IT, offresi quale lavoro?

Il mercato del lavoro nell'informatica spesso non premia le capacità ed anzi si devono nascondere certe competenze pur di trovare un posto. Ne parla un lettore


Roma – Caro Punto Informatico, è bello vedere che qualcuno ha a cuore i problemi degli informatici. Vi scrivo questa mia per testimoniare una assurdità che ho vissuto sulla mia pelle. Si sa, l’Italia è atipica. In un paese dove le conoscenze contano più del valore di una persona, cercare lavoro è difficile se non si hanno i giusti agganci.

E per questo motivo, specie in presenza della ben nota crisi, si fanno largo sempre più quelle aziende, spesso singoli, che procacciano il lavoro. E nascono come funghi, fornendo improbabili indirizzi email o siti inesistenti, per dimostrare la loro (supposta) professionalità.

Ti bombardano di richieste per lavoretti di due/tre mesi, ti vogliono subito, domani, oggi, spesso non ti intervistano nemmeno, o lo fanno in maniera superficiale. Poi ti portano dal cliente, e se tutto va bene, ti vendono come risorsa loro, pagandoti una miseria (e sorvoliamo sulle condizioni di pagamento, quando pagano), ma facendosi pagare le tue prestazioni al cliente salate.

Quello che più mi fa male però, è che la professionalità e l’esperienza accumulate in anni di duro lavoro e tanto studio non vengono assolutamente considerate.

A loro interessa solo venderti, spremerti da un lato e pagarti poco dall’altro. Tanto sei sacrificabile, tanto loro ne hanno tanti, perchè c’è crisi, perchè molti si svendono senza ritegno pur di lavorare, perchè nel 1999 reclutavano chiunque visto che il mercato tirava, perchè ci sono ragazzotti che dell’informatica se ne fregano, tanto con un pezzo di carta con scritto laurea a quei tempi non guardavano il lavoro che gli veniva offerto, ma chi offriva di più, e adesso sono in mezzo ad una strada.

Ma oggi, se, come nel mio caso, hai un curriculum importante, allora ti capita, e purtroppo anche frequentemente, di vivere situazioni al limite dell’inverosimile. O ti scartano perchè sei troppo bravo, ed allora ti metteresti in concorrenza con i loro dipendenti, che ovviamente non sono bravi come te e temono per la loro seggiola, od addirittura il procacciatore ti riduce il curriculum e ti chiede senza mezzi termini di dipingerti meno bravo di quello che sei.

Tu, per paura di fare la fame, ti adegui, ma si sa, se sei bravo si vede, ed allora al colloquio irrimediabilmente ti scartano. Perchè? Non perchè manchi di qualifiche, non perchè costi troppo, non perchè non gli vai a genio, ma perchè sei troppo bravo!

Lettera firmata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CELO CELO
    ma daiii! è un modo di dire di quando eravamo bambini. celo celo, mi manca...è fatto apposta. un minimo di ironia e meno di grammatica, please.tonke
    • Anonimo scrive:
      Re: CELO CELO
      - Scritto da: Anonimo
      ma daiii! è un modo di dire di quando
      eravamo bambini. celo celo, mi
      manca...è fatto apposta. un minimo di
      ironia e meno di grammatica, please.
      tonkeL'Italia non finisce a Milano.Per 40mln di italiani si dice "Ce l'ho" o al limite "Celò" se vuoi rimanere nella 'sgrammaticità'Buez
      • Anonimo scrive:
        Re: CELO CELO
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ma daiii! è un modo di dire di
        quando

        eravamo bambini. celo celo, mi

        manca...è fatto apposta. un
        minimo di

        ironia e meno di grammatica, please.

        tonke

        L'Italia non finisce a Milano.

        Per 40mln di italiani si dice "Ce l'ho" o al
        limite "Celò" se vuoi rimanere nella
        'sgrammaticità'

        BuezNon sai cosa sia l'ironia.
        • Anonimo scrive:
          Re: CELO CELO
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ma daiii! è un modo di dire
          di

          quando


          eravamo bambini. celo celo, mi


          manca...è fatto apposta. un

          minimo di


          ironia e meno di grammatica,
          please.


          tonke



          L'Italia non finisce a Milano.



          Per 40mln di italiani si dice "Ce l'ho"
          o al

          limite "Celò" se vuoi rimanere
          nella

          'sgrammaticità'



          Buez

          Non sai cosa sia l'ironia.Non sai cosa sia l'itagliano.... ahah :P:P
      • Anonimo scrive:
        Re: CELO CELO
        - Scritto da: Anonimo
        L'Italia non finisce a Milano.

        Per 40mln di italiani si dice "Ce l'ho" o al
        limite "Celò" se vuoi rimanere nella
        'sgrammaticità'Si diceva "celo" anche in Sardegna.
  • Anonimo scrive:
    Riccardo
    Hai toppato di bestia.
  • Anonimo scrive:
    ElfQrin...
    ...forse ha crackato PI e ha modificato la pagina degli avatar per poter segnalare poi una svista .... ahahah :P hihibuon natale!:):D:P
    • ElfQrin scrive:
      Re: ElfQrin...
      No, però per informarmi di questo trafiletto su di me PI mi ha mandato una e-mail con soggetto "Segnalazione di notizia che vi riguarda" e il mio primo pensiero è stato "Oddio, che ho fatto?":D
      • TPK scrive:
        Re: ElfQrin...
        - Scritto da: ElfQrin
        No, però per informarmi di questo
        trafiletto su di me PI mi ha mandato una
        e-mail con soggetto "Segnalazione di notizia
        che vi riguarda" e il mio primo pensiero
        è stato "Oddio, che ho fatto?"

        :DPaura eh?
        • Anonimo scrive:
          Re: ElfQrin...
          - Scritto da: TPK

          - Scritto da: ElfQrin

          No, però per informarmi di questo

          trafiletto su di me PI mi ha mandato una

          e-mail con soggetto "Segnalazione di
          notizia

          che vi riguarda" e il mio primo pensiero

          è stato "Oddio, che ho fatto?"



          :D

          Paura eh?Coscienza sporca... :D
  • Anonimo scrive:
    E' ovvio che e' fatto apposta...
    E' ovvio che hanno scritto apposta celo e non ce l'ho !L'hanno fatto simpaticamente per ricordare i vecchi tempi in cui velocemente il ce l'ho sembrava celo.Tutti sanno benissimo che si scrive con l'apostrofo, questo non c'e' nemmeno bisogno di dirlo, quel titolo e' scritto cosi' di proposito...suvvia siate meno rigidi e piu pazzerelli nella vita.
  • Anonimo scrive:
    Ma sei Fuori?
    :'(Da ragazzino tutti guardavano la figurine (AHH il ricordo degli spacciatori di album davanti alle scuole,e le bustine con 6 figu a sole 150 lire...)CMQ prova a scartabellarti circa 500 figurine sotto al sole in maggio dicendo c'è l'ho e senza poter bere, dopo le prime 100 inizierai con celo' per passare poi a celo senza accenti per risparmiare anche quel micron di fiato .... La svista vera è solo la segnalazione che il nosto amico divende a spada tratta senza motivo ....Buon Natale a tutti
    • Attila Xihar scrive:
      Re: Ma sei Fuori?
      - Scritto da: Anonimo
      :'(
      Da ragazzino tutti guardavano la figurine
      (AHH il ricordo degli spacciatori di album
      davanti alle scuole,e le bustine con 6 figu
      a sole 150 lire...)
      CMQ prova a scartabellarti circa 500
      figurine sotto al sole in maggio dicendo
      c'è l'ho e senza poter bere, dopo le
      prime 100 inizierai con celo' per passare
      poi a celo senza accenti per risparmiare
      anche quel micron di fiato .... La svista
      vera è solo la segnalazione che il
      nosto amico divende a spada tratta senza
      motivo ....QIT(Quoto in toto):D
  • Anonimo scrive:
    x la redazione - toglietelo
    Vi suggerisco di togliere il riferimento alla (s)vista "celo - manca" della Gazzatta dello Sport, e di farlo il prima possibile.Molte volte la spasmodica ricerca di errori da mettere alla berlina gioca brutti scherzi, e questo è uno di quei casi.L'espressione "célo - manca", scritta in questo modo, è *evidentemente* una voluta trascrizione del classico modo di dire.Lo sanno quasi tutti, evidentemente non tutti. Ma prima di puntare il dito bisogna essere sicuri, altrimenti è un boomerang.Vi suggerirei quindi di togliere il riferimento, se potete.
    • Anonimo scrive:
      Re: x la redazione - toglietelo
      infatti, l'espressione "celo - manca" è nel gergo comune.Svista nella svista? :-))
    • sandcreek scrive:
      Re: x la redazione - toglietelo

      L'espressione "célo - manca", scritta
      in questo modo, è *evidentemente* una
      voluta trascrizione del classico modo di
      dire.Nola trascrizione sarebbe ce l'hoal massimo guarda accetterei un cel'homa celo non sta proprio ne' in celo ne' pertera
      • LockOne scrive:
        Re: x la redazione - toglietelo
        - Scritto da: sandcreek


        L'espressione "célo - manca",
        scritta

        in questo modo, è
        *evidentemente* una

        voluta trascrizione del classico modo di

        dire.

        No
        la trascrizione sarebbe ce l'ho
        al massimo guarda accetterei un cel'ho
        ma celo non sta proprio ne' in celo ne'
        perteraaaahhhhhh ommammaaaaa ma tutti professorini siete eeeeh?e comincia tu a dare l'esempio, scrivendo né coll'accento giusto. auffaaaaaaa
      • edc scrive:
        Re: x la redazione - toglietelo

        No
        la trascrizione sarebbe ce l'ho
        al massimo guarda accetterei un cel'ho
        ma celo non sta proprio ne' in celo ne'
        perteraCol cavolo! Quando si dice celo - manca non si pronunciace l'ho, si pronuncia cèlo, tutto attaccato e con l'accento sulla prima sillaba, e lo si fa apposta per storpiare la parola.Sveglia!!!
        • cesko scrive:
          Re: x la redazione - toglietelo

          Col cavolo! Quando si dice celo - manca non
          si pronuncia
          ce l'ho, si pronuncia cèlo, tutto
          attaccato e con l'accento sulla prima
          sillaba, e lo si fa apposta per
          storpiare la parola.
          Sveglia!!!a voler dirla tutta, si dice "célo" e non "cèlo" !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: x la redazione - toglietelo
      Toglierlo... scherzi?! Con tutti gli interventi che ha generato? ;-)Mah... che devo dire? Evidentemente molti non si sono mai scambiati le figurine quando erano piccoli, perché altrimenti saprebbero che, dopo ore di pratica, il "ce l'ho" diventava inevitabilmente (varianti regionali a parte) un "celo" - così lo dici, così lo scrivi - e non un "cel'ho"... o un "celò"... o un "c'elò"... o un "c'è Lo"... o un "Cielo, mio marito!" :DCerto, in un epoca in cui siamo subissati di linguaggio pubblicitario, tutta questa pedanteria...
    • DKDIB scrive:
      Re: x la redazione - toglietelo
      Anonimo wrote:
      Vi suggerisco di togliere il riferimento alla (s)vista "celo -
      manca" della Gazzatta dello Sport, e di farlo il prima
      possibile.Quoto.IMHO come segnalazione e' proprio 'na stronzata: e' palese ke non si tratta d'un errore.Al pari della presunta-svista precedente (il messaggio di Alice e' tutt'altro ke stupido).
  • Anonimo scrive:
    Celo Celo...
    Credo che sia voluto, non una svista.Se torniamo con il pensiero alle elementari, ricordiamo tutti il monotono celo celo celo celo celo, interrotto improvvisamente dall'esclamazione Mi manca!
    • Anonimo scrive:
      Re: Celo Celo...
      Si, e' cosi'.Ricordo anche il primo album di Elio e le Storie Tese, quando, all'introduzione del primo pezzo ("John Holmes"), ci sono i ragazzini che si scambiano le figurine ("celo celo...Facchetti? C'hai fatto 5 album solo di Facchetti....Buso? Buso e' raro...")Ah, bei tempi: meno pancia, piu' capelli, piu' ragazze, meno grattacapi....ZB(win)- Scritto da: Anonimo
      Credo che sia voluto, non una svista.

      Se torniamo con il pensiero alle elementari,
      ricordiamo tutti il monotono celo celo celo
      celo celo, interrotto improvvisamente
      dall'esclamazione Mi manca!
      • Anonimo scrive:
        Re: Celo Celo...
        Bravo! :-)Anch'io ho pensato subito a Elio.Cmq è un modo di dire prettamente milanese, ma che si usi lo so anch'io che sono romano. Togliessero 'sta "svista" che non fanno una bellissima figura (oltretutto rischia di restare in prima pagina fino a dopo le feste).
        • Anonimo scrive:
          Re: Celo Celo...
          - Scritto da: Anonimo
          Bravo! :)
          Anch'io ho pensato subito a Elio.
          Cmq è un modo di dire prettamente
          milanese, ma che si usi lo so anch'io che
          sono romano.
          Togliessero 'sta "svista" che non fanno una
          bellissima figura (oltretutto rischia di
          restare in prima pagina fino a dopo le
          feste).
          Un conto e' dire celo un conto e' scriverlo (ce l'ho)
          • sandcreek scrive:
            Re: Celo Celo...

            Un conto e' dire celo un conto e' scriverlo
            (ce l'ho)Sono d'accordo con te (ho appena scritto la stessa cosa su un altro thread)
          • Anonimo scrive:
            Re: Celo Celo...
            - Scritto da: sandcreek

            Un conto e' dire celo un conto e'
            scriverlo

            (ce l'ho)

            Sono d'accordo con te (ho appena scritto la
            stessa cosa su un altro thread)Io no piu' che altro perche' uno non dice celo (che come e' scritto si legge cèlo) ma dice al massimo celò con l'accento sulla O. Insomma la Gazzetta toppa in ogni caso ;)
          • Attila Xihar scrive:
            Re: Celo Celo...
            - Scritto da: Anonimo
            Io no piu' che altro perche' uno non dice
            celo (che come e' scritto si legge
            cèlo) ma dice al massimo celò
            con l'accento sulla O. Insomma la Gazzetta
            toppa in ogni caso ;)Falso.Almeno nella mia zona (Milano Citta' Studi) e alla mia epoca (primi '80) si diceva proprio cèlo. Visto che occorreva ripeterlo varie volte, si utilizzava questa forma contratta e scorrettissima, ma molto efficace, che evidentemente e' rimasta anche nella memoria dei redattori della Gazza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Celo Celo...
          - Scritto da: Anonimo
          Cmq è un modo di dire prettamente
          milanese, ma che si usi lo so anch'io che
          sono romano. Si usava anche in Sardegna.
          • Anonimo scrive:
            Re: Celo Celo...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Cmq è un modo di dire prettamente

            milanese, ma che si usi lo so anch'io
            che

            sono romano.

            Si usava anche in Sardegna.Anche a Venessia si usava ma devo dare ragione ai professorini: era celò mimanca celò
  • Anonimo scrive:
    celo vs ce l'ho
    Personalmente ritengo sia voluto. Credo abbiano cercato di tradurre l'intonazione che si usava (credo ormai non si usi più) quando, sfogliando un grosso numero di figurine, si diceva "celo, celo, manca, celo, manca" e non "ce l'ho, ce l'ho, manca, ce l'ho, manca", più lungo da dire.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: celo vs ce l'ho
      - Scritto da: Anonimo
      Personalmente ritengo sia voluto. Credo
      abbiano cercato di tradurre l'intonazione
      che si usava (credo ormai non si usi
      più) quando, sfogliando un grosso
      numero di figurine, si diceva "celo, celo,
      manca, celo, manca" e non "ce l'ho, ce l'ho,
      manca, ce l'ho, manca", più lungo da
      dire.
      Ciaoce l'ho, al massimo celo' con l'accento sulla o ma CELO con il punto CELO. proprio non si puo' guardare ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: celo vs ce l'ho
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Personalmente ritengo sia voluto. Credo

        abbiano cercato di tradurre
        l'intonazione

        che si usava (credo ormai non si usi

        più) quando, sfogliando un grosso

        numero di figurine, si diceva "celo,
        celo,

        manca, celo, manca" e non "ce l'ho, ce
        l'ho,

        manca, ce l'ho, manca", più
        lungo da

        dire.

        Ciao

        ce l'ho, al massimo celo' con l'accento
        sulla o ma CELO con il punto CELO. proprio
        non si puo' guardare ;)e basta, se non hai capito o non hai mai giocato con le figurine non guardarlooooooo.Cos'e' eri uno di quelli che incollava solo i pacchetti di figu omaggio??? (adesso mi corregge "figu")BUON NATALE!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: celo vs ce l'ho

          e basta, se non hai capito o non hai mai
          giocato con le figurine non guardarlooooooo.
          Cos'e' eri uno di quelli che incollava solo
          i pacchetti di figu omaggio??? (adesso mi
          corregge "figu")guarda che ha ragione, potevano scrivere celo'
          • Anonimo scrive:
            Re: celo vs ce l'ho
            - Scritto da: Anonimo

            e basta, se non hai capito o non hai mai

            giocato con le figurine non
            guardarlooooooo.

            Cos'e' eri uno di quelli che incollava
            solo

            i pacchetti di figu omaggio??? (adesso
            mi

            corregge "figu")


            guarda che ha ragione, potevano scrivere
            celo'Avrebbero potuto anche scrivere cielo---- che l' ho(hasta la figurina siempre)----sono_in_possesso_di_codesta figurina----diaminehoanchequesta.........................ma sarebbe stato sbagliato, perche' hanno voluto fare una nota battuta che si riferisce al sistema di dizione usato dai ragazzini quanto verificano la loro intrinseca disponibilita di materiale incollabile ritraente personaggi del mondo calcistico, fumettistico, variistico ed eventualistico.Da questo si evince che hanno voluto riportarne la dizione popolare celo celo ......MANCAufff
          • DKDIB scrive:
            Re: celo vs ce l'ho
            Anonimo wrote:
            guarda che ha ragione, potevano scrivere celo'Senti: io le figurine non le ho mai collezionate, pero' i miei compagni si'. Ed 1 ke pronunciasse [celo'] non l'ho mai sentito in vita mia: dicevano tutti [celo] _senza_ accento."[...]Un'orecchia ando' al mercatoe mai piu' torno'.[...]"
          • Anonimo scrive:
            Re: celo vs ce l'ho

            "[...]
            Un'orecchia ando' al mercato
            e mai piu' torno'.
            [...]"Anch'io dicevo celo'
          • Anonimo scrive:
            Re: celo vs ce l'ho
            Nota bibliografica:"Anima Mini Tour"di Fabio Faziopag.34Capitolo"Cele celo,manca"dedicato al collezionismo di FIGU(vedi capitolo dedicato).8)
Chiudi i commenti