente casuali basta
      riferirsi al rumore proprio di una giunzione a
      semiconduttore, farne poi una "rumorosissima" di
      proposito è una
      bazzecola.Quando ti proporrai per il Nobel avrai il mio voto. Mi chiedo come hai fatto ad arrivarci e come non ci siano riusciti milioni di scenziati in tutto il mondo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Inutile II
      - Scritto da:
      Per generare numeri perfettamente casuali basta
      riferirsi al rumore proprio di una giunzione a
      semiconduttore, farne poi una "rumorosissima" di
      proposito è una
      bazzecola.perfettamente casuali?no.pseudocasuali, forse.per quanto tu possa provare, il rumore di un semiconduttore subalimentato, non avrà mai caratteristiche da numero quantico.perchè, appunto, non è un fenomeno prettamente di questo tipo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Inutile II
        A chi ironizzava sul Nobel chiedo se invece di fare sterile ironia abbia una proposta alternativa e validissima come la mia, già utilizzata all'interno di alcuni modelli di cpu.Numeri quantici? Il "rumore" di un semiconduttore è la sorgente quantica economica per eccellenza. Il sistema "spaziale", non più valido di altri ma costosissimo se lo si vuole realizzare con un minimo di affidabilità, è facilmente influenzabile da fonti radio esterne che generano segnali simili artificialmente, sovrapponendosi a quelle "spaziali" quanto basta a dirottare i risultati verso una certa fascia di numeri. "Balle spaziali", direi...
        • Anonimo scrive:
          Re: Inutile II
          Mi trovo d'accordo sul sistema a semiconduttore. Un sistema simile basato sull'analisi del rumore di soli 5 semiconduttori consente l'estrazione di numeri casuali quanto basta da stabilire la probabilità di riestrarre una serie significativa (sulla quantità già emessa) di numeri già estratti a oltre un milione di anni estraendone 1000 al secondo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Inutile II
          - Scritto da:
          A chi ironizzava sul Nobel chiedo se invece di
          fare sterile ironia abbia una proposta
          alternativa e validissima come la mia, già
          utilizzata all'interno di alcuni modelli di
          cpu.lampadina, specchio, e accoppiata fototransistor/fotoresistenza.Volori quantici per Eccellenza!(provare per credere) ( questo sistema è utilizzato pure da questi signori:http://www.idquantique.com/products/quantis.htm)
          • Anonimo scrive:
            Re: Inutile II
            Idea valida, difficile però integrare lampada-specchio-parabola-ammennicoli in un microchip...
  • AnyFile scrive:
    Non e' certo una novita'
    Non e' certo una novita' utilizzare fenomeni fisici che sono casuali per generare numeri random.Gellman, nel suo libro Dal quark al giaguaro, spiega che in un posto dove ha lavorato per un po' di tempo, generavano numeri casuali da come scaricava un tubo a scarica.Se il fenomeno e' veramente casuale (in effetti, non si puo' mai dire a priori che lo sia veramente del tutto) allora non dovrebbe contare quale sia il fenomeno.Certo c'e' da dire che puntare sullo spazio ... fa molto ... marketing (anche se al giorno d'oggi lo spazio ha perso l'appealing che aveva 10 o 30 anni fa.)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' certo una novita'
      ... e comunque, il mercato a cui si vogliono proporre (quello del gaming online) di sicuro non ha bisogno di loro: è più facile e fondato credere agli oroscopi che alla casualità dei casinò sul web!
  • Anonimo scrive:
    Possibili falle
    Numeri casuali dallo spazio? Forse si può crackare chiedendo aiuto agli astrologi! Ora lanceranno un servizo per prevedere i prossimi numeri casuali (rotfl)Oppure gli astrologi useranno questa tecnologia per generare oroscopi più affidabili: basterà inserire in un database tutti i possibili oroscopi, e usare i numeri casuali spaziali per trovare la previsione esatta(rotfl) (rotfl)(rotfl)
  • PinguinoMannaro scrive:
    Solo 200 al secondo
    Troppo lento.In particolare se si usano per simulazioni montecarlo.
  • Anonimo scrive:
    Numeri random usando Krypton-85
    http://www.fourmilab.ch/hotbits/hardware.html
    • TADsince1995 scrive:
      [OT] Re: Numeri random usando Krypton-85
      - Scritto da:
      http://www.fourmilab.ch/hotbits/hardware.htmlGuardate in questa pagina:http://www.fourmilab.ch/hotbits/hardware3.htmlCome non notare che l'ultima foto in basso è un bel pc con gnome! (credo su fedora)TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Numeri random usando Krypton-85
      numeri random usando il martello sul tastierinonumerico.....
  • Anonimo scrive:
    Che cazzata...
    ...inutile.
    • Dark-Angel scrive:
      Re: Che cazzata...
      - Scritto da:
      ...inutile.come il tuo commento del restogenerare numeri casuali, quanto piu casualmente è possibile, è utilissimo in ambiti quale la crittografia (per le chiavi), per citarne una
      • sazemaster scrive:
        Re: Che cazzata...
        - Scritto da: Dark-Angel

        - Scritto da:

        ...inutile.

        come il tuo commento del resto

        generare numeri casuali, quanto piu casualmente è
        possibile, è utilissimo in ambiti quale la
        crittografia (per le chiavi), per citarne
        unaquoto, ed aggiungo che è davvero difficile creare dei numeri -seriamente- casuali (come questi di yuzoz) :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Che cazzata...
        il fatto che i numeri casuali siano importanti non esclude che questa sia comunque una cazzata. basta fare un paragone con altri sistemi per determinare se questo ha una e dico una caratteristica interessante oppure se (come mi sembra sia chiaro) si affida esclusivamente ad una trovata pubblicitaria...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che cazzata...
          - Scritto da:
          il fatto che i numeri casuali siano importanti
          non esclude che questa sia comunque una cazzata.
          basta fare un paragone con altri sistemi per
          determinare se questo ha una e dico una
          caratteristica interessante oppure se (come mi
          sembra sia chiaro) si affida esclusivamente ad
          una trovata pubblicitaria...E da quando fare prodotti e non riuscire a venderli e' roba da furbi? Se e' una trovata pubblicitaria, e' utile a promuovere la loro attivita', e visto che i numeri casuali sono utili, questa "cazzata" e' utile due volte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Che cazzata...
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            il fatto che i numeri casuali siano importanti

            non esclude che questa sia comunque una cazzata.

            basta fare un paragone con altri sistemi per

            determinare se questo ha una e dico una

            caratteristica interessante oppure se (come mi

            sembra sia chiaro) si affida esclusivamente ad

            una trovata pubblicitaria...

            E da quando fare prodotti e non riuscire a
            venderli e' roba da furbi? Se e' una trovata
            pubblicitaria, e' utile a promuovere la loro
            attivita', e visto che i numeri casuali sono
            utili, questa "cazzata" e' utile due
            volte.Inutile e' il moderatore di oggi, per fortuna dura poco e domani se ne torna da dove e' venuto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Che cazzata...

          il fatto che i numeri casuali siano importanti
          non esclude che questa sia comunque una cazzata.
          basta fare un paragone con altri sistemi per
          determinare se questo ha una e dico una
          caratteristica interessante oppure se (come mi
          sembra sia chiaro) si affida esclusivamente ad
          una trovata
          pubblicitaria...Sono millenni che generano numeri casuali partendo dagli astri: li chiamano oroscopi :D e riescono pure a venderli! :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Che cazzata...
        - Scritto da: Dark-Angel

        - Scritto da:

        ...inutile.

        come il tuo commento del resto

        generare numeri casuali, quanto piu casualmente è
        possibile, è utilissimo in ambiti quale la
        crittografia (per le chiavi), per citarne
        unaMmmmmm...hai scelto un pessimo esempio!In crittografia e' fondamentale la riproducibilita', e quindi i numeri "davvero casuali" sono quasi del tutto inutili... Se critti con una chiave del tutto casuale, poi come fai a decrittare?Quello che serve in crittografia sono robusti algoritmi di generazione di numeri pseudo-casuali (e quindi riproducibili).
        • Anonimo scrive:
          Re: Che cazzata...
          - Scritto da:
          - Scritto da: Dark-Angel



          - Scritto da:


          ...inutile.



          come il tuo commento del resto



          generare numeri casuali, quanto piu casualmente
          è

          possibile, è utilissimo in ambiti quale la

          crittografia (per le chiavi), per citarne

          una

          Mmmmmm...hai scelto un pessimo esempio!

          In crittografia e' fondamentale la
          riproducibilita', e quindi i numeri "davvero
          casuali" sono quasi del tutto inutili... Se
          critti con una chiave del tutto casuale, poi come
          fai a
          decrittare?

          Quello che serve in crittografia sono robusti
          algoritmi di generazione di numeri pseudo-casuali
          (e quindi
          riproducibili).Ma per favore... raramente ho sentito idiozie cosi' grosse... leggiti qualcosa di crittografia prima di venir qui a sparare demenze...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che cazzata...
          - Scritto da:
          In crittografia e' fondamentale la
          riproducibilita', e quindi i numeri "davvero
          casuali" sono quasi del tutto inutili... Se
          critti con una chiave del tutto casuale, poi come
          fai a
          decrittare?ROTFL... quindi secondo te cio' che serve per una chiave e' la sua prevedibilita'? Ma come si fa a tirar fuori idiozie del genere?

          Quello che serve in crittografia sono robusti
          algoritmi di generazione di numeri pseudo-casuali
          (e quindi
          riproducibili)ROTFL al cubo... i numeri pseudocasuali vengono usati solo perche' e' MOLTO difficile generare numeri puramente casuali con macchine deterministiche (quali sono i PC). Ma non ti vergogni a scrivere assurdita' come quelle che hai scritto?
        • Anonimo scrive:
          Re: Che cazzata...
          - Scritto da:
          Mmmmmm...hai scelto un pessimo esempio!

          In crittografia e' fondamentale la
          riproducibilita', e quindi i numeri "davvero
          casuali" sono quasi del tutto inutili... Se
          critti con una chiave del tutto casuale, poi come
          fai a
          decrittare?Forse... magari... perche' HAI BISOGNO DI UTILIZZARE LA STESSA CHIAVE PER DECRITTARE e per questo e' fondamentale che sia quanto piu' imprevedibile possibile per uno che non la conosca? :@
Chiudi i commenti