Intercettazioni, nuovo appello dei Garanti

Ancora una volta i garanti europei lanciano l'allarme sulla eccessiva disinvoltura di certe pratiche di polizia e sulla conservazione dei dati


Bruxelles – In una lettera inviata al presidente del Consiglio Europeo, il presidente dei garanti comunitari della privacy, Stefano Rodotà, ha ancora una volta espresso preoccupazione per le tentazioni in molti paesi di rendere più facile l’intercettazione delle comunicazioni telefoniche ed elettroniche dei cittadini europei.

Rodotà ha nuovamente posto l’accento sulle modalità di conservazione dei dati relativi alle comunicazioni, parlando di “conservazione indiscriminata dei dati di traffico”. Come ha sempre affermato, la preoccupazione del Garante italiano è che non siano previste misure di distruzione dei dati entro tempi brevi e certi dalla registrazione.

“La conservazione sistematica, a titolo preventivo, di dati sul traffico relativi alle comunicazioni fatte da cittadini dell’Unione Europea, e di altri dati connessi – ha scritto Rodotà nella lettera – configurerebbe una lesione dei diritti fondamentali alla privacy , alla protezione dei dati, alla libertà di espressione, alla libertà ed alla presunzione di innocenza”.

Nella sua lettera, Rodotà mette in chiaro come sia necessario non cedere, anzi opporsi, alle pressioni di alcuni paesi che vorrebbero ampliare il raggio d’azione delle forze di polizia, inserendo modalità di intervento che possono rappresentare una violazione dei diritti alla riservatezza. Si tratta di modalità che secondo Rodotà “non sono accettabili”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ...e tutti i pc che per noi sono vecchi?
    non ci dimentichiamo che per quanto riguarda aggiornamenti vari hw e sw dei nostri pc , non ci facciamo mancare niente. Ci sono quindi nei magazzini dei negozi dei pc come pentium 1 che per noi sono ormai troppo vecchi e invece per i paesi africani andrebbero benissimo per cominciare ad alfabetizzarsi con la cultura informatica e con internet. In sostanza noi paesi ricchi potremmo (sul serio però) sforzarci e spedire in es.africa tanti di questi pc che languono inutilmente nelle nostre cantine (e che come rifiuti spesso non sappiamo come smaltire), non vi pare ?!
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e tutti i pc che per noi sono vecchi?
      Così invece di smaltirli li buttiamo nei paesi del terzo mondo.Il terzo mondo, la pattumiera dei paesi sviluppati.Mah!
      • Anonimo scrive:
        Re: ...e tutti i pc che per noi sono vecchi?
        E poi c'è il problema di come alimentarli....
        • Anonimo scrive:
          Re: ...e tutti i pc che per noi sono vecchi?
          - Scritto da: nuxer.net


          E poi c'è il problema di come alimentarli....I computer o gli africani?
          • Anonimo scrive:
            Re: ...e tutti i pc che per noi sono vecchi?
            - Scritto da: Ciao


            - Scritto da: nuxer.net





            E poi c'è il problema di come
            alimentarli....

            I computer o gli africani? I computer. Gli africani basta che abbiano i soldi per pagarsi il PC. Poi se non hanno cibo chissene frega ....
  • Anonimo scrive:
    altro che pc!
    Prima di portare un PC nei paesi poveri sarebbe meglio portare zappe, aratri, sementi scavare pozzi e insegnare loro a coltivare.Se uno non ha da mangiare qualcuno mi spieghi che cosa se ne fa di un computer!mi immagino la scena: "tieni: oggi invece di 2 Kg di riso ti do 2 kG di plastica: però ci puoi navigare in internet (poi come, coi piccioni viaggiatori?) giocare a solitario e scrivere dei testi.... buon divertimento!"ma per favore!!!serve solo a far vedere quanta potenza ha il "mondo ricco".
    • Anonimo scrive:
      Re: altro che pc!
      - Scritto da: hammer
      Prima di portare un PC nei paesi poveri
      sarebbe meglio portare zappe, aratri,
      sementi scavare pozzi e insegnare loro a
      coltivare.Giustissimo, ma accanto ai più elementari supporti "tradizionali" non sarebbe una cattiva idea fornire un minimo di tecnologia avanzata.Un singolo computer "comunitario" per ogni villaggio, magari alimentato da un kit fotovoltaico e connesso a Internet via satellite (cominciano ad apparire sul mercato dei kit di connessione economici non solo per ricevere ma anche per fare l'uplink) potrebbe consentire agli abitanti e agli amministratori locali l'accesso a una quantità infinita di informazioni utili (in campo medico, agrario, educativo etc.) nonchè il collegamento tra strutture mediche e amministrative locali e "centrali", ad esempio.Certo un kit di questo genere costerebbe in proporzione più di una manciata di computer tecnologicamente "passati di cottura", ma i costi sarebbero comunque ridotti in termini assoluti, e ampiamente ripagati dai servizi resi.Se ogni comunità (comune, parrocchia, azienda, associazione) si impegnasse a sostenere UN singolo villaggio, in una sorta di gemellaggio nord-sud del mondo, credo che in poco tempo sarebbe possibile coprire buona parte del territorio africano.
  • Anonimo scrive:
    troppi OS
    Negli anni ottanta c'erano tre societa': Apple, Atari, e Amiga (commodore), producevano computer utilizzavano lo stesso processore ma avevano sistemi operativi diversi, tutti ottimi e enormemente superiori al DOS, sappiamo tutti come e' andata a finire.Se si fossero unite per produrre un unico sistema operativo comune le cose sarebbero state enormemente dverse.Ora si parla di Linux, OS Risc, BeOS per portare le consolle di gioco e economici computer ai paesi piu' poveri del mondo, mi sembra di intravedere la stessa situazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: troppi OS

      Negli anni ottanta c'erano tre societa':
      Apple, Atari, e Amiga (commodore),
      producevano computer utilizzavano lo stesso
      processore ma avevano sistemi operativi
      diversi, tutti ottimi e enormemente
      superiori al DOS, sappiamo tutti come e'
      andata a finire.bè, anche Risc OS è di quel periodo, era stato creato per l'Archimedes della Acorn, una macchina parecchio rivoluzionaria per quel periodo, peccato che non abbia avuto una grande diffusione...
      • Anonimo scrive:
        Re: troppi OS

        bè, anche Risc OS è di quel periodo, era
        stato creato per l'Archimedes della Acorn,http://productsdb.riscos.com/admin/riscos.htmun po' di info su RiscOS (la prima verione si chiamava Arthur)http://www.old-computers.com/museum/computer.asp?c=75info su Archimedes
        una macchina parecchio rivoluzionaria per
        quel periodo, peccato che non abbia avuto
        una grande diffusione...quasto come macchina, mentre il suo processore (l'ARM) è invece diffusissimo, per merito del suo bassissimo consumo, ed ancora in produzione.
Chiudi i commenti