Israele, Facebook sceglie la diplomazia

Il servizio considerava palestinesi tutti gli abitanti della Cisgiordania. I cittadini israeliani si sono mobilitati. Ora è possibile scegliere la nazionalità con la quale identificarsi

Roma – Il conflitto israelo-palestinese, dopo aver fatto la sua comparsa su Google Earth , si travasa sule pagine personali di Facebook: a reclamare la propria identità sono gli israeliani che vivono in Cisgiordania. Facebook assegnava automaticamente la nazionalità palestinese a coloro che vivono nei territori della striscia di Gaza e a coloro che abitano la Cisgiordania.

Per difendere la propria causa, i cittadini israeliani hanno organizzato proteste e manifestazioni a mezzo social network: il gruppo “Non è Palestina, è Israele” conta quasi 14mila membri. Gruppi al quale hanno risposto gli utenti palestinesi, minacciando di non utilizzare più il servizio qualora la loro nazionalità fosse rimossa da Facebook.

Ma i vertici del servizio hanno scelto la strada della diplomazia: a ciascun utente che viva in Cigiordania verrà concessa la possibilità di scegliere la propria nazionalità.

“Stanno lentamente aggiungendo alla lista delle doppie nazionalità i maggiori insediamenti israeliani – ha lamentato Channah Lerman, una degli organizzatori della protesta – ma la maggior parte degli insediamenti non è ancora in lista”. Da Facebook promettono un rapido aggiornamento. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo scrive:
    mah...
    Io sono convinto che la gente che scarica software "pirata", se questo software non fosse cosi facilmente scaricabile, non comprerebbe MAI!!!!! quei prodotti (norton, adobe, & co.), quindi non vedo perché tu debba usare il termine rubare alle software house.
    • Davide Impegnato scrive:
      Re: mah...
      Se un oggetto è in vendita e tu ne vieni in possesso senza pagare, se non è un regalo allora è un furto. Piratare = rubare.Anch'io mi comprerei mai una Ferrari, ma se ne entro in possesso o me l'hanno regalata, oppure l'ho pagata, oppure l'ho rubata. Facile.Soltanto perché del software ne puoi fare una copia invece che dover rubare il CD fisicamente dal negozio, non vuol dire che non sia comunque un FURTO.Informo che installare software senza regolare licenza è una violazione amministrativa (multa, tipicamente il doppio del valore della licenza pirata); condividere il software piratato, in Italia, equivale a redistribuire software senza autorizzazione: si tratta di una violazione del codice PENALE, con reclusione da 6 mesi a 3 anni.Vedila un po' così: la legge attuale non paragona il venir in possesso di software rubato alla ricettazione e secondo me è una mancanza della legge italiana.Se vuoi un software, una canzone o un film hai 2 alternative:* lo paghi* ne fai a menoQuesto succede per TUTTI i beni, perché non dovrebbe succedere per il software?Ristabiliamo la legalità in Italia, disinstalliamo tutto il software non originale e sostituiamolo con software correttamente licenziato, MOLTO MEGLIO SE SOFTWARE LIBERO.Voglio proprio vedere se tutti quelli che vengono su questo forum a dire "Linux merda, W Windows" sarebbero davvero disposti a pagare quello che microsoft pretende per il suo software.Pagate, gente, PAGATE! oppure prendete software libero, gratuitamente, ed usatelo. Poi, magari, sentitevi anche in dovere di fare una donazione agli sviluppatori.Piratare Office significa costringere lo stato Italiano a comprare copie originali di Windows e di Office. Vogliamo renderci conto, per favore, che se usassimo tutti OpenOffice ci sarebbero MILIONI di EURO di TASSE in MENO !?!?
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: mah...
        - Scritto da: Davide Impegnato
        Piratare = rubare.[yt]1MM1JSpm8rg[/yt]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 marzo 2008 14.04-----------------------------------------------------------
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: mah...
          Carino. Mi fa piacere vedere il "sopravviviamo", come se un film fosse aria.Loro non rubano, impongono un prezzo e tu scegli se acquistare un oggetto. Se vuoi quell'oggetto, paghi, sennò puoi tranquillamente vivere senza .Personalmente non scarico film da internet né ne compro, ti garantisco che riesco a vivere anche senza ratatouille o senza cars.Non giustifichiamo un atto che, oltre a mettere in una posizione di illegalità chi lo commette, lo abitua anche a fruire dei contenuti. Non abituatevi a guardare film, anche se gratis, un giorno qualcuno potrebbe chiedervi di renderne conto. La prescrizione per reati di questo tipo è 30 anni, non è detto che fra 30 anni nessuno sia ancora venuto alla vostra porta a batter cassa.Hai un vecchio PC da usare, ma non vuoi pagare 300 euro per Windows XP full version? mettici linux, non pirare Windows. Resti nella legalità e fai un favore alla società, contemporaneamente fai un dispetto da chi pretende da te 300 euro per un prodotto vecchio di 7 anni.Dall'oggi al domani il possesso di film "pirata" potrebbe diventare RICETTAZIONE (i politici possono cambiare le leggi, eh?!): tu sei sicuro di voler correre questo rischio per Ratatouille?
          • Christian scrive:
            Re: mah...
            Non dire cavolate che è MEGLIOpiratare è DIVERSO da rubare e lo dice il nostro codice penalerubare è sottrarre una cosa da chi la detiene, quindi io ti porto via la tua borsa e ma la prendo io, risultato tu la perdi io la ottengo (illegalmente ovviamente).piratare è copiare una cosa da un altro, risultato tu continui ad avere la tua cosa, io ne ho una (diversa) identica (o molto simile) mia.E' diverso, non facciamo questi paragani ridicoli che non servono a nessuno.la prescrizione non è affatto di 30 anni !!!! ma che dici ??? te le inventi le cose o le sai ? ma che 30 anni !!!! manco fosse un sequestro di persona !!!adesso non so quanto sia, anche perché la disciplina della prescrizione è cambiata da poco. quella del reato è una percentuale della pena massima (ma non ho controllato).... se serve controllo, ma di certo moooooolto meno di 30 anni.Si discute anche se piratare sia effettivamente un reato, c'è una norma penale (per me incostituzionale) ancora non si sono fatti processi penali in italia e sarebbe interessante farne qualcuno esplorativo con la nuova normativa. 1° il copyright non è un bene giuridico costituzionalmente tutelato, per cui è incostituzionale un reato che tuteli un bene di così scarso valore con una sanzione penale (basta quella civile) questa impostazione non è però accolta dalla giurisprudenza, ma per me è valida 2° c'è una direttiva europea di cui ho letto che farebbe venire meno l'antigiuridicità dello scaricare 3° c'è la nuova normativa sulla condivisione dei contenuti degradati in internet, che farebbe venire meno anche essa la antigiuridicità della condotta, è vero che si riferisce a musica e foto, ma è analogicamente estendibile ai film per me (analogia per il favor rei) basta che siano degradati (i jpg sono degradati rispetto ai bitmap, gli mp3 sono degradati rispetta ai wave, i div-x sono degradati rispetto ai vob)...rimangono le sanzioni civili.... con i limiti probatori previsti per le cause civili.... con questo non voglio incentivare la commissione di condotte illegali, ma solo spiegare che le cose sono complesse.In conclusione sono d'accordo con chi dice: USATE SOFTWARE CON LICENZA GPL, ASCOLTATE MUSICA CON LICENZA CC, GIOCATE GIOCHI CON LICENZA GPL e facciamogliela pagare così !!!! e se avete soldi da spendere DONATELI ai gruppi che creano cultura ed intrattenimento LIBERI !!!! rendiamo economicamente vincente un modello che crei cultura libera per tutti !!! su questo si fonda il vero progresso
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Poi bisogna dire cosa vuol dire degradato. Si è
            molto discusso in rete di questa cosa, ma non si
            ha nulla per definire cosa è degradato. Tu puoi
            dirmi che un DivX è degradato, io posso dirti che
            è di qualità enormemente superiore allo standard
            PAL dei televisori.E diresti una stronzata perché lo standard PAL è un'immagine NON COMPRESSA a 720 (o 768 dipende)x576 con una cadenza di 50 campi interlacciati, per mantenere questa qualità significa creare un filmato che occupa sui 3 GB per ogni MINUTO. Qualunque filmato che occupi uno spazio inferiore a questo è degradato.In ogni caso, "degradato" è qualunque cosa da cui non sia possibile più ripristinare l'informazione originale così com'era. Da un DivX non posso rifare il DVD e tantomeno posso rifare il fotogramma 35mm (che ha una definizione di gran lunga maggiore). Se anche ci provo a fare da DivX a DVD, anche impostando lo stesso bitrate ci sarà comunque una perdita di informazione, e se vado a fare il compare col DVD originale non mi trovo gli stessi dati. Stesso discorso per quanto riguarda gli mp3, che sono molto degradati rispetto al wav/cd di partenza e infatti non a caso un CD audio occupa circa 750 mega in formato wav, ma quello stesso CD compresso in mp3 occupa a una qualità ancora accettabile sui 90-120 mega. E se ritrasformo un mp3 in wav a qualità cd e vado a compararlo col wav estratto direttamente dal cd non mi troverò mai gli stessi dati, perché è impossibile ricostruire dal nulla ciò che nella compressione è andato perduto.Questo significa degradato.Viceversa se prendo il wav e lo comprimo in un archivio rar o zip poi posso estrarlo di nuovo e ritrovarmi lo stesso wav con gli stessi dati, in questo caso non c'è degrado e la qualità è immutata. Ma DivX e mp3 sono formati degradati per loro natura. E non lo dico certo io:http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/scienza_e_tecnologia/diritti-web/legge-mp3/legge-mp3.htmlhttp://punto-informatico.it/p.aspx?i=2208850
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: mah...
            Sono d'accordissimo sul fatto che MP3, MPEG e JPEG degradano l'immagine ma, ancora una volta, non sappiamo qual è il termine di paragone.Un JPG da 2 megapixel di un francobollo è un'immagine degradata o no? se faccio una foto del campidoglio (e in Italia non c'è il diritto di panorama) quello che ottengo è un'immagine degradata o no?Secondo te, se io prendo un DVD e gli tolgo 2 righe, una sopra ed una sotto, il risultato è una degradazione irrecuperabile che ti autorizza a distribuire liberamente quello che hai copiato. Sotto l'aspetto tecnico è ineccepibile, ma vai a spiegarlo, tu, al giudice che ti sta per condannare.Ripeto, il problema è la definizione di immagine degradata, definizione che NESSUNO HA. Non esiste una legge che definisca per filo e per segno cos'è un'immagine degradata e cosa no, quindi tutto può essere degradato come tutto può non esserlo. Se intendi affidarti al sottile filo delle definizioni tecniche, vai pure avanti, ma poi non piangere se il giudice, sentito il CD e l'MP3, li considera uguali e ti condanna.Io preferisco essere garantista e tutelare chi mi chiede, oltre a tutelare me stesso. Voi fate un po' quello che vi pare, ma prima di prendervi responsabilità (che potrebbero essere anche penali) fatevi venire qualche scrupolo.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Sono d'accordissimo sul fatto che MP3, MPEG e
            JPEG degradano l'immagine ma, ancora una volta,
            non sappiamo qual è il termine di
            paragone.

            Un JPG da 2 megapixel di un francobollo è
            un'immagine degradata o no? se faccio una foto
            del campidoglio (e in Italia non c'è il diritto
            di panorama) quello che ottengo è un'immagine
            degradata o no?Dal punto di vista tecnico jpg è sempre degradata anche se imposti la compressione al minimo perché non permette in nessun caso di ritornare all'immagine non compressa originale.Dal punto di vista filosofico o pratico, possiamo discuterne. Ma tecnicamente jpg è un formato che include di suo un degrado, più o meno evidente certo a seconda dei settaggi, ma sempre inevitabilmente presente.
            Secondo te, se io prendo un DVD e gli tolgo 2
            righe, una sopra ed una sotto, il risultato è una
            degradazione irrecuperabile che ti autorizza a
            distribuire liberamente quello che hai copiato.Stiamo parlando in linea teorica perché la legge parla di immagini (fisse) e suoni ma non di filmati.Per togliere due righe devi riencodare il filmato. Mpeg-2 (la codifica video del DVD) non permette di rieditare l'immagine senza essere costretti a ricodificare tutto. Il discorso potrebbe già essere diverso se il DVD fosse un formato non compresso, nel qual caso non ci sarebbe (o comunque non sarebbe necessaria) una perdita di qualità.Mi puoi obiettare che se salvi senza comprimere (cioè in RGB uncompressed) non perdi qualità, e in effetti è così; tuttavia nella stragrande maggioranza dei casi al taglio farai seguire una ricompressione per non tenere file di dimensioni bibliche (che sono anche scomodi da gestire) sul disco.
            Sotto l'aspetto tecnico è ineccepibile, ma vai a
            spiegarlo, tu, al giudice che ti sta per
            condannare.Stiamo facendo pura accademia, i giudici in Italia, in buona parte, non sono sufficientemente preparati alle questioni informatiche. Con le dovute eccezioni.Tuttavia, il concetto di degradato nei formati multimediali è un concetto ben preciso ed è quello che ti ho detto. Poi potremmo pensare che PROBABILMENTE il legislatore INTENDEVA scrivere "degradato in maniera evidente e percettibile dall'uomo medio"... peccato che non l'abbia scritto, e in Italia le leggi contano scritte, lo sanno bene gli avvocati e i pubblici ministeri che si danno battaglia al processo proprio su queste ambiguità delle leggi dovute più o meno volutamente all'ignoranza (in questo caso informatica) dei legislatori.
            Ripeto, il problema è la definizione di immagine
            degradata, definizione che NESSUNO HA. Non esiste
            una legge che definisca per filo e per segno
            cos'è un'immagine degradata e cosa no, quindi
            tutto può essere degradato come tutto può non
            esserlo. Se intendi affidarti al sottile filo
            delle definizioni tecniche, vai pure avanti, ma
            poi non piangere se il giudice, sentito il CD e
            l'MP3, li considera uguali e ti
            condanna.Io ho solo detto dal punto di vista tecnico. Che poi nessuno sappia esattamente cosa intendesse il legislatore per immagine/suono degradati, o per fini didattici e scientifici, non ci piove. Ma questo, probabilmente, sarà uno dei primi problemi del prossimo governo.E per quanto riguarda il giudice, basterebbe portare in un tribunale il grafico delle due forme d'onda e si dimostrerebbe palesemente che non sono uguali. Certo l'mp3 SOMIGLIA all'originale (nessuno lo nega), ma non è UGUALE.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: mah...
            PS:
            E diresti una stronzata perché lo standard PAL è
            un'immagine NON COMPRESSA a 720 (o 768
            dipende)x576 con una cadenza di 50 campi
            interlacciati, per mantenere questa qualità
            significa creare un filmato che occupa sui 3 GB
            per ogni MINUTO. Qualunque filmato che occupi uno
            spazio inferiore a questo è
            degradato.Se io prendo un filmato RAW PAL e lo zippo, occupa meno e non è degradato. DivX può essere settato in diverse maniere, può arrivare ad avere una qualità enormemente superiore al PAL. Io prendo un bluray e lo comprimo con DivX. Poi lo confronto con il DVD e può risultare infinitamente migliore. Ho degradato, secondo te? sono a posto con la legge?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Se io prendo un filmato RAW PAL e lo zippo,
            occupa meno e non è degradato.Ok.
            DivX può essere
            settato in diverse maniere, può arrivare ad avere
            una qualità enormemente superiore al PAL.Se parti dal PAL non puoi avere in nessun caso una qualità superiore. Puoi anche espandere il filmato fino a avere 1600x1200 di risoluzione ma comunque non puoi ricostruire dal nulla quello che non hai. In ogni caso, non con le normali tecnologie a portata di tutti.
            Io
            prendo un bluray e lo comprimo con DivX. Poi lo
            confronto con il DVD e può risultare
            infinitamente migliore. Ho degradato, secondo te?Hai degradato rispetto al tuo supporto di partenza. Lo stesso discorso potrebbe valere per un DVD e un VideoCD.
            sono a posto con la legge?Teoricamente sì purché tu scriva da qualche parte che la fonte è il blu-ray e non il dvd. Ma ripeto è mera teoria.
          • no login scrive:
            Re: mah...
            ricapitolandose voglio leggermi "il barone rampante" ho diverse opzioni:lo compro nuovolo cerco usatome lo faccio prestare da un conoscentevado in biblioteca se voglio rivedermi "l'age d'or"lo compro (bel cofanetto costoso di Bunuel """perdona la n""")lo cerco usato (e ne trovo tonnellate n'e' vero?)me lo faccio prestare da un conoscente (legale? forse fra poco non piu'....)vado in biblioteca e mi prendo "il barone rampante" (perche' non ho i soldi per il cofanetto, perche' non lo trovo usato, perche' i miei conoscenti sono degli ignoranti che guardano car)
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: mah...

            me lo faccio prestare da un conoscente (legale?
            forse fra poco non
            piu'....)Chiedilo al DRM, se è legale. :-/
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: Davide Impegnato

            me lo faccio prestare da un conoscente (legale?

            forse fra poco non piu'....)

            Chiedilo al DRM, se è legale. :-/Non tutti i supporti sono protetti da DRM, ad esempio i DVD della Hobby & Work da edicola non lo sono, così come la stragrande maggioranza dei CD audioIn ogni caso il diritto di prestito a titolo gratuito di un originale regolarmente acquistato non può essere limitato, ovviamente se chi lo presta non ne trattiene copia.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: mah...
            Beh, se non sbaglio un file con DRM della Apple non può essere riprodotto su più di 5 oggetti diversi. Ora, mettiamo che io ho 2 ipod e un paio di pc (se ho un figlio, è il minimo). Mi resta 1 sola licenza a disposizione. Mi si rompe l'HD. Zero. Ho fatto un acquisto e questo è irrimediabilmente legato a degli oggetti, i lettori mp3, che nulla dovrebbero avere a che fare con la canzone in sé.Il DRM uccide la libertà di fruire liberamente di un oggetto acquistato, come una canzone, un film, un libro (vogliamo parlare di Microsoft Reader?) o anche un documento.Il DRM detta nuove regole, regole sulle quali la democrazia nulla può fare. Il DRM permette alle major di violare i diritti delle persone.Volete un esempio di violazione? andate sul sito del presidente della repubblica, sono a disposizione tutta una serie di video in formato wmv, soltanto streaming. Quei video non sono coperti da alcun copyright, sono documenti dello stato al pari di una verifica a scuola. E se venissero protetti da DRM? mettiamo che lo stato faccia un accordo con MS, come per Milano e le mail, MS offre aggratis allo stato un servizio di streaming video per i discorsi del presidente, ma soltanto con WMV e DRM. Addio diritto dei cittadini di vedere il filmato con Linux (formato WMV già adesso, ma almeno non DRM) e impedimenti colossali. Impedimenti TECNICI che impediscono di esercitare libertà legittime.Diciamo NO al DRM in tutte le sue forme.
      • Argento scrive:
        Re: mah...
        - Scritto da: Davide Impegnato
        Se un oggetto è in vendita e tu ne vieni in
        possesso senza pagare, se non è un regalo allora
        è un furto.


        Piratare = rubare.Posso anche essere d'accordo con te, tecnicamente è un furto, quello che mi infastidisce è che si faccia l'equazione del tipo che se un software piuttosto che un film viene scaricato 100 volte e originale costa 100 = perdita 10.000.non è così lineare, inatanto non è una perdita, è un mancato guadagno al limite, e per quanto mi riguarda, aver scaricato ratatouille ed averlo visto non implica che non ho dato i soldi all'industria cinematografica, non sarei andato comunque al cinema a vederlo punto.Dove stà in questo caso la perdita per la casa cinematografica??
        • no login scrive:
          Re: mah...
          - Scritto da: Argento
          - Scritto da: Davide Impegnato

          Se un oggetto è in vendita e tu ne vieni in

          possesso senza pagare, se non è un regalo allora

          è un furto.





          Piratare = rubare.

          Posso anche essere d'accordo con te, tecnicamente
          è un furto,simpaticissimo a riguardo lo spot che si trova in certi dvds:ruberesti mai una automobile?ecceccandrebbe espanso con qualcosa tipo:ti introdurresti in un appartamento di notte sfondando la porta ed uccidendo tutti i presenti? no ovviamente ed allora perche' scarichi illegalmente e' uguale. In fondo e' pur sempre reato.
          quello che mi infastidisce è che si
          faccia l'equazione del tipo che se un software
          piuttosto che un film viene scaricato 100 volte e
          originale costa 100 = perdita
          10.000.
          non è così lineare, inatanto non è una perdita, è
          un mancato guadagno al limite, sottilizzi?
          e per quanto mi
          riguarda, aver scaricato ratatouille ed averlo
          visto non implica che non ho dato i soldi
          all'industria cinematografica, non sarei andato
          comunque al cinema a vederlo
          punto.
          Dove stà in questo caso la perdita per la casa
          cinematografica??Spesso si basa sull'assunto che se lo hai scaricato magari un pochino ti interessa. Ed io sono veramente voglioso di quantificare quel pochino:per ratatouille sono disposto a pagare 1 euro tondo tondo!!! Sull'unghia
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: no login
            simpaticissimo a riguardo lo spot che si trova in
            certi
            dvds:
            ruberesti mai una automobile?
            ecceccE' un ottimo motivo per non comprare più DVD originali. Non solo uno compra originale ma deve pure sorbirsi quella stronzata che il più delle volte NON PUO' SALTARE?
            andrebbe espanso con qualcosa tipo:

            ti introdurresti in un appartamento di notte
            sfondando la porta ed uccidendo tutti i presenti?
            no ovviamente ed allora perche' scarichi
            illegalmente e' uguale. In fondo e' pur sempre
            reato.Anche trattare gli acquirenti del biglietto al cinema da ladri. Anche trattare chi compra un DVD originale da ladro.[yt]NJ0Y6A29HpA[/yt]
            per ratatouille sono disposto a pagare 1 euro
            tondo tondo!!!Che tra l'altro è più del prezzo che arriverebbe ai produttori comprando il DVD. Non posso che quotare.
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: mah...

          non è così lineareBeh, se loro dicono che è così, tanto meglio per loro: con quei dati poi vanno a batter cassa dal nostro Stato che, in base a quei numeri, paga e poi ci mette la tassa sui CDROM. Il mondo è dei più furbi, loro sono furbi e sanno che, anche mentendo sui numeri, non possono essere contraddetti.Tu hai una copia, non è stata pagata, il danno è tot. Per loro vale così e così è. In fondo, i loro studi non sono mica oro colato. E poi chi ha detto che 100 è il numero esatto? forse non è mica il numero di persone che hanno anche solo lo 0.01% in condivisione?
  • Il Detrattore scrive:
    bisogna metterli tutti in GALERA !
    tutti bravi a tessere le lodi dei pirati che rubano alle software house per distribuire il warez agli straccioni che non hanno soldi per comprarsi office e photoshop ma li trovano per il SUV e le scarpe di Prada da 300 euri.il warez e' un crimine e va punito, severamente.ma questo non e' neanche il problema principe quanto che piu' accedere al warez e' istantaneo e veloce piu' le software house vedranno ridursi al minimo il proprio budget per creare nuovi prodotti con consequente morte del software commerciale in molti settori.la pirate bay non e' quindi certo un novello Robin Hood telematico ma solo un volgarissimo ladro che scrocca sul lavoro altrui.ed e' anche molto immorale la cosa, visto che oltre al warez molti dei siti di tracking sono dediti a pornografia o peggio.
    • Sphaso scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      1) Non tutti quelli che scaricano poi possono permettersi di comprare Prada e SUV. Risparmiare per comprare cultura? Due problemi:a) ne avresti di menob) alimenteresti il circolo vizioso del "lo distribuisco se ci guadagno".Lo stesso circolo che mi porta a non trovare un'opera (anche una qualunque) di Herbert Spencer da nessuna parte, dato che non è più pubblicato da 20 anni.2) Esiste anche il software open-source, non per questo inferiore.3) La pornografia sarà immorale (per te) ma non di certo illegale.
    • pegasus2000 scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      Di quale software house sei a capo??? :D ;)
    • Diego scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      1) la copia delle canzoni è sempre esistita. se mi dici che da ragazzo NON HAI MAI registrato una canzone dalla radio su una bella cassettina vergine allora forse puoi azzardarti a parlare. 2) un sito che ospita i torrent, non distribuisce nulla perchè il P2P è scambio di file diretto tra gli utenti (informati) senza che un singolo bit dei file sia sul sito in questione.3) la pirateria ha sempre formato il mercato. quando mircosoft word/excel hanno vinto sui loro corrispettivi lotus amipro/123 è stato semplicemente perchè le aziende (cioè chi ci si aspetta che paghi il software) preferivano acquistare i prodotti microsoft in quanto, avendoceli a casa copiati, i nuovi dipendenti sapevano gia usarli senza dover fare (costosi) corsi di utilizzo. da imprenditore ti posso dire che è sempre stato cosi, dai tempi di windows 3.0 in poi. e anche su fasce di prodotti piu costosi.come ad esempio autocad che è piu diffuso di microstation anche se il secondo è di gran lunga migliore (ma meno copiato). microsoft non ha mai fatto una seria campagna antipirateria prima di diventare leader di mercato proprio per questo.
      • pippo scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !

        3) la pirateria ha sempre formato il mercato.
        quando mircosoft word/excel hanno vinto sui loro
        corrispettivi lotus amipro/123 è stato
        semplicemente perchè le aziende (cioè chi ci si
        aspetta che paghi il software) preferivano
        acquistare i prodotti microsoft in quanto,
        avendoceli a casa copiati, i nuovi dipendenti
        sapevano gia usarli senza dover fare (costosi)
        corsi di utilizzo. da imprenditore ti posso dire
        che è sempre stato cosi, dai tempi di windows 3.0
        in poi. e anche su fasce di prodotti piu
        costosi.
        come ad esempio autocad che è piu diffuso di
        microstation anche se il secondo è di gran lunga
        migliore (ma meno copiato).

        microsoft non ha mai fatto una seria campagna
        antipirateria prima di diventare leader di
        mercato proprio per
        questo.Forse il suo argomento è proprio questo, ammettiamo che tu voglia far concorrenza a excel, oltre a dover combattere con la microsoft, ti ritrovi il tuo prodotto in distribuzione a zero euro...Capirai che è una situazione poco sostenibile :(
        • Diego scrive:
          Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
          - Scritto da: pippo
          Forse il suo argomento è proprio questo,
          ammettiamo che tu voglia far concorrenza a excel,
          oltre a dover combattere con la microsoft, ti
          ritrovi il tuo prodotto in distribuzione a zero
          euro...
          Capirai che è una situazione poco sostenibile :(certo.però i prodotti delle grosse case (office, photoshop, autocad...) sono pensati ed hanno costi diretti alla PMI (a fatica) ed alla grande Impresa.nessuno in casa microsoft si aspetta che un utente casalingo spenda 590 euro per un portatile alla coop e ne spenda altrettanti per un Office.E non si aspettano neache che uno compri Works!L'importante è diventare Sector Standard e conquistare il mercato business. Se vuoi fare concorrenza ad un Excel devi quindi puntare al settore impresa, che comunque deve pagarti la licenza. Puoi permetterti di fare un battage pubblicitario tale per cui le imprese comincino a considerarti come alternativa? Pagare le 15 riviste del settore per pubblicarti recensioni come si deve? Pagare il TG di turno per farti un servizio? (la mia marketing manager ste cose le fa, parlo per esperienza diretta). Pagare il megastand alle fiere di settore in giro per il mondo? Dare un servizio 24/7 di assistenza online globale multilingue?Certo, le grandi aziende sono in regola e prendono seriamente il licensing management. La PMI meno, anche per gli scarsi controlli della finanza.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
          - Scritto da: pippo
          Forse il suo argomento è proprio questo,
          ammettiamo che tu voglia far concorrenza a excel,
          oltre a dover combattere con la microsoft, ti
          ritrovi il tuo prodotto in distribuzione a zero
          euro...No, devi fare concorrenza anche a openoffice, e quello costa zero euro perché quelli che l'hanno creato hanno deciso di regalarlo alla comunità invece di costringerli a pagare.
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !

        microsoft non ha mai fatto una seria campagna
        antipirateria prima di diventare leader di
        mercato proprio per
        questo.Microsoft non ha mai fatto una campagna antipirateria. Mai. Se per campagna antipirateria intendi dire "sì, la pirateria ci danneggia", allora quella è una campagna di bugie.Microsoft stessa è avvantaggiata dalla pirateria. Windows non esisterebbe se non ci fosse la pirateria. Grazie ai pirati, Microsoft può permettersi di obbligarci a pagare Windows OEM su tutti i computer che acquistiamo. Tra poco l'OEM sarà direttamente sui processori, non si potrà più non pagare. Questo dimostra come la pirateria aiuta microsoft.Works lo paghiamo tutti, senza che nessuno lo usi. 60 per ogni computer, in licenza OEM.Comprare un computer significa, oggi, comprare Vista (90 o 114 per home basic o premium OEM), Works (60) e ritrovarsi anche la versione di prova di Office2007.Come si fa a fare una campagna antipirateria, visto che basta mettere un numerello dentro a Office ed è già bello che crackato, senza dover nemmeno installare nulla??Microsoft ci sta incatenando con la scusa della pirateria. BASTA PIRATARE! Se volete un software, o lo pagate, o ne fate a meno, o ne cercate un'altro che costa meno.Se ritenete il software MS il migliore, PAGATELO. Se ritenete che non valga i soldi che costa, NON PIRATATELO. Passate al software gratuito, meglio se libero (visto che MS distribuisce anche sw gratuito, per poi ingabbiarti, come la prova di Office2007).BASTA PIRATARE.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
          - Scritto da: Davide Impegnato
          Microsoft non ha mai fatto una campagna
          antipirateria. Mai.Direttamente no, però è associata BSA e quella le campagne le ha fatte. Senza contare che comunque, per quanto blando, ha creato il WGA che precedentemente non c'era.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
            Dai, non scherziamo. Office2007 enterprise (la versione megasuperultra) s'installa senza nemmeno chiedere un codice. La versione HOME ha l'attivazione, la versione Professional no (così come la Vista enterprise e la Vista Ultimate, se non vado errato).Campagna anticopia è aggiungere 2 righe al codice del tipo if (nome_cd == Office2007enterprise) no_copy(disk); create_popup('PIRATA');end Questa sarebbe un'azione antipirateria. Altro che BSA, che io sinceramente NON HO MAI VISTO (benché frequenti il sito). E' notevole notare come, comunque, la BSA sia un'associazione senza scopo di lucro.
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      - Scritto da: Il Detrattore
      tutti bravi a tessere le lodi dei pirati che
      rubano alle software house Dove l'hai visto o sentito? Sei disinformato su cosa sia Pirate Bay.
      straccioni che non hanno soldi per
      comprarsi office e photoshop ma li trovano per il
      SUV e le scarpe di Prada da 300 euri.Stai dicendo che chi ha denaro è un disonesto per definizione? Sono d'accordo. Normalmente le industrie multinazionali hanno più denaro dei consumatori...
      il warez e' un crimine e va punito, severamente.Anche il genocidio in Tibet. Ma non è questo l'argomento.
      le software house vedranno ridursi al
      minimo il proprio budget per creare nuovi
      prodotti con consequente morte del software
      commerciale in molti settori.Sta finendo comunque di morte naturale. Il futuro (e il presente) è open source.
      la pirate bay non e' quindi certo un novello
      Robin Hood telematico Perché no? Informati.
      molto immorale la cosaPunti di vista.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      - Scritto da: Il Detrattore
      tutti bravi a tessere le lodi dei pirati che
      rubano alle software house per distribuire il
      warez agli straccioni che non hanno soldi per
      comprarsi office e photoshop ma li trovano per il
      SUV e le scarpe di Prada da 300 euri.

      il warez e' un crimine e va punito, severamente.

      ma questo non e' neanche il problema principe
      quanto che piu' accedere al warez e' istantaneo e
      veloce piu' le software house vedranno ridursi al
      minimo il proprio budget per creare nuovi
      prodotti con consequente morte del software
      commerciale in molti
      settori.

      la pirate bay non e' quindi certo un novello
      Robin Hood telematico ma solo un volgarissimo
      ladro che scrocca sul lavoro
      altrui.

      ed e' anche molto immorale la cosa, visto che
      oltre al warez molti dei siti di tracking sono
      dediti a pornografia o
      peggio."NON RUBERESTI MAI UN'AUTONON RUBERESTI MAI UNA BORSANON RUBERESTI MAI UN TELEVISORENON RUBERESTI MAI UN FILM..."... Però CHISSA' COME MAI qualcuno mi RUBA dei soldi quando decido di comprare un supporto vuoto per registrarci sopra me che faccio le pernacchie...
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
        Succede perché tutti hanno rubato prima di te e quindi, per tutelarsi, loro fanno pagare tutti.Il mondo è dei furbi, gli onesti ci rimettono. Vedi l'obbligo di comprare Windows.
      • pippo scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !

        "NON RUBERESTI MAI UN'AUTO
        NON RUBERESTI MAI UNA BORSA
        NON RUBERESTI MAI UN TELEVISORE
        NON RUBERESTI MAI UN FILM..."
        ... Però CHISSA' COME MAI qualcuno mi
        RUBA dei soldi quando decido di
        comprare un supporto vuoto per registrarci sopra
        me che faccio le
        pernacchie...Grazie a nierle, non mi fregano!P.S. ovviamente la musica la compro
    • toquigno scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      Il warez non morirà mai mettitelo bene in testa, lascia stare p2p che sono una cosa esagerata per bacino di utenza ecc ma tutti i server ftp privati e warez-official????? cosa vuoi fare?? chiuderli???? quella è gente che non scherza non credo che la tua idea vada a buon fine e ci sono N casi in cui il warez ha sempre vinto.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
        - Scritto da: toquigno
        ci sono
        N casi in cui il warez ha sempre
        vinto.Nonché 0 casi in cui ha perso
    • Annibale scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      Detrattore non rispondi a nessuno?cmq qui tu mischi warez (getne che rivende il sw altrui) e P2P (gente che si scambai file, tra cui anche il software altrui)ti ri-linko i dati che ti ho linkato al post analogo per l'articolo su logistep.le tue sono palle perchè questa gente guadagna comunque (anzi di più) da quando c'è il p2p massiccio (2001):per vedere l'andamento azionistico di anni devi usare lo slider sotto i grafici o cliccare su "max"queste IMHO sono le sw house che più di tutte potrebbero risentire della pirateriaAdobe:http://finance.google.com/finance?q=NASDAQ%3AADBEAutodesk:http://finance.google.com/finance?q=Autodesk&hl=enMicrosoft:http://finance.google.com/finance?q=NASDAQ%3AMSFTElectronic Arts:http://finance.google.com/finance?q=NASDAQ%3AERTSquesto è l'andamento del NASDAQ, ovvero l'indica che raccolgie i titoli tecnologici:http://finance.google.com/finance?q=INDEXNASDAQ%3A...a me pare che dal 2001 i titoli vadano più o meno a gonfie vele, se davvero i danni fossero come quelli che dici in 7 anni avremmo visto un calo degli utili e quindi dei titoli no?se poi invece parli di piccole sw house è il mercato che richiede la loro flessibilità nei confronti del cliente (sw custom) in opposizione al generalismo dei sw prodotti dalle sopracitatesecodno me infatti il danno ricevuto dal P2P è direttamente proporzionale alla diffusione del proprio sw (intendo la diffusione legale) ed alla fama del proprio brand.se poi volgiamo anceh paralre di film e musica:http://www.dmwmedia.com/news/2008/03/20/sony-bmg-r...e ti rammento che Sony BMG è quella dei rootkit nei cd e che dice che la pirateria sta facendoli chiudere....
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
        Mi viene da piangere...poverini, la pirateria li sta facendo fallire...
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
          - Scritto da: Davide Impegnato
          Mi viene da piangere...poverini, la pirateria li
          sta facendo fallire...Poveri produttori!Non potranno più avere le ville al mare, le mercedes, le ferrari, i soldi messi al sicuro nei paradisi fiscali...:'(:'(:'(
      • pippo scrive:
        Re: bisogna metterli tutti in GALERA !

        http://www.dmwmedia.com/news/2008/03/20/sony-bmg-r

        e ti rammento che Sony BMG è quella dei rootkit
        nei cd e che dice che la pirateria sta facendoli
        chiudere....p.s. profitti != da borsa
    • rockroll scrive:
      Re: bisogna metterli tutti in GALERA !
      Per "Il Detrattore"Guarda che qui non si parlava proprio di lesa maestà sui diritti software, sul rispetto dei quali, trattandosi del vero caso di opera d'ingegno, potremmo essere d'accordo (per la durata di qualche anno, sia ben chiaro, poi devono diventare legittimo patrimonio dell'Umanità, se la parola Umanità ha un valore). Certo che il tuo scagliarti contro dei principi di libertà che dovrebbe essere il punto di forza di una democrazia, fa ben capire da che parte di interessi intendi schierarti. E poi non si deve esordire dando del pezzente straccione scroccone a nessuno, anche se non ha i tuoi stessi interessi personali.
  • Franco scrive:
    Contro la pirateria!
    Come stallman insegna,assaltare navi è scorretto!Ammiro brokep,ma se vuole parlare di libertà allora che si tiri fuori dai clichè imposti dalle major e dai media.Non facciamoci chiamare con il nome che loro voglioni darci
  • NOX scrive:
    che grande
    un vero saggista,un vero profeta della liberta!!1ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhuhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhihhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh......grande!!
Chiudi i commenti