Intel infila Gigabit Ethernet in un solo chip

Per accelerare l'adozione delle reti Gigabit Ethernet Intel presenta nuove soluzioni su singolo chip rivolte anche ai desktop


San Francisco (USA) – Intel ha ieri annunciato tre prodotti basati su un singolo chip Gigabit Ethernet per PC desktop, workstation e server. I nuovi chip sono più piccoli del 45% e consumano meno energia dei prodotti precedenti.

La nuova famiglia di giga-chippetti include il primo controller con chip singolo dual-port progettato per consentire ai produttori di server di aggiungere due connessioni di rete Gigabit Ethernet nello spazio utilizzato finora per una connessione singola, e un controller Gigabit Ethernet con chip e porta singoli per workstation.

Intel ha poi annunciato il primo controller Gigabit Ethernet per PC desktop in grado, a suo dire, “di ridurre del 50% i costi di utilizzo delle connessioni Gigabit Ethernet”.

Secondo le analisi di Dell’Oro Group, il mercato Gigabit Ethernet è cresciuto del 30% nel quarto trimestre del 2001, e Intel si è confermato leader con una fetta di mercato del 60%.

“I PC e i server ad alte prestazioni richiedono connessioni di rete in grado soddisfare la domanda sempre crescente di servizi di rete e migliorare le performance delle applicazioni” ha detto Tim Dunn, general manager della divisione LAN Access di Intel. “I controller Intel sono ottimizzati per server, workstation e desktop, laddove performance, basso consumo e spazi ridotti costituiscono la priorità”.

La nuova famiglia di controller include Intel 82546EB Gigabit Ethernet, controller dual-port per server con un chip singolo, e Intel 82545EM Gigabit Ethernet, controller per workstation dotato di porta e chip singoli. Entrambi i controller supportano l’interfaccia bus PCI-X e le specifiche Alerting Standard Format 1.0 e SMBus 2.0 per una gestione avanzata dei server e delle workstation.

I controller sono offerti insieme al software Intel Advanced Network Services, una suite di tool integranti funzionalità fault tolerance, bilanciamento del carico e aggregazione dei link.

I nuovi controller saranno disponibili nel corso del 2002 per soluzioni embedded o adattatori di rete.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Intel dovrà attendere
    parecchio prima di riuscire a sfidare le CPU Risc, Sparc o Alpha (che per inciso nel 2004 andrà fuori produzione, sigh!).Potrà farlo veramente solo quando integrerà nei suoi chips tecnologie mutuate dal mondo Alpha, visto che ne ha acquistato i diritti.Ma il mercato saprà attendere?
    • Anonimo scrive:
      Meno di quanto pensi
      È bello vedere come c'è chi discute senza avermai visto uno strascivo di Benchmark!Se ne aveste visto qualcuno come me vedresteche le CPU IA64 sono competitive!Fors, anzi sicuramente risentono della novitàe sono poco supportate, ma le loro caratteristiche sono tutt'altro che di serie B!PS si le ALPHA era magnifiche cpu, eccoxche sono fiducioso che l'IA64 sarà un successo!Saluti!
      • Anonimo scrive:
        Re: Meno di quanto pensi
        Oggi non si può nemmeno lontanamente pensare che le CPU Intel competano con i Risc e le Sparc; è adirittura notizia riportata ieri da parte di PI che IBM spingerà le sue CPU oltre i 100 Ghz.Intel deve recuperare terreno, ma intanto gli altri che già si trovano avanti su questo terreno avanzano sempre di più.Sun ha annunciato qualche mese fà, il suo server con 76 CPU, sostenuto a pieno titolo da Solaris (Linux per es. su Sparc arrivs per ora a sostenere 56 CPU); altro grosso limite all'SMP dei processori IA64 sono gli o.s. che vi girano, attualmente non riuscirebbero a supportare (e parlo degli UNIX, windows non lo considero perchè non ancora pronto all'SMP vero ed a 64 bit) le teoriche 512 CPU del chipset Intel; mentre su altre architetture supportano anche 56, o più CPU come i BSD.Altro grosso scoglio è passare all'SMP vero, cioè quello in cui l'SMP è una parte del MMP (il grosso problema di windows che si affaccia ora su questa tecnologia, ed ha una architettura di base non ottimizzata per ciò), per questo Intel ha bisogno di Alpha.Ciò che invece si evince, è che nei processori IA, Intel ha perso un'altra sfida all'introduzione di un'innovazione: copia l'intuizione di AMD di creare processori ibridi; dopo essere stata battuta sui processori IA32 da AMD con l'Athlon, non ha avuto il primato di quest'intuizione.
  • Anonimo scrive:
    Chippone
    Vergogna!
  • Anonimo scrive:
    sfida?
    Ma quale sfida?Le CPU RISC sono gia' alla quarta generazione di 64bit. E Intel come le sfida? A colpi di marketing ...Su Intel inizio a pensarla come Scott Mc Nealy nella sua intervista a zdnet.com
    • Anonimo scrive:
      Re: sfida?
      Lo so, non e' la persona piu' simpatica della terra, lo so e' il concorrente piu' agguerrito rispetto al 64bit di Intel. Pero' leggere non fa mai male.Aggiungo l'URL.http://techupdate.zdnet.com/techupdate/stories/main/0,14179,2829098,00.html- Scritto da: Fred
      Ma quale sfida?
      Le CPU RISC sono gia' alla quarta
      generazione di 64bit. E Intel come le sfida?
      A colpi di marketing ...
      Su Intel inizio a pensarla come Scott Mc
      Nealy nella sua intervista a zdnet.com
Chiudi i commenti