Internet, eludere i controlli di Polizia

Gli approfondimenti di Matteo Flora, esperto di computer forensics, sono ora sintetizzati nel video che riproduce la conferenza tenuta all'ultimo Infosecurity

Roma – Le censure all’italiana ricordano la Cina? I siti esteri di scommesse che non pagano i dazi italiani vengono censurati a monte? Quali sono le garanzie per gli utenti e perché la censura online in Italia appare perlopiù inutile agli esperti? E la pedopornografia virtuale?

A queste domande lavora da tempo sul proprio blog Matteo Flora, celebre esperto di computer forensics, che ha tenuto una conferenza sul tema all’ultimo Infosecurity di Milano, sintetizzando in poco meno di un’ora l’intera questione sia sotto il profilo tecnologico che sotto quello giuridico, dando anche uno sguardo a come l’utente consapevole possa difendersi utilizzando mezzi e strategie del tutto legali.

Il video è ora disponibile a questo indirizzo e lui stesso la presenta così: “È una conferenza sicuramente di tenore introduttivo da un punto di vista tecnico, ma che presenta problematiche interessanti da un punto di vista legato alla normativa anti-pedopornografia ed anti-terrorismo, oltre a gettare luce nuova sulla vera utilità dei blocchi censori predisposti dalle Forze di Polizia”.

Una introduzione alla conferenza è disponibile a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Creative Commons
    Peccato che non sia innovativo nella sua forma di pubblicazione! Cioè che non abbia adottato una licenza creative commons.E non è nemmeno disponibile una versione elettronica del libro.Mondo degli autori e dell'editoria: A quando il grande passo?ps: si stima che un 10% della popolazione sia dislessica, per questi risulta difficile leggere un libro, sarebbe molto semplice invece leggerlo con un programma di lettura da file!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Creative Commons
      E per non parlare dei ciechi!!!Ma nessuno si è mai posto SERIAMENTE il problema dell'accessibilità dei libri?!?
    • Anonimo scrive:
      Re: Creative Commons
      perche' Business is Businesse anche perche'The show must go OOOOOOOOOOOOOOOOOOON!!!
Chiudi i commenti