ISP obbligati al blocco dei siti pedo-porno

Arriverà al Parlamento britannico una proposta di legge che potrebbe obbligare i provider del paese ad impedire l'accesso ad una lista di siti considerati pedopornografici


Londra – Margaret Moran, parlamentare britannica del partito Labour, ha proposto l’approvazione di una legge che obblighi gli Internet Service Provider a bloccare l’accesso ai siti Web pedopornografici. Intervistata da silicon.com Moran ha dichiarato che si aspetta il coinvolgimento di tutte le forze politiche per la risoluzione di un problema che riguarda “la pura illegalità”.

“Presto mi incontrerò come gli esponenti della Internet Watch Foundation (IWF) per stabilire una lista di ISP che nel tempo si sono dimostrati poco collaborativi sotto questo punto di vista. Io sono per la piena libertà del Web, ma non riesco a comprendere per quale motivo non vogliano utilizzare le tecnologie già esistenti per dare una forte risposta al problema della pedopornografia”, ha dichiarato Moran. IWF, come noto, mantiene una black list di siti che ritiene “diffusori” di pornografia infantile.

Malgrado alcuni grandi provider abbiano già iniziato ad utilizzare tecnologie che bloccano gli accessi a siti con contenuti illegali, Moran ha dichiarato che continuerà la sua campagna in modo che vengano fuori i nomi di quelli che non lo fanno. La minaccia di una sorta gogna pubblica il cui obiettivo è spingere gli ISP a dichiarare pubblicamente se censurano o meno l’accesso ai siti pedoporno. Moran brandisce la possibilità che la legge si faccia ma temporeggia, sperando esplicitamente che gli ISP agiscano di propria sponte. “Penso che gli ISP che non vogliono ascoltare debbano sapere che non ci fermeremo finché queste misure saranno adottate”, ha aggiunto Moran. “Spero che il settore valuti questa iniziativa come una chiamata alle armi perché presto sarà troppo tardi per l’auto-regolamentazione”.

La questione dei filtri gestiti direttamente dagli ISP è al centro di un annoso dibattito: da una parte i sostenitori della libertà personale, contrari ad ogni forma di censura preventiva da parte dello Stato-tutore, e che rivendicano il diritto alla responsabilità; dall’altra i sostenitori della legalità come fine ultimo, a prescindere dalla eventuali costrizioni o limitazioni della libertà personale.

British Telecom ha già iniziato ad utilizzare sistemi di questo genere fin dal 2004 , con risultati contestati dalla stessa ISPA , l’associazione dei provider anglosassoni. Nel febbraio scorso, invece, il Governo australiano ha varato una legge quanto mai simile a quella che Moran vorrebbe far approvare: ovvero sanzioni amministrative nei confronti degli ISP che non bloccano gli accessi ai siti dai contenuti pedo-pornografici. Il provider-poliziotto è sempre più vicino.

D.d.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' tutto in cinese!
    I musi gialli ci stanno nascondendo qualcosa!Vogliono gli MP3 tutti per loro: egoisti! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: E' tutto in cinese!
      - Scritto da: Anonimo
      I musi gialli ci stanno nascondendo qualcosa!
      Vogliono gli MP3 tutti per loro: egoisti!

      :DMa io grazie alla password segreta Wordlingo e al suo menù integrato in Maxthon sono riuscito a scardinare la terribile protezione convertendola in un più accessibile inglese ;)
  • Anonimo scrive:
    sono perplesso
    Perdonate la mia perplessita ma e da un po di tempo che sento dire , leggi sbagliate, tasse sui cd , mp3 pirata , ma nn sarebbe meglio parlare con chi e di mestiere per queste cose , voi credete davvero che scaricando mp3 e divx vi farete degli amici ? , convinti di essere dalla parte della ragione alla fine verrete puniti e di brutto , inutile star li ad emettere sentenze , lo stato italiano agisce in questo modo , ora potete decidere di cambiarlo oppure fare la guerra come del resto gia state facendo ,come ? scaricando mp3 con il p2p , protestando in questo modo distruggerete le proprieta intellettuali ogni anno cisono milioni e milioni di euro persi per coloro che come voi pagano fior di tasse per incidere un proprio disco , con questo nn voglio dire che pagare un cd 30 euro sia giusto ma nn e questo il modo di cntrastare un ingiustizia
  • Anonimo scrive:
    buon motivo
    per imparare il cinese,chiunque fosse interessato consiglio questo sitohttp://itariajin.blog-city.***/non è mio e a mio avviso è utile all'uopo.NiHao! :D
  • Anonimo scrive:
    diritti civili o mp3 ?
    prelevano gente e la fanno scomparire? chissenefrega!fanno lavorare i bambini? chissenefrega!torturano i dissidenti? chissenefrega!trucidano gli animali? chissenefrega!Inquinano il mondo? chissenefrega!mettono gli emmepitre di britney online? AHHHH ma questa e una vergogna. bush in persona deve andare a bloccare tutto...ma va va...e beh, nella disputa se sia meglio fare pressione alla cina perchè diventi un paese con un minimo di diritti civili o rompere i coglioni a un portale... voi cosa scegliereste?ps mentre scrivevo questo ho letto di OGGI ( http://punto-informatico.it/p.asp?i=55882&r=PI )
    • Anonimo scrive:
      Re: diritti civili o mp3 ?
      Il fatto che in Cina succedano tutte le cose da te elencate significa che sei succube della visione "anti cinese" che i paesi occidentali stanno da anni promulgando alla gente. La Cina, pur essendo sotto molti aspetto moooolto arretrata in termini di libertà, non è il mopstro che descrivi. Ne a livello civile ne a livello economico. Informatevi bene ed andate oltre a quello che vi propinano giornali e televisione....
      • Anonimo scrive:
        Re: diritti civili o mp3 ?
        - Scritto da: Anonimo
        Ne a livello civile ne a livello
        economico. Informatevi bene ed andate oltre a
        quello che vi propinano giornali e
        televisione....Vuoi dire che in Cina esistono i sindacati e mi hanno sparato un sacco di balle?Vuoi dire che non esiste un controllo sui contenuti del web e mi hanno sparato un sacco di balle?Vuoi dire che si può manifestare liberamente il proprio credo religioso e mi hanno sparato un sacco di balle?Vuoi dire che i lavoratori fanno normalmente tra le 35 e le 40 ore di lavoro settimanali e mi hanno sparato un sacco di balle?Vuoi dire che tienamen ce la siamo sognata?Giusto per sapere...
      • Anonimo scrive:
        Re: diritti civili o mp3 ?
        Oh, neanche nella Germania degli anni '30 si stava tanto male ... economia in ripresa, benessere, Goebbles e rock 'n' roll !Ciao sveglione !Piwi
  • Anonimo scrive:
    basta farci un giro sopra ....
    per accorgersi che baidu è tutto in cinese.Un occidentale non ci cava un MP3 manco col binocolo.Un cinese non comprerebbe comunque CD musicali perchè costano come il suo stipendio annuale.Alla fine il danno alle major discografiche mi sembra ben poca cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: basta farci un giro sopra ....
      :| Ho visto ed ho anche provato ad inserire come chiave di ricerca la parola ramazzotti. Risultato dicei pagina di link......, donque le major secondo me fanno bene a preccuparsi!!
    • Anonimo scrive:
      Re: basta farci un giro sopra ....
      - Scritto da: Anonimo
      per accorgersi che baidu è tutto in cinese.
      Un occidentale non ci cava un MP3 manco col
      binocolo.Falso.Io sono occidentale e non so affatto il cinese, pero' su Baidu ho letto "mp3", ci ho cliccato su e ho inserito nomi di artisti vari, in caratteri latini.Risultato una bel numero di mp3. Tempo del mio "binocolo": 12 secondi.
      Un cinese non comprerebbe comunque CD musicali
      perchè costano come il suo stipendio annuale.Falso.In Cina 120 milioni di persone hanno il tenore di vita dei tedeschi. Possono quindi permettersi tutti i cd che gli pare.
      Alla fine il danno alle major discografiche mi
      sembra ben poca cosa.Ad ognuno le sue sciocche opinioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: basta farci un giro sopra ....

        Io sono occidentale e non so affatto il cinese,
        pero' su Baidu ho letto "mp3", ci ho cliccato su
        e ho inserito nomi di artisti vari, in caratteri
        latini.
        Risultato una bel numero di mp3. Tempo del mio
        "binocolo": 12 secondi.Ma dove??Io inserisco "Ramazzotti" spunto mp3 ed escono alcuni link geroglifici. Ho anche provato a cliccarli ma l'unica pagina di link che ho ricevuto sono riferimenti a siti da cui non si scarica una mazza.Forse se sai il cinese, qualcosa puoi cavarci.
  • vince65 scrive:
    Bush ha ragione!
    Il diritto d'autore e gli interessi delle major: quelli sì che sono problemi in Cina!Il rispetto dei diritti fondamentali delle persone... beh... quello mica si può convertire in $, no?
    • J.L.Picard scrive:
      Re: Bush ha ragione!
      teh ma mettiamoci d'accordo..insomma.. qua la moneta cade sempre di testa..Quando Bush ha attaccato l'Iraq aveva dato come motivazione il fatto che non si poteva tollerare uno stato assolutista nel quadro degli equilibri mondiali. Sostanzialmente aveva detto: abbattiamo una fetecchia che fa fuori migliaia di persone per mantenere saldo il potere. Gran parte hanno detto che uno stato straniero non deve intromettersi in queste questioni perché l'Iraq doveva uscire dalla dittatura in modo naturale, come tutti i paesi hanno dovuto fare.Poi si è detto che la vera ragione, a detta di molti, per cui B. attaccva era invece il petrolio.Quindi una ragione morale in virtù di una economica.In Cina è il contrario :DLui accusa la Cina di ledere la nostra economia e quindi la attacca (verbalmente si intende) sotto il profilo del guadagno economico internazionale, ma non sotto quello morale.E non va bene lo stesso..ma allora io non capisco..a parte che le questioni interne di un paese sono di quel paese e basta, non siamo tenuti a capirle e possiamo criticarle quanto vogliamo dall'esterno..le questioni economiche però non interessano solo loro internamente ma tutti i paesi che sono coinvolti nel circuito economico.Sostanzialmente la Cina se, come stato, fa lavorare i bambini nelle fabbriche e ammazza i monaci tibetani ha un problema di natura politica interno sul quale noi non possiamo intervenire se non con l'invettiva. Cosa volete fare? andare la con le commissioni di ispezione per i diritti dei bambini? Impossibile: la cina non le riconosce e non sa che farsene. Inoltre sarebbe un'invasione in una sfera di influenza che non ci deve coinvolgere se non emotivamente.Guardate che non è solo Bush lo str..o ma anche la Cina immoralesmettiamola con questo anti-americanismo vecchio delle brigate rosse e senza un briciolo di spirito critico
      • Anonimo scrive:
        [OT] Re: Bush ha ragione!
        - Scritto da: J.L.Picard
        teh ma mettiamoci d'accordo..
        insomma.. qua la moneta cade sempre di testa..

        Quando Bush ha attaccato l'Iraq aveva dato come
        motivazione il fatto che non si poteva tollerare
        uno stato assolutista nel quadro degli equilibri
        mondiali. Veramente la motivazione era il possesso da parte dell'Iraq di "armi di distruzione di massa". Fregnaccia, sbandierata all'ONU e per mezzo mondo, che gli serviva per poter giustificare un intervento ingiustificabile...Qualcuno le ha mai trovate? A voi la risposta...Zanna
        • GrOg scrive:
          Re: [OT] Re: Bush ha ragione!
          - Scritto da: Anonimo

          Veramente la motivazione era il possesso da parte
          dell'Iraq di "armi di distruzione di massa".
          Fregnaccia, sbandierata all'ONU e per mezzo
          mondo, che gli serviva per poter giustificare un
          intervento ingiustificabile...
          Qualcuno le ha mai trovate? A voi la risposta...

          ZannaInfatti si narra che qualche migliaio di curdi si sia "gasato" autonomamente, in un rituale suicidio di massa. Roba da matti, come certe ideologie (vedi comunismo) riescano ad obnubilare le menti in questo modo. L'antiamericanismo dilagante è frutto di un'acredine che ha origini storiche molto profonde e che è molto difficile da sradicare. Mi auguro solo che chi "spara" sulgli Stati Uniti si renda conto, in primis quanto è ridicolo ed in secondo luogo che se ha la LIBERTA' di esprimere le proprie opinioni (anche quelle aberranti) lo deve al sacrificio di centinaia di migliaia di americani. :'(
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Bush ha ragione!
            - Scritto da: GrOg
            se ha
            la LIBERTA' di esprimere le proprie opinioni
            (anche quelle aberranti) lo deve al sacrificio di
            centinaia di migliaia di americani. :'( non ti preoccupare...gia' a suo tempo hanno chiesto il conto... e continuiamo a pagarlo !Ma la moneta di scambio non e' la stessa che anche noi abbiamo pagato col sacrificio di centinaia di migliaia di europei.E se fai un po' di mente locale, i curdi sono fatti antecedenti alla seconda guerra in Irak.Stranamente un fatto determinante per muovere guerra all'Irak, invece per nulla rilevante contro la Turchia che pure lei non e' stata grande amica di questa etnia.Le armi di distruzione di massa a cui si fece riferimento invece erano armi nucleari.Perche' la paura semmai e' che qualche missiletto a testata nucleare cada sulla testa di Israele, Europa, basi/navi americane in medio oriente o perfino sul suolo nord americano !!!Preoccupazione legittima (peccato i 2 pesi e 2 misure adottati tra noi e i curdi... ma dopotutto che ce frega dei curdi !!!) ma palesemente immotivata.Immotivata prima della guerra,Durante.E dopo.E per questo nessuno ha chiesto scusa.Scusa a noi e agli irakeni (prima a noi perche'... che ce frega degli irakeni)Nessuno se ne e' assunto la responsabilita'.Si gioca allo scarica barile.Qualcuno perde il posto. Qualcuno viene fatto "suicidare".Me nessuno chiede SCUSA.Una guerra per una menzogna !Probabilmente questa guerra (questa xche' non e' mica finita) sarebbe stata meglio digerita nella superbia, egoismo e cinisimo di europei ed americani se fin dall'inizio se ne fosse discussa per quello che e':un conflitto innanzitutto di interesse economico e politico per il controllo geo-politico di un'area determinante per l'approvigionamento energetico del pianeta.Poi vengono motivazioni come il conflitto di civilita' (e non e' mica iniziato ieri), il controllo degli estremismi e del terrorismo (cosa che la guerra non aiuta a sedare, anzi), la democrazia di genti sottomesse a regimi militari o religiosi (alcune genti chiamarli popoli e' gia' un lusso)... persino le inimicizie personali tra la famiglia Bush e Saddam.Ma il petrolio e la questione politica prima di tutto.E tutto sommato il conflitto, messo in questi termini in modo sincero fin dall'inizio, all'occidentale medio potrebbe anche andar bene.
          • J.L.Picard scrive:
            Re: [OT] Re: Bush ha ragione!

            non ti preoccupare...
            gia' a suo tempo hanno chiesto il conto... e
            continuiamo a pagarlo !
            Ma la moneta di scambio non e' la stessa che
            anche noi abbiamo pagato col sacrificio di
            centinaia di migliaia di europei.Beh guarda, agli americani dobbiamo ben di più della liberazione.. dobbiamo anche una parte della nostra crescita economica anche per lo sviluppo di una cosa chiamata PC che guarda caso hanno sviluppato proprio loro.. e che stu stai usando ;) magari sei anche su una macchina Intel ehhe
            E se fai un po' di mente locale, i curdi sono
            fatti antecedenti alla seconda guerra in Irak.
            Stranamente un fatto determinante per muovere
            guerra all'Irak, invece per nulla rilevante
            contro la Turchia che pure lei non e' stata
            grande amica di questa etnia.

            Le armi di distruzione di massa a cui si fece
            riferimento invece erano armi nucleari.
            Perche' la paura semmai e' che qualche missiletto
            a testata nucleare cada sulla testa di Israele,
            Europa, basi/navi americane in medio oriente o
            perfino sul suolo nord americano !!!Esatto, armi nucleari. Le hanno trovate nei primi mesi se non erro, ma cmq la guerra è continuata per la liberazione dello Stato da un gruppo di fanatici che faceva capo a uno che sterminava migliaia di persone, le taglaiva e le metteva sotto terra..Che poi cmq dietro ci fosse anche il controllo del petrolio (o la volontà di toglierne il controllo a un pazzo, vedi tu) è cmq vero, innegabile.
            Preoccupazione legittima (peccato i 2 pesi e 2
            misure adottati tra noi e i curdi... ma dopotutto
            che ce frega dei curdi !!!) ma palesemente
            immotivata.
            Immotivata prima della guerra,
            Durante.
            E dopo.
            E per questo nessuno ha chiesto scusa.
            Scusa a noi e agli irakeni (prima a noi
            perche'... che ce frega degli irakeni)Spero tu sia ironico, se c'è una guerra prima di tutti si chiede scusa ai civili coinvolti, non ai soldati alleati. I soldati muoiono ma fa parte delle loro scelte e dei rischi che si assumono, mentre i civili no.
            Nessuno se ne e' assunto la responsabilita'.
            Si gioca allo scarica barile.
            Qualcuno perde il posto. Qualcuno viene fatto
            "suicidare".
            Me nessuno chiede SCUSA.Scusa di cosa? per i danni provocati? Io per adesso non ho sentito nessuno chiedere scusa per i morti di madrid, delle twin towes e nemmeno di londra tanto per cominciare. E guarda un po', in Iraq venivano nascosti e protette alcune delle cellule terroristiche che li hanno commessi.. io già questa la considererei un'arma di distruzione di massa.. (conta i morti degli attentati e dimmi se non lo sono)
            Una guerra per una menzogna !
            Probabilmente questa guerra (questa xche' non e'
            mica finita) sarebbe stata meglio digerita nella
            superbia, egoismo e cinisimo di europei ed
            americani se fin dall'inizio se ne fosse discussa
            per quello che e':
            un conflitto innanzitutto di interesse economico
            e politico per il controllo geo-politico di
            un'area determinante per l'approvigionamento
            energetico del pianeta.

            Poi vengono motivazioni come il conflitto di
            civilita' (e non e' mica iniziato ieri), il
            controllo degli estremismi e del terrorismo (cosa
            che la guerra non aiuta a sedare, anzi), la
            democrazia di genti sottomesse a regimi militari
            o religiosi (alcune genti chiamarli popoli e'
            gia' un lusso)... persino le inimicizie personali
            tra la famiglia Bush e Saddam.Che la guerra non aiuti hai ragione. Però nemmeno il terrorismo aiuta :) chi ha ragione?
            Ma il petrolio e la questione politica prima di
            tutto.
            E tutto sommato il conflitto, messo in questi
            termini in modo sincero fin dall'inizio,
            all'occidentale medio potrebbe anche andar bene.Non sono molto d'accordo su questo cmq.. dai.. prova a pensarci, non è credibile..Viene criticato un uomo che palesemente per faccende personali è salito al potere, ma eletto democraticamente (Berlusconi) e mi dici che l'Europa avrebbe accettato un conflitto economico?In ogni caso, vorrei farti i complimenti perché tra molta gente che posta qua sei uno di quelli che ha risposto in modo più equilibrato, senza invettive inutili e insulti scontati :)
          • MeDevil scrive:
            Re: [OT] Re: Bush ha ragione!
            - Scritto da: J.L.Picard

            non ti preoccupare...

            gia' a suo tempo hanno chiesto il conto... e

            continuiamo a pagarlo !

            Ma la moneta di scambio non e' la stessa che

            anche noi abbiamo pagato col sacrificio di

            centinaia di migliaia di europei.
            Beh guarda, agli americani dobbiamo ben di più
            della liberazione.. dobbiamo anche una parte
            della nostra crescita economica anche per lo
            sviluppo di una cosa chiamata PC che guarda caso
            hanno sviluppato proprio loro.. e che stu stai
            usando ;) magari sei anche su una macchina Intel
            ehheDimentichi una cosa fondamentale: Olivetti.

            E se fai un po' di mente locale, i curdi sono

            fatti antecedenti alla seconda guerra in Irak.

            Stranamente un fatto determinante per muovere

            guerra all'Irak, invece per nulla rilevante

            contro la Turchia che pure lei non e' stata

            grande amica di questa etnia.



            Le armi di distruzione di massa a cui si fece

            riferimento invece erano armi nucleari.

            Perche' la paura semmai e' che qualche
            missiletto

            a testata nucleare cada sulla testa di Israele,

            Europa, basi/navi americane in medio oriente o

            perfino sul suolo nord americano !!!
            Esatto, armi nucleari. Le hanno trovate nei primi
            mesi se non erro, ma cmq la guerra è continuata
            per la liberazione dello Stato da un gruppo di
            fanatici che faceva capo a uno che sterminava
            migliaia di persone, le taglaiva e le metteva
            sotto terra..
            Che poi cmq dietro ci fosse anche il controllo
            del petrolio (o la volontà di toglierne il
            controllo a un pazzo, vedi tu) è cmq vero,
            innegabile.A parte dire di averle trovate, non ricordo che ce le abbiano anche fatte vedere... :oCredo sia opinione abbastanza diffusa che sia bush, sia berlusconi, pensino ai loro tornaconto personali (petrolio per gli usa, digitale terrestre, rete 4 ancora in onda, condoni etc per berlusconi), se osi negarlo ovviamente t'è sfuggita qualkosa...

            Preoccupazione legittima (peccato i 2 pesi e 2

            misure adottati tra noi e i curdi... ma
            dopotutto

            che ce frega dei curdi !!!) ma palesemente

            immotivata.

            Immotivata prima della guerra,

            Durante.

            E dopo.



            E per questo nessuno ha chiesto scusa.

            Scusa a noi e agli irakeni (prima a noi

            perche'... che ce frega degli irakeni)
            Spero tu sia ironico, se c'è una guerra prima di
            tutti si chiede scusa ai civili coinvolti, non ai
            soldati alleati. I soldati muoiono ma fa parte
            delle loro scelte e dei rischi che si assumono,
            mentre i civili no.


            Nessuno se ne e' assunto la responsabilita'.

            Si gioca allo scarica barile.

            Qualcuno perde il posto. Qualcuno viene fatto

            "suicidare".

            Me nessuno chiede SCUSA.
            Scusa di cosa? per i danni provocati?
            Io per adesso non ho sentito nessuno chiedere
            scusa per i morti di madrid, delle twin towes e
            nemmeno di londra tanto per cominciare. E guarda
            un po', in Iraq venivano nascosti e protette
            alcune delle cellule terroristiche che li hanno
            commessi..
            io già questa la considererei un'arma di
            distruzione di massa.. (conta i morti degli
            attentati e dimmi se non lo sono)[ironic]1. Non si chiede scusa ai civili sono già morti tutti. 2. Se fai la guerra per sopprimere il terrorista chi è il cattivo?3. Perchè la famiglia di osama era già fuori dall'america prima dell'accaduto? e perchè bush li conosceva?[/ironic]


            Una guerra per una menzogna !

            Probabilmente questa guerra (questa xche' non e'

            mica finita) sarebbe stata meglio digerita nella

            superbia, egoismo e cinisimo di europei ed

            americani se fin dall'inizio se ne fosse
            discussa

            per quello che e':

            un conflitto innanzitutto di interesse economico

            e politico per il controllo geo-politico di

            un'area determinante per l'approvigionamento

            energetico del pianeta.



            Poi vengono motivazioni come il conflitto di

            civilita' (e non e' mica iniziato ieri), il

            controllo degli estremismi e del terrorismo
            (cosa

            che la guerra non aiuta a sedare, anzi), la

            democrazia di genti sottomesse a regimi militari

            o religiosi (alcune genti chiamarli popoli e'

            gia' un lusso)... persino le inimicizie
            personali

            tra la famiglia Bush e Saddam.
            Che la guerra non aiuti hai ragione. Però nemmeno
            il terrorismo aiuta :) chi ha ragione?
            Nessuno. Se continui con la legge occhi x occhio non risolvi nulla... i cattolici dicono: "porgi l'altra guancia".


            Ma il petrolio e la questione politica prima di

            tutto.

            E tutto sommato il conflitto, messo in questi

            termini in modo sincero fin dall'inizio,

            all'occidentale medio potrebbe anche andar bene.
            Non sono molto d'accordo su questo cmq..
            dai.. prova a pensarci, non è credibile..
            Viene criticato un uomo che palesemente per
            faccende personali è salito al potere, ma eletto
            democraticamente (Berlusconi) e mi dici che
            l'Europa avrebbe accettato un conflitto
            economico?[no comment]

            In ogni caso, vorrei farti i complimenti perché
            tra molta gente che posta qua sei uno di quelli
            che ha risposto in modo più equilibrato, senza
            invettive inutili e insulti scontati :)quoto te e l'autore del post precedente.Anche il tuo discorso, seppur un pò di parte, è uno di quelli che raramente si trova su PI senza che un troll ci si intrometta...Saluti, MeDevil
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Bush ha ragione!
            Gli Statunitensi hanno fatto molto di peggio negli anni passati, ma nn e' passato tanto tempo sai, ma nessuno si e' sognato di invadere gli USA per fargliela pagare.(A parte due piccoli aerei su due villette a schiera gemelle)Che Saddam sia stato e sia un criminale, che ha ucciso e torturato siamo d'accordo, stiamo dibattendo sul metodo: cioe' la guerra.Intervento sbagliato anche se il regime andava contrastato, in altro modo come un accordo, politica, diplomazia e non la forza.Credo che Bush sia paragonabile a Saddam, si e' messo sullo stesso piano, e' questo l'errore.- Scritto da: GrOg

            - Scritto da: Anonimo



            Veramente la motivazione era il possesso da
            parte

            dell'Iraq di "armi di distruzione di massa".

            Fregnaccia, sbandierata all'ONU e per mezzo

            mondo, che gli serviva per poter giustificare un

            intervento ingiustificabile...

            Qualcuno le ha mai trovate? A voi la risposta...



            Zanna

            Infatti si narra che qualche migliaio di curdi si
            sia "gasato" autonomamente, in un rituale
            suicidio di massa. Roba da matti, come certe
            ideologie (vedi comunismo) riescano ad obnubilare
            le menti in questo modo. L'antiamericanismo
            dilagante è frutto di un'acredine che ha origini
            storiche molto profonde e che è molto difficile
            da sradicare. Mi auguro solo che chi "spara"
            sulgli Stati Uniti si renda conto, in primis
            quanto è ridicolo ed in secondo luogo che se ha
            la LIBERTA' di esprimere le proprie opinioni
            (anche quelle aberranti) lo deve al sacrificio di
            centinaia di migliaia di americani. :'(
      • Anonimo scrive:
        Re: Bush ha ragione!
        eppure e' facile: per i neocon $ e morale sono la stessa cosa, criticare per entrambi i motivi non e' antinomico, e' pleonastico !
        [per l'iraq] una ragione morale in virtù di una
        economica.

        In Cina è il contrario :D
        Lui accusa la Cina di ledere la nostra economia e
        quindi la attacca (verbalmente si intende) sotto
        il profilo del guadagno economico internazionale,
        ma non sotto quello morale.
        E non va bene lo stesso..

        ma allora io non capisco..
      • Anonimo scrive:
        Re: Bush ha ragione!


        ma allora io non capisco..
        Esatto
      • Anonimo scrive:
        Re: Bush ha ragione!
        Probabilmente ci si dimentica che ogni stato ha la propria sovranità nazionale. E' uno dei principi insiti nella definizione stessa dello stato. Se una qualunque organizzazione statale accetta che le altre gli vengano a fare i conti in tasca, probabilmente la sovranità viene meno e quindi non si legittima il ruolo stesso delle politiche nazionali, buone o cattive che siano. E? un problema importante, su cui si dovrebbe riflettere. E? utile ricordare, inoltre, come spesso le strategie di governo sostengano le classi sociali più abbienti. Bush, nel caso specifico, si cruccia per salvaguardare gli interessi di major discografiche ricche. Non comprendo quanto tempo bisognerà aspettare prima che si rilevino importanti riforme a favore di coloro che non hanno niente. Altresì non capisco quanto bisognerà attendere per rilevare la diminuzione del divario ricchi-poveri, anziché il continuo incremento di tale forbice. Da sottolineare, ancora, che per quanto il mercato vada salvaguardato, con qualunque politica preferiate - anche liberale - i brani musicali vengano venduti a prezzi che non sono in linea col loro valore reale. Ciò lede esclusivamente i consumatori e, a seconda delle interpretazioni, potrebbe essere equiparato ad un furto. Certo, i CD non sono beni di prima necessità, ma lo stesso furto avviene tuttora su tali beni. Il pane costa troppo, eppure non ci sono politici che abbiano risolto questo problema. Il risultato è solo la rilevazione d?una classe sovrana che sfrutta, con totale noncuranza, il proprio elettorato, col disprezzo tipico che solo l?indifferenza - per giunta entro la propria giurisdizione - può far maturare. E l?obbiettivo è raggiunto in pieno: le persone normali, che non hanno come me lavoro e che hanno un sacco di problemi e spese sanitarie, devono constatare il peso con cui sono stati gonfiati gli interessi delle major, nei confronti dell?Iraq e di mille altre situazioni... Di loro si parla, tanto e male. Ma la povertà fa schifo, va nascosta ed è un tabù.
  • Anonimo scrive:
    diritto d'autore si
    e la vita umana ?politici fate schifo (uno che non vi votera' MAI)
    • Anonimo scrive:
      Re: diritto d'autore si
      e sai cosa gliene frega a loro che tu non li voterai mai
    • Anonimo scrive:
      Re: diritto d'autore si
      FAI MALISSIMO !!Se non voti, la possibilità di andare contro i desideri dei vari politici si abbassa sempre di più.Ricordati che votare è un tuo diritto, non un favore che fai ai vari politici.Vai a votare, tuo fratello o Paperino, ma vai a votare e chi sa che quando un giorno Paperino prenderà più voti di Berlusconi qualcuno in parlamento inizierà a tremare. :D - Scritto da: Anonimo
      e la vita umana ?
      politici fate schifo (uno che non vi votera' MAI)
Chiudi i commenti