Kaguya, missione col botto

Dopo circa tre anni di rilevazioni il satellite dell'ente aerospaziale del Sol Levante si è schiantato sul suolo lunare. Tutto come previsto

Roma – Quello che passerà alla storia come il primo velivolo in orbita lunare dell’ente aerospaziale nipponico ha concluso come previsto la sua missione: Kaguya , questo il nome del velivolo, si è schiantato come da copione sulla superficie del satellite terrestre dopo aver raccolto dati per circa 3 anni. In attesa di analizzare quanto racimolato durante la sua missione, la Luna continua ad essere al centro delle mire degli studiosi, complice anche la ricorrenza del 40esimo anniversario dell’arrivo dell’uomo sul piccolo corpo celeste.

Lanciato in orbita nel 2007, il satellite lunare nipponico che prende nome da una leggendaria principessa venuta dalla Luna ha compiuto il suo silenzioso lavoro orbitando ad un centinaio di chilometri dalla superficie, raccogliendo dati utili a portare avanti le varie ricerche volte a decifrare la cosiddetta genesi lunare e la successiva evoluzione del corpo celeste. L’impatto al suolo è stato osservato anche dalla Terra, grazie al potente occhio dell’ Anglo Australian Telescope ( AAT ) che ha immortalato l’evento in una sequenza di scatti .

Una volta conclusa la missione, è tempo di analizzare i dati forniti dal satellite all’equipe di ricercatori alla guida del progetto: “Il prossimo passo consiste nell’analizzare la totalità dei numerosissimi dati forniti da Kaguya, che di sicuro saranno utili per facilitare il proseguire della scienza lunare” ha dichiarato Susumu Sasaki, a capo del progetto della JAXA , la Japan Aerospace Exploration Agency .

Mentre la ricerca continua, espandendo le proprie mire ad altri obiettivi ben più lontani, la Luna continua ad essere il simbolo della storia spaziale, che quest’anno festeggia il 40esimo anniversario dello sbarco umano sul piccolo satellite orbitante. L’entusiasmo intorno allo storico traguardo dell’umanità continua a generare interesse, al punto da spingere il New Scientist ad indire un contest che mette in palio un piccolo frammento lunare. Partecipare è semplice: basta trovare in non più di 75 caratteri (spazi inclusi) una frase alternativa a quella storica pronunciata da Neil Armstrong prima di metter piede sulla silente superficie argentata.

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vistabuntu.wordpress.com scrive:
    Ed a riprova
    Ed a riprova del fatto che qua di tecnici nemmeno l'ombra, ma solo troller e bimbetti, siamo in un argomento riguardante l'open MOLTO importante, e che quanti commenti? 26 col mio? http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2642584&m=2642738#p2642738Avevo detto meno di quaranta o sbaglio? :) bah....purtroppo non parlando di microsoft non si possono avere i 300 e soliti commenti del tipo "Microsoft e' il male" , W linux, windozzzzz schifo ecc...Ci avete provato col Dovella fasullo, non riconoscendo (o facendo finta din on riconoscere) un nick registrato ad un utente qualsiasi....siamo caduti in basso vedo (se mai si e' stati in alto come rigore tecnico in questo forum).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 giugno 2009 16.34-----------------------------------------------------------
  • mattomattom atto scrive:
    bho
    io solaris lo trovavo gia pesante su x86, non so quanto possa girare veloce su cpu per il segmento embedded come arm
    • nome e cognome scrive:
      Re: bho
      - Scritto da: mattomattom atto
      io solaris lo trovavo gia pesante su x86, non so
      quanto possa girare veloce su cpu per il segmento
      embedded come
      armIn effetti... se c'è un sistema operativo che non si associa alla "leggerezza" è proprio solaris.
    • Thescare scrive:
      Re: bho
      ARM ultimamente sta cercando di entrare nel mercato degli x86, vedi le prossime uscite di netbook arm. Non mi stupirei se uscissero dei server, magari entry level, con architettura ARM. In questo contesto Open Solaris ha una logica. Non dimentichiamo poi che Oracle ha annunciato la volontà di voler investire nel mercato consumerhttp://www.tuxjournal.net/?p=8261
    • Max scrive:
      Re: bho
      L'architettura ARM, in quanto RISC, è alternativa alla x86, che è MISC.Mi sembra dunque un non-sense dire che ARM stia cercando di entrare nel mercato dei x86... Semmai sta cercando di entrare in un mercato che fino ad ora è stato appannaggio dei x86...
  • thiudareiks scrive:
    Illuminatemi
    Secondo voi quale può essere l'utilità di OpenSolaris su proXXXXXri ARM? Installarmi un S.O. java-based sul telefonino? Oppure si può sperare in qualche utilizzo anche più sull'industriale? Grazie delle risposte!
    • nome cognome scrive:
      Re: Illuminatemi
      Quello che posso dirti è che OpenSolaris non è Java-based!
      • thiudareiks scrive:
        Re: Illuminatemi
        E' vero, ho detto una gran stupidaggine! Caspita, allora non capisco perché in un altro post si diceva che "Ubuntu non è la stessa cosa"...Ci sono sì delle differenze (Unix vs Linux in primis) ma non vedo ne altre così decisive! O anche qui mi sbaglio? Ciao a tutti
  • Thescare scrive:
    Curiosità
    Con l'acquisto di Sun da parte di Oracle, si sa nulla sulla sorte di OpenSolaris? Continuerà ad essere sponsorizzato dalla casa madre oppure lasciato esclusivamente alla comunità?
    • nome e cognome scrive:
      Re: Curiosità
      - Scritto da: Thescare
      Con l'acquisto di Sun da parte di Oracle, si sa
      nulla sulla sorte di OpenSolaris? Continuerà ad
      essere sponsorizzato dalla casa madre oppure
      lasciato esclusivamente alla
      comunità?O mollano Oracle linux o mollano Opensolaris... buttare soldi per entrambe mi sembra un pò eccessivo anche per un'azienda come Oracle. Se dovessi scommettere su chi muore direi opensolaris.
      • Alex scrive:
        Re: Curiosità
        ma perchè blaterate a caso?
        • vistabuntu.wordpress.com scrive:
          Re: Curiosità
          - Scritto da: Alex
          ma perchè blaterate a caso?perche' tecnici qua non ne esistono, e non potendo sfogarsi in flame windows-linux o solaris vs ubuntu allora sparano razzate.
  • Dovella scrive:
    No Win7 no party.
    Inutile ARM non vedrà mai il sucXXXXX, non ha il supporto per Win7, potrà soltanto elemosinare su sistemi che non usa nessuno come Ubuntu e Opensolaris.
    • nome e cognome scrive:
      Re: No Win7 no party.
      - Scritto da: Dovella
      Inutile ARM non vedrà mai il sucXXXXX, non ha il
      supporto per Win7, potrà soltanto elemosinare su
      sistemi che non usa nessuno come Ubuntu e
      Opensolaris.Quanta ignoranza, arm (che è un'architettura, non un chip) ha già sucXXXXX, lo trovi in duemila tipi diversi di sistemi embedded, dal palmare, al navigatore, al telefono, alla FPGA come softcore...
      • LostHeaven scrive:
        Re: No Win7 no party.
        Proprio oggi ho smontato il mio telefono cordless perchè non funzionava, ed indovina che proXXXXXre ho trovato? Un ARM...
        • technofolle scrive:
          Re: No Win7 no party.
          stessa cosa se smonti l'hard disk, la pendrive, il router adsl e tanta tanta ma davvero tanta altra robasi stima che arm rappresenti il 75% del mercato dei microproXXXXXri, nel senso che per ogni procio intel/amd/ecc... ci sono 3 arm in circolazione
    • nome cognome scrive:
      Re: No Win7 no party.
      Ahaha! Magari è Win7 che non supporta ARM, non viceversa! ARM è un'architettura hardware che esiste da diversi anni, quindi è il software che dovrebbe adattarcisi, tant'è che non è stata ARM a fare un proXXXXXre che supportasse OpenSolaris, ma i programmatori di quest'ultimo che hanno fatto il porting!
    • mattomattom atto scrive:
      Re: No Win7 no party.
      - Scritto da: Dovella
      Inutile ARM non vedrà mai il sucXXXXX, non ha il
      supporto per Win7, potrà soltanto elemosinare su
      sistemi che non usa nessuno come Ubuntu e
      Opensolaris.ehm, non vorrei dirtelo ma arm e' molto piu' diffuso di x86, cosi' come il SO piu' diffuso e' tron non windows; fattene una ragione ;)
      • Frank scrive:
        Re: No Win7 no party.
        si vabè... lascia stare Dovella... scrive senza dare aria al cervello.in ogni caso, la trovo una cosa interessante il supporto ad arm
      • nome e cognome scrive:
        Re: No Win7 no party.

        ehm, non vorrei dirtelo ma arm e' molto piu'
        diffuso di x86, cosi' come il SO piu' diffuso e'
        tron non windows; fattene una ragione
        ;)Stai leggendo questo post da un sistema ARM equipaggiato con tron?
        • vistabuntu.wordpress.com scrive:
          Re: No Win7 no party.
          ma il cervello lo usate ogni tanto o lo avete come opzional? la capite la differenza tra un utente registrato ed un guest?secondo voi questo e' il vero dovella, o un trolletto che spara due caxxate e poi si diverte a leggere i vostri reply?....e dovevamo vincere la guerra...
          • Alvaro Vitali scrive:
            Re: No Win7 no party.
            vistabuntu.wordpress.com, come mai PI ha bloccato il tuo post (E vediamo) ma non quello del vero o falso Dovella?
          • vistabuntu.wordpress.com scrive:
            Re: No Win7 no party.
            - Scritto da: Alvaro Vitali
            vistabuntu.wordpress.com, come mai PI ha bloccato
            il tuo post (E vediamo) ma non quello del vero o
            falso
            Dovella?Forse perche' alla redazione piace il flame facile? (che siano quelli della redazione a copiare il nick di dovella? :) ).
  • vistabuntu.wordpress.com scrive:
    E vediamo
    E vediamo qua gli esperti di open source quanti commenti faranno (visto che di Microsoft in questo articolo neanche l'ombra)....scommetto che restera' con al massimo un 40 commenti (sempre che vada bene), visto che i flame non sono possibili.
    • Maurizio scrive:
      Re: E vediamo
      - Scritto da: vistabuntu.wordpress.com
      E vediamo qua gli esperti di open source quanti
      commenti faranno (visto che di Microsoft in
      questo articolo neanche l'ombra)....scommetto che
      restera' con al massimo un 40 commenti (sempre
      che vada bene), visto che i flame non sono
      possibili.Come no, si comincera' a dire:a che serve OpenSolaris quando c'e' Ubuntu ecc ecc... e via con cagate mondiali del genere.
      • pippo scrive:
        Re: E vediamo

        Come no, si comincera' a dire:

        a che serve OpenSolaris quando c'e' Ubuntu ecc
        ecc... e via con cagate mondiali del
        genere.Se proprio ci tieni...Spiegami a cosa servirebbe, visto che non riescono a farlo adottare nemmeno sugli x86...
    • pabloski scrive:
      Re: E vediamo
      nemmeno i troll pro windows scherzanobasta guardare quest'articolo di ieri http://punto-informatico.it/2641353/PI/News/microsoft-sgancia-31-patch.aspx o quest'altro http://punto-informatico.it/2641244/PI/News/google-apps-dichiara-guerra-microsoft.aspxdove trollvella si è sbizzarrito almeno con 5 nick diversi
    • G F scrive:
      Re: E vediamo
      - Scritto da: vistabuntu.wordpress.com
      E vediamo qua gli esperti di open source quanti
      commenti faranno (visto che di Microsoft in
      questo articolo neanche l'ombra)....scommetto che
      restera' con al massimo un 40 commenti (sempre
      che vada bene), visto che i flame non sono
      possibili.E invece i flame sono possibilissimi anche in questo caso: guarda il commento di Dovella.
  • belze scrive:
    ottima notizia
    tralasciando che il resto del web già lo sapeva da diverse ore, queasta è una ottima notizia!non vedo l'ora di poter mettere una distro di opensolaris su mid/umpc o quello che volete voi! l'altro sogno è che il mercato sia 33% kernel opensolaris 33% BSD 33% linux...da favola...
Chiudi i commenti