Intel pressa le flash, fiuta i bug

Intel rivela memorie sottiletta per cellulari e un nuovo tool per la ricerca di bug nelle applicazioni per CPU Hyper-Threading. Imminente il primo Palm basato su XScale?


Santa Clara (USA) – Intel ha annunciato un nuovo package per i chip di memoria flash che, secondo il colosso, consentirà ai produttori di mettere un maggior quantitativo di memoria all’interno dei loro telefoni cellulari senza incrementarne le dimensioni.

Il nuovo package, chiamato Ultra-Thin Stacked Chip Scale Package, sfrutta lo spazio in senso verticale e riesce a impilare uno sopra all’altro fino a 5 chippetti di memoria. Grazie a questa configurazione, Intel sostiene che, entro la fine dell’anno, i produttori saranno in grado di progettare telefonini delle stesse dimensioni di quelli attuali ma con 512 Mbit di memoria flash, una quantità che il prossimo anno è destinata a raddoppiare.

Intel ha spiegato che un modulo da 5 chip occupa un’altezza di circa 1 mm contro gli 1,2 mm dei package a 2 chip utilizzati oggi dalla stragrande maggioranza dei produttori.

Il chipmaker ha poi annunciato il rilascio di Thread Checker 1.0, un nuovo tool software che aiuta gli sviluppatori ad individuare i bug più difficili da trovare all’interno delle applicazioni scritte per sfruttare la tecnologia Hyper-Threading, la stessa integrata sui più recenti processori Pentium 4 e Xeon.

Intel ha spiegato che Thread Checker si basa su un motore di rilevamento degli errori che controlla l’esecuzione del programma e segnala la posizione dei bug di threading in tempi che, secondo il colosso di Santa Clara, sono notevolmente inferiori a quelli richiesti dai tool e dai metodi tradizionali: poche ore contro giorni o addirittura settimane.

“Con i tool tradizionali – ha spiegato Intel – gli sviluppatori devono tirare a indovinare per individuare il punto del codice sorgente in cui inserire trap. Intel Thread Checker elimina questo problema e individua le righe esatte di codice che causano gli errori di threading. Il tool classifica i problemi in categorie che vanno dagli errori alle avvertenze e mostra informazioni su variabili, righe sorgente e stack di chiamate per semplificare l’analisi degli sviluppatori”.

“Il nostro obiettivo è consentire agli sviluppatori di trarre facilmente vantaggio dalle caratteristiche dei più recenti processori Intel offrendo tool di sviluppo software evoluti”, ha spiegato Jonathan Khazam, General Manager della Software Products Division di Intel. “Durante i beta test, Intel Thread Checker ha individuato bug elusivi che gli sviluppatori non erano stati in grado di trovare o di cui ignoravano addirittura l’esistenza. Si tratta di un vantaggio significativo per gli sviluppatori che scrivono software threaded”.

Thread Checker 1.0 è disponibile qui al prezzo di 1.198 dollari USA per una licenza commerciale per singolo utente e comprende Intel VTune Performance Analyzer. Richiede Windows 2000 o XP Professional.

Alcune fonti vicine all’azienda sostengono che il Tungsten C, atteso per la fine di questo mese, sarà il primo PDA di Palm ad essere equipaggiato con i processori XScale di Intel, gli stessi largamente diffusi sui dispositivi Pocket PC. Fino ad oggi Palm aveva adottato nei propri palmari processori e architetture di Motorola e Texas Instruments: in particolare, il Tungsten W adotta i chip Dragonball di Motorola mentre il Tungsten T utilizza i chip OMAP di TI.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • avvelenato scrive:
    a cosa e a chi serviranno 64bit?
    premetto che come da descrizione, mi definisco un grande onanista mentale : amo farmi trip mentali fantastici, in questo caso legati alle nuove tecnologie, sognare che magari quando sarò vecchio potrò giocare ad una console con videoprocessore quantistico col nipotino, oppure che fra qualche anno troverò un'offerta di 15 pc pentium3 a 500? e immaginare di farmi una superfica LAN casalinga e fraggare ad un gioco allora sorpassatissimo come q3a con ping inesistenti...a quei tempi, potrei anche avere un processore a 64bit?e a cosa mi servirà?che vantaggi potrà portare, all'utente finale, una volta che questo diventasse un prodotto destinato al consumatore medio?etc etc.dài ragàzzi, fatemi sognà!avvelenato che viaggia con la mente
    • Anonimo scrive:
      Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
      Cosa vuol dire "a chi servira?".Come mai ora hai una CPU a 32 bit? non potevi rimanere su 6502 o Z80 a 8Bit?- Scritto da: avvelenato
      premetto che come da descrizione, mi
      definisco un grande onanista mentale:
      amo farmi trip mentali fantastici, in questo
      caso legati alle nuove tecnologie, sognare
      che magari quando sarò vecchio potrò giocare
      ad una console con videoprocessore
      quantistico col nipotino, oppure che fra
      qualche anno troverò un'offerta di 15 pc
      pentium3 a 500? e immaginare di farmi una
      superfica LAN casalinga e fraggare ad un
      gioco allora sorpassatissimo come q3a con
      ping inesistenti...

      a quei tempi, potrei anche avere un
      processore a 64bit?

      e a cosa mi servirà?

      che vantaggi potrà portare, all'utente
      finale, una volta che questo diventasse un
      prodotto destinato al consumatore medio?

      etc etc.

      dài ragàzzi, fatemi sognà!

      avvelenato che viaggia con la mente
    • Anonimo scrive:
      Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
      COME A CHE SERVIRANNO ?Ad averne tanti quanti i PPC... così i Ma(r)chettari non potranno più gongolarsi dei loro 64bit hehehehehehe....- Scritto da: avvelenato
      premetto che come da descrizione, mi
      definisco un grande onanista mentale:
      amo farmi trip mentali fantastici, in questo
      caso legati alle nuove tecnologie, sognare
      che magari quando sarò vecchio potrò giocare
      ad una console con videoprocessore
      quantistico col nipotino, oppure che fra
      qualche anno troverò un'offerta di 15 pc
      pentium3 a 500? e immaginare di farmi una
      superfica LAN casalinga e fraggare ad un
      gioco allora sorpassatissimo come q3a con
      ping inesistenti...

      a quei tempi, potrei anche avere un
      processore a 64bit?

      e a cosa mi servirà?

      che vantaggi potrà portare, all'utente
      finale, una volta che questo diventasse un
      prodotto destinato al consumatore medio?

      etc etc.

      dài ragàzzi, fatemi sognà!

      avvelenato che viaggia con la mente
      • Anonimo scrive:
        Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
        - Scritto da: Anonimo

        COME A CHE SERVIRANNO ?

        Ad averne tanti quanti i PPC... così
        i Ma(r)chettari non potranno più
        gongolarsi dei loro 64bit hehehehehehe....ma torna a giocare con il tuo winzozz utonto che non sei altro!
    • Anonimo scrive:
      Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
      - Scritto da: avvelenato
      che vantaggi potrà portare, all'utente
      finale, una volta che questo diventasse un
      prodotto destinato al consumatore medio?Indirizzare nativamente piu` di 4G di ram. Come? A cosa servono più di 4G di ram? Bè..
      • Anonimo scrive:
        Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: avvelenato


        che vantaggi potrà portare, all'utente

        finale, una volta che questo diventasse un

        prodotto destinato al consumatore medio?

        Indirizzare nativamente piu` di 4G di ram.
        Come? A cosa servono più di 4G di ram? Bè..4 GB basteranno per tutti !!!!.... o erano 640 KB ?
    • DKDIB scrive:
      Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
      Naturale evoluzione della tecnologia: l' arkitettura attuale e' ormai arrivata al suo limite.
    • Anonimo scrive:
      Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
      A Intel e Amd & Co. a vendere di più e poter campare.
      • Anonimo scrive:
        Re: a cosa e a chi serviranno 64bit?
        Forse dimentichi che i PC non servono solo a chi li tiene a casa e ci passa il tempo, ma anche a chi li usa in ditta.I 64 bit serviranno a chi avra' una cpu con slot pci a 64 bit ed un sistema operativo a 64 bit per far girare nella propria rete, che ora con poca spesa puo' far viaggiare a 1000 Mbit e non i 100 o i 10 di poco tempo fa, programmi che richiedono dati al proprio piccolo ed economico server al doppio della velocita' quando hanno bisogno di dati, e non dovra' sventrare i suoi uffici.Scusa se e' poco....
  • Anonimo scrive:
    Amd vs Intel
    e M$ preferisce non favorire uno dei due....ps: allora vendaranno la versione server 2003 per amd e quella per intel?
    • Anonimo scrive:
      Re: Amd vs Intel
      - Scritto da: Anonimo
      e M$ preferisce non favorire uno dei due....

      ps: allora vendaranno la versione server
      2003 per amd e quella per intel?Pare di sì.. Ma se è così, anche tutto il software dovrebbe essere venduto compilato per le due architetture.
    • DKDIB scrive:
      Re: Amd vs Intel
      Si'... non essendo affatto kiaro ki dei 2 sopravvivera', non c' e' scelta.Dal punto tecnico e del mercato nno potranno sopravvivere entrambe, ma d' altro canto c' e' sempre l' antitrust ke obblighera' il vincitore a cedere in licenza la propria arkitettura.
  • Anonimo scrive:
    ST-OP TERON
    che Microsoft è contro i terroni !!!Evvai !
Chiudi i commenti