iPhone, più SIM per tutti

Apple e Gemalto sarebbero al lavoro su una SIM universale e multi-servizio. Una card vergine integrata per cambiare a piacimento il carrier telefonico del melafonino. Ogni volta che si desidera

Roma- Secondo il sito GigaOM , Apple starebbe lavorando insieme a Gemalto per stravolgere, di nuovo, le regole della telefonia mobile. Per la precisione, la casa di Cupertino avrebbe commissionato allo specialista la realizzazione di una SIM card universale, da integrare all’interno dei prossimi iPhone . Un chip “vergine” compatibile con tutti i gestori telefonici del mondo.

Al momento, per acquistare una SIM attivata bisogna obbligatoriamente recarsi nel negozio dell’operatore che fornisce il servizio e che, in certi casi, vende il telefono direttamente in bundle con un contratto. Grazie a questa nuova proposta, i clienti dell’Apple Store avranno invece la possibilità di attivare la scheda direttamente da iTunes, senza neppure passare dal numero verde del servizio clienti.

La struttura della rivoluzionaria SIM universale sarà costituita da una memoria flash aggiornabile e una memoria ROM. La ROM conterrà i dati tecnici standard e quelli della sicurezza di rete, precaricati da Gemalto. Le informazioni relative al gestore telefonico, che potranno essere cambiate in qualunque momento, saranno invece salvate nella componente flash.

Un’apposita applicazione consentirà di pescare i parametri dell’operatore direttamente dalla rete, e di passare da un carrier all’altro in totale autonomia. Anche se una possibilità di questo tipo potrebbe aiutare moltissimo chi viaggia per il mondo con l’iPhone in tasca, restano da chiarire diversi aspetti.

Si tratterà di una SIM integrata nel telefono (come la batteria) e impossibile da rimuovere? Questo sistema multi-servizio concretizzerà il miracolo di un iPhone dual-SIM ? E che fine farà la famigerata restrizione sim-lock, che non consente di telefonare con un iPhone “import”, attivato fuori dalla sua regione d’appartenenza? A ogni modo, se queste voci fossero confermate Apple farebbe un passo deciso in avanti in una direzione precisa: quella che vede gli operatori telco marginalizzati, quasi a voler eliminare un intermediario scomodo nel rapporto diretto con gli utenti finali.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tetsuia scrive:
    refuso
    "La transizione è iniziata ad agosto: con la priva fase il motore Bing è diventato quello di Yahoo!;"....Non era il motore di Bing che prendeva il posto di quello di Yahoo? Dalla frase sembra che Bing abbia ora il motore di Yahoo e non viceversa.
Chiudi i commenti