Intel mostra il primo Xeon dual-core

Il chipmaker di Santa Clara ha tolto i veli a quello che sarà il primo Xeon a doppio core, un chip costruito con un processo a 65 nanometri che prenderà la via del mercato all'inizio del prossimo anno


Taipei (Taiwan) – Presso la fiera taiwanese Computex Intel ha mostrato per la prima volta l’imminente versione dual-core dello Xeon DP, nota con il nome in codice di Dempsey .

Dempsey arriverà sul mercato durante il primo trimestre del 2006 e sarà probabilmente il primo chip del colosso di Santa Clara ad essere prodotto con una tecnologia a 65 nanometri. Il processore sarà accompagnato dal chipset Blackford e, in accoppiata con questo, farà parte di un piattaforma dedicata alle workstation dual-core chiamata Glidewell .

Blackford supporterà frequenze di front-side bus fino a 1.066 MHz, controller Gigabit Ethernet, l’I/O Acceleration Technology e la Virtualisation Technology.

Nello stesso periodo Intel lancerà sul mercato anche Paxville , uno Xeon MP a doppio core derivato da Dempsey ma fabbricato con un processo a 90 nm. Il primo Xeon Mp a 65 nm sarà Whitefield , atteso sul mercato per il 2007.

Ieri Intel ha anche confermato l’imminente lancio delle prime versioni a 64 bit del Celeron D. Stando al chipmaker, la nuova generazione di chip entry-level sta arrivando sul mercato in grandi quantità proprio in questi giorni: si attende solo l’annuncio ufficiale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: XML serialization and deserializatio
    Che dire... mi sa che la Sun si incazza un pochino...java.beans.XMLEncoderjava.beans.XMLDecoderchi glielo dice all'ufficio brevetti americano che uso ste due classi da 5 anni e fanno esattamente quello che è scritto nel brevetto? puah... brevettare la Serializzazione... quante ne dovrò sentire prima di lasciare questa valle di lacrime!
  • Anonimo scrive:
    Brevettare non la parte ma il tutto!!!
    Per non limitare l'innovazione e lo sviluppo di nuove tecnologie hardware e software (anche se l'xml a mio avviso non è per niente una nuova tecnologia anzi riprende un pò quello che è il formato rtf per i Wordprocessor) bisognerebbe permettere il brevetto solo di cose complete cioè non la parte ma il tutto in ogni settore!!!
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno ha avuto un idea.
    Citare in giudizio gli uffici brevetti per farsi rimborsare le spese legali causate da brevetti che non avevano i requisiti per essere concessi, ma lo sono stati lo stesso perché esaminati in maniera superficiale e negligente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno ha avuto un idea.
      - Scritto da: Anonimo
      Citare in giudizio gli uffici brevetti per farsi
      rimborsare le spese legali causate da brevetti
      che non avevano i requisiti per essere concessi,
      ma lo sono stati lo stesso perché esaminati in
      maniera superficiale e negligente.Geniaaaleee! hai mai pensato di brevettarla? ;-)
  • Anonimo scrive:
    Contemporaneamente ...
    ... Microsoft annuncia:" ....A spokesVole (portavoce di Microsoft) said that XML will be the default file format for documents created in Word, Excel and PowerPoint, which will make it easier for other programs to read documents.....Vole plans to release the new Microsoft Office Open XML Formats royalty-free to encourage other companies to take it up..... "http://www.theinquirer.net/?article=23664Cosa vuol dire?Che MS si arrende all'evidenza degli standard (poco probabile) o che tutti potranno sì leggere i file XML ma potranno scriverli solo con MS Office?
    • Anonimo scrive:
      Re: Contemporaneamente ...
      Vediamo......detta così, e considerando la posizione di Microsoft, direi che punta a limitare quello che già altri stanno facendo (OpenOffice ad esempio?).Insomma, per dirla terra terra: "Io creo il mio nuovo standard, lo faccio usare senza royalty, così si diffonde, e chi ha già sviluppato uno standard simile, che si basa su XML, dovrà abbandonarlo, perché c'ho il brevetto."Microsoft: "Dove vuoi andare oggi? Non ti muovere o sparo!"
      • Anonimo scrive:
        Re: Contemporaneamente ...
        - Scritto da: Anonimo
        Vediamo...
        ...detta così, e considerando la posizione di
        Microsoft, direi che punta a limitare quello che
        già altri stanno facendo (OpenOffice ad
        esempio?).Non è che sia uno standard incredibile quello di OpenOffice, meglio se non diventa standard industriale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Contemporaneamente ...
      Che che la stiamo per piglia' un po' tutti nel...curucurucurucu fa il tacchino!
  • Anonimo scrive:
    IO rispondo!!
    Microsoft fa questo ?Io utilizzerò sempre meno microsoft!!E non sono solo io a pensarlo!
    • Anonimo scrive:
      Re: IO rispondo!!
      E tanto cosa cambia ?Il brevetto ce l'ha M$ e se per un qualche motivo sarà solo limitato al xml un giorno correggerà il tiro e lo estenderà a tutto il resto così potrai usare sempre meno M$ ma le pagherai sempre le royalties qualunque cosa userai
    • Anonimo scrive:
      Re: IO rispondo!!
      - Scritto da: Anonimo
      Microsoft fa questo ?
      Io utilizzerò sempre meno microsoft!!
      E non sono solo io a pensarlo!Siete 4 gatti
      • Anonimo scrive:
        Re: IO rispondo!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Microsoft fa questo ?

        Io utilizzerò sempre meno microsoft!!

        E non sono solo io a pensarlo!

        Siete 4 gattiAhahahSi si minimizza.Intanto io guardo gli annunci di lavoro nel settore informatico e quante volte viene nominato Linux tra le conoscenze richieste...
        • Anonimo scrive:
          Re: IO rispondo!!


          Siete 4 gatti

          Ahahah
          Si si minimizza.

          Intanto io guardo gli annunci di lavoro nel
          settore informatico e quante volte viene nominato
          Linux tra le conoscenze richieste...
          Quindi non è monopolista.
          • Anonimo scrive:
            Re: IO rispondo!!
            - Scritto da: Anonimo


            Siete 4 gatti

            Ahahah

            Si si minimizza.

            Intanto io guardo gli annunci di lavoro nel

            settore informatico e quante volte viene

            nominato

            Linux tra le conoscenze richieste...
            Quindi non è monopolista.C'e' un solo monopolista, ed e' Microsoft, come dichiarato dalla corte distrattuale del distetto della Columbia.Civil Action No. 98-1232 (TPJ)Civil Action No. 98-1233 (TPJ)
          • Anonimo scrive:
            Re: IO rispondo!!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo




            Siete 4 gatti


            Ahahah


            Si si minimizza.


            Intanto io guardo gli annunci di lavoro nel


            settore informatico e quante volte viene


            nominato


            Linux tra le conoscenze richieste...


            Quindi non è monopolista.

            C'e' un solo monopolista, ed e' Microsoft, come
            dichiarato dalla corte distrattuale del distetto
            della Columbia.

            Civil Action No. 98-1232 (TPJ)
            Civil Action No. 98-1233 (TPJ)
            Basta decidere se ms ha il monopolio o se linuxè diffusissimo. Tutte e due le cose assieme è dura.
          • Anonimo scrive:
            Re: IO rispondo!!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo






            Siete 4 gatti



            Ahahah



            Si si minimizza.



            Intanto io guardo gli annunci di lavoro nel



            settore informatico e quante volte viene



            nominato



            Linux tra le conoscenze richieste...




            Quindi non è monopolista.



            C'e' un solo monopolista, ed e' Microsoft, come

            dichiarato dalla corte distrattuale del distetto

            della Columbia.



            Civil Action No. 98-1232 (TPJ)

            Civil Action No. 98-1233 (TPJ)


            Basta decidere se ms ha il monopolio o se linux
            è diffusissimo. Tutte e due le cose assieme è
            dura.Linux è diffuso ma certamente non quanto Windows. Microsoft è monopolista. Linux è migliore di Windows. Full stop.
          • Anonimo scrive:
            Re: IO rispondo!!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo




            Siete 4 gatti


            Ahahah


            Si si minimizza.


            Intanto io guardo gli annunci di lavoro nel


            settore informatico e quante volte viene


            nominato


            Linux tra le conoscenze richieste...


            Quindi non è monopolista.

            C'e' un solo monopolista, ed e' Microsoft, come
            dichiarato dalla corte distrattuale del distetto
            della Columbia.

            Civil Action No. 98-1232 (TPJ)
            Civil Action No. 98-1233 (TPJ)A dire il vero anche Apple non se la cava male...
    • Anonimo scrive:
      Re: IO rispondo!!
      - Scritto da: Anonimo
      Microsoft fa questo ?
      Io utilizzerò sempre meno microsoft!!
      E non sono solo io a pensarlo!
      Di vivere SENZA microsoft non sei capace?
  • iced scrive:
    Morto un standard se ne fa un altro!
    Domanda da profano: ma non ci si può inventare un altro standard al posto dio XML?? Capisco che si stava cominciando a diffondere, ma non si può fare un XML2?? W3C potrebbe brevettarlo e concederlo in GPL...Che ne dite?ciao, iced
    • Anonimo scrive:
      Re: Morto un standard se ne fa un altro!
      - Scritto da: iced
      Domanda da profano: ma non ci si può inventare un
      altro standard al posto dio XML?? Capisco che si
      stava cominciando a diffondere, ma non si può
      fare un XML2?? W3C potrebbe brevettarlo e
      concederlo in GPL...

      Che ne dite?Perché lo standard non lo fai tu? Non è così semplice: devi convincere gli altri ad usarlo. Molti scrivono testi usando il formato DOC, quello di word, perché non l'RTF? Perché lo 'standard' della musica online è l'MP3 e non il più libero OGG? Perché ci sono più GIF che PNG in giro per la rete?Per l'XML il problema è ancora più vasto: cambiare standard richiederebbe la riscrittura da zero o quasi di molti siti web, di molte applicazioni correlate...E poi anche se il w3c brevettasse lo standard da mantenere sotto gpl chi mi dice che MS non tiri fuori dal cilindro un brevettino preesistente su una parte delle specifiche di quel formato? Il sistema dei brevetti è profondamente sbagliato. E' inutile combattere ora questo ora quel brevetto scomodo: devono essere bloccati tutti, la direttiva EU deve essere bloccata
    • DKDIB scrive:
      Re: Morto un standard se ne fa un altro!
      Iced also wrote:
      [...] non si può fare un XML2??XML e' acqua calda (in effetti qualcuno aveva pronostica to che prima o poi sarebbe stata brevettata...... :().Inventarsi un altro standard altrettanto semplice non e' cosa da poco.==================================Modificato dall'autore il 03/06/2005 16.40.16
  • Anonimo scrive:
    Addio Rss :'(
    Ero rimasto affascinato in passato dalla tecnologia degli xml e alla flessibilità di tale standard che alla fine ho implementato i feed e altre cose ovunque .E ora questa notizia è stata un calcio nelle 00
  • Anonimo scrive:
    A rischio l'utilizzo di Web Services?
    Se non sbaglio la tecnica dei Web Services (tramite WSDL) funzionano proprio così... o sbaglio?
    • Anonimo scrive:
      Re: A rischio l'utilizzo di Web Services
      no, non sbagli.
    • francescor82 scrive:
      Re: A rischio l'utilizzo di Web Services?

      Se non sbaglio la tecnica dei Web Services
      (tramite WSDL) funzionano proprio così... o
      sbaglio?Non solo WSDL ma anche SOAP, che infatti serve proprio per descrivere oggetti e funzioni tramite XML e viceversa.
      • Anonimo scrive:
        Re: A rischio l'utilizzo di Web Services
        No, il meccanismo descritto nel brevetto parla di serializzazione di oggetti in xml utilizzando un linguaggio di annotazioni ed uno schema. Gli ws non c'entrano nulla, mentre c'entrerebbe tutto quanto ha a che fare con il mapping. Solo nel mondo java ci sono almeno una decina di sw con queste caratteristiche... (prior-art?)fra l'altro non è chiaro se xml sia vincolante, (dall'abstract del brevetto*sembra* di no) potrebbe anche influire su QUALSIASI mapping...
        • Anonimo scrive:
          Re: A rischio l'utilizzo di Web Services
          esatto! Se leggi le ultime 2 righe del brevetto per me ti viene l'orticaria:"While the invention has been described with respect to specific examples including presently preferred modes of carrying out the invention, those skilled in the art will appreciate that there are numerous variations and permutations of the above described systems and techniques that fall within the spirit and scope of the invention as set forth in the appended claims. "sottolineo: "those skilled in the art will appreciate that there are numerous variations and permutations of the above described systems" come dire... chi ci capisce qualcosa (n.d.r non certo quelli dell'ufficio brevetti americano) capirà certamente che abbiamo brevettato ogni forma possibile di conversione di informazione da strutturata a seriale... che dire? Chessmate! Oltre il danno pure la beffa... e qualcuno li difende pure! Ma andate aff!!!!
  • Anonimo scrive:
    E intanto...
    ...mentre perdiamo tempo ad accusare M$ per ogni cosa, in silenzio altre grandi aziende americane brevettano l'impossibile (tra cui il carrello elettronico, il menu a tendina...)! E così non facciamo altro che il loro gioco... :s
    • Anonimo scrive:
      Re: E intanto...
      - Scritto da: Anonimo
      ...mentre perdiamo tempo ad accusare M$ACCUSARE? Dunque sono polemiche infondate, secondo te?
      per ogni cosa, in silenzio altre grandi aziende americane
      brevettano l'impossibile (tra cui il carrello
      elettronico, il menu a tendina...)! E così non
      facciamo altro che il loro gioco... :sAllora non dovremmo criticare nessuno?
    • Anonimo scrive:
      Re: E intanto...
      Non ti preoccupare...noi facciamo solo siti internet e nessuno ha interesse a impedircelo oppure addio oracle, J2EE,ec..
  • Anonimo scrive:
    E intanto .....
    Ci sono portali Italiani come che fa pubblicita pro brevetti, ed invia email ai propri iscritti che convincerliche brevettare e bello.Che schifo
    • Anonimo scrive:
      Re: E intanto .....
      non ho potuto dire il nome del portale perche' se lo scrivoil messaggio non puo' essere salvato !!!!!!PI - sta filtrando i messaggi !!!!!!PI sta censurando !!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: E intanto .....
        Il portale e' : k*y4b*z.itvediamo se lo prende cosi ....
        • Anonimo scrive:
          Re: E intanto .....
          Provare per credere , il nome completo scritto nel messaggio ne impedisce il salvataggio !!!!Incredibile !!
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            - Scritto da: Anonimo
            Provare per credere , il nome completo scritto
            nel messaggio ne impedisce il salvataggio !!!!

            Incredibile !!hardwareupgrade.it
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            Confermo per chiforbits
        • Anonimo scrive:
          Re: E intanto .....
          key 4 biz
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            http://www.key 4 biz.it/
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            - Scritto da: Anonimo
            http://www.key 4 biz.it/servi del potere
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            http://www.key 4 biz.it/

            servi del poterepensa te... e si battono pure per difendere la proposta europea, per difendere i brevetti.. che str**ziinoltre la redazione potrebbe spiegare perche' se si scrive l'URL www.key 4 biz.it (spazi esclusi) si ottiene il seguente (e finto) messaggio d'errore"Il commento non è stato salvato a causa del seguente problema:# Non è al momento possibile salvare. Riprovare più tardi. Grazie."Alberto
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            - Scritto da: Anonimo
            inoltre la redazione potrebbe spiegare perche' se
            si scrive l'URL www.key 4 biz.it (spazi esclusi)Non serve neanche mettere il www.
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            E neanche il .it per la cronaca- Scritto da: Anonimo

            inoltre la redazione potrebbe spiegare perche' se

            si scrive l'URL www.key 4 biz.it (spazi esclusi)

            Non serve neanche mettere il www.
          • Anonimo scrive:
            Re: E intanto .....
            key4bits.it
    • Anonimo scrive:
      Re: E intanto .....
      - Scritto da: Anonimo
      Ci sono portali Italiani come che fa pubblicita
      pro brevetti, ed invia email ai propri iscritti
      che convincerli
      che brevettare e bello.

      Che schifoci si potrebbe mettere d'accordo per un bel DoS su questi siti benpensanti p)Alberto
  • FDG scrive:
    Tecnicamente parlando...
    Intanto voglio cercare di capire in dettaglio il contenuto del brevetto.Non l'ho letto per intero (non ho il tempo e non ho voglia), ma dall'abstract si capisce che si parla di metodi di mappatura tra oggetti e schemi XML definita attraverso annotazioni nel sorgente, non di mappatura e conversione in generale. Ovvero, correggetemi se sbaglio, quando si scrive la classe si dice anche come viene mappata in schemi XML. E' un po diverso dal caso in cui questa corrispondenza viene realizzata in runtime attraverso descrizioni esterne esplicite od implicite. E comunque, per fortuna, non si parla di mappatura in generale, altrimenti sarebbe veramente peggio di quel che è.Al di la che a questa "genialata" ci può arrivare chiunque e che la fatica reale sta nel mettere in pratica l'idea, ovvero nello scrivere il codice, in realtà questa è una tecnica già utilizzata regolarmente. Volete un esempio? Lo si può fare mettendo nei sorgenti java dei tag xdoclet validi per un jdo che supporti xml. Ovvero, mentre scrivi il codice della classe descrivi pure la mappatura con gli schemi XML. A volte può essere utile e comodo da fare, a volte è meglio tenere questa mappatura fuori dal sorgente.Comunque, mi ripeto, sottolineo che la fatica non sta nell'arrivare a questa idea (chiunque ci può arrivare), ma nel metterla in pratica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tecnicamente parlando...
      ...
      Comunque, mi ripeto, sottolineo che la fatica non
      sta nell'arrivare a questa idea (chiunque ci può
      arrivare), ma nel metterla in pratica.ok, me se e' lecito brevettare l'idea.... non vince chi e' piu' furbo, ma chi ha piu' soldi
      • FDG scrive:
        Re: Tecnicamente parlando...
        - Scritto da: Anonimo
        ...

        Comunque, mi ripeto, sottolineo che la fatica non

        sta nell'arrivare a questa idea (chiunque ci può

        arrivare), ma nel metterla in pratica.

        ok, me se e' lecito brevettare l'idea.... non
        vince chi e' piu' furbo, ma chi ha piu' soldiMetterla in pratica un'idea per me vuol dire scrivere il codice. Spero di essermi spiegato meglio.==================================Modificato dall'autore il 01/06/2005 16.12.02
    • francescor82 scrive:
      Re: Tecnicamente parlando...

      Comunque, mi ripeto, sottolineo che la fatica non
      sta nell'arrivare a questa idea (chiunque ci può
      arrivare), ma nel metterla in pratica.GSoap, un tool per la creazione di Web Service in C e C++, fa proprio questo: elabora l'interfaccia degli oggetti (o le semplici funzioni se è C) a partire dai file .h e crea delle classi stub che vengono usate per la connessione al Web Service, e tali classi poi generano il codice XML usato nel protocollo SOAP (quello usato nella comunicazione tra Web Service).Ho usato GSoap già l'anno scorso, proprio in questo periodo.==================================Modificato dall'autore il 01/06/2005 16.50.08
      • Anonimo scrive:
        Re: Tecnicamente parlando...
        - Scritto da: francescor82

        Comunque, mi ripeto, sottolineo che la fatica
        non

        sta nell'arrivare a questa idea (chiunque ci può

        arrivare), ma nel metterla in pratica.

        GSoap, un tool per la creazione di Web Service in
        C e C++, fa proprio questo: elabora l'interfaccia
        degli oggetti (o le semplici funzioni se è C) a
        partire dai file .h e crea delle classi stub che
        vengono usate per la connessione al Web Service,
        e tali classi poi generano il codice XML usato
        nel protocollo SOAP (quello usato nella
        comunicazione tra Web Service).
        Ho usato GSoap già l'anno scorso, proprio in
        questo periodo.

        ==================================
        Modificato dall'autore il 01/06/2005 16.50.08Praticamente tutto il framework Microsoft funziona cosi... chi vuole intendere intenda!
        • FDG scrive:
          Re: Tecnicamente parlando...
          - Scritto da: Anonimo
          Praticamente tutto il framework Microsoft
          funziona cosi... chi vuole intendere intenda!Appunto. Temo però che l'obiettivo non sia Sun o qualsiasi altra azienda con un portafoglio brevetti degno di nota, ma...Comletate voi la frase :)
  • Anonimo scrive:
    Ribellione di massa
    Che sogno: milioni e milioni di sviluppatori ad usare XML a raffica.Vediamo come fa la M$ a perseguire nmila cause di risarcimento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ribellione di massa

      Che sogno: milioni e milioni di sviluppatori ad
      usare XML a raffica.
      Vediamo come fa la M$ a perseguire nmila cause di
      risarcimento.con nmila avvocati.
  • Anonimo scrive:
    OpenOffice .....
    Il brevetto M$, sembra fatto apposta per colpireil formato di memorizzazione dei documenti di OpenOffice.
    • Anonimo scrive:
      Re: OpenOffice .....
      - Scritto da: Anonimo
      Il brevetto M$, sembra fatto apposta per colpire
      il formato di memorizzazione dei documenti di
      OpenOffice.
      Il quale formato è appena stato definito come standard, quindi penso che M$ si possa attaccare tranquillamente al tram...
      • Anonimo scrive:
        Re: OpenOffice .....
        - Scritto da: Anonimo

        Il quale formato è appena stato definito come
        standard, quindi penso che M$ si possa attaccare
        tranquillamente al tram...Anche uno standard può essere soggetto a royalties.
    • Anonimo scrive:
      Re: OpenOffice .....
      - Scritto da: Anonimo
      Il brevetto M$, sembra fatto apposta per colpire
      il formato di memorizzazione dei documenti di
      OpenOffice.Stavo pensando proprio la stessa cosa, visto l'imminente rilascio di OpenOffice 2.0 definitivo (non beta), che ha migliorato in maniera sensibile la sua compatibilità con i documenti prodotti da Microsoft Office.Evidentemente i miglioramenti della suite open source sono tali da aver indotto la Microsoft a giocare "sporco" pur di fermare un prodotto GRATUITO che potrebbe alla lunga stroncargli uno dei suoi principali mercati...
      • Anonimo scrive:
        Re: OpenOffice .....
        Open office non può essere attaccato, in quanto nell' accordo SUN - M$, la SUN può fare uso di queste tecnologie, Star-Office e Open-Office hanno un bollino SUN.Per una volta questi accrodi dovrebbero proteggere i nostri interessi di consumatori
        • Anonimo scrive:
          Re: OpenOffice .....

          Open office non può essere attaccato, in quanto
          nell' accordo SUN - M$, la SUN può fare uso di
          queste tecnologie, Star-Office e Open-Office
          hanno un bollino SUN.
          Per una volta questi accrodi dovrebbero
          proteggere i nostri interessi di consumatoriprotegge staroffice, mica openoffice... sono stati criticati apposta per questo quegli accordi...
    • Anonimo scrive:
      Re: OpenOffice .....
      - Scritto da: Anonimo
      Il brevetto M$, sembra fatto apposta per colpire
      il formato di memorizzazione dei documenti di
      OpenOffice.In effetti è stato richiesto proprio quando Open Office aveva cominciato a farsi vedere (dopo la 643).
  • Anonimo scrive:
    Prior art: WDDX
    Qualcunbo ha i soldi per portare Micro$oz in tribunale ?Io ho l'esempio di prior art: WDDX (Web Distributed Data Exchange)http://www.openwddx.orgin PHP da sempre è possibile serializzare oggetti in XML (come ad esempio la sessione).
  • Anonimo scrive:
    Come sempre...
    Il brevetto fa male a chi non ce l'ha (e arriva secondo)...
    • Riot scrive:
      Re: Come sempre...

      Il brevetto fa male a chi non ce l'ha (e arriva
      secondo)...Cioè non hai capito nulla, vero?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come sempre...
      - Scritto da: Anonimo
      Il brevetto fa male a chi non ce l'ha (e arriva
      secondo)...m$ in questo caso arriva seconda allora, in quanto possiamo parlare tranquillamente di prior art. Arriva prima sicuramente solo su una cosa: le cause in tribunale
  • Anonimo scrive:
    Perdiamo tempo
    a scrivere e bla bla bla....fasciamoci la testa quando sarà il momento, di brevetti ne esistono a milioni e molti sono della IBM, però si sa, MS è il DIAVOLO!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Perdiamo tempo
      beh testa di pino...per ora il problema e' M$ quando sara' IBM se ne parlera'..
      • Anonimo scrive:
        Re: Perdiamo tempo
        - Scritto da: Anonimo
        beh testa di pino...
        per ora il problema e' M$ quando sara' IBM se ne
        parlera'..M$ è il cancro, e come tale va estirpato con potenti dosi di radiazioni...
      • Anonimo scrive:
        Re: Perdiamo tempo
        - Scritto da: Anonimo
        beh testa di pino...
        per ora il problema e' M$ quando sara' IBM se ne
        parlera'..E no caro, IBM ne ha di più cruciali di MS, quando MS inizierà a chiedere rooyaltyes ne parleremo ma per adesso sei solo un represso in cerca di sfogo,ciao testa di olmo
        • Anonimo scrive:
          Re: Perdiamo tempo
          - Scritto da: Anonimo

          beh testa di pino...

          per ora il problema e' M$ quando sara' IBM se ne

          parlera'..

          E no caro, IBM ne ha di più cruciali di MS,Cioè
        • Anonimo scrive:
          Re: Perdiamo tempo

          E no caro, IBM ne ha di più cruciali di MS,
          quando MS inizierà a chiedere rooyaltyes ne
          parleremo ma per adesso sei solo un represso in
          cerca di sfogo,Anche mio nonno ha una pistola, ma mi preoccupo di più dei criminali che la utilizzano da anni per derubare la gente.Non posso preoccuparmi del mondo intero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perdiamo tempo
            - Scritto da: Anonimo

            E no caro, IBM ne ha di più cruciali di MS,

            quando MS inizierà a chiedere rooyaltyes ne

            parleremo ma per adesso sei solo un represso in

            cerca di sfogo,
            Anche mio nonno ha una pistola, ma mi preoccupo
            di più dei criminali che la utilizzano da anni
            per derubare la gente.
            Non posso preoccuparmi del mondo intero.IBM e l'olocausto, informati
  • Anonimo scrive:
    Ho brevettato "il budello di tu ma"....
    pero'...."vestito da pirata".........perche' la classica espressione gergale "il budello di tu ma'" e' coperta da prior act livornese.......P.s. Un consiglio a m$ perche' nn brevetta anche la parola "finestre" in italiano....visto le "innovazioni" che hanno il coraggio di brevettare potrebbero tranquillamente fare anche questo.......M$.......Your money.....our passion!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho brevettato "il budello di tu ma".
      fanno vomitare!quasi come La Loggia ieri sera a Ballarò...comunque io sapevo che avevano richiesto il brevetto sul "boia deh"!io non sono un programmatore coi controcazzi, qualcuno mi sa spiegare quali possono essere gli effetti di questo brevetto per il mondo open source?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho brevettato "il budello di tu ma".
        Lo stai chiedendo nel posto giusto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho brevettato "il budello di tu ma".
        Lo stai chiedendo nel posto giusto.io non lo so...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho brevettato "il budello di tu ma".
          - Scritto da: Anonimo
          Lo stai chiedendo nel posto giusto.

          io non lo so...Drammatici,dovremmo trovare un sostituto di XMLmodificando tutte le applicazioni che lo usano.OpenOffice per primo ... ma forse e proprioquesto che vuole colpire M$.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho brevettato "il budello di tu ma".
        - Scritto da: Anonimo
        fanno vomitare!
        quasi come La Loggia ieri sera a Ballarò...

        comunque io sapevo che avevano richiesto il
        brevetto sul "boia deh"!

        io non sono un programmatore coi controcazzi,
        qualcuno mi sa spiegare quali possono essere gli
        effetti di questo brevetto per il mondo open
        source?Se non ho capito male, anche XML-RPC e' in pericolo.In pratica: tramite rete vengono chiamate delle funzioni su un'altra macchina. Parametri e valore di ritorno sono oggetti che vengono descritti in XML e spediti via httpLa cosa terrificante e' che per svolgere i loro compiti i pc in rete e' quantomeno PLAUSIBILE che debbano scambiarti i dati no ?Siccome non possono spedirsi i chip di memoria, una "serializzazzione" e' necessaria.esiste XML ? e' un buono standard ?ok, usiamolo.e invece NO !E' abominevole ... e' come brevettare lo "scambio di numeri di telefono tramite lingua italiana".
  • Anonimo scrive:
    prior art
    Non penso reggerà alla prova di un tribunale.Esistono sicuramente già applicazioni che descrivono un oggetto in XML.Anche il buon vecchio VRML in fondo non è che una descrizione di oggetti in un formato XML.
    • TPK scrive:
      Re: prior art
      - Scritto da: Anonimo
      Chiaramente
      se io invento una lampadina l'esaminatore subito
      mi sgamaMica sempre...http://punto-informatico.it/p.asp?i=36679 Un australiano detiene oggi il brevetto su un "device circolare che facilita il trasporto", cioè sulla ruota.
      • Anonimo scrive:
        Re: prior art
        beh, se ne è fatta di strada dal 2001 :D
      • Anonimo scrive:
        Re: prior art
        - Scritto da: TPK

        Chiaramente

        se io invento una lampadina l'esaminatore subito

        mi sgama

        Mica sempre...
        http://punto-informatico.it/p.asp?i=36679
        Un australiano detiene oggi il brevetto su un
        "device circolare che facilita il trasporto",
        cioè sulla ruota.Infatti probabilmente non esistono brevetti precedenti riguardo alla ruota... :(
    • Anonimo scrive:
      prior art: è un trucco il loro
      Bhè, un brevetto, alla data non è molto di più di una dichiarazione spontanea davanti a un notaio.Se tu dimostri che c'è priorart, chiunque tu sia, quella è carta straccia. Non mi spaventerei molto quindi di questo brevetto, ne hanno di peggio se vai a vedere su uspto.Per cosa credete che MS non chieda royalties a destra e a manca ma solo in qualche sporadico caso ? Lo sapete che sono più le royalties che paga che quelle che riceve ? Ma Bill è così stupido ? mmm...I loro brevetti, che solitamente sono ben fatti, in moltissimi casi da me analizzati (e non solo da me) sono in piena prior art.La loro è una strategia, che tutto sommato gli costa moooolto poco ma che fa tanta confusione: intasa l'uff brevetti che così glieli concede quasi d'ufficio e senza molte verifiche, poi se gli va bene ci faranno qualche soldo. Finora non ha pagato molto come tattica, è una brutta copia di quella attuata da IBM in passato.Giuseppe Z.
      • Anonimo scrive:
        Re: prior art: è un trucco il loro
        Specialmente, mi sembra di capire, i brevetti siano usati per avere maggior potere contrattuale, anche al fine di raggiungere degli accordi commerciali la cui natura, magari, nulla ha a che vedere con eventuali causeche dei soggetti si stanno facendo da anni in tribunale.
    • VDM scrive:
      Re: prior art

      Io poi ho notato una cosa, dato che sono anch'io
      in attesa di brevetto per una mia invenzione, la
      prior art considerata è per la maggior parte
      quella dei brevetti precedenti.... ovvero sembra
      - può darsi che mi sbagli - che sia considerata e
      fatta la ricerca di anteriorità solo sui brevetti
      esistenti.... mentre esiste un sacco di prior art
      che non è brevettata perchè di pubblico dominio o
      inbrevettabile..... o perchè ampiamentese è "pubblicata", per esempio in articolo scientifico, software, libro, cose così, è prior art. Tanto che pubblicando un articolo prima della presentazione del brevetto si perde la brevettabilità.
    • Anonimo scrive:
      Re: prior art
      - Scritto da: Anonimo
      Non penso reggerà alla prova di un tribunale.

      Esistono sicuramente già applicazioni che
      descrivono un oggetto in XML.

      Anche il buon vecchio VRML in fondo non è che una
      descrizione di oggetti in un formato XML.Tutto vero. Peccato che per arrivare a spodestargli il brevetto, per quanto sia scontato farcela, ti costerà circa 100 milioni delle vecchie liruzze... 50 mila euro insomma....chi le paga? tu?Inoltre, fintanto che il giudice non decide (anni!) il brevetto è sempre LORO e sappiamo bene che con l'informatica l'"oggi è già ieri"... figurati ANNI.
      • Anonimo scrive:
        Re: prior art
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Non penso reggerà alla prova di un tribunale.



        Esistono sicuramente già applicazioni che

        descrivono un oggetto in XML.



        Anche il buon vecchio VRML in fondo non è che
        una

        descrizione di oggetti in un formato XML.


        Tutto vero. Peccato che per arrivare a
        spodestargli il brevetto, per quanto sia scontato
        farcela, ti costerà circa 100 milioni delle
        vecchie liruzze... 50 mila euro insomma....

        chi le paga? tu?

        Inoltre, fintanto che il giudice non decide
        (anni!) il brevetto è sempre LORO e sappiamo bene
        che con l'informatica l'"oggi è già ieri"...
        figurati ANNI.Bisogna cambiare strategia: per il futuro, dichiarare nella documentazione, negli annunci e nel programma stesso, nelle voci di menu di documentazione in linea, la prior art utilizzata, già potrebbe scoraggiare gli avvoltoi del brevetto meno determinati, sapendo che il loro prezioso brevetto fasullo spennapolli potrebbe rimettercele lui le penne in tribunale.Per i programmi in cui non lo si è fatto e comunque, nel caso si vada lo stesso in tribunale, se l'avvoltoio ottenesse un sequestro cautelativo, fare di tutto per ottenere un dissequestro d'urgenza, motivandolo col fatto che il programma non si basa sul brevetto in questione, ma su prior art documentata: nei paesi anglosassoni si creerebbe un precedente giuridico, a tutto vantaggio delle piccole aziende che dovessero difendersi in futuro.
  • Anonimo scrive:
    Purtroppo...
    ...temo sia come con i bambini: hai voglia a spiegargli che non si tocca perché brucia. Prima devono scottarsi, poi imparano, a loro spese, che effettivamente era vero: bruciava.Certo ci si aspetterebbero da della gente adulta cose più sensate, ma purtroppo questo non avviene: è sotto gli occhi di tutti.Si è imposta negli Stati Uniti, e si sta tentando di imporre in Europa, una normativa che pubblicizzata come "normativa necessaria" per proteggere i più piccoli del settore informatico, non potrà invece che rivelarsi per quello che è: una legge richiesta da chi nel mercato informatico detenendo una posizione dominante, non ha alcuna intenzione di cedere tale posizione.Ovviamente, il non voler cedere la propria posizione, anche se conquistata, in alcuni casi, con mezzi tutt'altro che cristalini, di per se è un atteggiamento tutt'altro che negativo, in un libero mercato, in cui le regole dell'economia stabiliscono chi sta su e chi no.Ma qui invece si è palesemente scelto di cambiare le regole del gioco, dettandone di nuove che favoriscono sempre e solo i soliti noti.Insomma: "La palla è mia ed io decido come si gioca e chi gioca!". Come i bambini.Solo che questi "bambini" giocano facendo muovere miliardi, giocano con le nostre vite e con le nostre libertà (perché oggi gli fa comodo una normativa sui brevetti, domani magari gli serve un lasciapassare per spiarci, tanto se non hai nulla da nascondere..., e poi bisogna combattere i terroristi ed i pedofili), giocano con noi, non assieme a noi.Domandatevi: oggi che peso ha il cittadino/consumatore in questo libero mercato?Io la mia risposta me la sono data: "Nessuno!". E' solo un bersaglio per la pubblicità, un numero nei sondaggi pre-elettorali, e possibilmente una voce di entrate per le imprese. Una specie di pollo in batteria, che invece di sfornare uova, spende e vota.Forse anche oggi sono pessimista. Magari è colpa del caldo e dell'insonnia conseguente delle ultime due notti. Quindi spero che il tempo mi dia torto. Però non posso fare a meno di notare che ogni giorno che passa, un nuovo pezzetto di libertà, un ennesimo frammento di conoscenza, un ulteriore brandello di dignità umana diviene "proprietà privata".Aggiornamento: manco ho fatto in tempo a profetizzare che già si sono messi al lavoro http://tecnologia.tiscali.it/articoli/2005/maggio/rdif_america_dice_si.htmlForse già mi spiano :|==================================Modificato dall'autore il 01/06/2005 0.31.04
    • TPK scrive:
      Re: Purtroppo...
      - Scritto da: alex++
      Ma qui invece si è palesemente scelto di cambiare
      le regole del gioco, dettandone di nuove che
      favoriscono sempre e solo i soliti noti.Hanno semplicemente deciso di cambiare il modo con cui far girare i soldi: da ricerca/produzione/vendita a brevetti/cause.Pare che a loro vada bene (oggi X fa causa a Y, poi Y a Z ed infine Z ad X che poi viene acquisito da Y... nel frattempo il valore delle azioni va su, giu'...)
      Domandatevi: oggi che peso ha il
      cittadino/consumatore in questo libero mercato?
      Io la mia risposta me la sono data: "Nessuno!".
      E' solo un bersaglio per la pubblicità, un numero
      nei sondaggi pre-elettorali, e possibilmente una
      voce di entrate per le imprese. Una specie di
      pollo in batteria, che invece di sfornare uova,
      spende e vota.A qualcuno l'hanno chiesto domenica, e ad altri lo stanno chiedendo oggi. Domenica hanno avuto come risposta un bel vaffa... , come probabilmente anche oggi...
  • Anonimo scrive:
    In pratica
    si tratta di una serializzazione di oggetti che ha come output l'xml... è questo sarebbe un brevetto? :s:s:s:s:sDove sarebbe l'innovazione?
    • Anonimo scrive:
      Re: In pratica
      che 'e di proprieta' m$
      • EffeElle scrive:
        Re: In pratica
        - Scritto da: Anonimo
        che 'e di proprieta' m$Sono pazzi a concedere un brevetto del genere. Da qui a brevettare l'atto di respirare non ce ne passa molto, vedano un po' loro se tra qualche decennio dovremo chiedere il permesso a qualcuno per poter vivere.
        • Anonimo scrive:
          Re: In pratica
          - Scritto da: EffeElle

          - Scritto da: Anonimo

          che 'e di proprieta' m$

          Sono pazzi a concedere un brevetto del genere. Da
          qui a brevettare l'atto di respirare non ce ne
          passa molto, vedano un po' loro se tra qualche
          decennio dovremo chiedere il permesso a qualcuno
          per poter vivere.No, loro non sono pazzi ma furbi.Siamo noi i pazzi ad accettare regole del genere.
  • Anonimo scrive:
    Giu le mani da XML!
    Se impastrocchiano XML con i brevetti, fermano tutto il mondo dei web service, dello scambio di dati multipiattaforma, di molti standard.Il peggior incubo che potrebbe prospettarsi sarebbe quello di avere il MS-XML, l'XML di quest'altro vendor, etc... insomma andiamo indietro.Adesso qualcuno di favorevole ai brevetti mi deve dire qual'è la grande protezione della proprieta' intellettuale di cui vanno cianciando.Brevettare L'IDEA di convertire dati in xml è pazzesco!
    • zufulu scrive:
      Re: Giu le mani da XML!
      - Scritto da: Anonimo
      Se impastrocchiano XML con i brevetti, fermano
      tutto il mondo dei web service, dello scambio di
      dati multipiattaforma, di molti standard.

      Il peggior incubo che potrebbe prospettarsi
      sarebbe quello di avere il MS-XML, l'XML di
      quest'altro vendor, etc... insomma andiamo
      indietro.

      Adesso qualcuno di favorevole ai brevetti mi deve
      dire qual'è la grande protezione della proprieta'
      intellettuale di cui vanno cianciando.

      Brevettare L'IDEA di convertire dati in xml è
      pazzesco!infatti!!! stanno brevettando le idee!! non si possono brevettare le IDEE!! milioni di blog e siti di notizie che usano RSS non potranno poiù esistere, dovremo ritornare ai TXT!!! fermiamoli!http://siodemki.com/images/Banana-En-Sticker-150x150.pnghttp://katapekkia.altervista.org/==================================Modificato dall'autore il 01/06/2005 9.45.06
    • Guybrush scrive:
      Re: Giu le mani da XML!
      ...ha lo stesso senso dell'idea del doppio click, dell'idea della barra di avanzamento, dell'idea dell'istruzione condizionale (no, la IF non e' stata ancora brevettata, credo), dell'idea del compilatore... ecc... ecc... ecc...
      GT
    • awerellwv scrive:
      Re: Giu le mani da XML!
      Sai com'è... In ms hanno scoperto un gravissimo Bug sull'XML: Che non l'avevano fatto loro!!! (Davide Bianchi docet)
    • Anonimo scrive:
      Re: Giu le mani da XML!

      Adesso qualcuno di favorevole ai brevetti mi deve
      dire qual'è la grande protezione della proprieta'
      intellettuale di cui vanno cianciando.
      inutile, deii saccentoni ultra liberisti che hanno inzozzato il forum negli ultimi giorni dicendo che "i brevetti proteggono", "i brevetto sono un bene" "i brevetti ci salveranno"... non ti risponderà NESSUNO , e sai perchè ? semplice, devono diffondere una idea (maligna), da qualche parte attechirà... e sono pagati per farlo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Giu le mani da XML!
      - Scritto da: Anonimo
      Se impastrocchiano XML con i brevetti, fermano
      tutto il mondo dei web service, dello scambio di
      dati multipiattaforma, di molti standard.

      Il peggior incubo che potrebbe prospettarsi
      sarebbe quello di avere il MS-XML, l'XML di
      quest'altro vendor, etc... insomma andiamo
      indietro.
      Chiedilo a chi li accetta da IBM 500 alla volta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Giu le mani da XML!
        - Scritto da: Anonimo
        Chiedilo a chi li accetta da IBM 500 alla volta.Mi avete sonoramente stufato voi altro che "guarda che IBM ha più brevetti di MS"Si, si, si! Anche IBM è uno schifo! E anche IBM diventa pericolosa, nel momento in cui brevetta idee e concetti che sono alla base di quasi tutte le applicazioni.Ora possiamo mettere da parte le bambinate MS-Linux?
        • Anonimo scrive:
          Re: Giu le mani da XML!
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Chiedilo a chi li accetta da IBM 500 alla volta.

          Mi avete sonoramente stufato voi altro che
          "guarda che IBM ha più brevetti di MS"

          Si, si, si! Anche IBM è uno schifo! E anche IBM
          diventa pericolosa, nel momento in cui brevetta
          idee e concetti che sono alla base di quasi tutte
          le applicazioni.

          Ora possiamo mettere da parte le bambinate
          MS-Linux?
          Evitare di nominarli era troppo difficile?
  • Anonimo scrive:
    Non sarebbe proibito?
    Mi pare di aver letto (non mi ricordo dove, forse qui a PI)che non e' permesso brevettare cio' che viene gia' largamente usato.Altrimenti si potebbe brevetare il meccanismo che converte un liguaggio ad alto livello in linguaggio macchina!!:'(Cmq anche il mio prof. al'uni ci ha detto chiaramente che i brevetti sono una str.....ata.
    • Riot scrive:
      Re: Non sarebbe proibito?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi pare di aver letto (non mi ricordo dove, forse
      qui a PI)
      che non e' permesso brevettare cio' che viene
      gia' largamente usato.Infatti, si chiama prior art, non conosco il termine in italiano.In pratica se una cosa è già stata abbondantemente utilizzata in passato non può essere brevettata, la ruota ad esempio.Purtroppo all'ufficio brevetti USA sembra che i responsabili siano:1) oberati di lavoro2) incapaci3) corrotti4) tutte queste cose.e quindi vengono concessi un'infinità di brevetti anche su cose per cui esiste prior art.
      Cmq anche il mio prof. al'uni ci ha detto
      chiaramente che i brevetti sono una str.....ata.Non sono una str.....ata, sono gli ultimi tentativi di un capitalismo che punta alla privatizzazione degli utili ed alla collettivizzazione dei costi di sopravvivere a se stesso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sarebbe proibito?
        Mi spiace per te ma la ruota l'hanno già brevettata: http://punto-informatico.it/p.asp?i=36679 Per quanto riguarda l'ufficio brevetti americano, concedono di tutto perchè si devono autosovvenzionare... Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sarebbe proibito?
        - Scritto da: Riot
        - Scritto da: Anonimo

        Mi pare di aver letto (non mi ricordo dove,
        forse

        qui a PI)

        che non e' permesso brevettare cio' che viene

        gia' largamente usato.

        Infatti, si chiama prior art, non conosco il
        termine in italiano.
        Arte nota ;) Gianluca
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sarebbe proibito?
        - Scritto da: Riot
        - Scritto da: Anonimo

        Mi pare di aver letto (non mi ricordo dove,
        forse

        qui a PI)

        che non e' permesso brevettare cio' che viene

        gia' largamente usato.

        Infatti, si chiama prior art, non conosco il
        termine in italiano.Arte Nota
        Non sono una str.....ata, sono gli ultimi
        tentativi di un capitalismo che punta alla
        privatizzazione degli utili ed alla
        collettivizzazione dei costi di sopravvivere a se
        stesso.Non sono una str.....ata, sono gli ultimitentativi di un capitalismo che punta allaprivatizzazione degli utili ed allacollettivizzazione dei costi di sopravvivere a sestesso.l'ho riscritto, xchè molto vero, aggiungerei che tutto questo però è supportato e permesso da una legge in materia carente e vetusta. Una seria e profonda revisione della stessa, tranquillamente comprendente la possibilità di brevettare software, potrebbe essere la soluzione.
      • Hotge scrive:
        Re: Non sarebbe proibito?

        Non sono una str.....ata, sono gli ultimi
        tentativi di un capitalismo che punta alla
        privatizzazione degli utili ed alla
        collettivizzazione dei costi di sopravvivere a se
        stesso.ma vai a cagare te... tutti quelli di lotta comunista... tutti quelli di fiamma tricolore.... tutti quelli che non usano l'italiano degli esseri umani e tutti quelli che trollano come te
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sarebbe proibito?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi pare di aver letto (non mi ricordo dove, forse
      qui a PI)
      che non e' permesso brevettare cio' che viene
      gia' largamente usato.
      Altrimenti si potebbe brevetare il meccanismo che
      converte un liguaggio ad alto livello in
      linguaggio macchina!!:'(
      Cmq anche il mio prof. al'uni ci ha detto
      chiaramente che i brevetti sono una str.....ata.In america tempo fa hanno deciso che l'ufficio brevetti brevettava senza fare troppi controlli e poi in caso di contestazione una corte decideva se il brevetto era valido.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non sarebbe proibito?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Mi pare di aver letto (non mi ricordo dove,
        forse

        qui a PI)

        che non e' permesso brevettare cio' che viene

        gia' largamente usato.

        Altrimenti si potebbe brevetare il meccanismo
        che

        converte un liguaggio ad alto livello in

        linguaggio macchina!!:'(

        Cmq anche il mio prof. al'uni ci ha detto

        chiaramente che i brevetti sono una str.....ata.

        In america tempo fa hanno deciso che l'ufficio
        brevetti brevettava senza fare troppi controlli e
        poi in caso di contestazione una corte decideva
        se il brevetto era valido.scusate l'italiano ma sono americano.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non sarebbe proibito?
          - Scritto da: Anonimo

          In america tempo fa hanno deciso che l'ufficio

          brevetti brevettava senza fare troppi controlli e

          poi in caso di contestazione una corte decideva

          se il brevetto era valido.


          scusate l'italiano ma sono americano.E che c'è che non va?
      • EffeElle scrive:
        Re: Non sarebbe proibito?

        In america tempo fa hanno deciso che l'ufficio
        brevetti brevettava senza fare troppi controlli e
        poi in caso di contestazione una corte decideva
        se il brevetto era valido.Visto che al 99% anche in Europa avremo tra poco tutta questa bella porcata, spero almeno che non concedano brevetti di questo tenore altrimenti andiamo tutti a gambe all'aria. Rimane il fatto che i brevetti concessi in un paese diverso (USA) non valgono automaticamente anche in europa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non sarebbe proibito?
          - Scritto da: EffeElle
          Rimane il fatto
          che i brevetti concessi in un paese diverso (USA)
          non valgono automaticamente anche in europa.A meno di patti
          • Anonimo scrive:
            Re: Non sarebbe proibito?
            Non esistono patti che obligano i paesi della EU a riconoscere la validita' di un brevetto non EU.Un brevetto USA vale solo in USA (poverini gliamericani)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non sarebbe proibito?
            - Scritto da: Anonimo
            Non esistono patti che obligano i paesi della EU
            a
            riconoscere la validita' di un brevetto non EU.Non esistono ma potrebbero esistere, si sta cercando (stanno cercando) di armonizzare tutto il sistema dei brevetti, e non sarebbe una sorpresa così grande se facessero un accordo per riconoscere automaticamente in Europa i brevetti USA, dopo aver pagato per la registrazione ovviamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non sarebbe proibito?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Non esistono patti che obligano i paesi della EU

            a

            riconoscere la validita' di un brevetto non EU.

            Non esistono ma potrebbero esistere, si sta
            cercando (stanno cercando) di armonizzare tutto
            il sistema dei brevetti, e non sarebbe una
            sorpresa così grande se facessero un accordo per
            riconoscere automaticamente in Europa i brevetti
            USA, dopo aver pagato per la registrazione
            ovviamente.In tal caso però un brevetto annullato in EU verrebbe automaticamente annullato anche in USA, sennò il sistema armonizzato salta.Dateci un giudice ammazzabrevetti!
Chiudi i commenti