Illinois, lavorare senza password

Le aziende non potranno chiedere le credenziali d'accesso ai vari social network. Adottata una legge come quella del Maryland. I dipendenti non dovranno piegarsi e consegnare le informazioni

Roma – Grande soddisfazione da parte dei responsabili dell’ Electronic Privacy Information Center (EPIC), dopo l’adozione del disegno di legge per la tutela delle informazioni personali nel delicato rapporto tra social network e ambienti di lavoro. Il Governatore dello stato dell’Illinois ha di fatto bloccato la consegna coatta delle credenziali d’accesso di piattaforme come Facebook .

Nella scorsa primavera, le autorità del Maryland avevano probito per legge la pratica generalmente adottata dai datori di lavoro per la richiesta ai dipendenti di username e password ai siti di social networking . Un’abitudine che si stava estendendo a macchia d’olio tra le aziende.

“Data la continua espansione dei siti sociali, questa nuova legge proteggerà i lavoratori e il loro diritto alla privacy”, ha dichiarato in un comunicato ufficiale il Governatore dell’Illinois Pat Quinn. Nessun datore di lavoro potrà mai punire un dipendente per la mancata consegna delle informazioni personali utili all’accesso a siti come Twitter .

L’iniziativa intrapresa dagli stati del Maryland e dell’Illinois potrebbe ora avere un seguito anche nel quadro legislativo degli stati di Washington, Delaware e New Jersey. In attesa dell’imminente adozione di una legge simile nello stato californiano, che impedirà alle divisioni per il reclutamento del personale di imporre la consegna delle password social come requisito per l’assunzione .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dino scrive:
    Come su Batman...
    ... the dark knight
  • Levantino scrive:
    Tecniche di rilevazione
    La Raytheon, oltre a costruire radar ed armi a microonde (per uso su bersagli fissi, mobili e umani), costruisce anche rilevatori doppler per "scandagliare" gli edifici.Con tecnologia infrarossa passiva è già possibile, da molti anni, "vedere" attraverso i muri, anche da satellite.E con la rilevazione tramite laser infrarossi, delle microvibrazioni sulle superfici di vetri (finestre) o muri, è possibile ascoltare conversazioni negli edifici, da chilometri di distanza; anche questo da molti anni.Altro che privacy...
    • Jacopo scrive:
      Re: Tecniche di rilevazione
      anche solo il fatto di avere uno smartphone in tasca azzera completamente la nostra privacy se qualcuno è interessato alla nostra persona!
  • Carletto scrive:
    .....
    Grazie Maruccia, non faro' mai uso di WiFi... :s
Chiudi i commenti