Intel e il ritorno dei PC

Risultati trimestrali superiori alle aspettative per Santa Clara. Che continua a fregiarsi di performance record da parte della divisione PC, ma non decolla nel mobile

Roma – Intel ha presentato la terza trimestrale dell’anno: battute ancora una volta le attese degli analisti, grazie soprattutto alla ripresa del mercato dei PC.

Il terzo trimestre del 2014 fa così segnare ad Intel un risultato operativo da 4,5 miliardi (più 30 per cento rispetto all’anno scorso) ed un fatturato da 14,6 miliardi di dollari , una crescita di 8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2013 (cioè più 1,1 miliardi di dollari). Un risultato che comunque aveva permesso ad Intel a superare le aspettative degli osservatori, influenzati dalla congiuntura economia assolutamente negativa e dalla frenata nelle vendite dei PC.

Ora Intel sembra cavalcare proprio i segni della ripresa, in particolare per ciò che riguarda il settore dei personal computer che, pur essendo dato per finito ormai da anni, continua a rappresentare una importante fonte di introiti per i grandi produttori che possono sfruttare le fuoriuscite eccellenti dal settore degli ultimi mesi.

Già l’ ultima trimestrale aveva fatto segnare per il settore PC segni di risalita: in questi ultimi tre mesi, poi, Intel è riuscita a spedire più di 100 milioni di microprocessori, un record per l’azienda che complessivamente vede il suo fatturato crescere di 5 punti percentuali rispetto al secondo trimestre 2014, e di 8 rispetto all’anno scorso.

L’ altro lato della medaglia per Intel è il settore mobile, che nonostante il trend positivo di settore non sembra affato decollare: la divisione Mobile and Communications chiude con un modesto fatturato di appena 1 milione di dollari, ma ritenuto comunque “conforme alle aspettative” secondo i vertici di Santa Clara.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AxAx scrive:
    In realtà dovremo pagare...
    oltre che l'inutile balzello annuale per per l'inutile e mostruosa pec altri balzelli per le firme elettroniche ecc., servizio che sarà dato sicuramente in gestione agli amici degli amici.
  • Vincenzo scrive:
    Fuffa
    Tutta fuffa, sono anni che aspettiamo, ormai l'autenticazione, un fondamentale servizio statale, è in mano ai privati.
Chiudi i commenti