Intel cede a USB 3.0

A dispetto delle voci circolate alcuni mesi fa, pare che Intel non attenderà il 2011 per rilasciare i suoi primi chip per la nuova versione dello standard

Roma – Lo scorso anno si diffuse la voce secondo la quale Intel non avrebbe rilasciato chipset compatibili con USB 3.0 prima del 2011. Nuove indiscrezioni sembrano però suggerire che, dopo tutto, BigI non voglia attendere tutto questo tempo prima di abbracciare la nuova specifica USB.

Secondo DigiTimes , Intel ha in programma di introdurre un controller SuperSpeed USB standalone già nel corso di quest’anno. Se confermata, questa decisione contribuirà in modo sensibile alla diffusione di USB 3.0.

A pressare Intel perché implementi la nuova interfaccia USB nei suoi chipset sono soprattutto i produttori di schede madri, oggi costretti a ricorrere a controller di terze parti, con tutti gli svantaggi – in termini di costi, progettazione e approvvigionamento – che questo comporta.

Del resto la domanda di mainboard provviste di interfaccia USB 3.0 sta crescendo rapidamente: la sola Gigabyte, ad esempio, afferma di averne già vendute un milione in tutto il mondo.

Inizialmente il mercato dei controller USB 3.0 è stato praticamente monopolizzato dalla giapponese NEC, la cui elettronica di controllo è disponibile per notebook, schede madri desktop e schede di espansione PCI Express. Di recente si sono però affacciate su questo mercato anche altre aziende, tra le quali VIA e ASMedia.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nicola scrive:
    ebook
    Mi interesserebbe approfondire questo argomento.. dove è possibile rimanere aggiornati e fare una ricerca?
  • stylus753 scrive:
    D'accordo ... ma in controtendenza
    sono d'accordo con l'analisi generale, il netbook "fà figo" tutti i ragazzini che conosco se lo fanno regalare da papino... e proprio la settimana scorsa un rappresentate di sigarette che dal tabaccaio usava un tablet pc touch screen (non chiedetemi che modello ero distratto dalla sua stagista molto procace) ... MA ... questo vale solo ed esclusivamente per chi utilizza il pc per office automation ed é spesso in mobilità ... vi riporto la mia la testimonianza della necessità dei desktop lavoro nel reparto di un'azienda di sviluppo software e dopo mesi di proteste e di stress dovuti a scarse performance e stabilità, per non parlare dell'ERGONOMIA, TUTTI I PORTATILI di una nota marca HP dell'area IT sono stati sostituiti con desktop assemblati ha HOC... ebbene vi posso assicurare che tra un desktop ed un notebook/netbook non c'é paragone che tenga .... é molto ma molto meglio un desktop!! ... poi se bisogna fare delle demo ho andare presso il cliente ovviamente chiniamo il capo e prendiamo un notebook...
    • sadness with you scrive:
      Re: D'accordo ... ma in controtendenza
      che razza di esempio sarebbe? se non hai bisogno di mobilità, e non hai problemi di spazio, è ovvio che un desktop è 100 volte meglio, soprattutto se ci devi lavorare... costa meno, è più performante, ha minori problemi di manutenzione ed è aggiornabile.ma c'è c'azzecca il lavoro di uno sviluppatore con l'utilizzo dell'iPad o di un qualsiasi altro tablet? nessuno ha mai detto che in futuro esisteranno solo tablet...
  • Andrea Pozzuoli scrive:
    Va tutto bene
    Resta a noi usare quello che ci viene fornito dal mercato nel modo migliore, senza scostarsi troppo dalla realtà e ricordandosi che per adesso, ogni dispositivo ha il tasto off !
  • MeX scrive:
    intanto...
    mentre qui su PI fate i trolloni... ci sono aziende che stanno giá testando il loro sito in HTML5 in attesa di iPad.Sará che sono troll macachi pure quelli di CSI?http://www.engadget.com/2010/03/25/cbs-testing-html5-ipad-video-out-in-the-open/
    • sadness with you scrive:
      Re: intanto...
      - Scritto da: MeX
      mentre qui su PI fate i trolloni... ci sono
      aziende che stanno giá testando il loro sito in
      HTML5 in attesa di iPad....e quando Flash sparirà (grazie all'HTML5), Apple avrà ancora visto giusto
    • Redpill scrive:
      Re: intanto...
      - Scritto da: MeX
      mentre qui su PI fate i trolloni... ci sono
      aziende che stanno giá testando il loro sito in
      HTML5 in attesa di
      iPad.

      Sará che sono troll macachi pure quelli di CSI?

      http://www.engadget.com/2010/03/25/cbs-testing-htmLasciamo perdere quelli di CSI che fanno cose a dir poco assurde nel telefilm :DOltretutto hanno sempre monitor esageratamente enormi e touch, proiezioni 3d, tablet per mostrare la foto di un passero perché sulla scena c'era guano di passero del montana... Sono allucinanti :)Ah e poi su tutti i dispositivi hanno misteriosi OS, senza nome e non riconoscibili. Forse solo il marchio DELL incombe ogni tanto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2010 12.30-----------------------------------------------------------
      • MeX scrive:
        Re: intanto...
        confondi la finzione di CSI con l'azienda che produce CSI ;)ma giá che ci siamo...http://www.engadget.com/2010/03/25/wsj-on-ipad-17-99-a-month-magazines-to-be-at-or-near-newsstand/Chissá come mai non hanno fatto l'edizione per netbook ;)
        • ziovax scrive:
          Re: intanto...
          Perché già esiste a 79$ l'anno: è la stessa di qualsiasi altro computer.
          • MeX scrive:
            Re: intanto...
            missá che non hai letto l'articolo
          • ziovax scrive:
            Re: intanto...
            Oddio, non hanno intenzione di creare una versione on-line del WSJ per ipad a 17.99$ al mese?
          • MeX scrive:
            Re: intanto...
            si... tu sostenevi che esistesse giá
          • ziovax scrive:
            Re: intanto...
            Non lo sostengo io, esiste già: costa 79$ all'anno, permette la lettura degli stessi articoli del giornale cartaceo + gli articoli esclusivi per l'edizione on-line + gli articoli del Dow Jones Newswire e del Barron's.
          • MeX scrive:
            Re: intanto...
            e perché non esiste giá una versione per tablet PC visto che sono in giro da anni?
          • ziovax scrive:
            Re: intanto...
            Perché il tablet PC non ne ha bisogno, visto che ci funziona già quello che c'è......l'effetto di dover fare porting per ogni dispositivo, è il costo sempre più alto, infatti per ipad ci vorranno ben 215,88$ per un anno.Oddio, in realtà funzionerebbe quel che c'è anche sull'ipad, credo che il problema sia la pubblicità! 8P
          • MeX scrive:
            Re: intanto...
            certo, l'esperienza insegna che una cosa fatta per essere usata con il mouse puó essere usata anche con uno schermo touch... visto il sucXXXXX dei tablet PC
  • monnalisa monamour scrive:
    Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
    http://pollycoke.org/2010/03/24/macosx-visto-da-un-pinguino-curioso/
    • Sonsfigato scrive:
      Re: Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
      - Scritto da: monnalisa monamour
      http://pollycoke.org/2010/03/24/macosx-visto-da-unOra non mi sento più solo. Anzi, andrò a trovare qualche amico sfigato nello sfigatissimo pollycoke!
    • MeX scrive:
      Re: Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
      ahahahah cosí Pollicoke é un macaco... ha provato a salvare la faccia all'inizio scrivendo:"È uno di quegli elettrodomestici prodotti da Apple con quello stile un po caffettiera hi-tech e dotati di un mix di software libero e ahimè chiusissimo. "e poi alla fine... sperando che il troll medio non arrivi a fondo paigna:"Non ci sono soltanto utilità CLI però: infatti esistono spesso versioni per MacOSX di tante applicazioni libere a noi molto conosciute, quali Ardour, GIMP, Inkscape ma anche aMule e Transmission , ma anche Adium (basato sulle stesse librerie di Pidgin) e molte altre ancora. Certo, non tutte sono integrate bene come Adium e anzi GIMP per OSX fa davvero schifetto. In generale non sono riuscito a trovare applicazioni GTK+ o Qt (a parte Google Earth) realmente integrate (???) in MacOSX "Pollicoke macaco... siete finiti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2010 08.45-----------------------------------------------------------
    • MeX scrive:
      Re: Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
      ah! e c'era pure la seconda pagina scoperta leggendo i commenti..."Eliminato lo scimmiottameno estetico che può portare solo a inutili e inevitabili complessi di inferiorità, dunque, a mio avviso ci sono però tante cose sensate per cui il sistema operativo di Apple potrebbe e anzi dovrebbe essere preso ad esempio dai distributori di software libero , in quanto è esso stesso in qualche modo una distribuzione di software a noi familiare, in gran parte libero, e presenta soluzioni razionali agli stessi problemi che noi pinguini più curiosi ci poniamo da tempo."http://pollycoke.org/2010/03/24/macosx-visto-da-un-pinguino-curioso/2/
    • ruppolo scrive:
      Re: Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
      - Scritto da: monnalisa monamour
      http://pollycoke.org/2010/03/24/macosx-visto-da-unDopo aver letto le due pagine, sono più che contento di essere utente Mac :D
    • Andrea Pozzuoli scrive:
      Re: Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
      Uso sia Pc che Mac e sinceramente non riesco a capire tutto questo accanimento sia da una parte che dall'altra.Scegliete quello che più vi piace e usatelo !Non è per questo che si compra un computer ?!
      • Logan.iii scrive:
        Re: Mac-ontizzati ecco articolo obiettivo XD
        - Scritto da: Andrea Pozzuoli
        Uso sia Pc che Mac e sinceramente non riesco a
        capire tutto questo accanimento sia da una parte
        che
        dall'altra.
        Scegliete quello che più vi piace e usatelo !
        Non è per questo che si compra un computer ?!Quoto. Anche io contento fruitore di macosx su imac, linux e windows su pc, symbian e iphoneos su periferiche mobile, e sviluppatore .net e applicativi per windows mobile su handheld per lavoro. :-)
  • ruppolo scrive:
    Ottimo articolo
    Condivido pienamente analisi e previsioni.L'unico appunto lo voglio fare sui nebook: non c'era alcuna idea originaria a monte, nemmeno quella di dispositivi orientati all'utilizzo in rete (a dispetto del loro nome), altrimenti avrebbero avuto tutti di serie la connettività 3G e almeno qualche programma concepito e incentrato a questa ipotetica idea originaria. E non avrebbero subito trasformazioni pesanti di dimensioni. Invece è stata una delle tante radioline paracadutate sulla savana.
    • sadness with you scrive:
      Re: Ottimo articolo
      - Scritto da: ruppolo
      Condivido pienamente analisi e previsioni.

      L'unico appunto lo voglio fare sui nebook: non
      c'era alcuna idea originaria a monte, nemmeno
      quella di dispositivi orientati all'utilizzo in
      rete (a dispetto del loro nome),certo che sì invece... altrimenti da cosa arriverebbe il nome?
      altrimenti
      avrebbero avuto tutti di serie la connettività 3Ga parte il fatto che ce l'hanno in molti (se non di serie, quantomeno opzionale), connettersi in rete non significa necessariamente passare dal 3G: può bastare anche il WiFi, dipende da come uno pensa di utilizzarlo
      e almeno qualche programma concepito e incentrato
      a questa ipotetica idea originaria. E non
      avrebbero subito trasformazioni pesanti di
      dimensioni.Infatti l'articolo parla di "idea originaria" e mi pare che già in passato galimebrti avesse scritto qualcosa in merito al "fallimento dell'idea originaria dei netbook"
      • ruppolo scrive:
        Re: Ottimo articolo
        - Scritto da: sadness with you
        certo che sì invece... altrimenti da cosa
        arriverebbe il
        nome?Dalla scelta di un marketing scollato dal reparto progettazione.

        altrimenti

        avrebbero avuto tutti di serie la connettività
        3G

        a parte il fatto che ce l'hanno in moltiforse volevi dire "a parte i fatto che l'hanno in pochi", e NESSUNO di quelli primogeniti.
        (se non
        di serie, quantomeno opzionale), connettersi in
        rete non significa necessariamente passare dal
        3G: può bastare anche il WiFi, dipende da come
        uno pensa di
        utilizzarloE come vorresti utilizzare un netbook? Nel suo apposito mobile, no?[img]http://gif.chl.it/g/111205g.gif[/img]O forse pensavi che, essendo così piccolo, sarebbe stato utilizzato on-the-road?

        e almeno qualche programma concepito e
        incentrato

        a questa ipotetica idea originaria. E non

        avrebbero subito trasformazioni pesanti di

        dimensioni.

        Infatti l'articolo parla di "idea originaria" e
        mi pare che già in passato galimebrti avesse
        scritto qualcosa in merito al "fallimento
        dell'idea originaria dei
        netbook"Infatti è fallita. Ed è fin troppo palese che il confronto con un tablet lo perde, quindi possiamo chiudere il breve capitolo "netbook" e ricordarlo nella storia come il "portatile della crisi".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 marzo 2010 11.24-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti