Innocente per aver avuto un sito

Sulle pagine web aveva offeso il preside della sua scuola e attaccato i propri compagni di classe. Dopo quasi tre anni di battaglia legale è stato assolto dall'accusa di diffamazione


Roma – Ian Lake è un giovane americano fortunato. Dopo aver definito sul proprio sito web il preside della sua ex scuola un “ubriacone” e aver attaccato i costumi sessuali dei propri compagni di classe, Lake è stato ora assolto dall’accusa di diffamazione che tre anni fa lo ha costretto a cambiare scuola e lasciare lo Utah, negli USA, dove risiedeva.

Nello Utah, uno stato tradizionalmente conservatore, esiste una legge sulle offese in pubblico che lascia ben poco spazio al genere di azioni commesse da Lake. Ma è una legge che contrasta con i principi costituzionali degli Stati Uniti tanto che dopo tre anni di battaglie legali di questo caso ha finito per occuparsi la Corte Suprema dello Utah, che ha appunto bocciato la legge, provocando così il proscioglimento di Lake da ogni accusa. La sua era libertà di espressione tutelata, come noto, dal primo emendamento della Costituzione americana.

Il caso aveva suscitato rumore nel maggio del 2000, quando una denuncia ufficiale fu presentata contro l’allora 16enne Lake, perché non solo si metteva in dubbio la libertà costituzionale di esprimere le proprie opinioni su internet ma anche perché si era ritenuto persino necessario ricorrere ad un processo contro un ragazzo di quell’età su una questione del genere.

Secondo l’assistente procuratore generale dello stato, che in primo grado ha sostenuto l’accusa, la colpa di quanto accaduto è dei media. “Non hanno mai mostrato di capire – ha affermato – quanto le azioni di Lake abbiano fatto male a certe persone, quanto le abbiano spinte a dimettersi o a lasciare la scuola”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    temperatura rettale :)
    Proporrei al preside di installare, di fronte alla macchina di lettura della retina, una macchina di misurazione della temperatura rettale degli alunni.In questo modo, mentre si chinano a farsi leggere la retina, si potrebbe anche sapere se hanno la febbre e quindi far servire loro un pasto leggero o addirittura riso in bianco.La zingara si è inoltre candidata alla contemporanea lettura della mano... il preside ha infatti come obiettivo secondario, dopo l'eliminazione della discriminazione economica, la prevenzione degli infortuni scolastici.
  • Anonimo scrive:
    criticare tuttoe tutti sempre e comunque
    Due ore fa ero da un cliente alle prese con un server;Ho sentito per radio (non so che radio) che parlavano con toni molto pesanti, di una scuola britannica dove avevano instaurato un sistema per fare in modo che i bambini non si prendessero in giro l'un l'altro; Preso dal mio lavoro, non ho capito di cosa si trattasse, ma avevo inteso che si trattasse di un qualcosa di terribile, di disumano , un crimine contro l'umanità... e invece...ok che potevano mettere semplicemente un lettore di card, ma se un bimbo perde la card o la lascia a casa che fa, salta il pranzo? l'unica cosa che fa indignare sono i soliti perbenisti del ***** che devono sempre criticare sempre e comunque parlando a vanvera... mi pìacerebbe sapere il nome di quella radio che ho ascoltato oggi perché gli telefonerei per dirgli che mi fanno vomitare.saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: criticare tuttoe tutti sempre e comu

      trattasse, ma avevo inteso che si trattasse
      di un qualcosa di terribile, di disumano ,
      un crimine contro l'umanità... e invece...ma guarda che piu o meno siamo li...
      ok che potevano mettere semplicemente un
      lettore di card, ma se un bimbo perde la
      card o la lascia a casa che fa, salta il
      pranzo?sai che tragedia...
    • Anonimo scrive:
      Re: criticare tuttoe tutti sempre e comunque
      - Scritto da: Anonimo
      Due ore fa ero da un cliente alle prese con
      un server;
      Ho sentito per radio (non so che radio) che
      parlavano con toni molto pesanti, di una
      scuola britannica dove avevano instaurato un
      sistema per fare in modo che i bambini non
      si prendessero in giro l'un l'altro; Preso
      dal mio lavoro, non ho capito di cosa si
      trattasse, ma avevo inteso che si trattasse
      di un qualcosa di terribile, di disumano ,
      un crimine contro l'umanità... e invece...
      ok che potevano mettere semplicemente un
      lettore di card, ma se un bimbo perde la
      card o la lascia a casa che fa, salta il
      pranzo?
      l'unica cosa che fa indignare sono i soliti
      perbenisti del ***** che devono sempre
      criticare sempre e comunque parlando a
      vanvera... mi pìacerebbe sapere il nome di
      quella radio che ho ascoltato oggi perché
      gli telefonerei per dirgli che mi fanno
      vomitare.

      salutisono d'accordo con te. questo è un giornale che parla anche e soprattutto di novità tecnologiche. eppure ogni santa volta che si parla di una nuova tecnologia, di un nuovo prodotto, di qualcuno che ha il coraggio di innovare questo mondo (che a me continua a sembrare troppo indietro per essere nel 2003) dove le tecnologie ci sarebbero per migliorare e semplificare la vita di tutti ma vengono raramente utilizzate....ecco che salta fuori la matassa di gente che critica! "è inutile!" "ma a cosa serve??" ..."posso farne benissimo a meno" "oh come potrò farne a meno (in tono ironico) ?" e poi tra due anni magari tutti utilizzeranno questa tecnologia di cui hanno tanto parlato male....e adesso spiegatemi che cavolo c'è di male nell'utilizzare un semplicissimo scanner biometrico anzichè le schede... (e probabilmente qualche anno fa avreste criticato le schede al posto dell'uso di soldi normali)
      • Anonimo scrive:
        Re: criticare tuttoe tutti sempre e comu

        prodotto, di qualcuno che ha il coraggio di
        innovare questo mondo d'accordo ma senza OBBLIGO di usare queste innovazioni...
        (che a me continua a
        sembrare troppo indietro per essere nel
        2003)a me troppo avanti (considerando la gente che ci vive)
        ecco che salta fuori la matassa di gente che
        critica! "è inutile!" "ma a cosa serve??"
        ..."posso farne benissimo a meno" "oh come
        potrò farne a meno (in tono ironico) ?" in questo caso a che serve ?????
        e adesso spiegatemi che cavolo c'è di male
        nell'utilizzare un semplicissimo scanner
        biometrico anzichè le schede... (e
        probabilmente qualche anno fa avreste
        criticato le schede al posto dell'uso di
        soldi normali)senti diamo la liberta di usare la scheda o lo scanner...E LA LIBERTA il discorso...ma se non lo capisci...
  • Anonimo scrive:
    perche no ai biometrics...
    Our Major Concerns (eff) * Biometric technology is inherently individuating and interfaces easily to database technology, making privacy violations easier and more damaging. If we are to deploy such systems, privacy must be designed into them from the beginning, as it is hard to retrofit complex systems for privacy. * Biometric systems are useless without a well-considered threat model. Before deploying any such system on the national stage, we must have a realistic threat model, specifying the categories of people such systems are supposed to target, and the threat they pose in light of their abilities, resources, motivations and goals. Any such system will also need to map out clearly in advance how the system is to work, in both in its successes and in its failures. * Biometrics are no substitute for quality data about potential risks. No matter how accurately a person is identified, identification alone reveals nothing about whether a person is a terrorist. Such information is completely external to any biometric ID system. * Biometric identification is only as good as the initial ID. The quality of the initial "enrollment" or "registration" is crucial. Biometric systems are only as good as the initial identification, which in any foreseeable system will be based on exactly the document-based methods of identification upon which biometrics are supposed to be an improvement. A terrorist with a fake passport would be issued a US visa with his own biometric attached to the name on the phony passport. Unless the terrorist A) has already entered his biometrics into the database, and B) has garnered enough suspicion at the border to merit a full database search, biometrics won't stop him at the border. * Biometric identification is often overkill for the task at hand. It is not necessary to identify a person (and to create a record of their presence at a certain place and time) if all you really want to know is whether they're entitled to do something or be somewhere. When in a bar, customers use IDs to prove they're old enough to drink, not to prove who they are, or to create a record of their presence.
    • Anonimo scrive:
      Re: perche no ai biometrics...
      Metteresti il link all'originale di quanto riporti?Mi interesserebbe approfondireThanksIngenuo 2001- Scritto da: Anonimo
      Our Major Concerns (eff)

      * Biometric technology is inherently
      individuating and interfaces easily to
      database technology, making privacy
      violations easier and more damaging. If we
      are to deploy such systems, privacy must be
      designed into them from the beginning, as it
      is hard to retrofit complex systems for
      privacy.
      • Anonimo scrive:
        Re: perche no ai biometrics...

        Metteresti il link all'originale di quanto
        riporti?http://www.eff.org/Privacy/Surveillance/biometrics.htmle un sito interessante...
  • Simplex scrive:
    Usare una SmartCard x queste funzioni...
    Usare una SmartCard x queste funzioni, pareva brutto ???Oddio, siamo proprio giunti al ridicolo...Tra un po di tempo, x bermi un caffe alla machinetta del mio ufficio,non basteranno piu' i gettoni o la scheda a scalare, ma ci vorra unabiopsia del mio lobo auricolare per accertare la mia identita' ...Ma perche' tanto odio x l'umanita' ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Usare una SmartCard x queste funzion

      Usare una SmartCard x queste funzioni,
      pareva brutto ???
      Oddio, siamo proprio giunti al ridicolo...
      Tra un po di tempo, x bermi un caffe alla
      machinetta del mio ufficio,
      non basteranno piu' i gettoni o la scheda a
      scalare, ma ci vorra una
      biopsia del mio lobo auricolare per
      accertare la mia identita' ...dimentichi l'esame tossicologico, scanning del dna per vedere se non hai qualche malattia che ti impedisce di usare la caffeina, ecc...bellissimo mondo...pero potrai pagare senza soldi, pensa alla comodita...
      Ma perche' tanto odio x l'umanita' ???vedrai quando l'umanita si mettera ad odiare...
    • Anonimo scrive:
      Re: Usare una SmartCard x queste funzioni...

      Usare una SmartCard x queste funzioni,
      pareva brutto ???Non poteva. Non hai idea di che cattiveria riescano ad avere quei ragazzini. Sicuramente avrebbero preteso in modo violento la tessera, per poi romperla o altro.Il Preside di quella scuola doveva trovare un sistema di autentificazione non "rubabile".Quando stavo in UK abitavo vicino ad una scuola, ho visto cose irripetibili.
  • Anonimo scrive:
    E allora?
    Io per spostare i pesci dall'acquario uso una "retina".Anche se me la fotografano? Tanto non è mia come fanno a riconoscermi?Ugo
  • Anonimo scrive:
    Compromissione
    Supponiamo che io cloni la carta di credito di uno di voi. Faccio un po' di acquisti, poi questi se ne accorge, fa denuncia e poi cosa fa? Va dalla sua banca e si fa assegnare un'altra carta di credito.Supponiamo ora che con tecnologie future io sia in grado di creare un apparecchiatura che replica il bulbo oculare di una persona, o magari una semplice lente a contatto (oggi si miniaturizza tutto...) replicando quindi la retina di uno di voi i cui dati ho recuperato in qualche modo... Faccio un po' di operazioni, poi questi se ne accorge, fa denuncia e poi?Si fa cavare un occhio e si fa installare un'altra retina... o cosa??Una volta che si compromette l'informazione della retina, si perde il diritto all'uso del proprio occhio...CordialmenteIngenuo 2001
    • Giambo scrive:
      Re: Compromissione
      - Scritto da: Anonimo
      Supponiamo ora che con tecnologie future io
      sia in grado di creare un apparecchiatura
      che replica il bulbo oculare di una persona,Ho visto un tale che ingannava gli scanner della retina sottoponendo all'apparecchiatura una fotografia del suo occhio ...Secondo me il metodo migliore e' quello che si basa su un essere umano, perfino lo "scanner di volti" appena installato all'aeroporto di Zurigo ha fatto cilecca durante la dimostrazione alla stampa e alle autorita' :-D !
  • Anonimo scrive:
    Beh, non era meglio un badge???
    Anche perche' lo scanner della retina non sempre funziona: se uno e' malato di miodesopsie (o corpi mobili vitreali, o floaters), il sistema di scanning e' ingannato.Se volete saperne di piu' su questa malattia andate su:http://www.miodesopsie.itGrazie,Max /Miodesopsie.it TEAM
    • samu scrive:
      Re: Beh, non era meglio un badge???
      - Scritto da: Anonimo
      Anche perche' lo scanner della retina non
      sempre funziona: se uno e' malato di
      miodesopsie (o corpi mobili vitreali, o
      floaters), il sistema di scanning e'
      ingannato.
      naaa meglio il chip infrapelle come le mucche :-) il badge e' scomodo e lo puoi perdere oppure puo' essere "usato" da altri .
      • Anonimo scrive:
        Re: Beh, non era meglio un badge???
        - Scritto da: samu

        - Scritto da: Anonimo

        Anche perche' lo scanner della retina non

        sempre funziona: se uno e' malato di

        miodesopsie (o corpi mobili vitreali, o

        floaters), il sistema di scanning e'

        ingannato.


        naaa meglio il chip infrapelle come le
        mucche :-)
        il badge e' scomodo e lo puoi perdere
        oppure puo' essere "usato" da altri .
        Pero' per una mensa non mi sembra che serva la biometria spinta...Max
  • Anonimo scrive:
    bella scusa
    ma che cavolate sparano? di tutte le sceuse quella e' la piu' idiota, per fare quello che dicono bastava una banalissima scheda magnetica come ce ne sono in tutte le mense aziendali o universitarie, c'era bisogno dello scanner per la retina??
  • Anonimo scrive:
    in effetti...
    l'uso di una tesserina magnetica (o con chip) da parte di tutti gli studenti sarebbe la soluzione piú semplice, piú economica e anche piú adeguata... forse dietro a questa scelta c'é probabilmente uno sponsor o la mania di qualcuno di voler far per forza uso di tecnologie all'ultimo grido.Sinceramente non conosco come funzionano le apparecchiature in grado di scansionare la retina, ma credo che comunque, a parte il costo della apparecchiatura e il fastidio di dover fare la scansione ogni volta, l'unico vantaggio rispetto alla tessera é il fatto di non doversi portare dietro qualcosa che si puó anche perdere o dimenticare in giro...Per un semplice servizio di mensa é necessario uno strumento di identificazione pensato per lo piú per motivi di sicurezza e per avere la certezza nell'identificazione delle persone.Gian.
  • Anonimo scrive:
    educhiamoli sin da piccoli
    Se si comincia da piccoli ad abituarli a queste simpaticissime applicazioni della tecnologia, da grandi poi non romperanno i co...oni con tutte quelle balle sulla privacy e i diritti civile che tanta noia danno ai capoccioni.buona nottecrack@rome.com
    • Anonimo scrive:
      Re: educhiamoli sin da piccoli

      Se si comincia da piccoli ad abituarli a
      queste simpaticissime applicazioni della
      tecnologia, da grandi poi non romperanno i
      co...oni con tutte quelle balle sulla
      privacy e i diritti civile che tanta noia
      danno ai capoccioni.e questa la cosa piu scandalosa...
  • Anonimo scrive:
    Crescita retina...
    Se un bambino viene schedato con questo sistema, quando diverra' adulto sara' ancora riconoscibile ?ugo
    • Anonimo scrive:
      Re: Crescita retina...
      Sì, perché l'occhio non cresce con l'età, fin da neonati si hanno occhi perfettamente formati, le modificazioni della vista come miopia o presbiopia sono date da irrigidimenti del cristallino o modifica della lunghezza dell'occhio, ma la retina è quella.- Scritto da: Anonimo
      Se un bambino viene schedato con questo
      sistema, quando diverra' adulto sara' ancora
      riconoscibile ?

      ugo
  • avvelenato scrive:
    non vedo il motivo per essere indignati
    mah... certo... secondo me è una tecnologia che non ha motivo di esistere in quel contesto, perchè altre tecnologie ben più rodate possono fungere allo scopo in maniera egregia....però non vedo perchè bisogna essere indignati.addirittura qualcuno ha parlato di violazione di diritti umani... ma cosa???ma se ti prendono l'impronta della retina ti identificano univocamente! è una violazione?!allora è anche una violazione quando il vigile ti chiede di favorirgli un documento! oppure le "tesserine magnetiche", forse la soluzione più idonea al problema del preside. mah.non capisco davvero lo scopo.. secondo me sono diventati tutti schizzati da quando si è iniziato a parlare di privacy...comunque se potete erudirmi sul fatto fatelo pure ;) ve ne sarei grato.
    • Anonimo scrive:
      Re: non vedo il motivo per essere indign
      - Scritto da: avvelenato
      mah... certo... secondo me è una tecnologia
      che non ha motivo di esistere in quel
      contesto, perchè altre tecnologie ben più
      rodate possono fungere allo scopo in maniera
      egregia....

      però non vedo perchè bisogna essere
      indignati.
      Nemmeno io, certi toni mi sembrano eccessivi
      addirittura qualcuno ha parlato di
      violazione di diritti umani... ma cosa???
      ma se ti prendono l'impronta della retina ti
      identificano univocamente! è una
      violazione?!

      allora è anche una violazione quando il
      vigile ti chiede di favorirgli un documento!
      oppure le "tesserine magnetiche", forse la
      soluzione più idonea al problema del
      preside. mah.
      Concordo
      non capisco davvero lo scopo.. secondo me
      sono diventati tutti schizzati da quando si
      è iniziato a parlare di privacy...

      comunque se potete erudirmi sul fatto fatelo
      pure ;) ve ne sarei grato.L'unico dubbio che mi viene in mente è se la scansione della retina comincia a diffondersi come tecnologia. In questo caso ci potrebbero essere dei problemi se (in questo caso) l'istituto cedesse i dati sulle retine dei suoi alunni a privati. Insomma, se incominciassero a circolare indiscriminatamente i dati sulle retine delle persone.... si potrebbe prospettare un futuro alla minority report... brrrr.... Quindi una cosa sicuramente da regolamentare molto ma molto bene
    • Anonimo scrive:
      Re: non vedo il motivo per essere indign
      A mio parere come già accennato in un post precedente,c'è da tenere d'occhio quello che probabilmente stà dietro una operazione simile.L'uso di una simile tecnologia per svolgere un compito come quello dell'identificazione in una mensa o in una bibblioteca,no può essere assolutamente giustificato dalla sua utilità,come già detto ci sono tecnologie già ben collaudate e anche a mio parere più funzionali.quindi dietro a ciò ci devono esserre altri interessi che potrebbero essere sponsor o sperimentazione o tutti e due.Il secondo caso in particolare non mi piace granchè...non mi piacerebbe se si arrivasse a poter usare uno scanner senza che io me ne accorga.Preferisco ancora per un po mostrare i miei documenti altrimenti si prospettterebbe una situazione di controllo indiscriminato dove si è tutti colpevoli fino a prova contraria.frulabiolax.
    • Anonimo scrive:
      Re: non vedo il motivo per essere indign

      addirittura qualcuno ha parlato di
      violazione di diritti umani... ma cosa???
      ma se ti prendono l'impronta della retina ti
      identificano univocamente! è una
      violazione?!della sfera privata si...
      allora è anche una violazione quando il
      vigile ti chiede di favorirgli un documento!appunto se ci sono gia metodi meno intrusivi (che poi perche io dovrei farmi identificare se a un vigile gli girano ????) perche entrare ancora di piu nella sfera (e retina) di ogni persona ?????
      oppure le "tesserine magnetiche", forse la
      soluzione più idonea al problema del
      preside. mah.e uno di quei pazzi che compra qualsiasi cosa con scritto tech sopra per fare il fiko (e nemmeno con i suoi soldi)...e SCANADALOSO...i posti di potere (come quello del preside) dovrebbero sparire...
      • avvelenato scrive:
        Re: non vedo il motivo per essere indign
        - Scritto da: Anonimo

        addirittura qualcuno ha parlato di

        violazione di diritti umani... ma cosa???

        ma se ti prendono l'impronta della retina
        ti

        identificano univocamente! è una

        violazione?!
        della sfera privata si...
        questa me la devi spiegare.

        allora è anche una violazione quando il

        vigile ti chiede di favorirgli un
        documento!
        appunto se ci sono gia metodi meno intrusivi
        (che poi perche io dovrei farmi identificare
        se a un vigile gli girano ????) perche
        entrare ancora di piu nella sfera (e retina)
        di ogni persona ?????ma io penso che alla fine questo dello scanning della retina sia solo un mezzo per ottenere più fedelmente quello che già è un prerequisito fondamentale per l'organizzazione statale, ovvero l'identificazione univoca del cittadino. Se un giorno i tuoi dati venissero associati alla tua retina, ebbene, mostrarla non sarebbe differente che mostrare la carta d'identità.se poi ti secca essere identificato e identificabile, mi chiedo perchè... si potrebbe far nascere un OT (sui forum appositi) relativamente alla necessità o meno dell'identificazione dell'individuo nell'organizzazione statale. Per adesso però funziona così.


        oppure le "tesserine magnetiche", forse la

        soluzione più idonea al problema del

        preside. mah.
        e uno di quei pazzi che compra qualsiasi
        cosa con scritto tech sopra per fare il fiko
        (e nemmeno con i suoi soldi)...e
        SCANADALOSO...i posti di potere (come quello
        del preside) dovrebbero sparire...mah, secondo me ha solo accettato di sperimentare un sistema tecnologicamente avanzato in un contesto 'sicuro', dimodochè chi di competenza potrà decidere se utilizzare detti sistemi in altri ambiti.e non è detto che sia un male.avvelenato
        • Anonimo scrive:
          Re: non vedo il motivo per essere indign



          identificano univocamente! è una


          violazione?!

          della sfera privata si...
          questa me la devi spiegare.perche devo essere identificato se non ho fatto nulla di male ????? ne ho intenzione di farne ?????
          ma io penso che alla fine questo dello
          scanning della retina sia solo un mezzopreferisco la carta gia esistente...
          ottenere più fedelmente quello che già è un
          prerequisito fondamentale per
          l'organizzazione statale, ovvero
          l'identificazione univoca del cittadino.spiegamela...se io non voglio fruire di alcuni servizi perche devo essere obbligato a farlo ?????
          si potrebbe far nascere un OT (sui forum
          appositi) relativamente alla necessità o
          meno dell'identificazione dell'individuo
          nell'organizzazione statale. Per adesso però
          funziona così.ed e sbagliato...
          mah, secondo meio invece la penso diversamente...
  • Anonimo scrive:
    Massì, bustarelle!!!
    Se non fossero inglesi sospetterei proprio che "qualcuno" abbia "invogliato" il preside a dotarsene sotto "l'influenza" di certi "folgietti", magari con parecchi zeri...Infatti la manovra pubblicitaria è enorme!!Ehi, un momento: chi l'ha detto ch egli inglesi non si possano corrompere?... *grin*Max Murdock
  • Anonimo scrive:
    che ************************************
    Il preside ha voluto anche sottolineare che lo scanner utilizza luce a bassa intensità in nessun modo pericolosa per gli occhi degli studenti=====ci sono tanti studi in giro...dovrebbe leggere di piu e guardare meno la televisione...questo ***********************... e soprattutto che la sua scuola "è la prima nel paese ad utilizzare questo sistema".=====violare i diritti e la dignita umana e una cosa di cui andare fieri, ************************************************************... "Ma - ha concluso Yates - questa non è una scuola James Bond per spie.. Questa non è fantascienza. Questa è tecnologia reale".====e il preside e REALMENTE un *******************************
    • Anonimo scrive:
      Re: che ********************************
      - Scritto da: Anonimo
      violare i diritti e la dignita umana e una
      cosa di cui andare fieri,
      *********************************************Adesso tu gentilmente mi spieghi in che modo la scansione della retina violi diritti umani che la carta d'identità non lede.
      • UmAnOiDe/69 scrive:
        Re: che ********************************
        Magari già che c'è potrebbe anche spiegarci per cortesia in che modo (riferimenti dettagliati, please) un fascio di luce a bassa intensità si rivelerebbe pericoloso per l'occhio. Mi interessano questi "studi".Bah! Non finirò mai stupirmi...
        Il preside ha voluto anche sottolineare che lo scanner
        utilizza luce a bassa intensità in nessun modo pericolosa
        per gli occhi degli studenti =====
        ci sono tanti studi in giro...dovrebbe leggere di piu e
        guardare meno la televisione...questo **********************...
      • Anonimo scrive:
        Re: che ********************************

        Adesso tu gentilmente mi spieghi in che modo
        la scansione della retina violi diritti
        umani che la carta d'identità non lede.perche ogni persona ha il diritto FONDAMENTALE di non subire intrusioni e interferenze nella sfera PRIVATA (inclusa la retina) senza un motivo RAGIONEVOLE...di ragionevole qua non c'e niente...non solo gli allievi saranno umiliati con questo sistema e da un preside (non ho parole per definire la sua *****************), ma dovranno anche pagare (con le loro tasse) questo sistema...ieri ho preso in prestito 10 libri alla biblioteca, mostrando la mia tessera, e non ci sarebbe stato nemmeno bisogno della tessera perche anche senza io ripoterei indietro i libri, perche non appartengono a me...
  • Anonimo scrive:
    il preside...
    anche io ho conosciuto gente con un ego grandissimo che si credevano molto fiki, ma questo qua...come si dice: l'uomo giusto al posto giusto...il potere e il denaro andrebbero aboliti...almeno io la penso cosi...
  • Anonimo scrive:
    A me sembra una grande idea!
    Che male c'è?!?! E' un po' come un tesserino magnetico, ed evita situazioni imbarazzanti ai ragazzini più poveri!
    • Anonimo scrive:
      Re: A me sembra una grande idea!

      Che male c'è?!?!se non lo capisci da solo...
      E' un po' come un tesserino
      magnetico,appunto usiamo il tesserino no ?????
      ed evita situazioni imbarazzanti
      ai ragazzini più poveri!bhe farsi scannerizzare la retina, mentre il compagno passa e paga e meno umiliante ?????
      • Anonimo scrive:
        Re: A me sembra una grande idea!


        ed evita situazioni imbarazzanti

        ai ragazzini più poveri!
        bhe farsi scannerizzare la retina, mentre il
        compagno passa e paga e meno umiliante ?????verranno scannerizzati tutti mica solo quelli che non pagano.
        • Anonimo scrive:
          Re: A me sembra una grande idea!
          possono timbrare tutti (paganti e non) e donare quei soldi che risparmierebbero evitando il "sistema a scansione della retina" aiutando i bambini figli delle famiglie più povere. In questo modo la tecnologia "reale" aiuterebbe!
Chiudi i commenti