Intel: questi i chipset del 2000

Intel ha presentato la roadmap con tutte le novità in fatto di chipset previste per il 2000: un'offerta che sembra coprire ogni angolo del mercato


Palo Alto (USA) – Intel non vuole correre rischi: per il prossimo anno la sua offerta di chipset non punterà unicamente sul supporto Rambus ma anche sul quello per le memorie PC133 e PC266.

Intel dev’essersi è accorta che i tempi non sono ancora maturi per una diffusione massiccia delle memorie RDRAM e gli utenti potrebbero non giustificare, al momento, una maggiorazione di spesa di circa il 40% (rispetto alle SRAM) per un aumento di prestazioni non sempre avvertibile né facilmente valutabile. Possiamo inoltre notare come fino a poco tempo fa il naturale successore dell’attuale i440BX, il chipset più diffuso sul mercato, fosse considerato l’i820 (Camino), mentre oggi Intel sembra puntare maggiormente sull’i815 (Solano) con supporto per le SDRAM PC133.

Solano dovrebbe essere presentato a Gennaio e sarà suo compito contrastare l’avanzata di Via nel mercato dei chipset per SDRAM PC133, un mercato che per il prossimo anno è previsto ben più fertile e vivace di quello, parallelo, delle memorie RDRAM.

Solano, che erediterà alcune caratteristiche salienti da Camino, supporterà l’AGP 4x ed integrerà un controller grafico che potrà utilizzare la memoria di sistema in aggiunta a moduli AIMM (AGP Inline Memory Module) da inserire nello slot AGP. Sarà comunque possibile bypassare il controller interno inserendo una scheda grafica AGP dotata di un proprio chipset e di una memoria locale.


Se da un lato le soluzioni integrate piacciono sempre di più ai produttori di motherboard, dall’altro lato potrebbero penalizzare gli utenti più esigenti (e ricordo che i più esigenti in assoluto sono i videogiocatori) perché finiscono per pagare qualcosa che non hanno potuto scegliere e che potrebbe non garantire prestazioni adatte alle loro necessità.

Durante il prossimo anno, poi, Intel rilascerà anche un chipset DDR (Double Date Rate) per Solano che consentirà a quest’ultimo di supportare le SDRAM PC266.
Un chip analogo a questo, ma dedicato ai server, sarà rilasciato da Intel tra la fine del 2000 e l’inizio del 2001.

Per il 2000 inoltrato è atteso anche l’i870, un chipset a cui prestare molta attenzione perché secondo alcuni potrebbe essere il primo a supportare l’Itanium (Merced). Dedicato all fascia più alta del mercato, l’i870 supporterà sistemi multiprocessore da 4 fino ad 8 CPU e memorie di tipo PC266.

Naturalmente durante tutto il prossimo anno Intel continuerà a supportare i chipset usciti quest’anno, come l’i820 e l’i840, anche se probabilmente la loro diffusione si manterrà su fasce di mercato più circoscritte rispetto ai piani originali, come quelle dei PC e delle workstation ad alte prestazioni.


Nella fascia bassa del mercato Intel continuerà a proporre i due chipset con motore grafico integrato i810 ed i 810E.
Il mercato a cavallo fra i820/840/870 e i810/810E sarà dominato da Solano, un chipset general purpose ma con caratteristiche tali da renderlo adatto anche a PC di fascia alta.

L’altra grossa novità di Intel, che dovrebbe essere presentata per la prossima estate, sarà Timna, un “PC-on-a-chip” che integrerà in un unico chip funzioni logiche, grafiche e di gestione della memoria. Nonostante Intel avesse in progetto l’adozione di un’interfaccia di memoria per moduli RDRAM, sembra che abbia poi scelto le SDRAM per contribuire a mantenere basso il prezzo di Timna.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti