Intel: i leggerissimi mi vogliono Inside

Dopo i PC, Intel sembra ora volerci riprovare con il mondo delle Net appliance: proporre un'architettura standard che possa essere adottata da tutti i produttori di dispositivi mobili. Stavolta le riuscirà il colpaccio?


Santa Clara (USA) – Intel ci riprova. Dopo aver standardizzato negli anni ’80 l’architettura dei personal computer “IBM compatibili”, il suo obiettivo è ora quello di conquistare il mercato delle Internet appliance.

A questo scopo, il chipmaker ha redatto una serie di specifiche che vanno sotto il nome di Personal Internet Client Architecture (PICA): queste contengono le linee guida a cui i produttori di appliance potranno fare riferimento per creare dispositivi che utilizzino hardware e software “Intel compatibile”.

Secondo Intel, i produttori che aderiranno al suo standard potranno risparmiare tempo e denaro contando su un’architettura già pronta, testata e in grado di supportare sempre più software.

Il fulcro della PICA saranno i processori Xscale, successori degli attuali StrongARM, capaci di fornire performance elevate pur consumando pochissima energia: il loro campo di applicazione prediletto comprende i telefoni cellulari, i PDA, gli hand held e, più in generale, tutte le Net appliance.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    AH AH AH :)
    Cito testualmente dall'articolo:--------------------------------------------------L'industria delle memorie spera in Whistler. Con l'uscita del sistemone di Microsoft, prevista per il tardo autunno, gli analisti prevedono infatti che la richiesta di moduli di memoria potrà nuovamente riprendere quota facendo tornare al profitto i chipmaker.--------------------------------------------------Come dire:Oh, Sublime Microsoft, aiutaci tu!Immetti sul mercato un nuovo sistemone operativo mangia-ram che costringa gli utenti a cacciar denari altrimenti siamo nella cacca!Un po'come fa la FIAT con le campagne di rottamazione per non essere "costretta" a mettere in cassa integrazione la gente :)Ahinoi
  • Anonimo scrive:
    arrivo ddr
    2°me è per il fatto che stannoa rrivando le nuove ram ddr sul mercatoche progressivamente spingono le ram classiche al ribasso.. fra 1 anno sarà inutile comprare le sdram
  • Anonimo scrive:
    Marche ram
    Se scegliete delle ram partite da samsung in su con moduli singoli da 256mb farete sicuramente un'affarone ora!!!!!
  • Anonimo scrive:
    E' vero !!!
    Proprio l'altro ieri ho acquistato, come privato e con scontrino fiscale, una schedina da 128Mb 133MHz a 105.000 lire !!!Se pensiamo ai prezzi di un anno fa...Incredibbele !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' vero !!!
      Che i prezzi siano in continuo calo è senza dubbio vero, però... attenti alle bufale!La RAM è uno dei compondenti alla cui qualità si tende a fare meno attenzione, cercando sempre l'affare.Per lo stesso tipo di modulo possono esserci oscillazioni (in base al produttore, confezionamento, stoccaggio, etc.) anche del 100%.Poichè basta un nulla a danneggiare un modulo, acquistate solo moduli in confezione singola e possibilmente di marca.Anche il 50% dei problemi di malfunzionamento di un PC possono derivare da RAM scadenti o difettose.
Chiudi i commenti